Velociraptor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo album dei Kasabian, vedi Velociraptor!.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Velociraptor
Stato di conservazione: Fossile
Velociraptor Wyoming Dinosaur Center White Background.jpg
Scheletro di V. mongoliensis

Confronto dimensioni con un essere umano

Intervallo geologico
cretaceo superiore
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Tetanurae
Famiglia Dromaeosauridae Maniraptora
Sottofamiglia Velociraptorinae
Genere Velociraptor
Osborn, 1924
Serie tipo
Velociraptor mongoliensis
Osborn, 1924
Specie

Velociraptor Osborn, 1924 ("rapace veloce") [1] è un genere di dinosauro coelurosauride dromaeosauride che visse da circa 85 a 71 milioni di anni fa, durante il Cretacico superiore.[2] Attualmente, si riconoscono due specie, anche se in passato se ne riconoscevano di più. La serie tipo è V. mongoliensis; i fossili di questa specie sono state scoperti per la prima volta in Mongolia. Una seconda specie, V. osmolskae, fu nominata nel 2008 a base di frammenti cranici provenienti dalla Mongolia Interna in Cina.

Il Velociraptor era più piccolo degli altri dromaeosauridi come Deinonychus e Achillobator. Ciononostante, condivideva tanti dei loro tratti anatomici, essendo un carnivoro bipede piumato con una lunga coda, e con un artiglio ricurvo su ogni zampa posteriore, che si ritiene fosse usato nella caccia. Si differenzia dagli altri dromaeosauridi per il suo cranio lungo e snello, col muso rivolto in su.

Il Velociraptor (comunemente nominato coll'abbreviativo "raptor") è uno dei generi di dinosauri più conosciuti dal pubblico generale, grazie al suo ruolo prominente nel film Jurassic Park e i suoi sequel. Gli animali mostrati nel film però mostrano degli sbagli anatomici, inclusi una mancanza di piumaggio. Altri tratti anatomici furono infatti basati sul Deinonychus.[3][4] È anche ben conosciuto dai paleontologi, che hanno scoperto più scheletri di esso che di qualsiasi altro dromaeosauride. Un esemplare particolarmente famoso consiste in un Velociraptor nell'atto di lottare con un Protoceratops.

Anatomia[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« There is nothing else like them. Pound for pound, these are among the most powerful of known predators; certainly no other theropod had such a combination of foot, hand, and head weaponry. »

(IT)

« Non c'è niente come loro. Sono proporzionalmente tra i predatori più possenti; di sicuro non c'era alcun altro teropode che possedeva una tale combinazione di armamento sui piedi, le mani, e la testa. »

(Gregory S. Paul (1988)[5].)
Cranio. La grandezza dell' anello sclerotico suggerisce che in vita Velociraptor fosse un animale notturno.[6]
Cranio fossile

Velociraptor era un dromaeosauride di taglia media; gli adulti misuravano fino a 2.07 metri di lunghezza, 0.5 metri d'altezza alla schiena, e pesavano 15 chili.[7] Il cranio, lungo e basso con muso appiattito lateralmente, misura circa 25 cm di lunghezza e presenta un'unica curvatura superiore. Si presenta concavo nella parte superiore della volta cranica e convesso in quella inferiore. Le mascelle dei reperti presentano fra i 26 ed i 28 denti, in unica fila, estesamente spaziati su ogni lato, con una zigrinatura marcata nella parte posteriore: si suppone che ciò rappresenti un particolare adattamento, che permetteva all'animale di afferrare rapidamente e trattenere la preda.[1][8]

Simile agli altri dromaeosauridi, il Velociraptor aveva mani larghe fornite di tre artigli ricurvi. Erano simili in morfologia e flessibilità alle ossa delle ali degli uccelli moderni. Il secondo dito era il più lungo, mentre il primo era il più corto. La struttura del polso non permetteva di assumere una posizione prona. Invece, la posizione neutrale consisteva nelle palme che si fronteggiavano, come se l'animale "applaudisse".[9]

Come negli altri teropodi, il primo dito del piede era uno sperone. Tuttavia, al contrario della maggior parte dei teropodi, Velociraptor (come gli altri dromaeosauridi), camminava su due dita, in particolare sul terzo e quarto dito, i quali sostenevano il peso dell'animale. Il secondo dito, che rende Velociraptor così famoso, era tenuto ritratta dal suolo. Come gli altri dromaeosauridi e i troodontidi, questo dito era dotato d'un artiglio a forma di falcetto relativamente grande, che nel Velociraptor poteva raggiungere i 6,5 cm di lungezza, e il cui orlo esterno presentava una profilatura atta alla lacerazione di una preda.[10][11]

