Classe Admiral Gorshkov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Classe Admiral Gorshkov
Progetto 22350
Admiral Gorshkov frigate 03.jpg
La Admiral Gorshkov in navigazione; 2018
Descrizione generale
Naval ensign of Russia.svg
Tipofregata missilistica multiruolo
ClasseGorshkov
ProprietàNaval ensign of Russia.svg Voenno-morskoj flot
CantiereRussiaSevernaya Verf
Impostazione1 febbraio 2006
Varo29 ottobre 2010
Entrata in servizio28 luglio 2018
Caratteristiche generali
Dislocamento4.500 t
5.400 t (pieno carico)
Lunghezza135 m
Larghezza16 m
Pescaggio4,5 m
PropulsioneCODAG con 2 assi;
2 turbine a gas М90ФР da 27.500 cv;
2 motori Diesel 10Д49 da 5.200 cv;
per 65.000 cv totali
Velocità29,5 nodi (54,63 km/h)
Autonomia30 giorni
Equipaggio210
Equipaggiamento
Sensori di bordo
  • radar di ricerca aerea: 5P-27 Furke 4, Poliment search & targeting radar
  • radar di ricerca di superficie: 34K1 Monolit?
  • radar di controllo fuoco: 5P-10 Puma for A-192M[senza fonte]
  • Sonar: equipaggiamento montato a scafo Zarya M, array sonar rimorchiato Vinyetka [senza fonte]
  • Navigazione: ?
  • Comunicazioni: Vigstar Centavr-NM-1
Armamento
Artiglieria1 cannone Arsenal A-192M da 130mm
2 CIWS Palash da 30 mm
2 mitragliere MTPU da 14.5mm
Siluri2 x 4 Paket-NK da 330mm
Missilianti-nave / cruise
2 x 8 VLS per P-800 Oniks e/o Kalibr
difesa aerea
1 x 32 VLS per missili 9M96/9M96M/9M96D e/o 9M100
Mezzi aerei1 elicottero Ka-27
Note
dati riferiti alla versione:Serie I
dati tratti da:
RIA Novosti[1]
RusNavy[2]
voci di navi presenti su Wikipedia

La classe Admiral Gorshkov o Progetto 22350 (in cirillico: проекта 22350 Адмирал Горшков) è una classe di fregate multiruolo di fabbricazione russa, sviluppata a San Pietroburgo, nei Cantieri Severnaya Verf, negli anni 2000-2010 per conto dalla marina russa ed entrate in servizio a partire dal 2018.[3]

Destinate al rinnovamento della flotta, si tratta del primo esempio di fregate di moderna concezione prodotte in una ex-repubblica sovietica dalla dissoluzione dell'URSS, nonché la prima classe di navi di prima linea interamente progettata e costruita nella Federazione Russa.

La classe, conosciuta anche con l'appellativo di Classe Ammiragli, è costituita da unità multiruolo dotate di un pezzo d'artiglieria a prua e lanciatori verticali multipli capaci di imbarcare missili anti-nave e cruise subsonici e supersonici (Kalibr, Oniks) nonché sistemi integrati di difesa aerea, guerra elettronica e per la lotta sottomarina.

A causa delle lunghe tempistiche di sviluppo il progetto è stato sottoposto a continui aggiornamenti che hanno de facto dato origine a due sotto-classi distinte: una prima dotata di un VLS da 16 missili e composta dalle prime 4 unità della classe, ed una seconda dotata di un VLS da 24 celle a cui corrispondono le successive 4 unità della classe. Inoltre, è stata prevista una versione ulteriormente aggiornata denominata Progetto 22350M Super Gorshkov dotata di VLS da 48 missili ed un dislocamento prossimo alle 8.000 tonnellate.[4]

Tra il 2020 ed il 2021, le unità di questa classe sono state impegnate nei test di lancio del missile Zircon, divenendo le prime unità navali a lanciare un sistema d'arma ipersonico.[5]

Al luglio 2021, sono 2 le navi entrate in servizio attivo mentre ulteriori 6 unità sono in diverse fasi della loro costruzione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La silhouette della fregata aggiornata al 2011

Prime fregate interamente progettate e costruite in Russia e realizzate con componenti provenienti dal solo mercato domestico, il disegno della capo-classe è stato approvato dal comando navale nel luglio 2003.[6] Alle unità di questa classe è dato il difficile compito di fissare il nuovo standard qualitativo e tecnologico delle unità di prima linea della marina russa del XXI secolo, causa il raggiungimento del limite di vita operativa delle unità maggiori ereditate dalla marina sovietica, quali i cacciatorpediniere di classe Udaloy e Sovremmenny e le fregate classe Kashin e Krivak.[7]

Per via del gran numero di unità specializzate che sono state chiamate a sostituire, le Gorshkov sono state specificamente progettate per ricoprire più ruoli – dalla lotta antisommergibile, alla difesa aerea, all'ingaggio di unità nemiche – obiettivo raggiunto tramite l'integrazione di componenti elettroniche di ultima generazione ed armamenti modulari universali, in grado cioè di condividere un ampio numero di munizioni con le unità già in servizio con la marina.

Le navi di questa classe hanno sofferto di gravi ritardi a causa di numerosi fattori, tra i quali si ricordano: le sanzioni internazionali derivanti dalla crisi Ucraina, la riqualificazione e l'accumulo di know-how delle attività cantieristiche – perse in gran parte con la dissoluzione dell'URSS – e, non da ultimo, le continue modifiche ai requisiti di progetto voluti dal Ministero della Difesa russo dovuti alla rapida evoluzione della dottrina navale russa passata dal considerarsi una flotta corvetto-centrica per la difesa delle acque verdi al volersi re-impossessare del ruolo di marina oceanica alla stregua di quelle francese, inglese, italiana e statunitense.

La marina russa ha emanato un requisito per 20/30 unità di questa classe.[8]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La capoclasse, Admiral Gorshkov (nome completo Ammiraglio della flotta dell'Unione Sovietica Gorshkov), è stata impostata il 1º febbraio 2006 nei cantieri Severnaya Verf a San Pietroburgo.[9] Nel tardo ottobre 2008 il vice primo ministro russo, Sergei Ivanov, annunciò che la prima nave della classe sarebbe stata pronta nel 2011. La prima fregata è stata posta in galleggiamento al di fuori del bacino di lancio il 29 ottobre 2010. la nave era completa solo al 40% ed iniziò ad essere allestita.[10] Al 2011, buona parte dell'equipaggiamento meccanico e dei sistemi che consentano un lancio in sicurezza era stata installata, compreso un impianto motore con diesel e turbina a gas combinati (CODAG), scatola di riduzione, porta assi ed elica, e impianti di generazione elettrica. Ulteriori lavori erano programmati al molo di allestimento del cantiere.[11] Successivi resoconti sull'avanzamento lavori, riferirono che le fregate sarebbero state integrate nell'organico della marina russa nel novembre 2013.[12]

Il 21 agosto 2012, il cantiere Severnaya Verf annunciò che aveva avuto un doppio prestito su base quadriennale per un valore di 16,23 miliardi di rubli (circa 509,88 milioni di dollari statunitensi) dalla Sberbank, una banca di proprietà dello Stato. Il denaro avrebbe dovuto essere usato per la costruzione della classe Admiral Gorshkov.[13]

A causa delle sanzioni internazionali[14] comminate alla Russia in merito all'annessione della Crimea dall'Ucraina nel 2014[15], la produzione delle fregate è stata sospesa per poi riprendere a pieno ritmo qualche anno più tardi, una volta sostituiti tutti i componenti di origine allogena (sottoposti ad embargo commerciale) con altri di fabbricazione russa.

A dicembre 2014 è stato svelato un pesante upgrade della classe Gorshkov denominato Project 22350M – informalmente soprannominato Super Gorshkov – che avrebbe portato alla creazione di unità fondamentalmente diverse dalle originali, con ampliate capacità missilistiche (VLS a 48 celle) ed un dislocamento prossimo alle 8.000 tonnellate.

