The Best of Depeche Mode, Volume 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Best Of Depeche Mode, Volume 1
ArtistaDepeche Mode
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione13 novembre 2006
Durata74:56
Dischi1+1 DVD
Tracce18 (CD)
23 (DVD)
GenereAlternative dance[1]
Dance rock[1]
Pop rock[1]
New wave[1]
Rock alternativo[1]
Rock elettronico[1]
Synth pop[1]
EtichettaMute Records Regno Unito
Sire/Reprise Stati Uniti
ProduttoreDepeche Mode, Daniel Miller, Gareth Jones, Dave Bascombe, Flood, Tim Simenon, Mark Bell, Ben Hillier
Registrazione1981-2005
NoteDisponibile anche con DVD antologico
Certificazioni originali
Dischi d'oroArgentina Argentina[2]
(vendite: 20 000+)
Danimarca Danimarca[3]
(vendite: 20 000+)
Francia Francia[4]
(vendite: 75 000+)
Irlanda Irlanda[5]
(vendite: 7 500+)
Portogallo Portogallo[6]
(vendite: 10 000+)
Spagna Spagna[7]
(vendite: 40 000+)
Svizzera Svizzera[8]
(vendite: 15 000+)
Dischi di platinoBelgio Belgio[9]
(vendite: 30 000+)
Europa Europa[10]
(vendite: 1 000 000+)
Germania Germania (2)[11]
(vendite: 400 000+)
Italia Italia (2)[12]
(vendite: 150 000+)
Regno Unito Regno Unito[13]
(vendite: 300 000+)
Russia Russia[14]
(vendite: 20 000+)
Ungheria Ungheria[15]
(vendite: 15 000+)
Certificazioni FIMI (dal 2009)
Dischi di platinoItalia Italia[16]
(vendite: 50 000+)
Depeche Mode - cronologia
Album precedente
(2005)
Album successivo
(2009)
Singoli
  1. Martyr
    Pubblicato: 30 ottobre 2006

The Best Of Depeche Mode, Volume 1 è una raccolta dei migliori singoli del gruppo musicale Synthpop britannico Depeche Mode. È stato pubblicato nel 2006 dalla Virgin Records per festeggiare 25 anni di fortunata carriera.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Contiene i primi successi come Just Can't Get Enough e New Life. Ripercorre la storia dal 1980 (anno di nascita della band) al 2006, anno di uscita dell'ultimo singolo, Martyr, una delle canzoni scartate dal loro ultimo album in studio pubblicato nel 2005, Playing the Angel; essa ha preso posto nella raccolta come singolo promozionale. Le confezioni sono 2: una contenente la sola compilation e un'altra contenente la compilation più un DVD antologico chiamato The Best of Videos, Volume 1 con 23 videoclip della band, più un documentario sulla raccolta.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Personal Jesus (Violator, 1990)
  2. Just Can't Get Enough (Speak & Spell, 1981)
  3. Everything Counts (Construction Time Again, 1983)
  4. Enjoy the Silence (Violator, 1990)
  5. Shake the Disease (The Singles 81>85, 1985)
  6. See You (A Broken Frame, 1982)
  7. It's No Good (Ultra, 1997)
  8. Strangelove (Music for the Masses, 1987)
  9. Suffer Well (Playing the Angel, 2005)
  10. Dream On (Exciter, 2001)
  11. People Are People (Some Great Reward, 1984)
  12. Martyr (inedito, 2006)
  13. Walking in My Shoes (Songs of Faith and Devotion, 1993)
  14. I Feel You (Songs of Faith and Devotion, 1993)
  15. Precious (Playing the Angel, 2005)
  16. Master and Servant (Some Great Reward, 1984)
  17. New Life (Speak and Spell, 1981)
  18. Never Let Me Down Again (Music for the Masses, 1987)

The Best of Depeche Mode Videos, Volume 1[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2007 è uscito in versione singola un DVD chiamato The Best Of Videos, Vol.1 che contenente 23 video musicali della band e un documentario sul greatest hits The Best Of, Vol. 1.

Nel DVD vi sono inclusi anche video di canzoni assenti nel CD audio, ovvero Stripped, A Question of Time, Behind the Wheel, In Your Room, Barrel of a Gun, Only When I Lose Myself ed I Feel Loved; inoltre è presente la versione remixata di Enjoy the Silence pubblicata per anticipare la raccolta di remix Remixes 81-04.