Ristauro scheletrico di V. mongoliensis

La coda era fornita da lunghe apofisi sul lato superiore e tendini ossificati sotto. Le apofisi cominciavano sulla decima vertebra caudale, estendendosi fino a pilastrare 4-5 vertebre ulteriori, a seconda della posizione della coda. Si riteneva una volta che queste rendessero rigida la coda fino al punto di renderla una bacchetta inflessibile. C'è però almeno un esemplare con le vertebre caudali ricurvate lateralmente in una forma a S, suggerendo così che possedesse più flessuosità orizzontale, rispetto a quanto ritenuto in precedenza.[12][10]

Nel 2007, furono scoperti dei segni, tipici negli uccelli, di papille ossee sull'ulna di Velociraptor ben conservato, così confermando l'ipotesi della presenza di piumaggio nel genere.[13]

Piumaggio[modifica | modifica wikitesto]

Ristauro anatomico[14]

I fossili di alcuni dromaeosauridi più primitivi del Velociraptor hanno i corpi ricoperti di piume, e penne sulle zampe anteriori.[15] Il fatto che gli antenati di Velociraptor fossero piumati, e che forse fossero capaci di volare, ha da tempo condotto i paleontologi a suggerire che Velociraptor fosse anch'esso piumato, poiché anche quegli uccelli moderni incapaci di volare conservano la maggior parte del loro piumaggio. Nel settembre 2007, i ricercatori trovarono delle papille ossee lungo l'ulna d'un esemplare di Velociraptor scoperto in Mongolia.[13] Le papille mostrano dove erano ancorate le penne remiganti secondarie, e la loro presenza in Velociraptor indica che anch'esso possedeva le piume.

Secondo il paleontologo Alan Turner,

« Una mancanza di papille non significa necessariamente che un dinosauro non avesse le piume. Però la scoperta di attaccature su Velociraptor dimostra che le aveva di certo. Questa è una cosa che abbiamo sospettato a lungo, ma che nessuno era mai stato in grado di dimostrare.[16] »

Mark Norell, il curatore dei rettili, anfibi e uccelli fossili al American Museum of Natural History, fece il commento seguente:

« Più impariamo di questi animali, più troviamo che praticamente non ci sono differenze tra gli uccelli e i loro antenati dinosauri come Velociraptor. Entrambi avevano furcule [altrimenti note come ossa dei desideri], covavano le uova, possedevano ossa cave, ed erano ricoperti di piume. Se gli animali come Velociraptor fossero vivi al giorno d'oggi, la nostra prima impressione sarebbe semplicemente quella di uccelli dall'aspetto strano.[16] »

Secondo Turner e i suoi colleghi, le papille ulnari non si trovano in tutti gli uccelli preistorici, ma la loro assenza non esclude che avessero le piume. I fenicotteri per esempio non l'hanno. Però la loro presenza conferma che Velociraptor avesse delle penne sulle braccia. L'esemplare su cui furono scoperte le papille (IGM 100/981) rappresenta un animale lungo 1.5 d'altezza che pesava 15 chili. Sulla base degli spazi tra le papille, gli autori suggerirono che Velociraptor fosse fornito di 14 penne remiganti secondarie. In contrasto, Archaeopteryx ne possedeva 12+, Microraptor 18, e Rahonavis 10.[13]

Gli stessi ricercatori interpretarono la presenza di piume su Velociraptor come prova contraria all'idea che i maniraptori più grossi e incapaci di volare avessero perso le piume a causa della loro taglia elevata. Inoltre, notarono che le papille ulnari sono assenti nella maggior parte di uccelli terrestri moderni, e che la loro presenza in Velociraptor (che si presumeva fosse terrestre a causa della sua grandezza e delle braccia relativamente corte) dimostri che gli antenati dei dromaeosauridi potessero volare, e che i generi più grossi come Velociraptor avessero perso questa capacità. Rimane però la possibilità che le penne di Velociraptor servissero a scopi diversi dal volo, come ad esempio l'ornamento, l'isolamento termico delle uova, o per l'aerodinamicità nella corsa in salita.[13]

Scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Diagramma del cranio e artiglio dell'olotipo del 1924

Il primo fossile di Velociraptor scoperto fu trovato da Peter Kaisen nel 1923, durante una spedizione nel deserto Gobi finanziata dall'American Museum of Natural History. Il fossile consisteva d'un cranio quasi completo e dell'artiglio del secondo dito posteriore (AMNH 6515). Nel 1924, Henry Fairfield Osborn nominò la serie tipo Velociraptor, che deriva dal Latino velox (veloce) e raptor (ladro o rapace), in riferimento alla morfologia agile dell'animale e alla sua dieta carnivora. Osborn nominò la specie mongoliensis, in onore del suo paese d'origine.[1]