L'intervento russo in Siria a supporto del Presidente siriano Bashar al-Assad, inaugurato con il lancio di missili da crociera Kalibr da navi della marina russa contro installazioni ed equipaggiamenti appartenenti al gruppo terroristico dell'ISIS dallo specchio d'acqua antistante le coste del governatorato siriano di Latakia nel settembre 2015 (primo impiego bellico di missili da crociera lanciati da unità navali non appartenenti all'U.S. Navy), hanno portato il ministero della difesa russo a riformulare parte dei requisiti di progetto per le future unità della classe Gorshkov. Modifica principale rispetto alle prime quattro unità della serie, è l'incremento del 50% della capacità di lancio del VLS di prua che passerà dalle 16 celle della Isakov alle 24 celle della Amelko.[16]

Nel luglio 2018, la Admiral Gorshkov ha partecipato alla parata navale di San Pietroburgo svoltasi in occasione dei festeggiamenti del giorno della marina entrando poco dopo ufficialmente in servizio nella Flotta del Nord. A margine della cerimonia di consegna dell'unità capo-classe, il contrammiraglio Viktor Bursuk dichiarò vicino l'inizio dei lavori concettuali per il progetto Super Gorshkov; i lavori di progettazione sono poi stati avviati il 25 dicembre 2018 presso i cantieri Severnaya Verf.[17]

Nel 2019, due nuove unità appartenenti alla Serie II sono state impostate mentre, a novembre dello stesso anno, la progettazione delle Super Gorshkov è stata ultimata.[17]

Nel 2020, la seconda unità della classe (prima di serie) Admiral Kasatonov, è entrata nei ranghi della marina.[18] La Admiral Golovko è stata varata nel maggio dello stesso anno, mentre è stata completata la costruzione dello scafo della Admiral Isakov. Due nuove unità sono state impostate il 20 luglio 2020, portando il totale delle navi formalmente ordinate a 8 unità.[19]

Unità[modifica | modifica wikitesto]

Nome Costruttore Impostazione Varo Entrata in servizio Flotta Stato
Progetto 22350 (Serie I)
Admiral Gorshkov Cantieri del Nord, San Pietroburgo 1 febbraio 2006[8] 29 ottobre 2010[10][11] 28 luglio 2018[20] del Nord[21] Attivo
Admiral Kasatonov Cantieri del Nord, San Pietroburgo 26 novembre 2009 12 dicembre 2014 15 luglio 2020[18] del Nord Attivo
Admiral Golovko Cantieri del Nord, San Pietroburgo 1 febbraio 2012[22][23] 22 maggio 2020[24] 2022[25] del Nord[26] prove in mare
Admiral Isakov Cantieri del Nord, San Pietroburgo 14 novembre 2013[27] del Nord In costruzione
Progetto 22350 (Serie II)
Admiral Amelko Cantieri del Nord, San Pietroburgo 23 aprile 2019 del Pacifico[28] In costruzione
Admiral Chichagov Cantieri del Nord, San Pietroburgo 23 aprile 2019 del Pacifico In costruzione
Admiral Yumashev Cantieri del Nord, San Pietroburgo 20 luglio 2020[19] del Pacifico In costruzione
Admiral Spiridonov Cantieri del Nord, San Pietroburgo 20 luglio 2020[19] In costruzione

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Project 22350 Gorshkov (Serie I) – 4.500 tonnellate di dislocamento, VLS a 16 celle; Gorshkov, Kasatonov, Golovko e Isakov corrispondono a questo standard

Project 22356[29][30] – versione da esportazione della Serie I, proposta il 3 novembre 2010 in occasione dell'esposizione internazionale Euronaval-2010

Project 22350 Gorshkov (Serie II) – 5.000 tonnellate di dislocamento, VLS a 24 celle; Amelko, Chichagov, Yumashev e Spiridonov corrispondono a questo standard

