Where's the Revolution

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Where's the Revolution
Where's the Revolution.jpeg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Depeche Mode
Tipo album Singolo
Pubblicazione 3 febbraio 2017
Durata 4:59
Album di provenienza Spirit
Genere Synth pop
Etichetta Columbia
Produttore James Ford
Registrazione 2016
Formati Download digitale, 7", CD, 2x12"
Depeche Mode - cronologia
Singolo precedente
(2013)
Singolo successivo
(2017)

Where's the Revolution è un singolo del gruppo musicale inglese Depeche Mode, pubblicato il 2 febbraio 2017 come primo estratto dal loro quattordicesimo album in studio Spirit.[1][2]

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è stata lanciata per la prima volta da una radio polacca chiamata "Trójka - Polskie Radio Program III" ed è stata pubblicata verso la Mezzanotte italiana prima su YouTube attraverso un video-animazione in loop e poi resa disponibile in digital download. Dopo solo 15 ore è arrivata al decimo posto in tendenze su YouTube Italia e dopo altre 6 ore ha raggiunto la seconda posizione. Il video ufficiale è stato svelato, infine, il 9 febbraio.

Video Musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video del singolo è stato diretto da Anton Corbijn. Mostra i tre membri della band con finte barbe e baffi che sembrano rimandare alla figura di Karl Marx. Dave Gahan fa un discorso pubblico in una piazza semivuota e poi con Martin Gore e Andy Fletcher simula un treno con le braccia. Questa coreografia forzatamente scoordinata, unita al bianco e nero del video e al testo della canzone, trasmettono una desolazione che raggiunge il culmine quando i tre cantanti se ne vanno delusi, gettando le bandiere per terra. Durante il videoclip alcuni dettagli diventano rossi, come la giacca di Dave; effetto che ricorda il film Schindler's list.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  • Download digitale
  1. Where's the Revolution – 4:59 (album version)
  • CD maxi-singolo

(pubblicato il 3 marzo 2017)

  1. Where's the Revolution (album version)
  2. Where's the Revolution (Ewan Pearson Remix)
  3. Where's the Revolution (Algiers Remix)
  4. Where's the Revolution (Terence Fixmer Remix)
  5. Where's the Revolution (Autolux Remix)
  • Vinile 7" (allegato alla rivista tedesca "Musik Express")
  1. Where's the Revolution
  2. Should be higher (live)
  • Vinile 12" (remixes)

(pubblicato il 28 aprile 2017)

  • lato A
  1. Where's the Revolution (Autolux Remix)
  2. Where's the Revolution (Pearson Sound Remix)
  • lato B
  1. Where's the Revolution (Algiers Remix)
  2. Where's the Revolution (Simian Mobile Disco Remix)
  3. Where's the Revolution (Pearson Sound Beatless Remix)
  • lato C
  1. Where's the Revolution (Simian Mobile Disco Dub)
  2. Where's the Revolution (Terence Fixmer Spatial mix)
  • lato D
  1. Where's the Revolution (Patrice Bäumel Remix)
  2. Where's the Revolution (Ewan Pearson Kompromat Dub)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DEPECHE MODE: DA VENERDÌ 3, SU RADIO 105 ASCOLTI IL NUOVO SINGOLO “WHERE’S THE REVOLUTION?”, 105.net, 2 febbraio 2017.
  2. ^ Rolling Stone Italia, È uscito 'Where’s The Revolution', il nuovo video dei Depeche Mode, in Rolling Stone Italia. URL consultato l'11 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock