Circondario di Gallarate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Circondario di Gallarate
ex circondario
Localizzazione
StatoItalia Italia
ProvinciaProvincia di Milano-Stemma.svg Milano
Amministrazione
CapoluogoGallarate
Data di istituzione1859
Data di soppressione1926
Territorio
Coordinate
del capoluogo
45°39′54″N 8°47′29″E / 45.665°N 8.791389°E45.665; 8.791389 (Circondario di Gallarate)Coordinate: 45°39′54″N 8°47′29″E / 45.665°N 8.791389°E45.665; 8.791389 (Circondario di Gallarate)
Abitanti?
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Circondario di Gallarate – Localizzazione

Il circondario di Gallarate era uno dei circondari in cui era suddivisa la provincia di Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'annessione della Lombardia dal Regno Lombardo-Veneto al Regno di Sardegna (1859), fu emanato il decreto Rattazzi, che riorganizzava la struttura amministrativa del Regno, suddiviso in province, a loro volta suddivise in circondari. Il circondario di Gallarate fu creato come suddivisione della provincia di Milano.

Con l'Unità d'Italia (1861) la suddivisione in province e circondari fu estesa all'intera Penisola, lasciando invariate le suddivisioni stabilite dal decreto Rattazzi.

Il circondario di Gallarate venne soppresso nel 1926[1] e il territorio assegnato al circondario di Milano[2]. L'anno successivo gran parte del territorio circondariale, compreso il capoluogo, passò alla nuova provincia di Varese[3].

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1863, la composizione del circondario era la seguente[4]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regio Decreto 21 ottobre 1926, n. 1890, art. 1
  2. ^ Regio Decreto 21 ottobre 1926, n. 1890, art. 2
  3. ^ R.D.L. 2 gennaio 1927, n. 1, art. 1
  4. ^ Ministero di Grazia e Giustizia e dei Culti (a cura di), Dizionario dei comuni del Regno d'Italia e tavole statistiche e sinottiche della circoscrizione amministrativa elettorale ed ecclesiastica con la indicazione della popolazione giusta l'ultimo censimento, Torino, Stamperia Reale, 1863

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]