Ryoji Ikeda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ryoji Ikeda
Ryoji Ikeda - Spectra.jpg
Ikeda durante un'esibizione
Nazionalità Giappone Giappone
Genere Glitch
Sound art
Periodo di attività 1995 – in attività
Etichetta Staalplaat, Raster-Noton
Gruppi e artisti correlati Alva Noto, Dumb Type
Sito web

Ryoji Ikeda (Gifu, 1966[1]) è un compositore e artista giapponese.

Viene citato fra i maggiori esponenti della computer music contemporanea[2] e i suoi album +/- (1996), 0 °C (1998), matrix (2000), dataplex (2005) e test pattern (2008) sono considerati pionieristici nell'ambito della musica astratta contemporanea.[1] Viene inoltre ricordato per essere uno dei pochi artisti sonori noti a livello internazionale.[1]

Durante la propria carriera, Ikeda ha realizzato numerose installazioni sonore lungo tutto il mondo,[1] suonato con il gruppo multimediale Dumb Type,[2][3] e lavorato come professore di incisione alla Musashino Art University di Tokyo.[4] Attualmente vive e lavora a Parigi.[1]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Le sue composizioni, generalmente austere ed astratte[5][6] è strettamente correlate al sottogenere della musica glitch, possono essere "collage" astratti di campionamenti oppure il risultato di una modulazione dei parametri sonori applicati a pochissime fonti a volte accompagnate da un ritmo.[2][5][7] Per realizzare la propria musica, Ikeda ha spesso adoperato i suoni provenienti da apparecchiature digitali, quali stridii di connessioni fax, rumori di fonti radio, segnali prodotti da un computer o da codici Morse e altri.[8] Sebbene i suoi brani ricordino a volte il minimalismo sperimentale di La Monte Young e Alvin Lucier,[2][6] alcune delle sue pubblicazioni più recenti risentono l'influenza del dub e della techno minimale.[2]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995 - 1000 Fragments (Cci recordings)
  • 1996 - +/- (Touch)
  • 1998 - Time and Space (Staalplaat)
  • 1998 - 0 °C (Touch)
  • 1998 - Mort Aux Vaches (live recording at VPRO Radio; Staalplaat)
  • 1999 - 99 [for 20' to 2000] (Raster-Noton)
  • 2001 - Matrix (Touch)
  • 2001 - Cyclo. (con Alva Noto; Raster-Noton)
  • 2002 - Op. (Touch)
  • 2005 - Dataplex (Raster-Noton)
  • 2008 - Test Pattern (Raster-Noton)
  • 2010 - Dataphonics (Dis Voir)
  • 2013 - Supercodex (Raster-Noton)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e ryoji ikeda | biography
  2. ^ a b c d e Ryoji Ikeda Biography AllMusic, allmusic.com. URL consultato il 5 maggio 2014.
  3. ^ Hannes Leopoldseder, Christine Schöpf, Cyberarts 2000, ORF, 2000, p. 212.
  4. ^ Desmond Rochfort, Lines of Site: Ideas, Forms and Materialities, University of Alberta Press, 1999, p. 5.
  5. ^ a b Christopher J. Washburne, Maiken Derno, Bad Music: The Music We Love to Hate, Routledge, 2004, [1].
  6. ^ a b http://www.scaruffi.com/vol6/ikeda.html
  7. ^ Joanna Demers, Listening through the Noise: The Aesthetics of Experimental Electronic Music, Oxford University Press, 2010, pp. 86-87.
  8. ^ Jane Blocker, Seeing Witness: Visuality and the Ethics of Testimony, University of Minnesota, 2009, p. 77.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN81089843 · LCCN: (ENno2005117843 · ISNI: (EN0000 0001 2141 4411 · GND: (DE136806481 · BNF: (FRcb16206246n (data)