Deinonychus antirrhopus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Deinonychus
Stato di conservazione: Fossile
FMNH Deinonychus white background.JPG

Deinonychus-scale.png
Deinonychus antirrhopus; sotto, dimensioni rispetto all'uomo

Intervallo geologico
cretaceo inferiore
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Tetanurae
Famiglia Dromaeosauridae
Genere Deinonychus
Specie D. antirrhopus
Nomenclatura binomiale
Deinonychus antirrhopus
John Ostrom, 1969
Sinonimi

Velociraptor antirrhopus Paul, 1988

Il deinonico (Deinonychus OSTROM, 1969) è un genere di dinosauro coelurosauride dromaeosauride che comprende una sola specie ritrovata, Deinonychus antirrhopus. Questa specie, che poteva raggiungere 3,4 metri di lunghezza, visse durante il Cretacico inferiore circa 115-108 milioni di anni fa (dall'Aptiano medio fino al Albiano inferiore). I suoi resti sono stati ritrovati negli stati americani di Montana, Wyoming, e Oklahoma, nelle rocce della Formazione di Clovery e la Formazione d'Antlers. Ciononostante, denti che potrebbero appartenere al deinonico sono stati trovati più a est in varie zone di Maryland.

Studi condotti sul deinonico dal paleontologo John Ostrom nei tardi anni 60 rivoluzionarono il modo in cui gli scienziati percepirono i dinosauri, così innescando il cosiddetto "rinascimento dei dinosauri" e un dibattito sulla possibilità che questi fossero endotermici (a sangue caldo). Prima, i dinosauri furono popolarmente raffigurati come grossi rettili goffi. Ostrom notò che, contrariamente a questa immagine, il deinonico ha un corpo piccolo, una postura orizzontale, una spina dorsale simile a quella d'un uccello paleognato, e degli artigli ricurvi sui piedi, così implicando che l'animale fosse un predatore agile e attivo.[1]

Il suo nome, che significa "artiglio terribile", si riferisce all'enorme artiglio ricurvo presente sul secondo dito della zampa posteriore. Siccome gli artigli degli arcosauri moderni (uccelli e coccodrilli) sono allungati da una copertura di ceratina, Ostrom estimò che, in vita, l'artiglio del deinonico potesse raggiungere i 120 mm di lunghezza.[1] Il nome della specie antirrhopus significa "contro bilancio", in riferimento all'ipotesi di Ostrom riguardo la funzione della coda. Come gli altri dromaeosauridi, le vertebre della coda possedevano una serie di tendini ossificati e apofisi allungati. Inizialmente, questo condusse all'idea che la coda fosse un contro bilancio rigido, ma un esemplare dell' imparentato Velociraptor mongoliensis (IGM 100/986) possiede una coda ricurvata lateralmente in una forma S. Ciò indica che, nello stato vivente, la coda potesse curvarsi flessuosamente ai lati.[2]

In entrambi le formazioni di Cloverly e d'Antlers, i denti del deinonico sono stati ritrovati in vicinanza o associati a resti fossili di l'ornitopode Tenontosaurus, così indicando che il deinonico lo cacciava, o si nutriva delle sue carcasse.

I "Velociraptor" di Jurassic Park e il suo film omonimo furono modellati su Deinonychus.[3][4]

Anatomia[modifica | modifica wikitesto]

Crani di Deinonychus (alto) e Velociraptor (basso). Si nota la taglia e robustezza superiore nel primo.

Sulla base di alcuni esemplari,[5] il deinonico potesse raggiungere 3,4 metri di lungezza, con un cranio lungo 41 mm, un'altezza al dorso di 0.87 metri, e un peso di 73 chili (ma certi esperti propongono un peso di 100 chili).[6][7] Il cranio era fornito da mandibole possenti con circa settanta denti aguzzi. Le prime ricostruzioni del cranio (basate su resti incompleti) assomigliavano a quello di Allosaurus, ma resti più completi scoperti dopo mostrarono che il palato era più spazioso di quanto ritenuto prima, così indicando che il muso era più stretto, mentre gli zigomi sporgevano notevolmente, indicando visione stereoscopica.[8] Sia il cranio che la mandibola inferiore possedevano aperture che riducevano il peso del cranio. Nel deinonico, la finestra antorbitale (l'apertura tra gli occhi e le narici) era notevolmente grande.[8] Simile a Dromaeosaurus, il cranio del deinonico era più robusto di quello di Velociraptor, e possedeva un osso nasale più elevato.[9]

Il deinonico possedeva delle grandi zampe anteriori forniti di tre artigli. Il primo dito era il più corto, e il secondo era il più lungo. Ogni zampa posteriore era fornita d'un artiglio ricurvo sul secondo dito, che può darsi fosse utilizzato durante la predazione.[10]

Malgrado non ci siano stati ritrovati impressioni della pelle di Deinonychus, ci sono prove che i dromaeosauridi, incluso il deinonico, fossero pennuti.[11] Il genere Microraptor è più antico e più primitivo filogeneticamente del deinonico, e fa parte della stessa famiglia.[12] Molti fossili di Microraptor mostrano la presenza di piumaggio simile a quello degli uccelli moderni sulle braccia, le gambe, e la coda.[11] Velociraptor è un genere meno antico del deinonico, ma è più imparentato ad esso che Microraptor, e almeno un esemplare mostra la presenza di papille ossee sull' ulna compatibili con l’attaccatura del calamo delle penne remiganti.[13]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Diagramma che mostra Deinonychus (evidenziato in verde) e altri due dromaeosauridi (Utahraptor in giallo e Velociraptor in blu) in confronto a un essere umano. Ogni sezione della griglia rappresenta un metro quadrato.

