Alan Grant (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alan Grant
Alan Grant JP.png
Alan Grant interpretato da Sam Neill nel film Jurassic Park
UniversoJurassic Park
Soprannome
  • Professor Grant
  • Dottor Grant
  • Signore dei dinosauri
1ª app.1990
1ª app. inJurassic Park
Ultima app. inJurassic Park III
Interpretato daSam Neill
Voce italianaStefano De Sando
SpecieUmana
SessoMaschio
Data di nascita1948-49

« Nessuna forza né in cielo né in terra, potrà trascinarmi su quell'isola. »

(Alan Grant nel terzo film)

Alan Grant è un personaggio di finzione e il protagonista del romanzo Jurassic Park, di Michael Crichton. È un rinomato paleontologo che viene invitato dal filantropo John Hammond nel suo parco di dinosauri chiamato Jurassic Park. Negli adattamenti cinematografici di Steven Spielberg e di Joe Johnston, il personaggio è interpretato dall'attore neozelandese Sam Neill e compare nel primo e nel terzo film.

Ispirazione[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio di Alan Grant è un ibrido tra tre maggiori esperti di paleontologia: Jack Horner, Robert R. Makela e Robert T. Bakker.[1][2][3] Grant, infatti, lavora in Montana come Horner ed ha una cattedra all'università di Denver proprio come Bakker. Crichton si ispirò molto a Bakker per creare l'aspetto e la personalità di Grant. I due sono simili sia nell'aspetto (l'aspetto trascurato, la barba lunga) che nel carattere (amano la vita all'aperto e si oppongono ai sistemi).[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il dott. Alan Grant è un personaggio chiave nel mondo di Jurassic Park. Quarantenne, è un rinomato esperto nel campo della paleontologia, specializzato nello studio dei dinosauri, velociraptor in modo particolare. Insegna la propria branca scientifica all'Università di Denver e ha al suo attivo numerose relazioni scientifiche sul metodo di scavo e le deduzioni dallo stato dei fossili. È vedovo da lungo tempo e collabora spesso con la dottoressa Ellie Sattler, sua giovane allieva appena laureatasi in scienze paleobotaniche.[4] Il dottor Grant, noto per il suo comportamento dimesso, che lo rende più simile a un comune lavoratore che a uno scienziato, è finanziato da tempo dal celebre John Hammond, un filantropo a capo della InGen, una misteriosa società di ingegneria genetica.[5]

Nell'agosto del 1989, viene contattato da Hammond, il quale gli propone un weekend a Isla Nublar, una piccola isola al largo della Costa Rica, insieme alla dottoressa Sattler, nella speranza che loro due avallino il progetto scientifico che sta portando avanti da diversi anni. Grant e la dottoressa Sattler accettano di partire e in cambio Hammond promette di finanziare i loro scavi per altri due anni.[6] Insieme al texano Ian Malcolm, docente universitario di matematica e teoria del caos,[7] Grant e Sattler scoprono con stupore che John Hammond ha creato sull'isola un parco in cui sono stati riportati in vita svariate specie di dinosauri tramite la clonazione. Il parco, chiamato Jurassic Park, è prossimo all'apertura al pubblico di tutto il mondo.[8][9] Come paleontologo, Grant ne rimane impressionato, ma al tempo stesso, analogamente a Ian Malcom, teme che la complessità di tale realizzazione scientifica possa sfuggire di mano alla InGen, a scapito della sicurezza dei turisti.[10]

Quando Dennis Nedry, l'ingegnere informatico che ha realizzato la rete di computer che gestisce la sicurezza del parco, viene corrotto da una corporazione rivale, sull'isola si scatena il finimondo; manomettendo l'intero sistema per rubare gli embrioni congelati di tutte e quindici le specie Nedry dà il via ad una successione di eventi che metteranno in pericolo le poche persone presenti sull'isola. I dinosauri infatti evadono dai recinti, e Grant rimane all'aperto nell'isola alla loro mercé, insieme a Tim e Lex, i giovani nipoti di John Hammond, che dopo una lunga peregrinazione e molti colpi di fortuna riesce a trarre in salvo raggiungendo il centro visitatori, dove dimostra che i dinosauri hanno inaspettatamente acquisito la capacità di procreare. Grant ha una forte affinità con i bambini - soprattutto a causa del loro interesse per i dinosauri. Soprattutto, durante il suo burrascoso viaggio, avvista insieme al piccolo Tim una nave carica di dinosauri, diretta alla volta del continente.

In un secondo momento, insieme a Robert Muldoon, Ellie Sattler e a Donald Gennaro, si reca presso una colonia di velociraptor, dove conta diversi piccoli appartenenti a nidiate diverse, e scopre che essi stanno preparandosi a migrare, come gli uccelli.[11] Tratto in salvo da un distaccamento di soldati costaricani,[12] viene trattenuto per ordine del governo, che lo interroga circa nuovi avvistamenti di dinosauri nelle campagne, che mangiano polli e vegetazione ricchi di lisina.[13]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La prima descrizione del personaggio avviene nel capitolo "La costa del mare interno" (seconda iterazione). Crichton, fin dall'inizio, esalta più la componente fisica ed attiva di Grant che quella intellettiva, omaggiando così il famoso paleontologo Robert T. Bakker, fonte d'ispirazione per il personaggio di Alan Grant.[3] Grant, infatti, viene descritto come un «quarantenne barbuto dal petto poderoso». che indossa solitamente degli occhiali da sole.[5] Grant è una delle massime autorità della paleontologia, ma nonostante ciò non è mai a proprio agio nei rapporti sociali che richiedono una certa etichetta. Si considera un «lavoratore sul campo», e crede che tutte le ricerche significative nella paleontologia debbano svolgersi direttamente nei siti.[5] Detesta i computer[14] e non sopporta gli accademici e i curatori di musei, definendoli «i cacciatori di dinosauri intorno a un tavolino da tè». Per distinguersi da loro, inoltre, è persino arrivato a tenere delle lezioni all'università di Denver in jeans e scarpe da tennis.[5] Grant è affascinato da Jurassic Park, ma poi, analogamente a Ian Malcolm, comincia a dubitare della stabilità del parco e a criticare l'operato di John Hammond. Alan Grant nel romanzo ha buoni rapporti con Timothy e Alexis Murphy, i nipoti di John Hammond, con i quali divide la passione per i dinosauri.[15]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Sam Neill, interprete di Alan Grant nelle trasposizioni cinematografiche

