Ghost - Fantasma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ghost - Fantasma
Ghost - Fantasma.jpg
Demi Moore accanto a Patrick Swayze in una delle scene più famose del film
Titolo originale Ghost
Paese di produzione USA
Anno 1990
Durata 122 min
Genere drammatico, sentimentale, fantastico
Regia Jerry Zucker
Soggetto Bruce Joel Rubin
Sceneggiatura Bruce Joel Rubin
Casa di produzione Paramount Pictures
Fotografia Adam Greenberg
Montaggio Walter Murch
Effetti speciali Terry D. Frazee, Katherine Kean, Richard Edlund, Bruce Nicholson
Musiche Maurice Jarre
Scenografia Jane Musky
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

« Prima di essere ucciso Sam aveva detto a Molly che l'avrebbe amata e protetta. Per sempre. »

(Tagline del film)

Ghost - Fantasma (Ghost) è un film del 1990 diretto da Jerry Zucker ed interpretato da Patrick Swayze, Demi Moore e Whoopi Goldberg.

Ottenne un inaspettato successo di pubblico, vincendo anche 2 Oscar: uno per la miglior sceneggiatura originale (consegnato a Bruce Joel Rubin), l'altro per la miglior attrice non protagonista, andato a Whoopi Goldberg. Il film contribuì anche a rilanciare Patrick Swayze, già protagonista di Dirty Dancing - Balli proibiti nel 1987. La pellicola ottenne una nomination all'Oscar anche per la colonna sonora, firmata da Maurice Jarre.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sam Wheat, impiegato di banca a New York, conduce un'esistenza felice insieme alla fidanzata Molly Jensen, artista promettente ma dal carattere fragile, con la quale prende un appartamento a New York per cominciare una loro convivenza.

Dopo una serata trascorsa insieme a teatro, Sam e Molly vengono pedinati da un ladro. Sam, nel tentativo di sventare la rapina, viene alle mani con il rapinatore, ma resta ucciso dopo che la colluttazione degenera in sparatoria. Mentre Molly disperata chiama aiuto, Sam si ritrova al suo fianco, incredulo, in condizione di fantasma; superato un iniziale smarrimento, l'anima di Sam viene richiamata da Dio, ma egli rifiuta di accedere subito in Paradiso in quanto incapace di abbandonare Molly: Sam rimane così tra i vivi per proteggere Molly e per far luce sul suo omicidio.

L'ex bancario sfrutta la sua invisibilità per pedinare il suo assassino e scopre non solo il suo nome, Willy Lopez, ma anche dove vive: un piccolo appartamento degradato sito nel quartiere Prospect Place. Ovviamente Sam è incapace di comunicare con i vivi, ma fortunatamente incontra sul suo cammino la truffatrice Oda Mae Brown, una sensitiva inizialmente ignara dei suoi stessi poteri, che grazie a Sam diverrà cosciente del suo essere e finirà con l'essergli complice ed amica andando da Molly e rivelandogli di essere in grado di comunicare col fantasma di Sam, rivelazione che non viene creduta.

Intanto Molly cerca conforto in Carl Bruner, il migliore amico e collega di Sam il quale, tuttavia, non crede minimamente alle parole della sensitiva. In nome della sua amicizia, promette a Molly di scoprire chi è l'assassino di Sam. Allora Sam decide di seguire Carl, ma scopre che il suo amico non solo conosce bene Willy ma, con amarissima sorpresa, che è anche il mandante della rapina. Carl rimprovera Willy di aver ucciso l'amico quando si sarebbe dovuto limitare a rubargli il portafogli per trovare una password che gli avrebbe permesso di riciclare 4 milioni di dollari sporchi per conto di alcuni trafficanti di droga, un'elevata somma di denaro della quale Sam in vita si era accorto ispezionando alcuni conti correnti, bloccati tramite password da Sam stesso in modo da approfondire tale faccenda più avanti. Willy, seccato per il rimprovero subito, risponde a Carl facendogli notare di avergli fatto un favore "gratis".

Per imbonirselo, Carl gli promette che, dopo aver consegnato i 4 milioni di dollari, si sarebbe spartito con lui gli ottantamila dollari di ricompensa che gli spettano, e così riceve da Willy le chiavi dell’appartamento di Sam. Dopo aver recuperato la password, Carl accede ai proventi della mafia e cerca di tenerli al sicuro fino al prelievo da parte dei complici. Così, convinto di essere in grado di sostituire Sam negli affetti di Molly, una sera Carl cerca di corteggiarla, ma Sam gli arriva addosso, e tentando di aggredirli fa cadere una sua vecchia foto con la ragazza. Sam comincia a cercare un modo per manifestarsi tangibilmente agli occhi di Molly che, scettica, non crede ai messaggi che Oda Mae le riferisce. Un infelice fantasma senza nome, che alberga nella metropolitana di New York, insegnerà a Sam a spostare gli oggetti e finalmente Molly crederà alla "presenza" del suo amato.