Deinonychus antirrhopus rappresenta uno delle specie di dromaeosauridi più studiati,[14] ed è un parente stretto di Velociraptor, che si trova nei sedimenti più recenti del Cretacico superiore nell' Asia Centrale.[15][16] Insieme, formano il clade Velociraptorinae. Il nome sottofamigliare Velociraptorinae fu prima usato da Rinchen Barsbold nel 1983[17] per contenere solamente Velociraptor. Dopo, Phil Currie incluse in esso la maggior parte dei dromaeosauridi conosciuti. [18] Due generi del Cretacico superiore, Tsaagan di Mongolia[15] e Saurornitholestes del nordamerica[6] potrebbero anch'essi essere parenti, ma l'ultima dimostra difficoltà nell' essere classificato.[15] Si ritiene che Velociraptor e i suoi alleati usassero soprattutto gli artigli nella caccia invece che i denti, al contrario di dromaeosauridi come Dromaeosaurus, che sono forniti di crani più robusti.[19] Insieme ai troodontidi, i dromaeosauridi formano il clade Deinonychosauria, che rappresenta un taxon sorella di Aves. Filogeneticamente, Deinonychosauria rappresenta il gruppo di dinosauri non-aviani più imparento con gli uccelli.[20]

Questo cladogramma mostra la posizione filogenetica di Deinonychus entro Eudromaeosauria, basandosi sulle analisi di Evans et al. nel 2013.[21]

Eudromaeosauria

Bambiraptor feinbergi


Saurornitholestes langstoni



Atrociraptor marshalli


Deinonychus antirrhopus



Dromaeosaurinae

Achillobator giganticus


Balaur bondoc


Dromaeosaurus albertensis


Utahraptor ostrommaysorum



Velociraptorinae

IGN 100/23


Acheroraptor temertyorum


Velociraptor mongoliensis


Adasaurus mongoliensis


Tsaagan mangas


Velociraptor osmolskae










Scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Piedi dell' olotipo YPM 5205

I resti fossilizzati di Deinonychus sono stati ricuperati dalla Formazione Cloverly di Montana e Wyoming,[1] e nella Formazione d'Antlers d'Oklahoma,[22] nel Nordamerica. La Formazione Cloverly risale al tardo Aptiano fino al Albiano superiore del Cretacico inferiore, circa 115-108 milioni di anni fa.[23][24] Può darsi che dei denti scoperti nella Fromazione Arundel di Maryland possano essere attribuiti al genere.[25]

I primi resti furono scoperti nel 1931 nel Montana meridionale presso Billings. Il capo della squadra paleontologica, Barnum Brown, si stava concentrando sulla ricerca dei resti del ornitopode Tenontosaurus, ma il suo rapporto scritto al American Museum of Natural History incluse un cenno a un piccolo dinosauro carnivoro vicino al Tenontosaurus, ma trovò difficile conservarlo.[26] Nominò l'esemplare Daptosaurus agilis, e intendeva publicarne una descrizione e restaurarle lo scheletro (esemplare AMNH 3015), ma non riuscì.[27]

Poco più di trent'anni dopo, nell' agosto del 1964, il paleontologo John Ostrom condusse una spedizione dal Peabody Museum di Yale University, che scoprì ulteriori resti presso Bridger. Delle spedizioni nei due anni seguenti ritrovarano più di mille ossa, tra di essi tre individui. Siccome fu quasi impossibile chiarificare l'associazione tra le ossa e determinare il numero di animali individui, l'olotipo YPM 5205 di Deinonychus fu ristretto al piede sinistro intatto e il piede destro parziale che furono determinato d'essere provenienti dallo stesso individuo.[10]

Studi ulteriori condotti da Ostrom e Grant E. Meyer rivelarono che il "Daptosaurus" di Brown e il Deinonychus facevano parte dello stesso genere. Ostrom pubblicò i suoi ritrovamenti nel febbraio 1969, nominando i resti Deinonychus antirrhopus. Il nome specifico, antirrhopus, deriva dal greco ἀντίρροπος (contro bilancia), in riferimento alla probabile funzione della coda rigida.[28] Cinque mesi dopo, Ostrom pubblicò una monografia dettagliata sull' animale.[10]

Malgrado la scoperta di tante ossa nel 1969, molti pezzi rimanevano misteriosi. Le scoperte contenevano pochi materiali postorbitali, vertebre incomplete, e niente femori, sacri, forcule (altrimenti note come ossa dei desideri), e sterni. La ricostruzione scheletrica di Deinonychus fatta da Ostrom incluse un pube piatto e trapezoidale molto diverso da quello degli altri teropodi, ma che mostrava la stessa lungezza dell' ischio.[10]

Ulteriori scoperte[modifica | modifica wikitesto]

Le similarità fra le arti anteriori di Deinonychus (sinistra) e quelli di Archaeopteryx (destra) condussero John Ostrom a risuscitare il legame fra i dinosauri e gli uccelli.

Nel 1974, Ostrom pubblicò un'altra monografia sulla spalla di Deinonychus, in cui si rese conto che il "pube" della sua prima ricostruzione fu in realtà un osso coracoide.[29] Quello stesso anno, un altro esemplare di Deinonychus (MCZ 4371) fu scoperto in Montana da Steven Orzack durante una spedizione di Harvard University. L'esemplare includeva vari elementi nuovi, inclusi femori, pubi, sacri, un ilio meglio conservato, e alcuni pezzi dei piedi e i metatarsi. Ostrom modificò la sua ricostruzione, incorporando una pube più lunga, che Ostrom notò era retroverso come quella degli uccelli.[30]

Nel 2000, furono esaminati delle ossa isolate e frammenti di ossa tenuti in deposito nell' American Museum. Le esaminazioni rivelarono una caratteristica sorvolata; delle ossa lunghe e snelle, prima identificate come tendini ossificati della coda, si rivelarono d'essere in realtà delle gastralia. Ancora più notevole fu la scoperta di frammenti di uova nella vicinanza dell' esemplare originale di Deinonychus.[31]

