Museo arte Gallarate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo arte Gallarate
MAGA Museum of Gallarate, Nov 2016.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàGallarate
IndirizzoVia Egidio De Magri, 1 - 21013 Gallarate (VA) e Via Egidio De Magri 1, 21013 Gallarate
Coordinate45°39′15″N 8°47′52″E / 45.654167°N 8.797778°E45.654167; 8.797778
Caratteristiche
Tipoarte moderna e arte contemporanea
Istituzione1966
FondatoriSilvio Zanella
Apertura1966
DirettoreEmma Zanella
Visitatori5 427 (2020)
Sito web

Il Museo arte Gallarate (noto anche con l'acronimo di MAGA), già conosciuto dal 1966 come Civica Galleria d'Arte Moderna di Gallarate, è gestito dal 2009 dalla Fondazione Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Silvio Zanella che vede come soci fondatori il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Comune di Gallarate, e come partner istituzionali Regione Lombardia e Provincia di Varese. Il Maga, nel marzo 2010, ha così aperto, a quarant'anni dalla sua nascita, in un complesso architettonico di 5.000 metri quadri e con una collezione che all'oggi conta 5.500 opere. Il 14 febbraio 2013 il museo venne colpito da un incendio [1], che danneggiò gravemente la struttura ma non lesionò le opere d'arte. Gli spazi furono riaperti nei due anni successivi.

Collezione[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo nasce nel 1966, in seguito alle acquisizioni del Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate istituito nel 1949 e attivo ancora oggi, conserva più di 5.500 opere tra dipinti, sculture, installazioni, libri d'artista, fotografie, oggetti di design e opere di grafica che offrono ai visitatori un ricco e articolato panorama dei principali orientamenti artistici dalla metà del Novecento ai giorni nostri, con aperture sulle ricerche contemporanee internazionali.

Esposizione[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso espositivo segue un criterio cronologico e tematico attorno a tre nuclei fondamentali: l'arte in Italia tra gli anni venti e gli anni cinquanta, le declinazioni della pittura informale e le ricerche spazialiste, e gli sviluppi dell'arte dagli anni settanta ai giorni nostri, rinnovandosi frequentemente attraverso l'esposizione di opere a rotazione che approfondiscono i temi delle mostre temporanee.

Artisti[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli artisti in collezione ricordiamo Carlo Ramous, Carlo Carrà, Cesare Berlingeri, Mario Sironi, Mario Bardi, Renato Guttuso, Ernesto Treccani, Emilio Vedova, Ennio Morlotti, Giuseppe Santomaso, Afro Basaldella, Ferdinando Chevrier, Atanasio Soldati, Enrico Prampolini, Bruno Munari, Fausto Melotti, Lucio Fontana, Dadamaino, Gianni Colombo, Piero Gilardi, Studio Azzurro, Enrica Borghi, Adrian Paci, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini, Chiara Dynys, Bianco-Valente e Alice Cattaneo, cui si aggiungono le nuove acquisizioni tra cui Massimo Bartolini, Marcello Simonetta, Alessandra Spranzi, Moira Ricci, Antonio Del Donno che testimoniano la dinamicità di una collezione sempre in crescita.

Collezione del Museo MAGA[modifica | modifica wikitesto]

Le collezioni del Museo Maga ospitano le seguenti opere d'arte degne di nota:

  • Atanasio Soldati, Autoritratto (Self-portrait), 1930
  • Mario Sironi, Alpino e Nave (Alpine and Ship), 1939
  • Gianni Monnet, Costruzione (Construction), 1946
  • Ennio Morlotti, La pace (Peace), 1949
  • Emilio Vedova, L'urto (The bump), 1949
  • Silvio Consadori, Composizione (Composition), 1950
  • Bruno Munari, Progetto per negativo-positivo (Project for negative-positive), 1950
  • Mario Radice, Composizione pentagonale (Pentagonal composition), 1950
  • Angelo Del Bon, Fiori (Flowers), 1950
  • Raffaele De Grada, San Gimignano (St Gimignano), 1951
  • Atanasio Soldati, Ambiguità (Ambiguity), 1951
  • Gillo Dorfles, Immagini ambigue (Ambiguous figures), 1951
  • Afro Basaldella, A De Falla, 1952
  • Nino Di Salvatore, Struttura spaziale in tensione (Spatial structure in tension), 1952
  • Augusto Garau, Composizione (Composition), 1952
  • Aldo Carpi, Sulla spiaggia (On the beach), 1953
  • Carlo Carrà, Firenze (Florence), 1953
  • Bruno Cassinari, Donna in viola (Woman in purple), 1953
  • Gino Meloni, Il gallo (The rooster), 1954
  • Ernesto Treccani, L'accusa (The prosecution), 1955
  • Ennio Morlotti, Paesaggio (Landscape), 1955
  • Cesare Peverelli, Naissance, 1958
  • Emilio Scanavino, Immediatamente prima (Immediately before), 1960
  • Dadamaino, Volume a moduli sfasati (Volume to offset modules), 1960
  • Lucio Fontana, Concetto spaziale (Spatial concept), 1960
  • Giuseppe Guerreschi, Città invasa (Invaded city), 1960
  • Davide Boriani, Superficie magnetica (Magnetic surface), 1961

Biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

Nella biblioteca specialistica, oltre ai volumi più aggiornati sulle ricerche contemporanee, sono consultabili gli archivi del MAC, del Madì, della Mail art e del Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate.

Attività espositiva e culturale[modifica | modifica wikitesto]

Nel progetto di promozione dell'arte contemporanea si inserisce un ricco programma di mostre temporanee dedicate ai diversi ambiti della ricerca artistica. Il museo ha sempre sviluppato e approfondito due direzioni: la rilettura storico-critica del XX secolo attraverso progetti espositivi che mettono in luce autori e percorsi importanti per più recente passato e il sostegno alle ricerche più attuali, che proseguono l'obiettivo di un continuo aggiornamento del patrimonio museale. Rientrano nel primo caso le mostre antologiche dedicate a Amedeo Modigliani e Alberto Giacometti corredate da cataloghi con scritti critici e scientifici sugli artisti. Negli ultimi anni, inoltre, il MAGA si è aperto sempre più alle tendenze attuali puntando l'attenzione anche sull'arte internazionale e la stretta contemporaneità, all'interno di questa direzione la mostra dedicata a Marcelì Antunez Roca, a Carsten Nicolai, la collettiva When the impossibile Happens e Long Play, edizione del 2011 del Premio Nazionale Arti Visive di Gallarate che dagli anni cinquanta ad oggi, con cadenza pluriennale, contribuisce all'attività espositiva del Museo e all'incremento della collezione permanente. Accanto al calendario espositivo e connesso con questo, quello degli eventi; il MAGA infatti pone particolare attenzione alla cura di eventi rivolti all'interazione tra arti visive, musica, teatro e danza, nella convinzione che la contaminazione tra i linguaggi sia un luogo ricchissimo di ricerca, d'incontro e scambio e di arte intesa come esperienza diretta. Ne sono stati esempio il progetto artistico Jesus di Nico Vascellari (2011), il festival Performazioni con Ryoji Ikeda (2011) e Linguaggi estranei con Christian Fennesz e Thomas Köner (2009), e gli eventi che vengono organizzati in occasione della giornata del contemporaneo AMACI.

In data 14 febbraio 2013 si è sviluppato un incendio mentre erano in corso delle riparazioni al tetto della struttura e per evitare danni alle opere esposte, queste sono state spostate temporaneamente nei magazzini del museo[2].

Il 19 Aprile 2015 il museo riapre tutti gli spazi in occasione della mostra MISSONI, L'ARTE IL COLORE, evento dedicato alla storia della casa di moda e al dialogo tra l'opera di Ottavio Missoni e la scena artistica italiana del XX Secolo[3].

Nel Dicembre 2017 inaugura la prima mostra in Europa dedicata all'opera pittorica dello scrittore americano Jack Kerouac[4].