Scheletro di V. mongoliensis, Museum voor Natuurwetenschappen, Brussels

Ulteriori scoperte furono fatte da scienziati sovietici e polacchi, tra cui la più famosa è il cosiddetto fossile dei "dinosauri combattenti" (GIN 100/25), che fu scoperto nel 1971. Il fossile in questione raffigura un Velociraptor che lotta con un Protoceratops.[12][17][18] Questo esemplare è considerato un tesoro nazionale in Mongolia, ma fu temporaneamente dato in prestito all'American Museum of Natural History nel 2000.[19]

Nel periodo 1988-1990, una squadra di paleontologi canadesi e cinesi scoprì resti di Velociraptor nella Cina settentrionale.[20] Ulteriori scheletri ben conservati furono scoperti nel Gobi del 1990 da scienziati americani e mongoli.[10][21] Uno degli esemplari ritrovati, IGM 100/980, fu soprannominato "Ichabodcraniosaurus", poiché era senza cranio (in allusione al personaggio Ichabod Crane).[22] L'esemplare potrebbe trattarsi di Velociraptor, ma si è poi concluso che non è abbastanza completo per esserne sicuri.[10]

Nel 1999, i paleontologi belgi e cinesi scoprirono le mascellari e le lacrimali d'un Velociraptor nella Mongolia interna. La forma delle ossa però non era paragonabile a quella della specie V. mongoliensis, e fu nominato V. osmolskae nel 2008 in onore del paleontologo polacco Halszka Osmólska.[2]

Provenienza[modifica | modifica wikitesto]

Tutti gli esemplari conosciuti di V. mongoliensis furono scoperti nella Formazione Djadochta, situata nella Provincia dell'Ômnôgov' in Mongolia. Si riportano scoperte di Velociraptor anche nella formazione più recente di Barun Goyot,[23] anche se questi potrebbero trattarsi d'un genere di dinosauro diverso.[24] Si stima che queste formazioni risalgano al periodo Campaniano (circa 83-70 milioni di anni fa[25]) del Cretacico superiore.[26]

Resti di V. mongoliensis sono stati trovati in numerose delle località Djadochta. La forma tipo fu trovata al sito Bajanzag,[1] mentre i "dinosauri combattenti" furono trovati nella località di Tugrig.[18] Le località di Khulsan e Khermeen Tsav hanno prodotto dei fossili che probabilmente appartenevano a Velociraptor o a un genere ad esso imparentato.[27] Un teschio parziale d'un esemplare adulto ritrovato nella formazione di Bayan Mandahu nella Mongolia interna di Cina settentrionale è stato classificato come specie a parte rispetto a V. mongoliensis, e chiamata V. osmolskae.[2]

Paleoecologia[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i siti fossili che contengono Velociraptor mostrano un habitat arido che consiste di campi di dune sabbiose e pochi ruscelli, benché l'ambiente di Barun Goyote (che è geologicamente più recente) sembra essere stato più umido del Djadochta.[26] La postura degli scheletri completi dimostra che gli esemplari furono probabilmente seppelliti vivi durante le tempeste di sabbia.[2]

Molti esemplari dello stesso genere erano presenti in tutte queste formazioni, ma variavano al livello specifico. Per esempio, Djadochta fu abitata da V. mongoliensis, Protoceratops andrewsi, e Pinacosaurus grangeri, mentre Bayan Mandahu fu abitata da V. osmolskae, Protoceratops hellenikorhinus, e Pinacosaurus mephistocephalus. Queste differenze di specie potrebbero essere dovute a una barriera naturale che separava le due formazioni.[2] La mancanza, però, d'una barriera naturale significa che forse le differenze erano dovute a una differenza temporale.[24]

Ulteriori dinosauri contemporanei di V. mongoliensis includono il troodontide Saurornithoides mongoliensis, l'oviraptoride Oviraptor philoceratops, e il dromaeosauride Mahakala omnogovae. V. osmolskae viveva insieme al ceratopside Magnirostris dodsoni, l'oviraptoride Machairasaurus leptonychus e il dromaeosauride Linheraptor exquisitus.[24]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Confronto delle ossa mascellari di V. osmolskae e V. mongoliensis.
Diagramma che mostra Velociraptor (evidenziato in blu) e altri due dromaeosauridi (Utahraptor in giallo e Deinonychus in verde) in confronto a un essere umano. Ogni sezione della griglia rappresenta un metro quadrato.