Un resoconto successivo identificò i frammenti di uovo come quelli di Deinonychus, così rappresentando le prime uova di dromaeosauride positivamente identificate.[26] Inoltre, fu notato che i frammenti erano in contatto con le gastralia, così suggerendo che Deinonychus incubava le uova e che fosse endotermico come gli uccelli attuali.[32] Un ulteriore studio rivelò che l'individuo avesse 13-14 anni al momento di morte, e che avesse concluso il suo ciclo di crescità.[33]

Implicazioni[modifica | modifica wikitesto]

La descrizione di Ostrom di Deinonychus nel 1969 è stato lodato come la scoperta più importante della paleontologia dei dinosauri del ventesimo secolo.[34] La scoperta di questo predatore attivo e agile cambiò le perspettive scientifiche e popolari riguardo l'immagine dei dinosauri, e innesco un dibattito sulla possibilità che i dinosauri fossero a sangue caldo. Questo sviluppo è stato nominato il cosiddetto "Dinosaur Renaissance". Qualche anno dopo, Ostrom notò delle assomiglianze tra le arti anteriori di Deinonychus e quelli degli uccelli, un'osservazione che lo condusse a risuscitare l'ipotesi che gli uccelli sono discesi dai dinosauri.[35] Quaranta anni dopo, questa idea è accettata quasi universalmente.

A causa della sua anatomia molto simile a quella degli uccelli, e la sua stretta parentela con gli altri dromaeosauridi, i paleontologi ipotizzano che Deinonychus fosse ricoperto di piume.[36][37][38] Prove inequivocabili di piume moderne esistono per vari dromaeosauridi imparentati con Deinonychus, inclusi Velociraptor e Microraptor, anche se tali prove non sono ancora state scoperte per Deinonychus.[11][13] Durante gli studi su soggetti come la motricità delle braccia, i paleontologi come Phil Senter tengono in mente la presenza probabile delle penne.[39]

Paleobiologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamenti di caccia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni studiosi ritengono che Deinonychus usasse gli artigli posteriori per stringere le prede mentre le mangiava, come oggi fanno i rapaci, come questo gheppio americano

I denti di Deinonychus sono stati scoperti in gran numero pressi i fossili del ornitopode Tenontosaurus nella Formazione Cloverly. Due cave sono state scoperte contenendo fossili quasi completi di Deinonychus vicino i fossili di Tenontosaurus. Il primo, la cava di Yale in Montana, contiene molti denti e i fossili di quattro Deinonychus adulti e uno giovane. La vicinanza tra questi esemplari al Tenontosaurus suggerisce la possibilità che i Deinonychus stessero divorando l'animale, potendo averlo persino abbattuto. Ostrom e Maxwell ipotizzarono che questa scoperta indicava che Deinonychus visse e cacciasse in branchi.[40] La seconda cava proviene dalla Formazione d'Antlers nell'Oklahoma. Il sito contiene sei scheletri parziali di Tenontosaurus, incluso un esemplare presso un numero elevato di denti di Deinonychus. Le impronte dei denti di Deinonychus furono scoperti sull' omero d'uno degli scheletri di Tenontosaurus. Siccome il peso corporeo di Deinonychus fosse solo 70-100 chili, è improbabile che un esemplare solitario potesse avere la meglio contro un Tenontosaurus di 1-4 tonnellate, così rendendo la possibilità di caccia in gruppo più probabile.[22]

Uno studio del 2007 da Roach e Brinkman ha messo in discussione la questione della caccia in gruppo nel Deinonychus, basandosi sul comportamento di carnivori moderni e la tafonomia dei siti contenendo Tenontosaurus. Gli arcosauri moderni (uccelli e coccodrilli) e i draghi di Komodo non cacciano cooperativamente. Sono invece cacciatori solitari o necrofagi. Nel secondo scenario, conflitti tra animali della stessa specie sono comuni. Un buon esempio riguarda i draghi di Komodo; nelle situazioni dove essi consumano una carcassa insieme, gli esemplari più grossi mangiano per primi, e attaccano i più piccoli che si avvicinano troppo. Se un esemplare piccolo viene ucciso, viene cannibalizzato. Quando questa informazione viene applicata ai ritrovamenti nei siti dei Tenontosaurus, sembra che siano consistenti con un comportamento di stile coccodrillo o drago di Komodo da parte di Deinonychus. I resti di Deinonychus scoperti in queste zone vengono da esemplari giovani, con pezzi mancanti consistenti con il cannibalismo da parte da esemplari adulti.[41] Dall'altra parte, sono state descritte delle impronte di multipli Deinonychus parallele e con misure di distanza di passo identiche, così indicando comportamenti cooperativi.[42]

Piede (MOR 747) in flessione.

Nel 2011, Denver Fowler e i suoi colleghi suggerirono un nuovo metodo in cui Deinonychus e gli altri dromaeosauridi avrebbero catturato le prede.[43] Questo modello, nominato il modello di "Contenimento della Preda da parte dei Rapaci" ("raptor prey restraint" o RPR), propone che Deinonychus uccidesse le sue prede in un modo simile agli uccelli rapaci accipitridi; Deinonychus avrebbe saltato sopra la preda, trattenendola col suo peso corporeo e aggrappandosi strettamente ad essa con gli artigli ricurvi. Come gli accipitridi, il dromaeosauride avrebbe cominciato a nutrirsi mentre la preda fosse ancora viva, fino a che non moriva dissanguata. Questo modello è basato principalmente sulla morfologia e le proporzioni dei piedi dei dromaeosauridi, che sono paragonabili a quelli dei rapaci. Fowler notò che le gambe e i piedi della maggior parte dei dromaeosauridi sono molto simili a quelli delle aquile e gli sparvieri, soprattutto quando viene preso in considerazione il secondo artiglio ingrandito e la manovrabilità delle dita. Il metatarso corto e la forza d'impugnatura delle dita però erano più simili a quelli dei gufi. Il metodo RPR sarebbe anche consistente con altri aspetti anatomici di Deinonychus, come la morfologia delle mandibole e le braccia. È possibile che le braccia fossero ricoperte da penne lunghe utilizzate, insieme alla coda rigida, per bilanciare il predatore mentre ristringeva la preda. Le sue mandibole, che si ritiene fossero relativamente deboli,[44] potrebbero essere state utilizzate in un movimento a sega come fa il moderno varano di Komodo.[45]

