Corchiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corchiano
comune
Corchiano – Stemma
Corchiano – Veduta
Corchiano visto dalla forra
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
ProvinciaStemma ufficiale provincia di viterbo.png Viterbo
Amministrazione
SindacoPaolo Parretti (lista civica) dal 5-6-2016
Territorio
Coordinate42°20′45″N 12°21′23″E / 42.345833°N 12.356389°E42.345833; 12.356389 (Corchiano)Coordinate: 42°20′45″N 12°21′23″E / 42.345833°N 12.356389°E42.345833; 12.356389 (Corchiano)
Altitudine196 m s.l.m.
Superficie33,03 km²
Abitanti3 701[1] (30-6-2019)
Densità112,05 ab./km²
Comuni confinantiCivita Castellana, Fabrica di Roma, Gallese, Vignanello
Altre informazioni
Cod. postale01030
Prefisso0761
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT056023
Cod. catastaleC988
TargaVT
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona D, 1 769 GG[2]
Nome abitanticorchianesi
Patronosan Biagio
Giorno festivo3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Corchiano
Corchiano
Corchiano – Mappa
Posizione del comune di Corchiano nella provincia di Viterbo
Sito istituzionale

Corchiano è un comune italiano di 3 701 abitanti della provincia di Viterbo nel Lazio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è situato a sud dei Monti Cimini, nelle vicinanze del Lago di Vico. Confina con i comuni di Fabrica di Roma, Civita Castellana, Vignanello e Gallese. L'antico borgo affaccia sulla forra del Rio Fratta, oggi divenuto monumento naturale.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica: zona D, 1769 GR/G

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Forre di Corchiano, il ponte romano sul Rio Fratta.

Antica città falisca, Corchiano, fu dominio dei Farnese. Il borgo conserva l'impianto medievale, con vicoli tortuosi e suggestive piazzette. miniatura


Fino al medioevo il comprensorio dell'Agro Falisco visse un periodo di tranquillità, ma quando i Barbari scesero verso Roma saccheggiando e devastando, Falerii, nonostante le sue 50 torri e le possenti mura perimetrali, era troppo vulnerabile, per cui gli abitanti abbandonarono la città e si rifugiarono sui precedenti dirupi.

La vecchia Fescennium venne quindi riabitata intorno all'anno 1000, furono costruiti numerosi castelli ed il paese prese il nome di Hortiano, sotto la guida del capitano Ranieri di Farolfo. Altre famiglie si avvicendarono alla guida del paese tra cui i Di Vico, gli Orsini che vi rimasero fino al 1472. Nel 1534 entrò a far parte del Ducato di Castro per volontà di Paolo III Farnese, che donò tale ducato al figlio Pier Luigi Farnese. Fu questo il periodo più prospero per l'architettura corchianese.

Come in ogni loro feudo i Farnese costruirono una nuova rocca che andò morendo nei secoli successivi alla distruzione di Castro nel 1649 e, definitivamente abbattuta nel 1979, di cui rimangono alcuni monconi. Successivamente Corchiano passò alla Chiesa e ad altre signorie, venne occupata dalle truppe francesi nel 1798 per ritornare sotto la Camera Apostolica fino all'unità d'Italia, nel 1870.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Sant'Antonio[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa è stata costruita in stile romanico con materiale tufaceo, presenta sul portale una scritta in un bel latino decadente: Egidio Ranaldi e Domenico Celli fondarono nel 1478 la chiesa in onore di S.Antonio. Entrando, la chiesa si presenta di semplice aspetto con tetto a capriata. Anticamente, l’edificio era una piccola cappella dedicata al Santo datata 1422, poi, aumentando l’affluenza dei fedeli, venne ampliata com’è allo stato attuale ed il portale si trovava per l’appunto all’altezza dell’arcata a chiusura della cappella. Davanti all’abside, una macchina di S.Antonio di recente costruzione come pure l’altare. Sulla sinistra si trova un affresco troppo rovinato, per cui non si conosce chi rappresenti, mentre ai lati, posti al termine delle navate, due affreschi; in quello a sinistra, S.Antonio e S.Atanasio nell’atto di narrare la vita di S.Antonio Abate, mentre a destra un affresco raffigurante il Santo. Al centro della navata di sinistra, si trova un dipinto ad olio datato 1634, Nel quadro viene rappresentato il Cristo crocifisso, ai lati del quale, due angeli,mentre in basso, partendo da sinistra, notiamo un apostolo, seguito da Maria Maddalena, in ginocchio la Madonna pregante, S. Giovanni e S.Antonio Abate.

Chiesa di San Biagio[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa principale di Corchiano risale alla seconda metà del Quattrocento e conserva al suo interno un pregevole ciclo di affreschi votivi eseguiti intorno al 1468 da Lorenzo da Viterbo e dai suoi allievi. Tra gli altri affreschi anche un San Biagio in trono, patrono del paese, e due santi vescovi attribuiti ad Antonio da Viterbo. L’esterno della chiesa si presenta in forme semplici, con facciata di forma quasi quadrata e occhio centrale e un piccolo portale sul fianco destro.

Chiesa di Sant’ Egidio[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa risale al XVI secolo. Visibilmente rimaneggiata nel XVI secolo, deve avere certamente un'origine più’ antica, testimoniata tra l’altro dal loculo della facciata e dalle sei finestrelle con l’arco a tutto sesto visibili sui lati. Il portale della facciata, in peperino, con stipiti modanati, riporta un'iscrizione centrale “EX ELEMOSINIS” 1510, inquadrata da due grifi in posizione araldica. La monofora a tutto sesto, i cui stipiti sono arricchiti da motivi decorativi, porta sull’archivolto l’iscrizione: ”Beati cui adivverbu Dei ecus” cioè beati coloro che vengono nel nome di Dio. Un recente restauro ha messo in evidenza la struttura muraria, che presenta blocchi di tufo tagliati in maniera irregolare e rincalzi in laterizio. All'interno la chiesa si presenta ad una sola navata, con soffitto a capriata. Le pareti, l’abside ed il presbiterio, sono ornati da affreschi attribuiti ai fratelli Alessandro e Bartolomeo Torresani. Nell’abside una crocifissione con ai lati; Santa Maria Maddalena e S.Giovanni apostolo sulla sinistra, sulla destra altri apostoli, ai piedi della croce, la Madonna piangente. Al di sotto di questo affresco, si trovano tre dipinti: al centro, olio su tela, l’immagine di S.Biagio ed ai lati due affreschi, a sinistra S.Biagio ed a destra S.Valentino. Alla destra dell’abside, una tela dipinta ad olio raffigurante l’immagine di S.Sebastiano martire. A metà navata, racchiusi da due nicchie, due meravigliosi affreschi attribuiti anch’essi ai Torresani. Sulla sinistra, le figure di S.Macario e S.Antonio abate, nell’atto di pregare per allontanare le tempeste ed i fulmini, a destra, l’affresco rappresentante S.Marco Evangelista. Questi affreschi, venne poi dimostrato, vennero murati, durante una lunga pestilenza, e così rimasti fino al loro rinvenimento da parte di Don Domenico Amselmi

Chiesa della Madonna delle Grazie[modifica | modifica wikitesto]

Lungo la provinciale che porta al vicino borgo di Gallese sorge la chiesa della Madonna delle Grazie, interamente in pietra grezza. All'interno spicca per maestosità e pregio l'altare centrale in stile barocco. Sopra l’altare un affresco raffigura l’effigie della Madonna delle Grazie, tanto cara alla comunità di Corchiano circondata da S.Biagio, a sinistra e S.Valentino a destra, protettori di Corchiano. L’attuale aspetto della chiesa si deve al restauro voluto da Don Domenico Anselmi nel 1987, che fece anche realizzare il sagrato prospiciente la chiesa e la facciata con pietre a vista.

Chiesa Santa Maria del Rosario[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa è risalente alla prima metà del Quattrocento è situata nella parte vecchia del paese, presenta esternamente, a livello architettonico e decorativo, un campanile a vela e due portali in peperino, di questi, il primo, centrale, riporta la data del 1423, mentre il secondo, laterale e più piccolo, viene realizzato nei primi anni del Novecento, sebbene la cornice provenga dall'antica chiesa romanica di San Valentino, demolita dopo l'Unità d'Italia. Ristrutturata nella prima metà del secolo XX, la parrocchiale è divisa in tre navate e custodisce nella parete absidale una pregevole immagine della Vergine Maria con il Bambino che reca la corona del rosario ai santi Domenico di Guzman e Caterina da Siena. L'opera, un olio su tela del 1745, è del pittore Marco Caprinozzi di Civita Castellana. Benché il ciclo pittorico sia stato in gran parte ricoperto da contro pareti erette durante i lavori di ristrutturazione, nella contro facciata si scorgono tre pannelli votivi, riferibili alla fine del Quattrocento. Interessanti sono le raffigurazioni di San Rocco e di un Giovane santo, ben descritte nei tratti e nelle vesti rinascimentali. Inoltre, lo stile, di chiara derivazione umbro viterbese, si ritrova nell'immagine di Sant'Antonio, nonostante il tratto più marcato e i lineamenti più popolareschi.

Chiesa della Madonna del Soccorso[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Chiesa della Madonna del Soccorso (Corchiano).

Sulla strada per Vignanello, troviamo una chiesa rinascimentale attribuita a Giuliano da Sangallo risalente al XV secolo: la “Madonna del Soccorso”, chiesa riconosciuta e dichiarata nel 1902 monumento nazionale.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Tradizione e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Presepe vivente

L’aspetto che caratterizza il Presepe vivente di Corchiano è la sua teatralità. Organizzato dall'Associazione Pro-Loco Corchiano, dalla sua nascita, (1969) fino ad oggi l'evento ha mantenuto immutato il suo sistema di svolgimento. Il Presepe vivente di Corchiano è un vero e proprio spettacolo teatrale all'aperto focalizzato sul tema della Sacra Natività, di cui vengono ripercorsi i momenti più salienti. Lo spettacolo è arricchito da numerosi effetti di scena e dalla colonna sonora che accompagna tutto lo svolgimento dello spettacolo curata dal premio oscar Nicola Piovani e narrata dalla voce di Gigi Proietti.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Tra la prima e seconda domenica di agosto si svolgono numerose manifestazioni tra le quali il Fescennino D'Oro.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la tabella storica elaborata dall'Istat a tema Unità locali, intesa come numero di imprese attive, ed addetti, intesi come numero addetti delle unità locali delle imprese attive (valori medi annui).[4]

2015 2014 2013
Numero imprese attive % Provinciale Imprese attive % Regionale Imprese attive Numero addetti % Provinciale Addetti % Regionale Addetti Numero imprese attive Numero addetti Numero imprese attive Numero addetti
Corchiano 211 0,9% 0,05% 653 1,1% 0,04% 215 624 236 712
Viterbo 23.371 5,13% 59.399 3,86% 23.658 59.741 24.131 61.493
Lazio 455.591 1.539.359 457.686 1.510.459 464.094 1.525.471

Nel 2015 le 211 imprese operanti nel territorio comunale, che rappresentavano lo 0,9% del totale provinciale (23.371 imprese attive), hanno occupato 653 addetti, l'1,1% del dato provinciale (59.399 addetti); in media, ogni impresa nel 2015 ha occupato tre persone (3,09).

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Una parte dell'economia del paese è retta dall'agricoltura e, in particolare, dalla coltivazione della nocciola romana.[senza fonte]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Corchiano è servita da due stazioni ferroviarie:

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Corchiano tramite la Strada Provinciale 28 San Luca è collegata a Vignanello, tramite la strada provinciale 29 Cenciano è collegata a Civita Castellana, tramite la strada provinciale 71 Corchianese, è collegata a Fabrica di Roma, e tramite la strada provinciale 153 Delle Pastine, è collegata a Gallese.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1927, a seguito del riordino delle circoscrizioni provinciali stabilito dal regio decreto n. 1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Viterbo, Corchiano passò dalla provincia di Roma a quella di Viterbo.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1993 1997 Bengasi Battisti Democrazia Cristiana Sindaco
1997 2002 Bengasi Battisti Centro Sinistra - Liste civiche Sindaco
2002 2006 Francesco Ceccarelli Centro Sinistra - Liste civiche Sindaco
2006 2011 Bengasi Battisti Lista insieme Sindaco
2011 2016 Bengasi Battisti Insieme per Corchiano - Lista civica Sindaco
2016 in carica Paolo Parretti Vivere Corchiano - Lista civica Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Atletica leggera[modifica | modifica wikitesto]

  • Alto Lazio ASD.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2019.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Atlante Statistico dei comuni dell'Istat
  5. ^ La società sul sito della Fidal (funzione cerca sulla mappa)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN168834507 · WorldCat Identities (ENlccn-n82050535
Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Lazio