Velociraptor è un membro della sottofamiglia Velociraptorinae, un sottogruppo derivato dalla famiglia Dromaeosauridae. Nella tassonomia filogenetica, Velociraptorinae è normalmente definito come "tutti i dromaeosauridi più imparentati a Velociraptor che a Dromaeosaurus". La classifica dei dromaeosauridi però è molto variabile. In principio, la sottofamiglia Velociraptorinae fu costituita solo per contenere Velociraptor.[12] Altre analisi hanno incluso altri generi come Deinonychus e Saurornitholestes.[28] Un'analisi cladistica recente indica che Velociraptorinae fosse monofiletico, e che contenesse Velociraptor, Deinonychus, Tsaagan, e l'imparentato (ma incertamente posizionato) Saurornitholestes.[29]

Nel passato, altre specie dromaeosauride, incluse Deinonychus antirrhopus e Saurornitholestes langstoni, furono classificate nel genere Velociraptor. Siccome Velociraptor fu il primo a essere nominato, queste specie furono rinominate Velociraptor antirrhopus e V. langstoni.[7] Oggi, le uniche specie riconosciute sono V. mongoliensis[8][9][30] e V. osmolskae.[2]

Quando fu descritto per la prima volta, nel 1924, Velociraptor fu incorporato nella famiglia Megalosauridae, come tanti altri teropodi (infatti, Megalosauridae era quasi un taxon "bidone" che conteneva tanti generi non imparentati).[1] Con ulteriori scoperte, Velociraptor fu riconosciuto come un dromaeosauride. Tutti i dromaeosauridi sono stati incorporati nella famiglia Archaeopterygidae da almeno un autore. In effetti, ciò fa sì che Velociraptor possa essere considerato una forma di uccello terrestre.[9]

Questo cladogramma è derivato da un'analisi del 2009 da Longrich e Currie.[31]

Eudromaeosauria
Saurornitholestinae

Saurornitholestes


Atrociraptor


Bambiraptor



unnamed

Deinonychus


unnamed
Velociraptorinae
unnamed

Velociraptor


Itemirus



unnamed

Adasaurus


Tsaagan




Dromaeosaurinae

Dromaeosaurus


Utahraptor


Achillobator







Paleobiologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamenti di caccia[modifica | modifica wikitesto]

I "dinosauri combattenti" scoperti nel 1971, mostrando un V. mongoliensis e Protoceratops andrewsi
Dettaglio di una ricostruzione del ritrovamento dei "dinosauri combattenti"

L'esemplare dei "dinosauri combattenti", scoperto nel 1971, conserva un Velociraptor mongoliensis e un Protoceratops andrewsi fossilizzati nell'atto di combattere, mostrando così prove dirette di comportamenti di caccia. Quando fu scoperto, si ipotizzò che i due animali fossero morti affogati.[18] Poiché gli animali furono conservati in una duna di sabbia, si ritiene che siano stati seppelliti vivi da una tempesta di sabbia o da una frana sabbiosa. La sepoltura fu molto veloce, considerando le posture degli animali. Parti del Protoceratops sono assenti, probabilmente a causa degli animali spazzini.[32] Un confronto tra gli anelli sclerotici di Velociraptor, Protoceratops e gli uccelli e i rettili moderni indica che Velociraptor fosse probabilmente un animale notturno, mentre Protoceratops potrebbe essere stato catemerale (attivo durante il giorno in intervalli brevi), indicando così che la battaglia possa essere avvenuta durante il crepuscolo.[6]

Alcuni studiosi ritengono che Velociraptor usasse gli artigli posteriori per ristringere le prede mentre le mangiava, come fanno oggi i rapaci, come questo nibbio bruno.

L'artiglio del secondo dito del piede caratteristico dei dromaeosauridi è stato tradizionalmente considerato un'arma usata per sventrare le prede.[33] Nel gruppo fossile dei "dinosauri combattenti", il Velociraptor è sotto il Protoceratops, con l'artiglio conficcato nella sua gola. Ciò indica che Velociraptor avesse usato l'artiglio per perforare gli organi vitali della gola, come la vena giugulare, la carotide, e la trachea, invece di aprire l'addome. Il margine interno dell'artiglio era arrotondato e non troppo affilato. Ciò precluderebbe qualsiasi azione tagliente. I muscoli densi addominali delle prede grosse sarebbero stati difficili ad aprire senza un'arma con una superficie tagliente.[32] L'ipotesi che Velociraptor usasse l'artiglio per sventrare le prede fu messo alla prova durante il documentario Bbc The Truth About Killer Dinosaurs (2005). I produttori del programma fabbricarono un piede di Velociraptor artificiale, e lo usarono contro una carcassa di maiale: l'artiglio penetrò la carne, ma non fu in grado di aprirla.[34]

I resti di Deinonychus, un dromaeosauride strettamente imparentato, sono stati spesso trovati in gruppi vicino al dinosauro erbivoro Tenontosaurus. Questo fu interpretato come prova di comportamenti di caccia in gruppo da parte dei dromaeosauridi.[35][36] L'unica prova solida di comportamenti sociali tra i dromaeosauridi viene da una serie d'impronte in Cina, che mostrano sei individui che si muovevano in gruppo. Però non si sono mai trovate prove di caccia cooperativa.[37] Anche se molti fossili isolati di Velociraptor sono stati scoperti in Mongolia, nessuno di essi fu associato con altri individui.[30] Quindi, malgrado Velociraptor venga comunemente raffigurato come un cacciatore sociale (come per esempio in Jurassic Park), ci sono poche prove che lo dimostrano nei dromaeosauridi, e nessuna che lo dimostra specificamente in Velociraptor. L'ipotesi infatti fu basata sulla scoperta di fossili di Deinonychus raggruppati intorno i resti di un Tenontosaurus. Nessun altro gruppo di dromaeosauridi è mai stato scoperto in un'associazione così.[38]

Nel 2011, Denver Fowler e i suoi colleghi suggerirono un nuovo metodo in cui Velociraptor e gli altri dromaeosauridi avrebbero catturato le prede. Questo modello, nominato il modello di "Contenimento della Preda da parte dei Rapaci" ("raptor prey restraint" o RPR), propone che Velociraptor uccidesse le sue prede in un modo simile agli uccelli rapaci accipitridi; Velociraptor sarebbe saltato sopra la preda, trattenendola col suo peso corporeo e aggrappandosi strettamente ad essa con gli artigli ricurvi. Come gli accipitridi, il dromaeosauride avrebbe cominciato a nutrirsi mentre la preda era ancora viva, fino a che essa non fosse morta dissanguata. Questo modello fu basato principalmente sulla morfologia e le proporzioni dei piedi dei dromaeosauridi, che sono paragonabili a quelli dei rapaci. Fowler notò che le gambe e i piedi della maggior parte dei dromaeosauridi sono molto simili a quelli delle aquile e gli sparvieri, soprattutto quando vengono presi in considerazione il secondo artiglio ingrandito e la manovrabilità delle dita. Il metatarso corto e la forza d'impugnatura delle dita però erano più simili a quelli dei gufi. Il metodo RPR sarebbe anche congruente con altri aspetti anatomici di Velociraptor, come per esempio la morfologia delle mandibole e le braccia. È possibile che le braccia fossero ricoperte da penne lunghe utilizzate, insieme alla coda rigida, per bilanciare il predatore mentre ristringeva la preda. Le sue mandibole, che si riteneva fossero relativamente deboli, potrebbero essere state utilizzate in un movimento a sega come quello che fa il moderno drago di Komodo.[11]

Necrofagia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, Hone e i suoi Colleghi pubblicarono un documento riguardo la loro scoperta nel 2008 dei denti che credevano fossero di Velociraptor nei pressi d'una mandibola perforata d'un probabile Protoceratops nella Formazione Bayan Mandahu.[39] Siccome la mandibola non è solitamente una parte del corpo gradita dai carnivori, fu concluso che rappresentasse un caso di necrofagia contro una carcassa già quasi totalmente denudata.[39][40] Gli stessi ricercatori descrissero nel 2012 un esemplare di Velociraptor con l'osso d'un pterosauro azhdarchide nel ventre. Ciò fu interpretato come un altro esempio di necrofagia da parte del Velociraptor.[41]

Metabolismo[modifica | modifica wikitesto]

Il Velociraptor era endotermico, quindi necessitava una quantità d'energia sostanziale per cacciare. Gli animali moderni ricoperti di piume, come probabilmente il Velociraptor, tendono a essere endotermici, visto che questa copertura serve da isolamento termico. Però, il tasso di crescita dei dromaeosauridi e certi uccelli primitivi suggerisce che il loro metabolismo fosse più moderato di quelli degli uccelli moderni e dei mammiferi. Il kiwi è simile ai dromaeosauridi in anatomia, piumaggio, struttura ossea e nella struttura dei passaggi nasali (che sono normalmente indicatori di metabolismo). Il kiwi è un animale terrestre molto attivo con una temperatura corporea piuttosto bassa, rendendolo così un buon paragone per il metabolismo di uccelli primitivi e dromaeosauridi.[9]

Patologia[modifica | modifica wikitesto]

Un cranio di Velociratoptor mongoliensis mostra due righe parallele che sono consistenti con il morso d'un altro esemplare della stessa specie, probabilmente inflitto durante un combattimento. Siccome il fossile non mostra segni di guarigione, è probabile che la ferita sia stata fatale.[42] Un altro esemplare, che conteneva ossa d'un pterosauro azhdarchide nella cavità dello stomaco, recava una ferita alle costole. Siccome le ossa del pterosauro non mostravano segni d'essere state digerite, è probabile che il Velociraptor sia morto poco dopo averle consumate a causa della ferita.[43]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