Forza del morso[modifica | modifica wikitesto]

Cranio

Stime sulla forza del morso di Deinonychus furono elaborate nel 2005, basate sulla muscolatura mandibolare ricostruita. Questo studio concluse che Deinonychus avesse probabilmente un morso pari a circa il 15% della forza di quello dell'alligatore americano.[44] Uno studio condotto cinque anni dopo stimo' nuovamente la forza del morso tramite l'osservazione diretta di impronte dei denti sulle ossa d'un esemplare di Tenontosaurus. Queste impronte venivano da un esemplare grande, e fornivano le prime prove che il morso dei Deinonychus adulti potesse penetrare le ossa. Sulla base di queste impronte, fu concluso che la forza del morso fosse superiore di ciò che si er valutato precedentemente, con una stima di 4.100-8.200 newton, superando la forza di qualsiasi mammifero carnivoro moderno, incluso la iena, e paragonabile a un alligatore di taglia simile.[46] Gli studiosi coinvolti in questo studio notarono però che le impronte dei denti di Deinonychus sono relativamente rare in confronto a quelli di teropodi ossifragi come Tyrannosaurus, così conducendo alla probabilità che Deinonychus non consumava le ossa abitualmente, invece usando il suo morso formidabile per difesa o per catturare le prede.[46]

Funzione delle arti[modifica | modifica wikitesto]

Posteriori[modifica | modifica wikitesto]
Postura d'arrampicamento.

Malgrado l'artiglio sia la caratteristica di Deinonychus, la sua forma varia tra gli esemplari. L'esemplare descritto da Ostrom nel 1969 possiede un artiglio molto ricurvo, mentre un esemplare del 1976 aveva un artiglio meno ricurvo simile agli altri artigli del piede.[30] Ostrom suppose che queste differenze potrebbero essere dovute all'età o al sesso degli animali.

Ci sono prove anatomiche[1] e delle impronte[47] che dimostrano che l'artiglio fosse tenuto in una posizione eretta mentre il dinosauro camminava sulle terze e quarte dita.

Ostrom suggerì che Deinonychus potesse calciare con l'artiglio per lacerare le prede.[1] Alcuni ricercatori hanno persino suggerito che l'artiglio potesse sventrare i grandi ceratopsidi.[48] Altri studi suggeriscono che gli artigli fossero usati per pugnalare le prede.[49] Manning et al. (2005) costruirono una replica robotica della zampa posteriore dei dromaeosauridi con rostri idraulici che lo permettevano di sferrare colpi su una carcassa di maiale. I test dimostrarono che gli artigli potevano solo forare la carne invece di tagliarla. Gli autori dello studio suggerirono che gli artigli fossero più efficaci come strumenti di arrampicamento invece che di caccia.[50]

Ostrom paragonò Deinonychus allo struzzo e al casuario. Notò che entrambi gli uccelli possono infliggere ferite gravi con l'artiglio ingrandito del secondo dito.[1] Il casuario possiede artigli che misurano 125 mm di lungezza.[51] Ostrom citò Gilliard (1958) nel descrivere come i calci sferrati da questi uccelli possono smembrare o sventrare un uomo.[52]

Kofron (1999 e 2003) studiò 241 attacchi documentati da parte dei casuari, e scoprì che un umano e due cani furono uccisi, ma non trovò prove di smembramento o sventramento.[53][54] La seriema possiede anch'essa un secondo artiglio ingrandito, che usa per smembrare piccole prede prima di nutrirsene.[55] Uno studio del 2011 suggerì che gli artigli sarebbero stati usati per restringere le prede invece di smembrarle.[43]

Anteriori[modifica | modifica wikitesto]
Mano di MOR 747
Ricostruzione scheletrica di Deinonychus usando gli arti anteriori per aggrappare un giovane Tenontosaurus.

Nel 2002, degli studi biomeccanici condotti da Ken Carpenter confermarono che la funzione più probabile delle arti anteriori nell'atto di predazione fosse di aggrappare le prede. L'osso coracoide massiccio e allungato, chiaramente dotato di muscoli possenti in vita, rafforza questa interpretazione.[56] Gli stessi studi biomeccanici indicano che Deinonychus non poteva piegare le braccia al corpo come gli uccelli.

Gli studi condotti da Phil Senter nel 2006 indicarono che Deinonychus potesse usare le braccia non solamente per aggrappare, ma per trasportare oggetti presso il petto. Se Deinonychus avesse dita pennute, le penne avrebbero limitato leggermente i movimenti delle braccia. Per esempio, quando Deinonychus stendeva il braccio in avanti, la mano ruotava in una posizione con il palmo in su. Ciò avrebbe causato una delle ali a bloccare l'altra se entrambi le braccia fossero estese allo stesso tempo. Questo condusse all'ipotesi che Deinonychus potesse tenere oggetti al petto con solo un braccio alla volta. La presenza di penne avrebbe anche limitato il movimento delle dita; per esempio, solo il terzo dito della mano avrebbe potuto essere usato per esplorare le fessure per piccole prede, e solo in una posizione perpendicolare al braccio.[39] Alan Gishlick, in uno studio del 2001 sulla biomeccanica delle braccia di Deinonychus, scoprì che la presenza di penne non avrebbe ostacolato la capacità dell' animale nel aggrappare gli oggetti. L'aggrappamento sarebbe stata compiuta in una posizione perpendicolare all'ala, e gli oggetti sarebbero stati tenuti in entrambi la mano in una posizione "d'abbraccio". Questi ritrovamenti furono confermati dopo con gli studi di Carpenter e Senter.[57]

Parsons e Parsons hanno dimostrato che gli esemplari giovani di Deinonychus dimostrano differenze morfologiche dagli adulti. Per esempio, le braccia degli esemplari giovani sono relativamente più lunghe di quelle degli adulti, suggerendo così comportamenti diversi.[58] Riguarda gli artigli del piede. Parsons e Parsons hanno suggerito che la curvatura degli artigli fosse più pronunciata negli esemplari giovani, così permettendo loro di arrampicarsi sugli alberi prima di sostenere una vita puramente terrestre d'adulti.[59] Ciò sull'ipotesi che certi dromaeosauridi piccoli usassero gli artigli dei piedi per arrampicarsi.[50]

Velocità[modifica | modifica wikitesto]

I dromaeosauridi, soprattutto Deinonychus, sono spesso raffigurati nella cultura popolare come animali molto veloci. Ostrom stesso ipotizzò nella sua descrizione originale che Deinonychus fosse un animale specialmente svelto.[10] Tuttavia, l'esemplare originale non aveva le gambe intatte, e le stime di Ostrom riguardo la lungezza del femore furono dopo dimostrato d'essere sovrastime. In uno studio seguente, Ostrom notò che il rapporto del femore alla tibia non è così rillevante nel detterminare la velocità dell' animale quanto il rapporto tra la lungezza della tibia e il piede. In uccelli corridori moderni come gli struzzi, la relazione fra il piede e la tibia è .95. In dinosauri analogi, come Struthiomimus, la relazione è .68, ma in Deinonychus è solo .48. Ostrom dichiarò che l'unica conclusione logica fosse che Deinonychus non fosse eccezionalmente veloce in confronto ad altri dinosauri, e certamente non più veloci degli uccelli corridori moderni.[30]

La cortezza del piede in relazione alla tibia è dovuto in parte ai metatarsi tozzi, che sono infatti più lunghi negli esemplari giovani. Ostrom suggerì che i metatarsi corti fossero colleghati con la funzione dell' artiglio, basandosi sul fatto che si accorciano con gli anni. Interpretò queste caratteristiche come appoggio per la teoria che le zampe posteriori fossero usate come armi. Suggerì che il metatarso corto riduceva la tensione sulla tibia durante gli attacchi, e interpretò inoltretutto che l'attaccatura muscolare insolita dell' animale dimostrasse che durante un attacco, Deinonychus ussasse muscoli diversi da quelli per camminare.[30]

In uno studio sulle tracce di dinosauri nel Canada, Richard Kool stimò la velocità di cammino di un possibile Deinonychus a 10.1 km/h.[60]

Uova[modifica | modifica wikitesto]

L'identificazione nel 2000 d'un probabile uovo di Deinonychus presso gli esemplari originali permise il confronto con gli altri teropodi riguardo la struttura, cura e produzione delle uova. Nel 2006, Grellet-Tinner e Makovicky esaminarono la possibilità che le uova fossero consumati dall' Deinonychus, o che si trovavano presso l'animale per pura coincidenza. Il primo scenario fu screditato quando si notò che i frammenti del guscio si trovavano tra le costole ventrali e le zampe anteriori invece che nella regione dello stomaco. Inoltre, le fratture sul guscio furono dimostrate d'essere inflitte durante la fossilizazione. L'idea che era solo coincidenza che le uova e l'esemplare di Deinonychus fossero vicini fu anch'essa dimostrata falsa, siccome le ossa che circondavano le uova erano quasi intatte e non cosparse. I due studiosi conclusero che il Deinonychus stesse covando le uova prima d'essere sepolto, così mostrando che avesse comportamenti materni simili a quelli dedotti per i troodontidi e gli oviraptoridi, o che le uova fossero ancora nell' ovidotto quando l'animale morì.[26]

L'esame della microstruttura dell'uovo di Deinonychus conferma che apparteneva a un teropode, siccome condivide caratteristiche con quelle d'altri teropodi, e dimostra differenze da quelle degli ornitischi e degli sauropodi. In confronto alle uova d'altri maniraptori, il uovo di Deinonychus assomiglia più a quello dei oviraptoridi che ai troodontidi, malgrado l'ultimo gruppo sia più imparentato ai dromaeosauridi. Malgrado l'uovo fosse troppo frantumato per determinare la sua grandezza in vita, Grellet-Tinner e Makovicky stimarono che avesse un diametro di 7 cm sulla base della larghezza del canale pelvico della madre. Ciò dimostra che le uova di Deinonychus erano paragonabili in grandezza con quelli del oviraptoride Citipati.[26]

Paleoecologia[modifica | modifica wikitesto]

Prove geologiche suggeriscono che Deinonychus abitasse zone di golena e palude.[14] L'ambiente della Formazione Cloverly e d'Antlers, dove i resti di Deinonychus sono stati scoperti, consisteva in foreste tropicali, delta fluviali, e lagune, simili al Louisiana moderna.[61][62] Tra gli animali vissuti contemporaneamente ai Deinonychus vi erano i dinosauri erbivori come Sauropelta e gli ornitopodi Zephyrosaurus e Tenontosaurus. In Oklahoma, l'ecosistema di Deinonychus includeva il grande terapode Acrocanthosaurus, il sauropode gigantesco Sauroposeidon, il coccodrillo Goniopholis, e il pesce caimano Lepisosteus.[62] Se i denti scoperti in Maryland appartengono a Deinonychus, ciò significherebbe che fosse contemporaneo anche di Astrodon e del nodosauro Pricodon.[23]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

