Crest (emblema scozzese)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il crest badge scozzese in araldica è un emblema o insignia che viene indossato per mostrare la propria adesione volontaria o l'appartenenza ereditata a un Clan scozzese[1]. In inglese, l'emblema araldico è detto anche impresa. Il crest badge è anche detto nel gergo comune clan crest, ma è un nome inappropriato, perché non esiste un'insegna per il clan scozzese, esattamente come non esiste un armoriale per il clan scozzese.

Il crest badge consiste di un cimiero e di un motto, eventualmente integrato da uno slogan che per la legge scozzese è comunque tutt'uno col motto, e che in araldica scozzese indica un secondo ulteriore motto a volte impresso nello scudo. Questi due elementi sono tutelati dalla legge araldica scozzese come proprietà privata.

Lo slogan CREAG AN TUIRC appare sullo crest badge di un membro del Clan scozze MacLaren.

I crest badge ossono essere indossati da chiunque, ma chi non ne ha legalmente titolo è obbligato ad indossarlo circondato da una cinghia e fibbia. Coloro che possiedono gli elementi araldici di diritto, possono invece indossare il crest badge circondato da un cerchio piano. La cinghia e fibbia stanno ad indicare che l'indossatore è un seguace della persona che possiede di diritto la cresta e il motto.

I Crest badge sono in genere indossati dai membri di clan scozzesi. Questi distintivi sono gli elementi araldici presenti nell'armoriale del clan chief ("capo-clan").

I Clan scozzesi armigeri sono famiglie o nomi registrati presso la Court of the Lord Lyon, hanno avuto in tempi antichi un Capo che indossava un armoriale indifferenziato, nel novecento non hanno avuto un capo riconosciuto dalla stessa Corte: i membri di questi clan indossano il crest badge dell'ultimo clan chief legalmente e ufficialmente riconosciuto. Tuttavia, alcuni clan violano questa consuetudine e indossano crest badge che sono parte dell'armoriale di persone mai riconosciute come clan chief.

Poiché i clan crest sono oggetto di compravendita, essi appartengono per diritto ereditario soltanto al clan chief e in nessun caso ai membri del clan (che potrebbe venderlo coi relativi diritti di indossarlo senza cinghia o fibbia).

I crest badge e i tartan dei clan hanno una storia recente, risalente al periodo vittoriano, e solo a inizio novecento iniziarono ad essere portati sui bonnet (un cappello in genere femminile). L'araldica dei clan sembra che fosse in parte diversa: piante particolari indossate sempre sui vonnet, appesa alla punta di un palo o di una lancia[2].

Introduzione[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "clan badge" è molto usato, ma è un nome improprio. Anche se è possibile acquistare "clan badge", per cui la medagliamo insigna stessa può essere di proprietà di un membro del clan, gli elementi araldici (la cresta e il motto) in essa rappresentati appartengono soltanto ed esclusivamente al capo, e mai ad un singolo membro del clan. La cresta e il motto all'interno e sono di proprietà esclusiva del capo, e membri del clan sono autorizzati solo a indossare il badge in una mostra di fedeltà al loro clan e capo clan. È illegale per un membro del clan di appropriarsi della cresta del capo e il motto in atti come decoratingsilverware e iscrizioni su sigillo ringsand gioielli. In breve, stemmi, creste e motti sono la proprietà personale di una sola persona, e in termini di "creste clan" sono di proprietà del capo clan. La legge araldica vieta l'appropriazione indebita da parte di membri del clan (per l'argenteria o per un sigillo).

I crest badge sono specificamente destinati ad essere indossati dalle personem e nella parte esterna possono esswre prodotti in argento o metallo bianco. Se illustrati, devono essere realizzati in un solo colore, mai colorati. Per la legge araldica, le donne sono intitolate ad indossare il crest badge come una spilla in genere dal lato sinistro, e per loro il crest badge è realizzato in oro.

Secondo gli uffici inglesi per la tenuta e verifica degli armoriali, quali John Martin Robinson e Thomas Woodcock, le badge crest hanno svolto un ruolo relativamente insignificante nell'araldica scozzese rispetto all'araldica inglese. Di conseguenza molti armigeri scozzesi, compreso i capi del clan, hanno creste comparativamente simili l'un l'altro[3]: quindi, i distintivi della cresta possono a volte mostrare un'associazione evidente con un altro clan. Ad esempio, i clan associati alla Confederazione Chattan condividono distintivi di cresta molto simili che recano gatti selvatici.[4], quali: i Clan Chattan, MacBain, Macgillivray, Mackintosh, Macpherson, MacThomas. Di nuovo, i Clan associati con il Clan MacTavish, quali sono il Clan Campbell di Breadalbane, Clan MacIver ed il Clan Clan Campbell, indossano crest badge che contengono creste e motti che alludono a quella del capo del Clan MacTavish (lett. "di mare, marini)[5][6][7][8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Crests, in The Court of the Lord Lyon. URL consultato il 31 gennaio 2008.
  2. ^ Iain Moncreiffe of that Ilk, The Highland Clans, London, Barrie & Rocklif, 1967, p. 20.
  3. ^ Woodcock, Thomas; John Martin Robinson Thomas Woodcock (officer of arms), The Oxford Guide to Heraldry, Oxford University Press, Fontana, 1988, p. 83, ISBN 0-19-280226-7.
  4. ^ Way of Plean, George; Squire, Romilly, Clans & Tartans, Glasgow, HarperCollins, 2000, pp. 70, 166, 188, 204, 228, 232, ISBN 0-00-472501-8.
  5. ^ Way of Plean, George; Squire, Romilly, Clans & Tartans, Glasgow, HarperCollins, 2000, pp. 64, 196, ISBN 0-00-472501-8.
  6. ^ Clan MacTavish, in Standing Council of Scottish Chiefs. URL consultato il 3 maggio 2008.
  7. ^ Clan MacTavish, in Standing Council of Scottish Chiefs. URL consultato il 9 aprile 2008.
  8. ^ Campbell of Airds, Alastair, A History of Clan Campbell: Volume 1: From Origins To The Battle Of Flodden, Edinburgh, Edinburgh University Press, 2000, pp. 246–247, ISBN 1-902930-17-7.

.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]