I "raptor" di Jurassic World nella stazione di Waterloo in Londra. La loro raffigurazione nel film è stato quasi universalmente criticata dai paleontologi.[44][45][46]

Il Velociraptor è stato reso famoso per il suo ruolo nel romanzo del 1990 Jurassic Park e dal film omonimo del 1993. Questi "raptor" furono modellati sul dromaeosauride imparentato Deinonychus, che a quel tempo fu rinominato Velociraptor antirrhopus da Gregory Scott Paul.[7] Infatti, i personaggi nel romanzo e nel film scoprono i resti d'un "raptor" in Montana, che è consistente col raggio geografico di Deinonychus, ma non Velociraptor, che abitava nell'Asia centrale.[47]

Nel film, l'anatomia e la grandezza dei Velociraptor corrisponde a quella di Deinonychus.[3][4] Siccome la conferma della presenza di piumaggio in Velociraptor fu scoperta dopo la distribuzione di Jurassic Park e il suo primo sequel, nel film i "raptor" sono raffigurati con squame simile a quelli dei rettili moderni. In Jurassic Park III (2001), i maschi della specie sono raffigurati con spine calamose sulla testa e la nuca, malgrado il fatto che una tale struttura non sia compatibile con il piumaggio soffice e ben sviluppato degli uccelli moderni.[13] Altre critiche rivolte ai "raptor" dei film includono la posizione prona degli arti anteriori (anatomicamente impossibile nell'animale reale), la loro intelligenza elevata, la loro velocità nella corsa, e il loro comportamento di caccia sociale e cursorio, di cui ci sono poche prove nel Velociraptor propriamente detto.[48] Secondo il paleontologo italiano Andrea Cau:

« Anche se banale da dire, esso non deve essere visto come una terrificante "macchina da morte" ma solamente come un interessante predatore diapside opportunista, molto probabilmente solitario e tendente all'agguato, con un comportamento ed un'intelligenza intermedi tra quelli dei coccodrilli e quelli dei grandi uccelli non volatori. »
(Andrea Cau (2012)[48])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Henry F. Osborn, Three new Theropoda, Protoceratops zone, central Mongolia in American Museum Novitates, vol. 144, 1924a, pp. 1–12, Template:Hdl.
  2. ^ a b c d e f Pascal Godefroit, Philip J. Currie, Hong Li, Chang Yong Shang e Zhi-ming Dong, A new species of Velociraptor (Dinosauria: Dromaeosauridae) from the Upper Cretaceous of northern China in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 28, nº 2, 2008, pp. 432–438, DOI:10.1671/0272-4634(2008)28[432:ANSOVD]2.0.CO;2.
  3. ^ a b Jody Duncan, The Winston Effect, London, Titan Books, 2006, pp. 175, ISBN 1-84576-365-3.
  4. ^ a b Robert T. Bakker, Raptor Red, New York, Bantam Books, 1995, pp. 4, ISBN 0-553-57561-9.
  5. ^ Gregory Scott Paul (1988) Predatory Dinosaurs of the World, Simon and Schuster, pp. 362-363
  6. ^ a b Schmitz, L.; Motani, R., Nocturnality in Dinosaurs Inferred from Scleral Ring and Orbit Morphology in Science, vol. 332, nº 6030, 2011, pp. 705–8, Bibcode:2011Sci...332..705S, DOI:10.1126/science.1200043, PMID 21493820.
  7. ^ a b c Gregory S. Paul, Predatory Dinosaurs of the World, New York, Simon and Schuster, 1988, pp. 464, ISBN 978-0-671-61946-6.
  8. ^ a b Rinchen Barsbold e Halszka Osmólska, The skull of Velociraptor (Theropoda) from the Late Cretaceous of Mongolia in Acta Palaeontologica Polonica, vol. 44, nº 2, 1999, pp. 189–219.
  9. ^ a b c d Gregory S. Paul, Dinosaurs of the Air: The Evolution and Loss of Flight in Dinosaurs and Birds, Baltimore, Johns Hopkins University Press, 2002, ISBN 978-0-8018-6763-7.
  10. ^ a b c d Mark A. Norell e Peter J. Makovicky, Important features of the dromaeosaurid skeleton II: information from newly collected specimens of Velociraptor mongoliensis in American Museum Novitates, vol. 3282, 1999, pp. 1–45, Template:Hdl.
  11. ^ a b D.W. Fowler, E.A. Freedman, J.B. Scannella e R.E. Kambic, The Predatory Ecology of Deinonychus and the Origin of Flapping in Birds in PLoS ONE, vol. 6, nº 12, 2011, p. e28964, Bibcode:2011PLoSO...628964F, DOI:10.1371/journal.pone.0028964, PMC 3237572, PMID 22194962.
  12. ^ a b c Rinchen Barsbold, Carnivorous dinosaurs from the Cretaceous of Mongolia in Transactions of the Joint Soviet-Mongolian Paleontological Expedition, vol. 19, 1983, pp. 5–119.
  13. ^ a b c d e A.H. Turner, P.J. Makovicky e M.A. Norell, Feather quill knobs in the dinosaur Velociraptor in Science, vol. 317, nº 5845, 2007, p. 1721, Bibcode:2007Sci...317.1721T, DOI:10.1126/science.1145076, PMID 17885130.
  14. ^ Matthew P. Martyniuk (2012) A Field Guide to Mesozoic Birds and other Winged Dinosaurs, PanAves, p. 76
  15. ^ Xing Xu, Zhonghe Zhou, Xiaolin Wang, Xuewen Kuang, Fucheng Zhang e Xiangke Du, Four-winged dinosaurs from China in Nature, vol. 421, nº 6921, 2003, pp. 335–340, DOI:10.1038/nature01342, PMID 12540892.
  16. ^ a b American Museum of Natural History. "Velociraptor had feathers." ScienceDaily 2007-09-20. Accessed 2010-08-20.
  17. ^ Zofia Kielan-Jaworowska e Rinchen Barsbold, Narrative of the Polish-Mongolian Paleontological Expeditions in Paleontologica Polonica, vol. 27, 1972, pp. 5–13.
  18. ^ a b c Rinchen Barsbold, Saurornithoididae, a new family of theropod dinosaurs from Central Asia and North America in Paleontologica Polonica, vol. 30, 1974, pp. 5–22.
  19. ^ American Museum of Natural History, Fighting Dinosaurs: New Discoveries from Mongolia: Exhibition Highlights, c. 2000. URL consultato il 20 agosto 2010.
  20. ^ Tomasz Jerzykiewicz, Philip J. Currie, David A. Eberth, P.A. Johnston, E.H. Koster e J.-J. Zheng, Djadokhta Formation correlative strata in Chinese Inner Mongolia: an overview of the stratigraphy, sedimentary geology, and paleontology and comparisons with the type locality in the pre-Altai Gobi in Canadian Journal of Earth Sciences, vol. 30, nº 10, 1993, pp. 2180–2195, DOI:10.1139/e93-190.
  21. ^ Mark A. Norell e Peter J. Makovicky, Important features of the dromaeosaur skeleton: information from a new specimen in American Museum Novitates, vol. 3215, 1997, pp. 1–28, Template:Hdl.
  22. ^ Novacek, Michael J. (1996). Dinosaurs of the Flaming Cliffs. New York: Anchor Books. ISBN 0-385-47774-0.
  23. ^ David B. Weishampel, Paul M. Barrett, Rodolfo A. Coria, Jean Le Loueff, Xing Xu, Xijin Zhao, Ashok Sahni, Emily M.P. Gomani e Christopher N. Noto, Dinosaur distribution in David B. Weishampel, Peter Dodson e Halszka Osmólska (a cura di), The Dinosauria, Second, Berkeley, University of California Press, 2004, pp. 517–606, ISBN 0-520-24209-2.
