Arsenio Hall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arsenio Hall nel 2008.

Arsenio Hall (Cleveland, 12 febbraio 1956) è un cabarettista, attore, personaggio televisivo, conduttore televisivo, produttore televisivo e autore televisivo statunitense, principalmente conosciuto in patria per The Arsenio Hall Show.

Lo show, creato, prodotto e condotto dallo stesso Hall, è andato in onda tra il 1989 ed il 1994 ed è successivamente stato ripreso nel 2013-2014. Hall ha partecipato anche in parti secondarie ai film Harlem Nights e Il principe cerca moglie.

Tra il 1988 e il 1991, ha presentato gli MTV Video Music Awards.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Arsenio Hall Show[modifica | modifica wikitesto]

Arsenio agli Emmy Awards del 1989

Dal 2 gennaio 1989 fino al 27 maggio 1994, Hall ebbe un contratto con la Paramount per condurre un talk-show in tarda serata trasmesso a livello nazionale. Lo show si rivelò un grosso successo di pubblico, specialmente tra le fasce più giovani di telespettatori e divenne famoso il modo alternativo agli applausi utilizzato dal pubblico in sala e dallo stesso Arsenio per esprimere il proprio gradimento: ripetere in coro "Woof, Woof, Woof!" roteando i pugni in aria. Il gesto diventò un tormentone così diffuso da apparire in film come Pretty Woman (1990) e Insieme per forza (1991).

M.C. Hammer, amico di Hall e all'epoca all'apice del successo, fu uno degli ospiti più frequenti. In aggiunta, Hall intervistò "Jason Voorhees", il personaggio principale della celebre saga horror Venerdì 13 in occasione dell'uscita nei cinema dell'ottavo capitolo della serie Venerdì 13 parte VIII - Incubo a Manhattan.[1] Il creatore dei Muppets Jim Henson apparve allo show 12 giorni prima di morire nel maggio 1990.[2] Inoltre, Hall spesso aveva ospiti nel suo talk show wrestler della World Wrestling Federation, come Hulk Hogan (che negò in trasmissione di aver mai fatto uso di steroidi), Ravishing Rick Rude con Bobby Heenan, Randy Savage, Bad News Brown, Big Boss Man, Akeem con Slick e The Ultimate Warrior.

Hall ebbe anche una rivalità con Jay Leno quando questi divenne il conduttore del Tonight Show dopo il ritiro di Johnny Carson, durante la quale Arsenio dichiarò che "avrebbe spaccato il culo" a Leno riguardo agli ascolti.[3]

Hall utilizzò la sua notorietà in questo periodo per aiutare a combattere i pregiudizi nei confronti delle persone sieropositive all'AIDS dopo che Magic Johnson aveva rivelato di essersi ammalato. Hall e Johnson girarono un documentario divulgativo sulla malattia, Time Out: The Truth About HIV, AIDS, and You, che andò in onda nei primi anni novanta.

Altri lavori[modifica | modifica wikitesto]

Terminato il periodo come conduttore dell'Arsenio Hall Show, Hall ebbe altri ruoli di primo piano in programmi televisivi quali la sitcom di breve durata Arsenio (1997) e Più forte ragazzi con Sammo Hung (1998-2000), oltre a presentare il revival del talent show Star Search (2003-2004).

Nel 2013 Hall decise di riproporre il suo talk-show storico, The Arsenio Hall Show, in onda a partire dal 9 settembre su alcune emittenti via CBS Television Distribution.[4] Il programma fu cancellato dopo una sola stagione a causa dei bassi indici d'ascolto. L'ultima puntata andò in onda il 30 marzo 2014.[5]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997, dopo essere stato lontano dalle luci della ribalta per tre anni, Hall diede un'intervista per smentire le voci che lo davano in clinica a disintossicarsi: "Sono andato su Internet e ho letto che ero ricoverato presso una clinica Betty Ford a disintossicarmi... Allora postai sotto falso nome un messaggio dove dicevo: "Conosco Arsenio meglio di chiunque altro e lui non si sta disintossicando, brutti idioti!".[6]

Il 5 maggio 2016, Hall intentò una causa per diffamazione da 5 milioni di dollari nei confronti di Sinéad O'Connor dopo che questa aveva dichiarato che Arsenio era responsabile di aver incoraggiato il consumo di droghe di Prince e di averle drogato il drink durante una festa a casa di Eddie Murphy.[7][8] Hall ritirò la causa quando la O'Connor si scusò e ritrasse l'accusa a lui fatta di aver fornito droga a Prince.[9]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jason Voorhees on talk show, YouTube. URL consultato l'8 settembre 2013.
  2. ^ Jim Henson on Arsenio Hall, YouTube, 24 giugno 2007. URL consultato l'8 settembre 2013.
  3. ^ Celebrity Quotes, in Entertainment Weekly, 24 febbraio 1995. URL consultato il 17 luglio 2008.
  4. ^ Nellie Andreeva, It’s Official: CBS TV Distribution To Do Late-Night Talk Show With Arsenio Hall; Show Cleared In 52% Of US Via Tribune Deal, Deadline.com, 18 giugno 2012. URL consultato il 19 giugno 2012.
  5. ^ 'The Arsenio Hall Show’ Canceled After One Season Variety. 30 maggio 2014
  6. ^ Archives - Philly.com, articles.philly.com. URL consultato il 26 gennaio 2017.
  7. ^ Arsenio Hall files a lawsuit after defamation, TMZ.com, 5 maggio 2016. URL consultato il 5 maggio 2016.
  8. ^ Sinead O'Connor contro Arsenio Hall per la morte di Prince: dopo le accuse chiede scusa e ritratta tutto
  9. ^ Arsenio Hall Drops Sinead O'Connor Lawsuit Over Prince Drug Comments, in Rolling Stone. URL consultato l'8 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54349713 · ISNI (EN0000 0000 0107 2306 · LCCN (ENn91126356 · GND (DE1012811344 · WorldCat Identities (ENn91-126356
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie