Jurassic Park III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jurassic Park III
Jurassic Park 3.JPG
Lo Spinosauro e il Tirannosauro in una scena del film
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2001
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere azione, fantascienza, avventura, fantastico
Regia Joe Johnston
Soggetto basato sui personaggi creati da Michael Crichton
Sceneggiatura Peter Buchman, Alexander Payne, Jim Taylor
Produttore Kathleen Kennedy, Larry Franco
Produttore esecutivo Steven Spielberg
Fotografia Shelly Johnson
Montaggio Robert Dalva
Effetti speciali Industrial Light & Magic, Stan Winston Studio, Graphic Nature, Matte World Digital
Musiche Don Davis, John Williams (Temi originali)
Scenografia Ed Verreaux
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Jurassic Park III è un film del 2001 diretto da Joe Johnston, terzo capitolo della serie sui dinosauri iniziata con Jurassic Park e proseguita con Il mondo perduto - Jurassic Park, entrambi tratti dai romanzi di Michael Crichton.

Il film è diretto da Joe Johnston, che sostituisce Spielberg alla regia. Johnston fu in trattative per dirigere il secondo capitolo della saga, Il mondo perduto, il quale fu poi diretto da Steven Spielberg. Nel 2000, il regista si avvicinò agli studios per dirigere il terzo episodio. Spielberg divenne produttore, lasciando il comando a Johnston che iniziò a lavorare al progetto. Le fasi di produzione si avviarono prima della fine dello script, pensato da David Koepp, il quale prevedeva una missione di salvataggio a Isla Sorna.

Alla sua uscita nelle sale il 18 luglio 2001, il film ha incassato negli Stati Uniti circa 181 milioni di dollari, mentre è arrivato alla cifra di $368,780,806 nel resto del mondo. Benché l'incasso sia riuscito a superare il budget di produzione, la critica lo ha giudicato superficiale e con una trama priva di spessore, e ne è stato contestato il regista Joe Johnston[1]. Il film ha ricevuto durante l'edizione dei Razzie Awards 2001 una nomination come Peggior remake o sequel.

Nel 2009 il progetto per un quarto capitolo del franchise sembrava essere stato definitivamente abbandonato, ma nel 2013 è stato confermato il nuovo film: Jurassic World diretto da Colin Trevorrow, uscito nelle sale l'11 giugno 2015.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« Nessuna forza, né in cielo né in terra, potrà trascinarmi su quell'isola »
(Alan Grant rispondendo a una domanda della conferenza)

Sono passati circa 4 anni dalle vicende relative al disastro di San Diego. L'opinione pubblica è ormai a conoscenza dell'esistenza, in tempi moderni, di dinosauri, ottenuti tramite clonazione, su Isla Sorna, ma il fallimento delle precedenti spedizioni ha fatto sì che l'isola restasse protetta e isolata.

Il paleontologo Alan Grant (ancora molto amico ma non più fidanzato con Ellie Sattler, sposatasi con il marine Mark, da cui ha avuto il piccolo figlio Charlie), scampato al disastro del Jurassic Park, continua a lavorare alla ricerca di fossili con l'aiuto di un giovane allievo, Billy Brennan, ma i fondi per le loro ricerche sono sempre più scarsi. Tra gli ultimi macchinari da loro acquistati ce n'è uno in grado di effettuare la scansione di un fossile e di scolpirne una riproduzione tridimensionale, e come esempio Billy crea la cassa di risonanza di un Velociraptor, specie che Grant ha scoperto avere abilità comunicative ed organizzative estremamente evolute, usate per coordinare gli attacchi disorientando le prede, e a causa di questa spiccata intelligenza è ragionevole pensare che i Velociraptor sarebbero potuti diventare la specie dominante sulla Terra in luogo dell'uomo, se non si fossero estinti a causa di sconvolgimenti naturali.

A un certo punto i due ricevono una proposta da parte dei ricchi coniugi Paul e Amanda Kirby, che chiedono loro di sorvolare l'isola in quello che descrivono come un "viaggio aereo amatoriale", con la promessa di finanziare l'attività di ricerca del paleontologo. Grant nutre seri dubbi su questo viaggio, a causa del divieto di sorvolare l'isola e di atterrarvi, ma Billy lo spinge ad accettare in virtù del lauto pagamento offerto dai Kirby.