Dipartimento educativo[modifica | modifica wikitesto]

Il Dipartimento educativo del Maga nasce nel 1998 con l'intento di accogliere principalmente il pubblico delle scuole e avvicinarlo all'arte in un momento essenziale e delicato della formazione dell'individuo, quando comincia a nutrire il proprio sguardo critico sulle cose. Con la consapevolezza che l'incontro con l'opera sia un'occasione di scoperta in ogni età, il dipartimento nel corso degli anni ha ampliato la propria utenza in molte altre direzioni, specificando le proprie proposte per fasce d'età e pubblici differenti. Così, oltre ai laboratori didattici con le scuole di ogni ordine e grado, il dipartimento organizza corsi d'introduzione all'arte contemporanea, conferenze specialistiche e dibattiti tematici, studiando e progettando di anno in anno nuove proposte, percorsi teorici e pratici, workshop dedicati agli artisti in formazione, stage universitari, progetti di alternanza scuola lavoro che mirano ad avvicinare i ragazzi al mondo delle professioni di ambito artistico, viaggi culturali, eventi e progetti speciali, accogliendo ogni anno oltre 10.000 visitatori. Comune a tutte le più diverse proposte è il punto di partenza delle attività formative: la relazione con l'opera e le derive di senso che essa genera anche nel nostro più ordinario quotidiano.

