Black Celebration

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Black Celebration
album in studio
ArtistaDepeche Mode
Pubblicazione17 marzo 1986
Durata45:27
Dischi1
Tracce11
Genere[1]Rock alternativo
Alternative dance
EtichettaMute
ProduttoreDepeche Mode, Daniel Miller, Gareth Jones
Registrazionenovembre 1985-gennaio 1986:[1]
FormatiCD, MC, LP
Altri formatiSACD+DVD, download digitale, streaming
Certificazioni
Dischi d'argentoBandiera del Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oroBandiera della Francia Francia[3]
(vendite: 100 000+)
Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti[4]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoBandiera della Germania Germania[5]
(vendite: 500 000+)
Depeche Mode - cronologia
Album successivo
(1987)
Singoli
  1. Stripped
    Pubblicato: 10 febbraio 1986
  2. A Question of Lust
    Pubblicato: 14 aprile 1986
  3. A Question of Time
    Pubblicato: 11 agosto 1986
  4. But Not Tonight
    Pubblicato: 22 ottobre 1986

Black Celebration è il quinto album in studio del gruppo musicale britannico Depeche Mode, pubblicato il 17 marzo 1986 dalla Mute Records.

Annoverato tra gli album più influenti degli anni ottanta,[6][7] il disco è stato inserito al quindicesimo posto nella classifica dei 25 migliori album di tutti i tempi secondo Spin stilata nel 1989.[8]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo capitolo della trilogia berlinese dopo Construction Time Again e Some Great Reward, l'album segna l'inizio di una fase più cupa della carriera del gruppo, grazie alle spiccate tonalità dark dovute all'evoluzione delle sonorità proposte da Alan Wilder.

Per promuovere l'album, il gruppo intraprese il Black Celebration Tour, partito il 29 marzo 1986 dall'Apollo Theatre di Oxford, e conclusosi il 16 agosto dello stesso anno al Valby Idrætspark di Copenaghen.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Martin L. Gore, eccetto dove indicato.

  1. Black Celebration – 4:55
  2. Fly on the Windscreen - Final – 5:18
  3. A Question of Lust – 4:20
  4. Sometimes – 1:53
  5. It Doesn't Matter Two – 2:50
  6. A Question of Time – 4:10
  7. Stripped – 4:16
  8. Here Is the House – 4:15
  9. World Full of Nothing – 2:50
  10. Dressed in Black – 2:32
  11. New Dress – 3:42
Traccia bonus nelle edizioni canadese e statunitense
  1. But Not Tonight – 4:15
Tracce bonus nell'edizione CD europea
  1. Breathing in Fumes – 6:07
  2. But Not Tonight (Extended Remix) – 5:13
  3. Black Day – 2:36 (Martin L. Gore, Alan Wilder, Daniel Miller)
DVD bonus nella riedizione del 2007
  • A Short Film
  1. Depeche Mode 85-86 (The Songs Aren't Good Enough, There Aren't Any Singles and It'll Never Get Played on the Radio) – 57:40
  • Black Celebration in 5.1 and Stereo
  1. Black Celebration – 4:55
  2. Fly on the Windscreen - Final – 5:18
  3. A Question of Lust – 4:20
  4. Sometimes – 1:53
  5. It Doesn't Matter Two – 2:50
  6. A Question of Time – 4:10
  7. Stripped – 4:16
  8. Here Is the House – 4:15
  9. World Full of Nothing – 2:50
  10. Dressed in Black – 2:32
  11. New Dress – 3:42
  1. Black Celebration – 6:11
  2. A Question of Time – 4:37
  3. Stripped – 6:34
  • Additional Tracks
  1. Shake the Disease – 4:52
  2. Flexible – 3:14
  3. It's Called a Heart – 3:51
  4. Fly on the Windscreen – 5:07
  5. But Not Tonight – 4:19
  6. Breathing in Fumes – 6:08
  7. Black Day – 2:39 (Martin L. Gore, Alan Wilder, Daniel Miller)
  8. Christmas Island – 3:50 (Martin L. Gore, Alan Wilder)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Hanno partecipato alle registrazioni, secondo le note di copertina:[9]

Gruppo
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1986) Posizione
massima
Australia[10] 69
Austria[11] 26
Canada[12] 47
Finlandia[13] 17
Francia[14] 11
Germania[11] 2
Italia[15] 9
Nuova Zelanda[11] 34
Paesi Bassi[11] 35
Regno Unito[16] 4
Stati Uniti[17] 90
Svezia[11] 5
Svizzera[11] 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Ned Raggett, Black Celebration, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  2. ^ (EN) Black Celebration, su British Phonographic Industry. URL consultato il 9 agosto 2015.
  3. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, su InfoDisc. URL consultato il 9 agosto 2015. Selezionare "DEPECHE MODE" e premere "OK".
  4. ^ (EN) Depeche Mode - Black Celebration – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 9 agosto 2015.
  5. ^ (DE) Depeche Mode – Black Celebration – Gold-/Platin-Datenbank, su musikindustrie.de, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 9 agosto 2015.
  6. ^ (EN) Xfm launches '25' series for influential albums, su Music News, 31 gennaio 2011. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  7. ^ (EN) Stephen Hill, Every Depeche Mode album ranked from worst to best, su Louder, 10 maggio 2022. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  8. ^ (EN) Spin,The 25 Greatest Albums Of All Time, su rocklistmusic.co.uk. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  9. ^ (EN) Note di copertina di Black Celebration, Depeche Mode, Mute Records, CD STUMM 26, CD, 17 marzo 1986.
  10. ^ (EN) David Kent, Australian Chart Book 1970–1992, Australian Chart Book, St Ives, N.S.W, 1993, ISBN 0-646-11917-6.
  11. ^ a b c d e f (NL) Depeche Mode – Black Celebration, su Ultratop. URL consultato il 9 agosto 2015.
  12. ^ (EN) Top Albums - June 7, 1986, su bac-lac.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 9 agosto 2015.
  13. ^ (FI) Timo Pennanen, Sisältää hitin - levyt ja esittäjät Suomen musiikkilistoilla vuodesta 1972, 1ª ed., Helsinki, Kustannusosakeyhtiö Otava, 2006, ISBN 978-951-1-21053-5.
  14. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, su InfoDisc. URL consultato il 9 agosto 2015. Selezionare "DEPECHE MODE" e premere "OK".
  15. ^ Gli album più venduti del 1986, su Hit Parade Italia. URL consultato il 9 agosto 2015.
  16. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 23 March 1986 - 29 March 1986, su Official Charts Company. URL consultato il 9 agosto 2015.
  17. ^ (EN) Depeche Mode – Chart history, su Billboard, Penske Media Corporation. URL consultato il 9 agosto 2015. Cliccare sulla freccia all'interno della casella nera per visualizzare la classifica desiderata.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]