  24. ^ a b c Nicholas R. Longrich, Philip J. Currie, Dong Zhi-Ming, A new oviraptorid (Dinosauria: Theropoda) from the Upper Cretaceous of Bayan Mandahu, Inner Mongolia in Palaeontology, vol. 53, nº 5, 2010, pp. 945–960, DOI:10.1111/j.1475-4983.2010.00968.x.
  25. ^ Felix M. Gradstein, James G. Ogg e Alan G. Smith, A Geologic Time Scale 2004, Cambridge, Cambridge University Press, 2005, ISBN 978-0-521-78142-8.
  26. ^ a b Tomasz Jerzykiewicz e Dale A. Russell, Late Mesozoic stratigraphy and vertebrates of the Gobi Basin in Cretaceous Research, vol. 12, nº 4, 1991, pp. 345–377, DOI:10.1016/0195-6671(91)90015-5.
  27. ^ Halszka Osmólska, Barun Goyot Formation in Philip J. Currie e Kevin Padian (a cura di), Encyclopedia of Dinosaurs, San Diego, Academic Press, 1997, pp. 41, ISBN 0-12-226810-5.
  28. ^ Philip J. Currie, New information on the anatomy and relationships of Dromaeosaurus albertensis (Dinosauria: Theropoda) in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 15, nº 3, 1995, pp. 576–591, DOI:10.1080/02724634.1995.10011250.
  29. ^ Mark A. Norell, James M. Clark, Alan H. Turner, Peter J. Makovicky, Rinchen Barsbold e Timothy Rowe, A new dromaeosaurid theropod from Ukhaa Tolgod (Omnogov, Mongolia) in American Museum Novitates, vol. 3545, 2006, pp. 1–51, DOI:10.1206/0003-0082(2006)3545[1:ANDTFU]2.0.CO;2, Template:Hdl.
  30. ^ a b Mark A. Norell e Peter J. Makovicky, Dromaeosauridae in David B. Weishampel, Peter Dodson e Halszka Osmólska (a cura di), The Dinosauria, Second, Berkeley, University of California Press, 2004, pp. 196–209, ISBN 0-520-24209-2.
  31. ^ N.R. Longrich e P.J. Currie, A microraptorine (Dinosauria–Dromaeosauridae) from the Late Cretaceous of North America in PNAS, vol. 106, nº 13, 2009, pp. 5002–7, Bibcode:2009PNAS..106.5002L, DOI:10.1073/pnas.0811664106, PMC 2664043, PMID 19289829.
  32. ^ a b Kenneth Carpenter, Evidence of predatory behavior by theropod dinosaurs in Gaia, vol. 15, 1998, pp. 135–144.
  33. ^ John H. Ostrom, Osteology of Deinonychus antirrhopus, an unusual theropod from the Lower Cretaceous of Montana in Bulletin of the Peabody Museum of Natural History, vol. 30, 1969, pp. 1–165.
  34. ^ P. L. Manning, D. Payne, J. Pennicott, P. M. Barrett e R. A. Ennos, Dinosaur killer claws or climbing crampons? in Biology Letters, vol. 2, nº 1, 2006, pp. 110–112.
  35. ^ W. Desmond Maxwell e John H. Ostrom, Taphonomy and paleobiological implications of Tenontosaurus-Deinonychus associations in Journal of Vertebrate Paleontology, vol. 15, nº 4, 1995, pp. 707–712, DOI:10.1080/02724634.1995.10011256.
  36. ^ Daniel L. Brinkman, Richard L. Cifelli e Nicholas J. Czaplewski, First occurrence of Deinonychus antirrhopus (Dinosauria: Theropoda) in the Antlers Formation (Lower Cretaceous: Aptian-Albian) of Oklahoma in Oklahoma Geological Survey Bulletin, vol. 146, 1998, pp. 1–27.
  37. ^ Rihui Li, M.G. Lockley, P.J. Makovicky, M. Matsukawa, M.A. Norell, J.D. Harris e M. Liu, Behavioral and faunal implications of Early Cretaceous deinonychosaur trackways from China in Die Naturwissenschaften, vol. 95, nº 3, 2007, pp. 185–191, Bibcode:2008NW.....95..185L, DOI:10.1007/s00114-007-0310-7, PMID 17952398.
  38. ^ Long, John, and Schouten, Peter. (2008). Feathered Dinosaurs: The Origin of Birds. Oxford and New York: Oxford University Press. ISBN 978-0-19-537266-3, p. 21.
  39. ^ a b David Hone, Jonah Choiniere, Corwin Sullivan, Xing Xu, Michael Pittman e Qingwei Tan, New evidence for a trophic relationship between the dinosaurs Velociraptor and Protoceratops in Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology, vol. 291, 3–4, 2010, pp. 488–492, DOI:10.1016/j.palaeo.2010.03.028.
  40. ^ Matt Walker, Fossil find shows Velociraptor eating another dinosaur in BBC Earth News, 6 aprile 2010. URL consultato il 20 agosto 2010.
  41. ^ DOI: 10.1016/j.palaeo.2012.02.021
  42. ^ Molnar, R. E., 2001, Theropod paleopathology: a literature survey: In: Mesozoic Vertebrate Life, edited by Tanke, D. H., and Carpenter, K., Indiana University Press, p. 337-363.
  43. ^ Ancient Fossil Remains Reveal Velociraptor's Last Meal. ScienceDaily, 6 March 2012.
  44. ^ Linda Qiu e Dan Vergano, 'Jurassic World' Dinosaurs Stuck in the 1980s, Experts Grumble, National Geographic, 26 novembre 2014.
  45. ^ Khaleda Rahman, New Jurassic World film slammed as 'dumb monster movie' because dinosaurs were covered in fluffy feathers in real life su Daily Mail, 10 maggio 2015. URL consultato il 10 maggio 2015.
  46. ^ Jess Denham, Jurassic World: Scientists criticise 'dumb monster movie' for lack of feathers on dinosaurs su The Independent, (Alexander Lebedev), 11 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  47. ^ Michael Crichton, Jurassic Park, New York, Alfred A. Knopf, 1990, pp. 117, ISBN 0-394-58816-9.
  48. ^ a b Andrea Cau, Theropoda volume II: Deinonychosauria, Amazon Media EU S.à r.l., 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]