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Data di inizio Data di fine Luogo
La voce degli artisti: storia del MAGA in 30 opere 11 marzo 2017 31 dicembre 2017 Museo MAGA
La collezione: percorsi d'arte astratta 12 marzo 2017 24 settembre 2017 Museo MAGA
Global Learning: pratiche artistiche e attività educative al MAGA[5] 17 giugno 2017 3 settembre 2017 Museo MAGA
Marcello Morandini: ILBIANCOILNERO[6] 12 marzo 2017 30 luglio 2017 Museo MAGA
Mauro Galliani: storie d'Italia 2 aprile 2017 11 giugno 2017 Museo MAGA
Mario Giacomelli. La collezione della città di Lonato del Garda 19 marzo 2017 4 giugno 2017 Palazzo Leone da Perego
Matteo Spertini - questo il presidente non lo sa 1 aprile 2017 1 maggio 2017 Museo MAGA
Giogio Vicentini e Salvatore Lovaglio[7] 15 febbraio 2017 31 marzo 2017 SEA Malpensa
Mirabili Mostri. L'apocalisse secondo Baj[8] 6 novembre 2016 26 febbraio 2017 Palazzo Leone da Perego
Ritmo sopra tutto: cinquant'anni di storia e di arte al MAGA 15 ottobre 2016 19 febbraio 2017 Museo MAGA
Recounting the present 8 settembre 2016 20 ottobre 2016 Museo MAGA
Urban mining / Rigenerazioni urbane[9] 14 maggio 2016 18 Septembre 2016 Museo MAGA
Missoni, Art, Colour 6 maggio 2016 14 settembre 2016 Fashion and textile museum, London
Ugo la Pietra. Abitare è essere ovunque a casa propria 16 aprile 2016 18 settembre 2016 Museo MAGA
Franco Fossa. La figura e i suoi luoghi 30 aprile 2016 26 giugno 2016 Palazzo Leone da Perego
Le stanze della Fotografia 5 marzo 2016 10 aprile 2016 Palazzo Leone da Perego
Dammi una voce - Opera site specific di Mme Duplok 5 marzo 2016 10 aprile 2016 Palazzo Leone da Perego
Marco Introini. Ritratti di Monumenti 20 febbraio 2016 20 marzo 2016 Museo MAGA
Un Realismo Dialettico. Pittura italiana tra 1919 e 1970 20 febbraio 2016 28 marzo 2016 Museo MAGA
BORA di Yuri ANcarani - MUSEO CHIAMA ARTISTA 20 febbraio 2016 28 marzo 2016 Museo MAGA
L'armonia della forma. Angelo Bozzola e il MAC[10] 28 novembre 2015 21 febbraio 2016 Palazzo Leone da Perego
MISSONI. L'ARTE, IL COLORE[11] 19 aprile 2015 24 gennaio 2016 Museo MAGA
Sul Farsi del Luogo, una mostra di Maurizio De Caro 22 febbraio 2015 10 marzo 2015 Palazzo Minoletti, Legano
Raphael Cuomo e Maria Iorio (di "Voglio vedere le mie montagne") 14 febbraio 2015 15 marzo 2015 Museo Cantonale d'Arte di Lugano
Voglio vedere le mie montagne 7 febbraio 2015 15 marzo 2015 Museo MAGA
Gottardo Ortelli[12] 30 gennaio 2015 2 novembre 2015 SEA Malpensa
Marinella Senatore Jammin' Drama Project - MUSEO CHIAMA ARTISTA 8 dicembre 2014 31 dicembre 2014 Museo MAGA
Gianni Caravaggio[13] 31 ottobre 2014 11 gennaio 2014 Museo MAGA
Mario Cresci. Ex Post[14] 6 settembre 2014 19 ottobre 2014 Museo MAGA
Giorgio Vicentini. Colore Soggettivo 7 maggio 2014 19 settembre 2014 Museo MAGA
Francesco Bertocco. Eclissi 3 maggio 2014 8 giugno 2014 Museo MAGA
Lidia Sanvito. Psicoggetti 3 maggio 2014 8 giugno 2014 Museo MAGA
Mariagiovanna Nuzzi. Deserti. Un antE-film 5 aprile 2014 2 maggio 2014 Museo MAGA
Gainluca e Massimiliano De Serio. Un ritorno - MUSEO CHIAMA ARTISTA 5 aprile 2014 2 maggio 2014 Museo MAGA
Andrea Magaraggia. L'ordine spontaneo 9 marzo 2014 3 aprile 2014 Museo MAGA
Impressions. Emanuele Becheri 9 marzo 2014 3 aprile 2014 Museo MAGA
Belvedere: paesaggi e visioni nella collezione del MAGA 9 febbraio 2014 3 agosto 2014 Museo MAGA
Project Room 8 febbraio 2014 8 maggio 2014 Museo MAGA
Vittore Frattini a Malpensa[15] 16 dicembre 2013 12 maggio 2014 SEA Malpensa
Alternative Nomadi - Mediterranea 16 4 dicembre 2013 22 dicembre 2013 Museo MAGA
With a little help from my FRIENDS. Artisti per il MAGA 23 novembre 2013 22 dicembre 2013 Museo MAGA
Omar Galliani Alessandro Busci, a cura di Flavio Caroli[16] 25 novembre 2012 14 febbraio 2013 Museo MAGA
Libri d'artista e altri racconti 13 ottobre 2012 11 novembre 2012 Museo MAGA
ABITARE MINIMO, una ricerca sull'essenzialità dell'abitare 12 maggio 2012 8 luglio 2012 Museo MAGA
LONG PLAY[17] 3 marzo 2012 22 luglio 2012 Museo MAGA
Aldo Tagliaferro. L'immagine trovata (opere 1970-2000)[18] 26 novembre 2011 29 gennaio 2012 Museo MAGA
Voglio soltanto essere malato. Multimedia Art Platform 26 novembre 2011 29 gennaio 2012 Museo MAGA
NEXT ARTS. Opere finaliste del concorso 26 novembre 2011 29 gennaio 2012 Museo MAGA
When the Impossible Happens 8 ottobre 2011 13 novembre 2011 Museo MAGA
Roberto Floreani / Alchemica[19] 1 luglio 2011 2 ottobre 2011 Museo MAGA
GIACOMETTI The Spirit of the Twentieth Century[20] 5 marzo 2011 19 giugno 2011 Museo MAGA
Cosa fa la mia anima mentre sto lavorando?[21] 14 novembre 2010 13 febbraio 2011 Museo MAGA
CARSTEN NICOLAI 1 ottobre 2010 31 ottobre 2010 Museo MAGA
Flash 80 8 luglio 2010 8 ottobre 2010 Museo MAGA
IL MISTICO PROFANO omaggio a Modigliani[22] 20 marzo 2010 20 giugno 2010 Museo MAGA

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brucia il museo Maga, opere d'arte evacuate - VareseNews, in VareseNews, 14 febbraio 2013. URL consultato il 29 ottobre 2017.
  2. ^ Da corriere.it
  3. ^ Il Maga veste Missoni - VareseNews, in VareseNews, 16 aprile 2015. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  4. ^ Lorenzo Madaro, La pittura secondo Jack Kerouac. A Gallarate | Artribune, in Artribune, 31 dicembre 2017. URL consultato il 21 settembre 2018.
  5. ^ Alessandro Castiglioni, Francesca Chiara, Lorena Giuranna, Global Learning - Pratiche artistiche e attività educative al MA*GA, in MA*GA, 2017.
  6. ^ Emma Zanella, Marco Meneguzzo (a cura di), Marcello Morandini. ILBIANCOILNERO, in Publi Paolini Editore, 2017.
  7. ^ Museo MA*GA (a cura di), Salvatore Lovaglio, Malie di passaggio. Giorgio Vicentini, Appunti di volo, in Edizioni Museo MA*GA, 2017.
  8. ^ Chiara Gatti, Roberta Cerini Baj, Emma Zanella, Mirabili Mostri. L'apocalisse secondo Baj, in Edizioni Museo MA*GA, 2016.
  9. ^ Emma Zanella e / and Alessandro Castiglioni (a cura di), Urban mining rigene-razioni urbane, in Corraini Edizioni, ISBN 978-88-7570-608-1, 2016.
  10. ^ Chiara Gatti, L'armonia della forma. Angelo Bozzola e il Movimento Arte Concreta (1948-1958), in Nomos Edizioni, ISBN 978-88-98249-63-3, 2015.
  11. ^ Luciano Caramel, Luca Missoni, Emma Zanella, Missoni. L'arte. Il colore, in Rizzoli, ISBN 978-88-17-08293-8, 2015.
  12. ^ Vittoria Broggini, Gottardo Ortelli, in Edizioni Museo MA*GA, 2015.
  13. ^ Emma Zanella, Gianni Caravaggio. Enfin seul, finalmente solo, alone at last, in Silvana Editoriale, ISBN 9788836629626, 2014.
  14. ^ Emma Zanella e / and Alessandro Castiglioni (a cura di), Mario Cresci EX/POST orizzonti momentanei, in Nomos Edizioni, ISBN 978-88-98249-29-9, 2014.
  15. ^ Vittoria Broggini, VIttore Frattini, in Edizioni Museo MA*GA, 2014.
  16. ^ Flavio Caroli, Omar Galliani, Alessandro Busci. Un passaggio di generazione (centro di gravità permanente), in Silvana Editoriale, 2012.
  17. ^ Castiglioni, Daneri, Isaia, Martinelli, Simonelli, Stolz, Zanella, Long Play, in Mousse Publishing, ISBN 9788896501764, 2012.
  18. ^ Giulia Formenti e / and Laura Carù, Aldo Tagliaferro. L'immagine trovata, in Edizioni Museo MA*GA, 2012.
  19. ^ Emma Zanella (a cura di), Roberto Floreani. Alchemica, in Silvana Editoriale, ISBN 9788836621033, 2011.
  20. ^ Michael Peppiat (a cura di), Alberto Giacometti. L'anima del Novecento. Nello studio di Giacometti, in Electa, ISBN 978-88-370-8507-0, 2011.
  21. ^ Francesca Pasini, Angela Vattese, Cosa fa la mia anima mentre sto lavorando?, in Electa, ISBN 9788837079420, 2010.
  22. ^ Beatrice Buscaroli, Emma Zanella, Il mistico profano omaggio a Modigliani, in Electa, ISBN 9788837075170, 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emma Zanella (a cura di), Guida alle Collezioni del MAGA, Electa, 2010, ISBN 978-88-370-7550-7.
  • Silvio Zanella, Testimonianze. Il Premio e la Civica Galleria d'Arte Moderna di Gallarate 1949-2000, Edizioni Quaderni del Premio, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN263029840 · LCCN (ENn2010048762 · WorldCat Identities (ENlccn-n2010048762