  • Video Musicali
  1. Just Can't Get Enough (Regia di Clive Richardson)
  2. Everything Counts (Regia di Clive Richardson)
  3. People Are People (Regia di Clive Richardson)
  4. Master and Servant (Regia di Clive Richardson)
  5. Shake the Disease (Regia di Peter Care)
  6. Stripped (Regia di Peter Care)
  7. A Question of Time (Regia di Anton Corbijn)
  8. Strangelove (Regia di Anton Corbijn)
  9. Never Let Me Down Again (Regia di Anton Corbijn)
  10. Behind the Wheel (Regia di Anton Corbijn)
  11. Personal Jesus (Regia di Anton Corbijn)
  12. Enjoy the Silence (Regia di Anton Corbijn)
  13. I Feel You (Regia di Anton Corbijn)
  14. Walking in My Shoes (Regia di Anton Corbijn)
  15. In Your Room (Regia di Anton Corbijn)
  16. Barrel of a Gun (Regia di Anton Corbijn)
  17. It's No Good (Regia di Anton Corbijn)
  18. Only When I Lose Myself (Regia di Brian Griffin)
  19. Dream On (Regia di Stéphane Sednaoui)
  20. I Feel Loved (Regia di John Hillcoat)
  21. Enjoy the Silence (remix 2004) (Regia di Uwe Flade)
  22. Precious (Regia di Uwe Flade)
  23. Suffer Well (Regia di Anton Corbijn)
  • Documentario su The Best of Depeche Mode, Vol 1

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Ex membri[modifica | modifica wikitesto]

  • Vince Clarke - tastiere, drum machine, cori
  • Alan Wilder - tastiere, campionamenti, drum machine, batteria, cori; basso in Walking in My Shoes

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2006) Posizione
massima
Austria[17] 9
Belgio (Fiandre)[17] 8
Belgio (Vallonia)[17] 5
Danimarca[17] 12
Europa[18] 2
Finlandia[17] 15
Francia[19] 2
Germania[17] 1
Grecia[20] 7
Italia[17] 5
Norvegia[17] 14
Paesi Bassi[17] 40
Polonia[21] 14
Portogallo[17] 10
Regno Unito[22] 18
Spagna[17] 14
Stati Uniti[23] 148
Stati Uniti (dance/electronic)[23] 2
Svezia[17] 13
Svizzera[17] 3
Ungheria[24] 5

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il termine volume 1 posto sulla copertina è solo una decorazione; non è al momento previsto un secondo volume.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (EN) The Best of Depeche Mode, Volume 1, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (ES) Discos de Oro y Platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  3. ^ (DA) Guld og platin november/december/januar, IFPI Danmark, 19 febbraio 2007. URL consultato il 14 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2015).
  4. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, InfoDisc. URL consultato il 9 agosto 2015. Selezionare "DEPECHE MODE" e premere "OK".
  5. ^ (EN) 2006 Certification Awards - Gold, The Irish Charts. URL consultato il 9 agosto 2015.
  6. ^ (PT) Top 30 Artistas - Semana 14 de 2007, Associação Fonográfica Portuguesa. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2007).
  7. ^ (ES) Top 100 Albumes - Semana 23: del 01.06.2009 al 07.06.2009 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2012).
  8. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 9 agosto 2015.
  9. ^ (NL) GOUD EN PLATINA - albums 2009, Ultratop. URL consultato il 9 agosto 2015.
  10. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards – 2007, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2013).
  11. ^ (DE) Depeche Mode - Best of Depeche Mode – Gold-/Platin- und Diamond-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 9 agosto 2015.
  12. ^ Le cifre di vendita - 2006 (PDF), Musica e dischi. URL consultato il 14 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2014).
  13. ^ (EN) The Best of Depeche Mode, Volume 1, British Phonographic Industry. URL consultato il 9 agosto 2015.
  14. ^ (RU) Золотой и платиновый альбом в России / International 2006, 2M. URL consultato il 29 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2009).
  15. ^ (HU) Adatbázis › Arany- és platinalemezek › 2007, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 9 agosto 2015.
  16. ^ The Best of Depeche Mode, Volume 1 (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 2 agosto 2018.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l m (NL) Depeche Mode - The Best Of - Volume 1, Ultratop. URL consultato il 9 agosto 2015.
  18. ^ (EN) Paul Sexton, George Michael Starts At No. 1 In Europe, Billboard, 23 novembre 2006. URL consultato il 9 agosto 2015.
  19. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, InfoDisc. URL consultato il 9 agosto 2015. Selezionare "DEPECHE MODE" e premere "OK".
  20. ^ (EL) Top 50 Ελληνικών και Ξένων Aλμπουμ, IFPI Greece. URL consultato il 9 agosto 2015 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2006).
  21. ^ (PL) sprzedaż w okresie: 13.11.2006 - 19.11.2006, OLiS. URL consultato il 9 agosto 2015.
  22. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 19 November 2006 - 25 November 2006, Official Charts Company. URL consultato il 9 agosto 2015.
  23. ^ a b (EN) Depeche Mode Chart History, su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2015.
  24. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista: 2006. 46. hét, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 9 agosto 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]