Vincent Schiavelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincent Schiavelli con la moglie d'allora Allyce Beasley ai Premi Emmy 1987

Vincent Andrew Schiavelli (New York, 11 novembre 1948Polizzi Generosa, 26 dicembre 2005) è stato un attore, gastronomo e regista teatrale statunitense.

Attore caratterista di origini italiane, ha recitato in oltre 150 film, tra cinema e televisione. Noto per i suoi numerosi e spesso acclamati dalla critica ruoli di supporto, nel 1997 la rivista Vanity Fair lo ha indicato come uno dei caratteristi più importanti del cinema statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Schiavelli nacque a Brooklyn, New York, in una famiglia italo-americana originaria di Polizzi Generosa, borgo in provincia di Palermo arroccato sulle Madonie, paese d'origine anche di parte della famiglia del regista Martin Scorsese. Da adolescente ha frequentato la Bishop Loughlin Memorial High School, per poi studiare recitazione alla New York University.

Ha iniziato ad esibirsi sul palco nel 1960, e il primo ruolo cinematografico fu nel 1971, nel film Taking Off di Milos Forman, in cui interpretava un consulente che insegna ai genitori di adolescenti in fuga a fumare marijuana al fine di comprendere meglio le esperienze dei loro figli. Si mise in luce nel ruolo di uno dei pazienti del manicomio in Qualcuno volò sul nido del cuculo, sempre di Forman, al fianco di Jack Nicholson, ed in diversi altri film dello stesso regista, fino ad arrivare a partecipare a 98 film e ad effettuare 52 apparizioni come guest star in telefilm. Pur essendo eterosessuale, ha interpretato il primo ruolo gay della televisione americana, recitando nel 1972 nel ruolo di Peter Panama nel telefilm The Corner Bar.

Schiavelli è stato sposato con l'attrice Allyce Beasley dal 1985 al 1988. Dal loro legame, nel 1987 è nato il figlio Andrea. Nel 1990 ha avuto un celebre ruolo nel film Ghost - Fantasma, diretto da Jerry Zucker, interpretando il fantasma che insegna al protagonista a muovere gli oggetti. Nel 1992 ha sposato Carol Mukhalian, una arpista americana.

Schiavelli scrisse quattro libri tutti legati alla gastronomia, tra cui uno, Bruculinu, America - Remembrances of Sicilian-American Brooklyn, Told in Stories and Recipes, il racconto ironico di storie e ricette della vita dei siciliani nella Brooklyn di inizio secolo, pubblicato anche in Italia da Sellerio editore[1]. In esso si parla del nonno dell'autore, "Papà Andrea", cuoco presso un barone siciliano, capostipite dell'emigrazione a "Bruculinu"; da lui provengono tutte le ricette che Vincent interpreta alla perfezione.

L'unico premio vinto da Schiavelli in tutta la sua carriera è stato un premio legato alla gastronomia, il James Beard Foundation Award, vinto nel 2001 per un articolo sulla cucina siciliana uscito sul Los Angeles Times[2][3]. La passione gastronomica lo spinse a scrivere anche numerosi articoli su diverse prestigiose riviste, non solo di settore.

Sentendosi più siciliano che americano, nel 2003 si trasferì a Polizzi Generosa, e lì trascorse l'ultimo periodo della sua vita con la sua ultima compagna, l'attrice e commediografa Katia Vitale[4][5]. In Italia prese parte ai film Gli indesiderabili, di Pasquale Scimeca (2003) e Miracolo a Palermo!, di Beppe Cino (2004); nel 2004, assieme alla compagna, recitò nel videoclip del brano Annina, di Max Gazzè[6].

Il 18 e il 19 novembre curò al Teatro Nuovo Montevergini di Palermo la regia di una commedia dialettale della compagna, L'invidia di Assuntina, spettacolo conclusivo della prima edizione del Palermo Teatro Festival[7][8][9][10].

Poco più di un mese dopo, il giorno seguente al Natale 2005, si spense nella sua casa, all'età di 57 anni, dopo una lunga malattia. Era affetto dalla sindrome di Marfan ed era presidente onorario della National Marfan Foundation, un'organizzazione che aiuta le persone colpite da questa malattia[11].
Nella triste occasione ci fu lutto cittadino e la camera ardente fu allestita nella sala comunale del paese; Schiavelli è stato tumulato in un colombario del cimitero di Polizzi Generosa.