I "Velociraptor" di Jurassic Park e il suo film omonimo furono modellati su Deinonychus, che a quel tempo era stato temporaneamente rinominato Velociraptor antirrhopus da Gregory Scott Paul.[19] Sia nel romanzo che nel film, i resti di "Velociraptor" vengono trovati in Montana, dove viveva Deinonychus. Il vero Velociraptor infatti viveva nell' Asia centrale.[63] Nel film, la taglia e la forma del muso sono molto più caratteristici di Deinonychus che al Velociraptor vero.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f J. H. Ostrom, Stratigraphy and paleontology of the Cloverly Formation (Lower Cretaceous) of the Bighorn Basin area, Wyoming and Montana in Bulletin of the Peabody Museum of Natural History, vol. 35, 1970, pp. 1–234.
  2. ^ Mark A. Norell e Makovicky, Peter J., Important features of the dromaeosaurid skeleton II: information from newly collected specimens of Velociraptor mongoliensis in American Museum Novitates, vol. 3282, 1999, pp. 1–45.
  3. ^ a b Jody Duncan, The Winston Effect, London, Titan Books, 2006, pp. 175, ISBN 1-84576-365-3.
  4. ^ a b Robert T. Bakker, Raptor Red, New York, Bantam Books, 1995, pp. 4, ISBN 0-553-57561-9.
  5. ^ William L. Parsons e Kristen M. Parsons, Further descriptions of the osteology of Deinonychus antirrhopus (Saurischia, Theropoda) in Bulletin of the Buffalo Society of Natural Sciences, vol. 38, 2009.
  6. ^ a b G.S. Paul, Predatory Dinosaurs of the World, New York, Simon and Schuster, 1988, pp. 366–369, ISBN 0-671-61946-2.
  7. ^ Nicolas E. Campione, David C. Evans, Caleb M. Brown e Matthew T. Carrano, Body mass estimation in non-avian bipeds using a theoretical conversion to quadruped stylopodial proportions in Methods in Ecology and Evolution, vol. 5, nº 9, 2014.
  8. ^ a b W. D. Maxwell e L. M. Witmer, New Material of Deinonychus (Dinosauria, Theropoda) in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 16, nº 3, 1996, pp. 51A.
  9. ^ Lawrence M. Witmer e William D. Maxwell, The skull of Deinonychus (Dinosauria:Theropoda): New insights and implications in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 16, nº 3, 1996, pp. 73A.
  10. ^ a b c d e J. H. Ostrom, Osteology of Deinonychus antirrhopus, an unusual theropod from the Lower Cretaceous of Montana in Peabody Museum of Natural History Bulletin, vol. 30, 1969, pp. 1–165.
  11. ^ a b c X. Xu, Z. Zhou, X. Wang, X. Kuang, F. Zhang e X. Du, Four-winged dinosaurs from China in Nature, vol. 421, nº 6921, 2003, pp. 335–340, DOI:10.1038/nature01342, PMID 12540892.
  12. ^ S. H. Hwang, M. A. Norell, Q. Ji e K. Gao, New Specimens of Microraptor zhaoianus (Theropoda: Dromaeosauridae) from Northeastern China in American Museum Novitates, vol. 3381, 2002, pp. 44, DOI:10.1206/0003-0082(2002)381<0001:nsomzt>2.0.co;2.
  13. ^ a b A.H. Turner, Makovicky, P.J. e Norell, M.A., Feather quill knobs in the dinosaur Velociraptor in Science, vol. 317, nº 5845, 2007, pp. 1721, DOI:10.1126/science.1145076, PMID 17885130.
  14. ^ a b Norell, M.A., Makovicky, P.J., Dromaeosauridae in Weishampel, D.B., Dodson, P., Osmólska, H. (a cura di), The Dinosauria, 2nd, Berkeley, University of California Press, 2004, pp. 196–210, ISBN 0-520-24209-2.
  15. ^ a b c M.A. Norell, Clark, J.M., Turner, A.H., Makovicky, P.J., Barsbold, R. e Rowe, T., A new dromaeosaurid theropod from Ukhaa Tolgod (Ömnögov, Mongolia) (PDF) in American Museum Novitates, vol. 3545, 2006, pp. 1–51, DOI:10.1206/0003-0082(2006)3545[1:ANDTFU]2.0.CO;2. URL consultato il 7 luglio 2007.
  16. ^ A.S. Turner, Hwang, S.H. e Norell, M.A., A small derived theropod from Öösh, Early Cretaceous, Baykhangor Mongolia (PDF) in American Museum Novitates, vol. 3557, 2007, pp. 1–27, DOI:10.1206/0003-0082(2007)3557[1:ASDTFS]2.0.CO;2. URL consultato il 29 marzo 2007.
  17. ^ R. Barsbold, Carnivorous Dinosaurs from the Cretaceous of Mongolia in The Joint Soviet–Mongolian Palaeontological Expedition, Transactions, vol. 19, 1983, pp. 1–117.
  18. ^ P.J. Currie, New information on the anatomy and relationships of Dromaeosaurus albertensis (Dinosauria: Theropoda) in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 15, nº 3, 1995, pp. 576–591, DOI:10.1080/02724634.1995.10011250. (abstract)
  19. ^ a b G.S. Paul, Predatory dinosaurs of the world : a complete illustrated guide, New York, Simon and Schuster, 1988, pp. 358, ISBN 0-671-61946-2.
  20. ^ M.J. Benton, Vertebrate Palaeontology (Third Edition), Blackwell Publishing, 2004, pp. 472, ISBN 978-0-632-05637-8.
  21. ^ DOI: 10.1007/s00114-013-1107-5
  22. ^ a b D. L. Brinkman, R. L. Cifelli e N. J. Czaplewski, First occurrence of Deinonychus antirrhopus (Dinosauria: Theropoda) from the Antlers Formation (Lower Cretaceous: Aptian–Albian) of Oklahoma in Oklahoma Geological Survey Bulletin, vol. 146, 1998, pp. 1–27.
  23. ^ a b Z.-Q. Chen e S. Lubin, A fission track study of the terrigenous sedimentary sequences of the Morrison and Cloverly Formations in northeastern Bighorn Basin, Wyoming in The Mountain Geologist, vol. 34, 1997, pp. 51–62.
  24. ^ D. Burton, B.W. Greenhalgh, B.B. Britt, B.J. Kowallis, W.S. Elliott e R. Barrick, New radiometric ages from the Cedar Mountain Formation, Utah and the Cloverly Formation, Wyoming: implications for contained dinosaur faunas in Geological Society of America Abstracts with Programs, vol. 38, nº 7, 2006, p. 52.
  25. ^ T. R. Lipka, The Affinities of the Enigmatic Theropods of the Arundel Clay Facies (Aptian), Potomac Formation, Atlantic Coastal Plain of Maryland in Lucas, S.G., Kirkland, J.I. and Estep, J.W. (a cura di), Lower and Middle Cretaceous Terrestrial Ecosystems, New Mexico Museum of Natural History and Science Bulletin, 14, Albuquerque, New Mexico Museum of Natural History and Science, 1998, pp. 229–234, OCLC 40283894.
  26. ^ a b c d G. Grellet-Tinner e Makovicky, P., A possible egg of the dromaeosaur Deinonychus antirrhopus: phylogenetic and biological implications in Canadian Journal of Earth Sciences, vol. 43, nº 6, 2006, pp. 705–719, DOI:10.1139/E06-033.
  27. ^ M. A. Norell, Gaffney, E. S. e Dingus, L., Discovering Dinosaurs in the American Museum of Natural History, New York, Knopf, 1995, pp. 126–130, ISBN 0-679-43386-4.
  28. ^ Ostrom, J.H., 1969, "A new theropod dinosaur from the Lower Cretaceous of Montana", Postilla 128: 1–17
  29. ^ John H. Ostrom, The Pectoral Girdle and Forelimb Function of Deinonychus (Reptilia: Saurischia) : A Correction in Postilla, Peabody Museum of Natural History Bulletin, vol. 165, 1974, pp. 1–11.
  30. ^ a b c d J.H. Ostrom, On a new specimen of the Lower Cretaceous theropod dinosaur Deinonychus antirrhopus in Breviora, vol. 439, 1976, pp. 1–21.
  31. ^ P.J. Makovicky e Grellet-Tinner, G., Association between a specimen of Deinonychus antirrhopus and theropod eggshell in Bravo, A.M. and T. Reyes (a cura di), First international symposium on dinosaur eggs and babies,Isona i Conca Dellà Catalonia, Spain, 23–26 September 1999, 2000, pp. 123–128.
  32. ^ Gerard Grellet-Tinner, Oology And The Evolution Of Thermophysiology In Saurischian Dinosaurs: Homeotherm And Endotherm Deinonychosaurians? in Papeis Avulsos de Zoologia, vol. 46, nº 1, 2006, pp. 1–10, DOI:10.1590/S0031-10492006000100001. URL consultato il 7 luglio 2007.
  33. ^ Gregory M. Erickson, Curry Rogers, Kristina, Varricchio, David J., Norell, Mark A. e Xu, Xing, Growth patterns in brooding dinosaurs reveals the timing of sexual maturity in non-avian dinosaurs and genesis of the avian condition (PDF) in Biology Letters, vol. 3, nº 5, 2007, pp. 558–61, DOI:10.1098/rsbl.2007.0254, PMC 2396186, PMID 17638674. URL consultato il 26 luglio 2007.
  34. ^ Fastovsky, D.E., Weishampel, D.B., Theropoda I: Nature Red in Tooth and Claw in Fastovsky, D.E., Weishampel, D.B. (a cura di), The Evolution and Extinction of the Dinosaurs, 2nd, Cambridge, Cambridge University Press, 2005, pp. 265–299, ISBN 0-521-81172-4.
  35. ^ J. H. Ostrom, Archaeopteryx and the origin of birds in Biological Journal of the Linnean Society, vol. 8, nº 2, 1976, pp. 91–182, DOI:10.1111/j.1095-8312.1976.tb00244.x.
  36. ^ R.T. Bakker, The Dinosaur Heresies, Kensington Publishing, 1986, p. 310, ISBN 0-8065-2260-7.
  37. ^ Long, J.A.; Schouten, P., Deinonychus in Feathered Dinosaurs: The Origin of Birds, Oxford University Press, 2008, pp. 142–143, ISBN 0-19-537266-2.
  38. ^ Dougal Dixon, Fast Hunters in The Illustrated Encyclopedia of Dinosaurs, Lorenz Books, 2007, pp. 160–161, ISBN 0-7548-1573-0.
  39. ^ a b P. Senter, Comparison of Forelimb Function Between Deinonychus And Bambiraptor (Theropoda: Dromaeosauridae) in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 26, nº 4, 2006, pp. 897–906, DOI:10.1671/0272-4634(2006)26[897:COFFBD]2.0.CO;2.
  40. ^ W. D. Maxwell e Ostrom, J.H., Taphonomy and paleobiological implications of TenontosaurusDeinonychus associations in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 15, nº 4, 1995, pp. 707–712, DOI:10.1080/02724634.1995.10011256. (abstract)
  41. ^ B. T. Roach e D. L. Brinkman, A reevaluation of cooperative pack hunting and gregariousness in Deinonychus antirrhopus and other nonavian theropod dinosaurs in Bulletin of the Peabody Museum of Natural History, vol. 48, nº 1, 2007, pp. 103–138, DOI:10.3374/0079-032X(2007)48[103:AROCPH]2.0.CO;2.
  42. ^ Rihui Li, Martin G. Lockley, Peter J. Makovicky, Masaki Matsukawa, Mark A. Norell, Jerald D. Harris e Mingwei Liu, Behavioral and faunal implications of Early Cretaceous deinonychosaur trackways from China in Naturwissenschaften, vol. 95, nº 3, 2007, pp. 185–91, DOI:10.1007/s00114-007-0310-7, PMID 17952398.
  43. ^ a b Denver W. Fowler, The Predatory Ecology of Deinonychus and the Origin of Flapping in Birds, 14 dicembre 2011, DOI:10.1371/journal.pone.0028964.
  44. ^ a b Therrien, F., Henderson, D.M. and Huff, C.B. (2005). "Bite me: biomechanical models of theropod mandibles and implications for feeding behavior." pp. 179–237 in Carpenter, K. (ed.), The Carnivorous Dinosaurs. Indianapolis: Indiana University Press.
  45. ^ DOI: 10.1098/rspb.2010.0794
  46. ^ a b P.M. Gignac, P.J. Makovicky, G.M. Erickson e R.P. Walsh, A description of Deinonychus antirrhopus bite marks and estimates of bite force using tooth indentation simulations in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 30, nº 4, 2010, pp. 1169–1177, DOI:10.1080/02724634.2010.483535.
  47. ^ Rihui Li, Martin G. Lockley, Peter J. Makovicky, Masaki Matsukawa, Mark A. Norell, Jerald D. Harris e Mingwei Liu, Behavioral and faunal implications of deinonychosaur trackways from China in Naturwissenschaften, vol. 95, nº 3, 2007, pp. 185–91, DOI:10.1007/s00114-007-0310-7, PMID 17952398.
  48. ^ Adams, Dawn (1987) "The bigger they are, the harder they fall: Implications of ischial curvature in ceratopsian dinosaurs" pp. 1–6 in Currie, Philip J. and Koster, E. (eds) Fourth symposium on mesozoic terrestrial ecosystems. Tyrrell Museum, Drumheller, Canada
  49. ^ K. Carpenter, Evidence of predatory behavior by carnivorous dinosaurs in Gaia, vol. 15, 1998, pp. 135–144.
  50. ^ a b Phil L. Manning, David Payne, John Pennicott, Paul M. Barrett e Roland A. Ennos, Dinosaur killer claws or climbing crampons? in Biology Letters, vol. 2, nº 1, 2006, pp. 110–112, DOI:10.1098/rsbl.2005.0395, PMC 1617199, PMID 17148340.
  51. ^ S. J. J. F. Davies, Ratites and Tinamous, New York, Oxford University Press, 2002, ISBN 0-19-854996-2.
  52. ^ E. T. Gilliard, Living birds of the world, Garden City, NY, Doubleday, 1958.
  53. ^ Kofron, Chhristopher P. (1999) "Attacks to humans and domestic animals by the southern cassowary (Casuarius casuarius johnsonii) in Queensland, Australia
  54. ^ Christopher P. Kofron, Case histories of attacks by the southern cassowary in Queensland in Memoirs of the Queensland Museum, vol. 49, nº 1, 2003, pp. 335–338.
  55. ^ Kent H. Redford e Gustav Peters, Notes on the biology and song of the red-legged seriema (cariama cristata) in Journal of Field Ornithology, vol. 57, nº 4, pp. 261–269.
  56. ^ K. Carpenter, Forelimb biomechanics of nonavian theropod dinosaurs in predation in Senckenbergiana Lethaea, vol. 82, 2002, pp. 59–76, DOI:10.1007/BF03043773.
  57. ^ Gishlick, A.D., The function of the manus and forelimb of Deinonychus antirrhopus and its importance for the origin of avian flight in Gauthier, J. and Gall, L.F. (a cura di), New Perspectives on the Origin and Early Evolution of Birds, New Haven, Yale Peabody Museum, 2001, pp. 301–318.
  58. ^ W. Parsons e Parsons, K., Morphology and size of an adult specimen of Deinonychus antirrhopus, (Saurischia, Theropoda) in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 26, 3 sup., 2006, p. 109A.
  59. ^ W. L. Parsons e Parsons, K. M., Further descriptions of the osteology of Deinonychus antirrhopus (Saurischia, Theropoda) in Bulletin of the Buffalo Society of Natural Sciences, vol. 38, 2009, pp. 43–54.
  60. ^ R. Kool, The walking speed of dinosaurs from the Peace River Canyon, British Columbia, Canada in Canadian Journal of Earth Science, vol. 18, nº 4, 1981, pp. 823–825, DOI:10.1139/e81-077.
  61. ^ C. A. Forster, The paleoecology of the ornithopod dinosaur Tenontosaurus tilletti from the Cloverly Formation, Big Horn Basin of Wyoming and Montana in The Mosasaur, vol. 2, 1984, pp. 151–163.
  62. ^ a b M. J. Wedel e Cifelli, R. L., Sauroposeidon: Oklahoma's Native Giant (PDF) in Oklahoma Geology Notes, vol. 65, nº 2, 2005, pp. 40–57. URL consultato il 7 luglio 2007.
  63. ^ Michael Crichton, Jurassic Park, New York, Alfred A. Knopf, 1990, pp. 117, ISBN 0-394-58816-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]