Classe Kiev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Classe Kiev
la portaerei Novorossijsk nel 1986
la portaerei Novorossijsk nel 1986
Descrizione generale
Naval Ensign of the Soviet Union.svg Naval Ensign of Russia.svg Naval Ensign of India.svg
Tipo portaerei
Classe Kiev
Entrata in servizio 28 dicembre 1975
Caratteristiche generali
Lunghezza 273 m m
Propulsione 8 caldaie turbopressurizzate, 4 turbine a vapore
Velocità 32 nodi
Equipaggio 1200 - 1600
Armamento
Armamento artiglieria alla costruzione:

Missili:

Siluri:

  • 10 tubi lanciasiluri da 533mm
Mezzi aerei fino a 30, inclusi:

12 × Yak-38

16 x elicotteri

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Classe Kiev è il nome in codice NATO delle portaerei di sviluppo e costruzione sovietica Progetto 1143 Krechyet, entrate in servizio in quattro esemplari a partire dalla metà degli anni settanta.

La classificazione russa per questo tipo di navi è TAKR (Тяжёлый авианесущий крейсер translitterato Tjažëlij Avianesuščyj Krejser), ovvero incrociatore pesante portaaeromobili.

Precedentemente queste navi con l'esclusione dell'Admiral Gorškov hanno ricevuto anche la classificazione di BPKR (Большой противолодочный крейсер translitterato Bol'šoj Protivolodočnyj Krejser), ovvero grande incrociatore antisommergibile e TPKR (Тяжёлый противолодочный крейсер translitterato Tjažëlij Protivolodočnyj Krejser), ovvero incrociatore pesante antisommergibile.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'incrociatore portaeromobili sovietico Novorossijsk ripreso dal finestrino di un Kamov Ka-27 Helix.

Le quattro navi classe Kiev sono state le uniche, vere portaerei della marina sovietica, con la capacità di ospitare i caccia del tipo Yakovlev Yak-38 Forger, e un gran numero di elicotteri. Esse erano anche pesantemente armate, con vari standard di allestimento, che è variato a seconda dell'unità, in quanto esse sono state realizzate tra gli anni settanta e il decennio successivo. Le prime tre unità entrate a far parte della Marina Russa dopo il crollo dell'Unione Sovietica sono state radiate nel 1993, mentre l'ultima, entrata in servizio nel 1982 con il nome Baku, è stata rinominata Admiral Gorškov dopo la disgregazione dell'Unione Sovietica.

Per descrivere la quarta unità, la Baku, ecco una citazione da Globalsecurity.org:



« The fourth unit of the Kiev-class, the Baku [later renamed Gorshkov], is sometimes considered a separate class. Improvements included a phased array radar, extensive electronic warfare installations, and an enlarged command and control suite. The flight deck was extended forward approximately 5 meters over those of the first three ships[1]»

[la quarta unità della classe Kiev, la Baku (in seguito ribattezzata Gorškov), può essere considerata come classe a sé. Tra i miglioramenti si contano un radar a scansione di fase, svariati apparati da guerra elettronica, e un più ampio sistema di comando e controllo. Il ponte di volo è stato allungato di 5 metri rispetto a quello delle prime tre navi.]

In servizio con la Marina Russa, in seguito ad una serie di incidenti, non ha più preso il mare dal 1995, anno in cui è entrata ufficialmente in riparazione (probabilmente mai iniziata). Nel 2004 è stata ceduta dalla Russia all'India, che l'ha ribattezzata Vikramaditya. Dopo lunghi lavori di rifacimento, ritardati dallo stato peggiore del previsto dell'unità, la nave iniziò le prove a mare a giugno 2012. Un problema alle caldaie causò un ulteriore ritardo; le prove a mare furono ripetute a luglio 2013, questa volta con esito positivo. La nave fu, quindi, consegnata alla marina indiana il 15 novembre 2013[2].

Unità[modifica | modifica sorgente]

Unità della Classe Kiev della Marina militare sovietica

Naval Ensign of the Soviet Union.svg Voenno Morskoj Flot SSSR / Naval Ensign of Russia.svg Voenno Morskoj Flot Rossijskoj Federacii - Classe Kiev
Matricola Nome Cantiere Impostata Varata Completata Entrata in servizio Destino finale
062[3] Kiev Cantiere Nikolayev 07/21/1970 12/27/1972 01/03/1975 28 dicembre 1975 Radiata il 30 giugno 1993, venduta nel 1996 ad una società cinese, dal 2004 è nel parco tematico Binhai Park a Tientsin
117[4] Minsk Cantiere Nikolayev 12/29/1972 09/30/1975 09/28/1978 27 settembre 1978 Radiata il 30 giugno 1993, venduta nel 1995 ad un affarista sud-coreano e poi una società cinese, dal 2006 è nel parco tematico Minsk World a Shenzhen.
137[5] Novorossiysk Cantiere Nikolayev 09/30/1975 12/24/1978 09/12/1982 14 agosto 1982 Radiata il 30 giugno 1993, venduta nel 1995 alla Corea del Sud e demolita nel 1997 a Pohang.
079[6] Admiral Gorškov ex Baku[7] Cantiere Nikolayev 12/**/1978 04/17/1982 01/**/1987 11 dicembre 1987 Radiata nel 1996, venduta all'India nel 2004[8], in servizio con l'Indian Navy dal novembre 2013 col nome di INS Vikramaditya.
La portaerei Baku ora in servizio nella Bhāratīya Nāu Senā, la marina militare indiana, con il nome INS Vikramaditya

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Globalsecurity.org
  2. ^ (EN) Refitted carrier arrives in India at last in Warship Technology, marzo 2014, pp. 18-20.
  3. ^ nel 1975
  4. ^ nel 1978
  5. ^ nel 1982
  6. ^ nel 1987
  7. ^ fino al 4 ottobre 1990
  8. ^ World Aircraft Carriers List: Russia & The Soviet Union

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]