Nella serie di film su Jurassic Park, Alan Grant è interpretato da Sam Neill con la voce italiana di Stefano De Sando. Per il ruolo vennero considerati William Hurt, Richard Dreyfuss e Harrison Ford, i quali rifiutarono la parte.[1] Jurassic Park (1993) di Steven Spielberg traspone sul grande schermo le vicende del primo libro di Michael Crichton. Il personaggio di Alan Grant subisce alcune modifiche nel film rispetto al romanzo: non è barbuto, è fidanzato con Ellie Sattler (e non è citata la sua vedovanza) e odia i bambini, anche se poi comincerà a simpatizzare con Timothy e Alexis Murphy proprio come nel romanzo.[16] Le vicende che lo vedono protagonista, invece, sono in parte simili a quelle narrate nel romanzo.

Jurassic Park III (2001) di Joe Johnston è una storia originale e non è basata sulle opere di Crichton. In questa nuova avventura, Grant non è più fidanzato con Ellie Sattler, sposatasi con un marine, (i due, tuttavia, sono rimasti grandi amici) e ha un nuovo assistente: Billy Brennan. Grant è rimasto molto scosso dagli avvenimenti di Isla Nublar e più volte afferma di detestare l'operato di John Hammond a Jurassic Park, soprattutto perché i dinosauri creati dalla InGen (che lui definisce come mostri e non come dinosauri) hanno allontanato il mondo dalla paleontologia e dai fossili.[17] All'inizio del film, Grant viene ingannato da i due coniugi Kirby che, fingendosi facoltosi turisti, lo invitano a far loro da guida a Isla Sorna. Una volta giunti sull'isola, tuttavia, Grant scopre che il vero obiettivo dei due è quello di ritrovare il loro unico figlio Eric, precipitato accidentalmente sull'isola. Dopo varie avventure, Grant riesce a trovare Eric e, dopo essersi ricongiunto con il resto del gruppo di sopravvissuti ed essere scampati allo Spinosauro e ai Velociraptor, riescono a fuggire dall'isola con l'aiuto dei marine, chiamati dalla dottoressa Sattler.

Romanzi scritti dal personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Grant ha scritto diversi libri su i dinosauri. Il mondo perduto dei dinosauri (The Lost World of the Dinosaurs in lingua originale) è il titolo del libro scritto da Grant che viene citato da Timonthy Murphy.[15] Nel film di Spielberg, invece, il libro scritto da Grant si chiama Dinosaur Detectives. In questo libro, Grant sostiene che l'evoluzione degli uccelli sia iniziata nel periodo giurassico, con i primi uccelli derivati dai dinosauri. In Jurassic Park III Eric Kirby rivela che Grant ha scritto un nuovo libro basato sull'incidente di Isla Nublar, evento che ha reso lo stesso Grant più ostile nei confronti dei dinosauri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Curiosità di Jurassic Park (1993) IMDb, IMDb Official Site. URL consultato il 18 gennaio 2014.
  2. ^ David Quammen, Natural Acts: A Sidelong View of Science and Nature, W. W. Norton & Company, 2009, p. 69, ISBN 0-393-33360-4.
  3. ^ a b c Jurassic Park / Billy e il Clonesauro: Guida Paleontologica ad una visione consapevole- Ultima Parte: In difesa di Levine, theropoda.blogspot.it. URL consultato il 24 gennaio 2014.
  4. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Nel parco" (quarta iterazione)
  5. ^ a b c d Michael Crichton, Jurassic Park cap. "La costa del mare interno" (seconda iterazione)
  6. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Scheletro" (seconda iterazione)
  7. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Malcolm" (seconda iterazione)
  8. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Benvenuto" (seconda iterazione)
  9. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Jurassic Park" (terza iterazione)
  10. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Quando i dinosauri dominavano la Terra" (terza iterazione)
  11. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "La spiaggia" (settima iterazione)
  12. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Sul far della sera" (settima iterazione)
  13. ^ Michael Crichton, Jurassic Park Epilogo "San José"
  14. ^ Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Progetti" (seconda iterazione)
  15. ^ a b Michael Crichton, Jurassic Park cap. "Il giro turistico" (terza iterazione)
  16. ^ Joseph McBride, Steven Spielberg: A Biography, 2nd, University Press of Mississippi, 2011, ISBN 1-60473-836-7.
  17. ^ «I dinosauri sono vissuti 65 milioni di anni fa. Ciò che oggi ci è rimasto sono dei fossili nelle rocce. Ed è dalle rocce che i veri scienziati giungeranno alle vere scoperte. Ciò che ha fatto John Hammond con la InGen a Jurassic Park è stato creare con l'ingegneria genetica dei mostri per dare vita ad un parco a tema, né più né meno». (citazione di Alan Grant in Jurassic Park III)