Giunti all'isola, insieme a tre "mercenari" ingaggiati dai Kirby, l'aereo atterra nonostante la tempestiva disapprovazione di Grant, che, nel tentativo di impedire l'atterraggio, prende un colpo alla testa e perde temporaneamente i sensi (e quando si risveglia l'aereo è già atterrato). I mercenari si addentrano nella foresta e uno di loro, Cooper, spera di imbattersi in un tirannosauro. Gli altri due mercenari, Udesky e Nash, all'improvviso, escono terrorizzati dalla foresta, lasciando Cooper da solo. Il gruppo tenta di risalire sull'aereo e di decollare, ma davanti al velivolo si mette Cooper, spaventato a morte, che però in pochi attimi viene smembrato dal dinosauro che aveva creato quel trambusto, uno Spinosauro. L'aereo precipita e viene distrutto dal predatore, che cattura e divora anche Nash. Il gruppo riesce a seminare lo Spinosauro, ma nella fuga si imbattono in un affamato T. Rex, che li costringe a scappare verso lo Spinosauro. I due dinosauri si scontrano e lo Spinosauro ne uscirà vincitore, sfruttando i suoi arti anteriori più lunghi per spezzare il collo al suo rivale. La battaglia tra i due dinosauri permette al gruppo di fuggire indisturbato verso l'interno dell'isola. Grant scopre che il vero motivo che ha spinto i Kirby, che in realtà sono divorziati e non hanno una così grande ricchezza (sono proprietari di un negozio di vernici), motivo per cui non sarebbero stati in grado di onorare gli impegni assunti, a voler raggiungere Isla Sorna è la ricerca del loro figlio dodicenne Eric, precipitato sull'isola otto settimane prima insieme a Ben Hildebrand, il nuovo fidanzato di Amanda, facendo parapendio nei pressi dell'isola (la scena era stata mostrata all'inizio del film), di cui non si erano avute più notizie; i due erano convinti che Grant fosse già stato su quell'isola, quando invece era stato su Isla Nublar. Impossibilitato a ripartire, il gruppo è costretto a mettersi in marcia verso il centro ricerche della InGen, ora abbandonato, per tentare un contatto radio con la terraferma. Giunti lì, rischiano di diventare preda di un gruppo di Velociraptor, che li attaccano nel laboratorio e li costringono a dividersi: Billy e i Kirby riescono a salvarsi su un albero, mentre Udesky, il terzo mercenario, viene trafitto da un artiglio di un raptor e successivamente gli viene spezzato il collo. Dopo aver teso una trappola ai tre, i raptor si riuniscono al branco, risparmiando il corpo di Udesky. Poco dopo il gruppo sembra essere finalmente al sicuro, ma si accorgono che Alan è sparito. Il dottor Grant infatti non riesce a scappare e viene accerchiato da tre raptor affamati, e proprio quando per lui sembra giunta la fine una nebbia oleosa, generatasi da alcune granate a gas, fa scappare i dinosauri. Grant viene trascinato da una strana figura umana fino a un piccolo rifugio posto dentro la cisterna di un camion abbandonato: si tratta proprio di Eric Kirby, che insieme a Grant s'incammina verso il fiume, per discenderne il corso e raggiungere la costa.

Dopo che Eric ed Alan si sono riuniti quasi casualmente al resto del gruppo, vengono nuovamente attaccati dallo Spinosaurus, al quale sfuggono rifugiandosi in un edificio. Qui Grant scopre che il suo allievo, Billy, ha rubato delle uova da un nido di raptor, con l'intento di venderle per ricavare il denaro necessario per finanziare altri importanti scavi nel Montana, e comprende che è per questo che i dinosauri continuano ad attaccarli. Inoltrandosi nell'edificio, si ritrovano all'interno della gabbia degli pteranodonti. Eric viene catturato e scaraventato lontano da un rettile volante, mentre Amanda, Paul ed Alan cercano una via per raggiungere la riva del fiume. Billy, allora, decide di salvare Eric dal nido in cui era stato fatto cadere dal grosso pteranodonte come cibo per i suoi piccoli. Billy porta Eric ed il resto del gruppo sulla riva del fiume, ma viene assalito e trascinato via dagli esseri volanti, che intendono divorarlo. Il resto del gruppo tenta di lasciare Isla Sorna con una zattera a motore, ancorata in riva al fiume, e durante il viaggio passano accanto ad un branco di Brachiosauri. Durante il cammino riescono a recuperare il telefono satellitare che Paul aveva dato a Nash prima che questi venisse ucciso, ritrovandolo nelle feci dello Spinosauro (tale telefono continuava a squillare anche dentro la pancia del dinosauro, ed era grazie al suo suono che erano stati allertati dell'arrivo del dinosauro), nelle quali ritrovano anche gli occhiali e le ossa di Nash. Subito dopo il gruppo si ritrova davanti ad un Ceratosauro, il quale li fiuta e, schifato, se ne va, sentendo l'odore delle feci dello Spinosauro.

Scesa la sera, vengono nuovamente attaccati dallo Spinosauro, che affonda la zattera. Grant riesce a chiamare col telefono satellitare la sua vecchia amica Ellie e la supplica di aiutarli, poco prima che il fiume si chiuda sopra di loro. Paul cerca di distrarre il dinosauro allontanando la sua attenzione dal gruppo, mentre Alan spara un razzo in direzione del dinosauro, che incendia il carburante della zattera galleggiante sull'acqua: il fuoco fa fuggire l'animale, ma Paul cade nel fuoco insieme alla gru sulla quale si era arrampicato. Amanda ed Eric piangono disperatamente, credendolo morto, ma Paul è vivo e vegeto e riabbraccia la sua famiglia, così il gruppo riesce a fuggire. Il mattino seguente il gruppo si riposa. Dopo che Paul ha spiegato alla sua famiglia quanto gli manca la pesca, il gruppo sente dei rumori di elicotteri e navi e così il decide di raggiungere la costa. Sulla costa vengono nuovamente bloccati dai raptor, che li hanno seguiti perché vogliono le loro uova. Alan spiega ad Amanda che i raptor credono che lei abbia le uova. Una volta riavute le uova, i raptor vengono allontanati da Alan, che usa la camera di risonanza scolpita al computer per produrre il verso dei raptor stessi e simulare una richiesta di aiuto da parte di un altro raptor.

Andati via i raptor, il gruppo viene soccorso dai marine, mandati dalla dottoressa Sattler, i quali hanno tratto in salvo anche Billy. Durante il ritorno a casa, il gruppo scorge degli Pteranodonti che stanno emigrando, e Grant dice che sarà un mondo tutto nuovo per loro. Il gruppo quindi torna a casa, contento di essere sopravvissuto.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Isla Sorna appare leggermente diversa da come era ne Il mondo perduto poiché il precedente film fu girato alle Hawaii, questo invece fu girato in uno studio e il regista voleva che la giungla sembrasse più "vecchia" e "marcia" degli altri film, più selvaggia. Nel film avrebbe dovuto esserci anche Jeff Goldblum nei panni di Ian Malcolm, ma pochi giorni prima delle riprese l'attore si ruppe una gamba. Il regista Joe Johnston era stato in trattative anche per dirigere il secondo capitolo della saga, Il mondo perduto, il quale fu poi diretto da Steven Spielberg. Nella pellicola, lo spinosauro inghiotte un telefono satellitare, episodio che ricorda la sveglia inghiottita dal coccodrillo in Peter Pan.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Michael Crichton pensò inizialmente di scrivere una sceneggiatura basata sulla storia di uno studente universitario che riesce a ricreare dei dinosauri. Abbandonata questa idea continuò a pensare di unire il fascino che provava verso i dinosauri assieme alla clonazione e fu così che iniziò a scrivere il romanzo Jurassic Park. Dopo il successo del secondo film, i produttori, in accordo con Spielberg e lo stesso Crichton, decisero di continuare il franchise.

Proposero a Joe Johnston, che si avvicinò nuovamente alla casa di produzione, di girare il terzo capitolo della serie di Jurassic Park. Spielberg divenne produttore, lasciando il comando a Johnston che iniziò a lavorare al progetto.

La fase di pre-produzione iniziò 30 agosto del 2000, senza uno script finito, con riprese confermate in California, Oahu e Molokai. Per rendere il film molto simile ai racconti di Crichton, Johnson inserì alcune scene scartate da Spielberg nei primi due film. Il regista preferì inoltre cambiare l'antagonista, preferendo lo Spinosaurus al T-Rex per rendere il film molto più originale rispetto ai due film di Spielberg (scelta che però venne presto contestata da molti fan dei primi due film).

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Prima del titolo attuale, il film ha avuto numerosi titoli di lavorazione, tra cui Jurassic Park: Extinction e Jurassic Park: Breakout.[2] La prima stesura della sceneggiatura prevedeva Grant indaffarato a indagare su alcune uccisioni di pterodattili. La sceneggiatura, sebbene alquanto originale, fu subito bocciata. Dopo cinque settimane, dopo aver assunto gli sceneggiatori Peter Buchman, Alexander Payne e Jim Taylor, confermò l'idea di una missione di salvataggio che avrebbe visto protagonisti Alan Grant e altri nuovi personaggi. Questa stesura venne in mente allo sceneggiatore dei primi due episodi, ovvero David Koepp. A sceneggiatura ultimata i produttori contattarono Sam e Jeff per interpretare Alan Grant e Ian Malcolm. Il salvataggio alla fine del film prende ispirazione dal romanzo Jurassic Park di Crichton, dove i superstiti di Isla Nublar vengono salvati dall'esercito della Costa Rica.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Jurassic Park.
Sam Neill (Dott. Grant)
  • Sam Neill è il Prof. Alan Grant: un paleontologo impegnato nel ritrovamento di resti fossili di un Velociraptor in un calanco in Montana. Dopo alcuni anni dall'incidente del parco, Grant riceve la proposta, da parte dei ricchi coniugi Paul e Amanda Kirby, di tornare sull'isola, in quello che descrivono come un "viaggio aereo amatoriale". Grazie all'intervento del giovane scienziato Billy Brennan i due ingaggiano Grant, sebbene egli nutra seri dubbi a causa del divieto di sorvolare l'isola.
William H. Macy è Paul Kirby
  • William H. Macy è Paul Kirby: Paul è una padre preoccupato per la sorte del suo unico figlio Eric. Si finge un uomo ricco e di grande importanza per convincere Grant a raggiungere l'isola per trovare suo figlio. In molte occasioni proteggerà la sua famiglia dall'assalto dei dinosauri dell'isola.
  • Téa Leoni è Amanda Kirby: una madre premurosa che non si lascia intimorire dai dinosauri che abitano l'Isla Sorna. Vuole trovare il suo unico figlio Eric, scomparso circa otto settimane prima del suo arrivo nell'isola in Costa Rica.
  • Alessandro Nivola è Billy Brennan: giovane assistente di Grant. Dopo aver rubato le uova da un nido di Raptor, con l'intento di finanziare altri importanti scavi nel Montana, salva Eric da alcuni Pteranodonti, finendo per essere catturato da questi mostri. Miracolosamente riesce anche lui a salvarsi e a fuggire dall'isola.
  • Trevor Morgan è Eric Kirby: rimasto bloccato a Isla Sorna per otto settimane, salva il Dottor Grant dall'attacco dei raptor.
Laura Dern (Ellie Sattler).
Tèa Leoni è Amanda Kirby
  • Michael Jeter è Udesky: uno dei mercenari ingaggiati dagli ex-coniugi Kirby per trovare il figlio Eric. Nel film è l'ultimo dei tre mercenari a morire. Fugge dall'aereo, insieme al gruppo formato da Alan, Billy e i coniugi Kirby, ma finisce per essere trafitto da un artiglio di raptor e ucciso in seguito allo scontro con i raptor. Viene utilizzato anche come esca dai raptor per attirare gli altri membri del gruppo.
  • Bruce A. Young è M.B. Nash: uno dei mercenari ingaggiati dagli ex-coniugi Kirby per trovare il figlio Eric. Nash è il pilota dell'aereo dei Kirby. Finisce per essere divorato dallo Spinosauro.
  • John Diehl è Cooper: uno dei mercenari ingaggiati dagli ex-coniugi Kirby per trovare il figlio Eric. Nel film è il primo dei tre mercenari a morire. Cooper viene divorato dallo Spinosauro, poco dopo l'atterraggio.
  • Laura Dern è la Prof.ssa Ellie Sattler: una paleobotanica nonché studentessa laureata del dottor Grant. Dopo l'esperienza al Jurassic Park ha messo su famiglia e si è sposato con un marine dell'esercito degli Stati Uniti. Ancora molto amica di Alan, riceve la sua chiamata d'aiuto e manda uno squadrone di marine in aiuto dell'amico.

Effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Per la terza volta fu la Industrial Light & Magic a realizzare gli effetti speciali; per la realizzazione dei Velociraptor, in particolare, decise di seguire alcune nuove teorie paleontologiche sul loro aspetto fisico.

I dinosauri e pterosauri protagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Nel film appaiono due tipi di raptor: il maschio è blu scuro-seppia con una cresta di piume dietro il capo (novità nella serie) mentre la femmina è grigia maculata di nero; gli occhi, nei primi due film della trilogia, sono a taglio, come nei serpenti, mentre nel terzo capitolo sono a pupille circolari, simili a quelle di un rapace. Nel film viene per la prima volta dato adito alle nuove teorie sull'aspetto fisico dei Velociraptor. In questo capitolo della saga appaiono nuovi dinosauri, per altro inesistenti nei romanzi: l'Ankylosaurus, il Ceratosaurus, il Corythosaurus e lo Spinosaurus. Tuttavia, come specificato dallo stesso professor Grant, lo Spinosaurus non era presente nella lista del Jurassic Park, ciò da ad intendere che la InGen stesse sviluppando altri progetti in segreto.

Ecco i dinosauri e pterosauri presenti nel film:

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Jurassic Park III ha ricevuto un'accoglienza tiepida da parte di critica e fan. Rotten Tomatoes dà al film un 50% sulla base di 162 recensioni. Inoltre sul sito viene detto: "Jurassic Park III è più scuro e più veloce rispetto ai suoi predecessori, ma questo non compensa il continuo declino creativo del franchise." Su Metacritic il voto è di 42 su 100 recensioni.

Owen Gleiberman, scrittore per Entertainment Weekly, ha elogiato i precedenti film di Jurassic Park ma per quanto riguarda il terzo capitolo, ha dichiarato che si tratta solo di un giro in un parco tematico per bambini e che inoltre, si è perso il tocco di magia che aveva dato Spielberg ai primi due film. La rivista Empire ha dato alla pellicola 3 stelle su 5, così come Mymovies.

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Per l'uscita di Jurassic Park III, sono stati annunciati anche una serie di videogiochi. Il 29 giugno 2001 è uscito Jurassic Park III: Danger Zone! per PC (sviluppato in concomitanza con Jurassic Park III: Dino Defender), il 20 settembre Jurassic Park III: The DNA Factor per Game Boy Advance e nel marzo 2003 Jurassic Park: Operation Genesis per PS2, PC e xbox (in cui sono presenti molti dinosauri già comparsi in Jurassic Park III).

Merchandising[modifica | modifica wikitesto]

La Hasbro ha rilasciato una linea di action figure nella primavera del 2001, in concomitanza con l'uscita della pellicola, tra cui i dinosauri protagonisti (con la novità spinosauro) gli esseri umani, e dei veicoli. Le figures, sono state ridimensionate dagli originali action figures precedenti al terzo capitolo.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Jurassic World.

Nel 2009 il progetto del quarto capitolo del franchise sembrava essere stato definitivamente abbandonato[3], ma dopo varie trattative nel 2013 è stato confermato alla regia del quarto film Colin Trevorrow, che collaborerà con Derek Connolly nella scrittura del film.

Nel settembre 2013 la Universal Pictures ha annunciato ufficialmente il titolo del quarto episodio di Jurassic Park, dal nome Jurassic World, uscito nei cinema italiani l'11 giugno e in tutto il mondo il 12 giugno 2015.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jurassic Park III ∂ Fantascienza.com
  2. ^ Jurassic Park III (DVD). 2001
  3. ^ il progetto per Jurassic Park IV è fermo dopo la morte di Chrichton.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN181278828 · LCCN: (ENno2001068331 · GND: (DE4675285-7