Nel 2006 uscì, postumo, il film Nuovomondo, di Emanuele Crialese, con la sua ultima interpretazione.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Come doppiatore è stato sostituito da:

Nella miniserie televisiva Ferrari recita in italiano.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Schiavelli era alto 1,97 m.
  • Ha recitato nel 6º episodio della I stagione della serie televisiva Moonlighting.
  • Ha recitato nel 20º episodio della II stagione della serie televisiva X-Files.
  • Ha recitato nel 21º episodio della II stagione della serie televisiva Charlie's Angels.
  • Ha recitato nel 21º episodio della I stagione della serie televisiva Star Trek: The Next Generation.
  • Ha recitato in due episodi della II stagione della serie televisiva Buffy l'ammazzavampiri.
  • Ha partecipato assieme a Katia Vitale al videoclip del brano Annina, di Max Gazzè.
  • Ha partecipato alla serie televisiva Starsky e Hutch.
  • Ha partecipato al videoclip musicale Breakaway dei ZZ Top

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Schiavelli, V., Papa Andrea's Sicilian Table - Recipes from a Sicilian Chef as Remembered by His Grandson, New York, Citadel Press, 1993 (uscito in edizione riveduta nel 2001 come Papa Andrea's Sicilian Table - Recipes and Remembrances of My Grandfather)
  • Schiavelli, V., Bruculinu, America - Remembrances of Sicilian-American Brooklyn, Told in Stories and Recipes, Boston, Houghton Mifflin, 1998
  • Schiavelli, V., The Sicilian Cookbook - Recipes From a Sicilian Chef as Remembered by His Grandson, New York, Birch Lane Press, 1999
  • Schiavelli, V., Many Beautiful Things - stories and recipes from Polizzi Generosa, New York, Simon & Schuster, 2002, ISBN 978-0-7432-1528-2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Many Beautiful Things - Tanti Beddi Cosi (2014), di Aurelio Gambadoro, documentario sugli ultimi anni della vita di Vincent Schiavelli[12]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN222915 · ISNI: (EN0000 0001 0946 8329 · LCCN: (ENn93051424 · GND: (DE1061268284 · BNF: (FRcb14225015q (data)
  1. ^ Bruculinu America di Vincent Schiavelli - Sellerio Editore, su sellerio.it. URL consultato il 23 giugno 2017.
  2. ^ (EN) RUSS PARSONS, L.A.'s Campanile Wins James Beard Award, in Los Angeles Times, 02 maggio 2001. URL consultato il 22 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Vincent Schiavelli More Than Just 'That Guy', in Fox News, 27 dicembre 2005. URL consultato il 22 giugno 2017.
  4. ^ SPECIALE EVENTI/DOCUMENTARI/Storia di un’emigrazione inversa, su www.oggi7.info. URL consultato l'08 luglio 2017.
  5. ^ Addio a mister 'Bruculinu' - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 22 giugno 2017.
  6. ^ Max Gazzè - Annina, su YouTube. URL consultato l'08 luglio 2017.
  7. ^ Il teatro a Montevergini si chiude con Schiavelli - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato l'08 luglio 2017.
  8. ^ Il Caleidoscopio delle Madonie - ATTRICE, AUTRICE E REGISTA DI TEATRO, KATIA VITALE IL LEGAME CON LA SUA SICILIA E IL SOGNO DI UNIRE GLI ARTISTI RAGUSANI A QUELLI POLIZZANI, su www.ilcaleidoscopio.info. URL consultato l'08 luglio 2017.
  9. ^ Palermo Teatro Festival, di scena gli attori di casa nostra, su Balarm.it. URL consultato l'08 luglio 2017.
  10. ^ Morto Schiavelli era il matto del «Cuculo», in ilGiornale.it. URL consultato l'08 luglio 2017.
  11. ^ Nexta, Vincent Schiavelli, su film.it. URL consultato l'08 luglio 2017.
  12. ^ Many Beautiful Things - Tanti Beddi Cosi, su italiandoc.it.