Project 22350M SuperGorshkov – ca. 8.000 tonnellate di dislocamento, VLS a 48 celle; si suppone che la prima nave di questa classe possa prendere servizio non prima del 2025[31]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Северная верфь" заложила фрегат и разведывательный корабль для ВМФ | РИА Новости
  2. ^ 15.10.2010, Export variant of newest Russian frigate was presented at Euronaval-2010, su rusnavy.com, 2 novembre 2011. URL consultato l'8 settembre 2011.
  3. ^ Головной фрегат "Адмирал Горшков" включили в боевой состав ВМФ России, su ТАСС. URL consultato il 7 ottobre 2021.
  4. ^ Russian Shipbuilding Officials Outlined Future for Project 22350/22350M Frigates, su Mil.Today. URL consultato il 7 ottobre 2021.
  5. ^ MW: "Циркон" значительно увеличит огневую мощь ВМФ России, su Российская газета. URL consultato il 7 ottobre 2021.
  6. ^ John Pike, Project 22350 Admiral Sergei Gorshkov, su globalsecurity.org. URL consultato il 15 giugno 2011.
  7. ^ 29.10.2010, Фрегат "Адмирал Горшков" в составе ВМФ сохранит присутствие России в мировом океане, su flot.com, 29 ottobre 2010. URL consultato il 15 giugno 2011 (archiviato il 23 luglio 2011).
  8. ^ a b 26.02.2010, Russian Navy to get Project 22350 frigate Admiral Gorshkov in 2011, su rusnavy.com, 26 febbraio 2010. URL consultato il 15 giugno 2011.
  9. ^ Russia to float out new missile frigate in 2011 | Russia | RIA Novosti, su en.rian.ru, 30 ottobre 2008. URL consultato il 15 giugno 2011 (archiviato il 5 giugno 2011).
  10. ^ a b Russia floats out first of new class of frigate | Defense | RIA Novosti, su en.rian.ru, 29 ottobre 2010. URL consultato il 15 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2011).
  11. ^ a b 29.10.2010, Frigate Admiral Flota Sovetskogo Soyuza Gorshkov has been launched, su rusnavy.com, 29 ottobre 2010. URL consultato il 15 giugno 2011.
  12. ^ Severnaya Verf to Launch Corvette Stoiky in May
  13. ^ Russia: Serbank Approves Two USD 509.8 Million Loans for Severnaya Verf Shipyard >> Naval Today
  14. ^ Subscribe to read | Financial Times, su ft.com. URL consultato il 22 luglio 2020.
  15. ^ (EN) France halts Russia warship delivery, in BBC News, 3 settembre 2014. URL consultato il 22 luglio 2020.
  16. ^ (EN) Franz-Stefan Gady, Russia’s New Admiral Gorshkov-Class Stealth Frigate Enters Final Shipbuilder’s Trials, su thediplomat.com. URL consultato il 22 luglio 2020.
  17. ^ a b Russia Completed Concept Design of ‘Super Gorshkov’ Frigate, su Mil.Today. URL consultato il 22 luglio 2020.
  18. ^ a b Фрегат "Адмирал Касатонов" передали ВМФ России, su Российская газета. URL consultato il 15 luglio 2020.
  19. ^ a b c Two Russian latest nuclear-powered subs to carry hypersonic weapons, su TASS. URL consultato il 20 luglio 2020.
  20. ^ Головной фрегат "Адмирал Горшков" включили в боевой состав ВМФ России, su tass.ru, TASS, 28 luglio 2018. URL consultato il 28 luglio 2018.
  21. ^ Frigate Admiral Gorshkov Starts Trials in November
  22. ^ Сразу два боевых корабля заложат на "Северной верфи" в Петербурге | Оборона и безопасность | Лента новостей "РИА Новости", su ria.ru, 30 gennaio 2012. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  23. ^ 01.02.2012, Severnaya Verf Laid Down Project 20385 Lead Corvette Gremyaschiy, su rusnavy.com. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  24. ^ На фрегате "Адмирал Касатонов" протестировали маршевые двигатели, su flotprom.ru, 8 novembre 2017. URL consultato il 9 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2017).
  25. ^ Фрегат "Адмирал Головко" войдет в состав ВМФ России в 2022 году, su Российская газета. URL consultato il 14 maggio 2021.
  26. ^ 03.02.2012, Russian Navy Needs About 20 Admiral Gorshkov-Class Frigates, su rusnavy.com. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  27. ^ Russia Starts Construction of 2 New Warships, RIA Novosti, 14 novembre 2013. URL consultato il 16 novembre 2013.
  28. ^ navyrecognition.com, https://www.navyrecognition.com/index.php/news/defence-news/2020/june/8599-three-latest-frigates-admiral-gorshkov-class-of-project-22350-will-join-the-russian-navy-pacific-fleet.html. URL consultato il 22 luglio 2020.
  29. ^ 03.11.2010, Russia offers newest developments in shipbuilding, su rusnavy.com, 29 ottobre 2010. URL consultato il 15 giugno 2011.
  30. ^ 02.11.2010, Export variant of newest Russian frigate was presented at Euronaval-2010, su rusnavy.com. URL consultato il 15 giugno 2011.
  31. ^ Russian Shipbuilding Officials Outlined Future for Project 22350/22350M Frigates, su Mil.Today. URL consultato il 22 luglio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]