Isla Sorna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isla Sorna
Islas Jurassic Park.jpg
Mappa che identificherebbe la posizione di Isla Sorna e Isla Nublar
Tipoisola
Creazione
SagaJurassic Park
IdeatoreMichael Crichton
Caratteristiche immaginarie
AbitantiFilm

Personale della InGen (precedentemente)
Dinosauri clonati artificialmente
Libro

Attualmente nessuno

Isla Sorna è un'isola immaginaria che funge da ambientazione al romanzo Il mondo perduto di Michael Crichton e ai film derivati Il mondo perduto - Jurassic Park (1997) e Jurassic Park III (2001). Viene citata in Jurassic World - Il regno distrutto (2018) ma non vengono date informazioni aggiuntive sul suo stato attuale.

Le sequenze dei film ambientati su isola Sorna vennero girate principalmente nel Redwood National Park in California, Kauai, Molokai entrambe isole dell'arcipelago delle Hawaii.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Isla Sorna si trova nell'arcipelago vulcanico de Las Cinco Muertes (“Delle cinque morti” in spagnolo), un gruppo di piccole isole, al largo della Costa Rica, che prendono il nome da una antica leggenda dei nativi, che include anche Isla Matanceros, Isla Muerta, Isla Tacaño, Isla Pena e molti altri isolotti più piccoli. Isla Sorna è il luogo in cui la InGen, società di ingegneria biomedica, ha compiuto i suoi esperimenti sui dinosauri.

Poco dopo l'incidente nel parco di Isla Nublar (più piccola di Isla Sorna), l'uragano Clarissa distrugge le strutture della InGen a Isla Sorna; il personale viene evacuato e i dinosauri liberati. Da quel momento, questi ultimi rimangono liberi di cacciare e riprodursi in natura.

Sull'isola si sviluppano spiagge sabbiose, scogliere frastagliate, fiumi impetuosi, laghi e canali che si dirigono verso il mare. Le grandi onde che si abbattono sulla scogliera formano inoltre numerose grotte marine.

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

La vegetazione arborea dell'isola è costituita in prevalenza da alberi tropicali come palmizi, felci giganti, liane e da grandissime conifere quali il pino e l'abete.

Oltre alle creature preistoriche, data l'abbondanza di vegetazione e la varietà di habitat presenti sull'isola, è presente anche una fauna autoctona, distrattamente mostrata nei film.

In diversi passaggi si possono sentire i versi di diversi uccelli e in alcune scene anche vedere che si alzano in volo dagli alberi quando spaventati da dinosauri di grossa taglia.

In una scena del film Il mondo perduto - Jurassic Park compare un esemplare di Lampropeltis triangulum. Durante una fuga dal Tyrannosaurus rex, il Dott. Robert Burke, precedentemente messosi al riparo sotto una cascata, si rende conto che il serpente si è infilato nella sua camicia, e spaventatosi esce dalla zona sicura finendo per essere divorato. Data la posizione riferita dell'isola, e dato l'areale di distribuzione di questa specie, è corretto supporre che questo serpente avrebbe potuto trovarsi lì.

Creature preistoriche presenti sull'isola[modifica | modifica wikitesto]

Novel canon[modifica | modifica wikitesto]

The Lost World.[modifica | modifica wikitesto]

Movie canon[modifica | modifica wikitesto]

The Lost World: Jurassic Park, Jurassic Park 3.[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emanuel Tschopp, Octávio Mateus e Roger B.J. Benson, A specimen-level phylogenetic analysis and taxonomic revision of Diplodocidae (Dinosauria, Sauropoda), in PeerJ, vol. 3, 7 aprile 2015, pp. e857, DOI:10.7717/peerj.857. URL consultato il 10 giugno 2019.
  2. ^ (EN) Tom R. Hübner e Oliver W. M. Rauhut, A juvenile skull of Dysalotosaurus lettowvorbecki (Ornithischia: Iguanodontia), and implications for cranial ontogeny, phylogeny, and taxonomy in ornithopod dinosaurs: DYSALOTOSAURUS SKULL ONTOGENY, in Zoological Journal of the Linnean Society, vol. 160, nº 2, 16 agosto 2010, pp. 366–396, DOI:10.1111/j.1096-3642.2010.00620.x. URL consultato l'8 giugno 2019..
  3. ^ McDonald AT, Kirkland JI, DeBlieux DD, Madsen SK, Cavin J, New Basal Iguanodonts from the Cedar Mountain Formation of Utah and the Evolution of Thumb-Spiked Dinosaurs, in Andrew Allen Farke (a cura di), in PLoS ONE, vol. 5, nº 11, 2010, pp. e14075, DOI:10.1371/journal.pone.0014075, PMC 2989904, PMID 21124919.
  4. ^ Elsaesser, Thomas, 1943-, Studying contemporary American film : a guide to movie analysis, Arnold, 2002, ISBN 1417531746, OCLC 56431665. URL consultato il 10 giugno 2019.
  5. ^ a b (EN) Susannah Catherine Rose Maidment, Charlotte Brassey e Paul Michael Barrett, The Postcranial Skeleton of an Exceptionally Complete Individual of the Plated Dinosaur Stegosaurus stenops (Dinosauria: Thyreophora) from the Upper Jurassic Morrison Formation of Wyoming, U.S.A., in PLOS ONE, vol. 10, nº 10, 14 ottobre 2015, pp. e0138352, DOI:10.1371/journal.pone.0138352. URL consultato l'8 giugno 2019..
  6. ^ a b Dodson, Peter., The horned dinosaurs : a natural history, Princeton University Press, 1996, ISBN 0691028826, OCLC 34114820. URL consultato il 10 giugno 2019.
  7. ^ a b Paul, Gregory S., Predatory dinosaurs of the world : a complete illustrated guide, Simon and Schuster, 1988, ISBN 0671619462, OCLC 18350868. URL consultato il 10 giugno 2019.
  8. ^ a b Crichton, Michael, 1942-2008., Jurassic Park : a novel, Knopf, 1990, ISBN 0394588169, OCLC 22511027. URL consultato il 10 giugno 2019.
  9. ^ a b c Weishampel, David B., 1952-, Dodson, Peter. e Osmólska, Halszka., The dinosauria, 2nd ed, University of California Press, 2004, ISBN 9780520941434, OCLC 801843269. URL consultato il 10 giugno 2019.
  10. ^ a b Paul, Gregory S., Dinosaurs of the air : the evolution and loss of flight in dinosaurs and birds, Johns Hopkins University Press, 2002, ISBN 9780801867637, OCLC 45743292. URL consultato il 10 giugno 2019.
  11. ^ a b (EN) Pascal Godefroit, Philip J. Currie e Li Hong, [432:ANSOVD2.0.CO;2 A new species of Velociraptor (Dinosauria: Dromaeosauridae) from the Upper Cretaceous of northern China], in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 28, nº 2, 12 giugno 2008, pp. 432–438, DOI:10.1671/0272-4634(2008)28[432:ANSOVD]2.0.CO;2. URL consultato l'8 giugno 2019..
  12. ^ Berry, Mark F., The dinosaur filmography, McFarland, 2002, ISBN 0786410280, OCLC 49805465. URL consultato il 12 giugno 2019.
  13. ^ S. W. Evers, O. W. M. Rauhut, A. C. Milner, B. McFeeters e R. Allain, A reappraisal of the morphology and systematic position of the theropod dinosaur Sigilmassasaurus from the "middle" Cretaceous of Morocco, in PeerJ, vol. 3, 2015, pp. e1323, DOI:10.7717/peerj.1323, PMC 4614847, PMID 26500829..

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]