Sam organizza con Oda Mae un piano per evitare che Carl e Willy riciclino il denaro sporco. La sensitiva si presenta alla banca dove lavorava Sam assumendo la falsa identità di "Rita Miller", il personaggio immaginario a cui Carl, su pressione della mafia, avrebbe dovuto intestare i 4 milioni di dollari. La donna riesce a prelevarli sotto forma di assegno circolare, che in seguito consegnerà, suo malgrado, in beneficenza a due suore.

Quando Willy e Carl scoprono la scomparsa dei soldi, danno la caccia ad Oda Mae, ma Sam la salva ed affronta i due malviventi. Willy, spaventato dagli oggetti volanti nell'appartamento e dalle continue percosse di Sam, scappa in strada, dove viene schiacciato ed ucciso tra un'auto ed un autobus. La sua anima, uscita dal corpo a seguito della collisione, viene assalita e condotta all'Inferno da demoni oscuri. Sam torna a casa di Molly, e dopo essere entrato nel corpo dell’amica sensitiva, convince l’ex ragazza della sua esistenza; nel frattempo sopraggiunge Carl, intenzionato a vendicarsi cercando di uccidere Molly e Oda Mae ma fermato costantemente da Sam. Carl rimane ucciso sotto la vetrata di una finestra sfasciata da una carrucola scagliata da lui stesso, nel tentativo di evitare le continue percosse di Sam; trovandosi in condizione di fantasma viene catturato e trasportato anch'esso all'Inferno.

Per Sam è arrivato finalmente il momento di andare in Paradiso; nel miracolo di quel momento, Dio concede a Sam di essere visibile agli occhi di Molly ed Oda Mae: Sam ringrazia la sua amica per averlo aiutato e finalmente dice a Molly quel tanto sospirato "Ti amo" che in vita, per paura, non era mai riuscito a pronunciare. Prima di ricongiungersi con gli spiriti buoni, Sam saluta le due donne dicendo "addio", ma Molly invece gli risponde "ciao", poiché ha compreso che non esiste una fine, nemmeno con la morte.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese si sono svolte dal 24 luglio 1989 al 5 dicembre dello stesso anno.[1]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Essendo un film ambientato a New York, buona parte delle scene vennero appunto girate nella città medesima; come altra location venne sfruttata Los Angeles, in particolare per le scene della banca.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito negli Stati Uniti d'America il 13 luglio 1990, mentre in Italia il 16 novembre dello stesso anno ed è stato distribuito dalla Paramount Pictures.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu un vero e proprio successo, incassando circa $506 milioni in tutto il mondo, a fronte di un budget di produzione di appena $22 milioni.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Musical[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno 2013 è stata prodotta la versione italiana teatrale di Ghost il Musical, già messo in scena a Londra nella stagione teatrale 2011-2012. Basato sull'omonimo film, il musical è scritto dallo stesso sceneggiatore Bruce Joel Rubin, con la collaborazione di Dave Stewart e Glen Ballard per le liriche e le musiche.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La scena del bacio tra Sam e Molly viene ripresa nell'episodio Rubare la prima base della serie animata I Simpson nel momento in cui Bart Simpson bacia una sua coetanea, Nikki. La scena del bacio viene infatti accompagnata da scene di baci di film famosi come parodia di Nuovo Cinema Paradiso di Tornatore.
  • Nella colonna sonora è compreso il brano Unchained Melody nella versione del 1965 dei Righteous Brothers. Grazie al film, il brano tornò ad essere una hit nelle classifiche di molti paesi.
  • Whoopi Goldberg nel ruolo di Oda Mae Brown è stata suggerita ai produttori da Patrick Swayze, suo ammiratore.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Box office / incassi per Ghost - Fantasma (1990), Internet Movie Database. URL consultato il 26 gennaio 2012.
  2. ^ Ghost (1990) - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 21 maggio 2016.
  3. ^ Ghost - Fantasma (1990) - Curiosità e citazioni, Silenzio in Sala. URL consultato l'11 ottobre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN219969898 · GND: (DE4667402-0 · BNF: (FRcb14292073m (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema