Vince Clarke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vince Clarke
Erasure-vince-clarke.jpg
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereSynth pop
New wave
Rock alternativo
Rock
Post-punk
Alternative dance
Dance rock
Rock elettronico
Industrial rock
Periodo di attività musicale1979 – in attività
Strumentotastiere, chitarra, voce
EtichettaMute Records, Reset Records
Gruppi attualiErasure
Gruppi precedentiDepeche Mode, Yazoo, The Assembly
Album pubblicati19
Sito ufficiale

Vince Clarke, nome d'arte di Vincent John Martin (Basildon, 3 luglio 1960), è un tastierista e compositore britannico.

È stato il fondatore, nonché il primo leader e il primo autore delle canzoni del gruppo musicale dei Depeche Mode.

Fu Vince Clarke a scrivere il primo pezzo dei Depeche Mode, Photographic,[1] che fece parte della compilation Some Bizzare Album insieme ad alcuni altri futuri grandi nomi della scena anni ottanta. Tutto questo nel 1980-1981, quando fu coniato il marchio Depeche Mode (prima si chiamavano Composition of Sound, prima ancora No Romance in China) costituiti da Clarke (alla voce e chitarra) e da Andy Fletcher (alla tastiera).

Nel 2020 è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame come membro dei Depeche Mode.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 1980 è l'anno in cui Vince Clarke nota un'audizione di un certo Dave Gahan, che canta Heroes di David Bowie che gli vale l'entrata nel gruppo come cantante.[2]

La svolta per il gruppo viene da Daniel Miller, discografico della Mute, che nota i Depeche in un pub come supporto dei Fad Gadget.[3] Diventa il loro produttore e li lancia verso il successo.

Il primo album, nel 1981, Speak & Spell, famoso per i singoli Dreaming of Me, New Life e Just Can't Get Enough (prima hit dei Depeche Mode), consacra la band.

Ma dopo il tour Vince decide di lasciare.[4] Clarke vuole proseguire con un sound new-wave più "danzereccio", mentre Martin Lee Gore vuole tentare strade elettroniche più ardite dei semplici sintetizzatori, come il synthpop e l'industrial. Questo disaccordo porterà alla separazione artistica.

Dopo aver lasciato i Depeche Mode, Vince nel 1982 forma il duo Yazoo con Alison Moyet. La collaborazione frutta due LP di successo e si conclude pochi anni dopo.

Vince si rimette a cercare un cantante e lo trova con un'audizione; è Andy Bell: insieme formano nel 1985 il duo Erasure.[5]

Nel 2008 in occasione del 25º anniversario dalla loro fondazione, Vince Clarke e Alison Moyet riformano gli Yazoo per un breve tour che ripropone i loro più grandi successi.[6]

Nel 2011, Clarke torna a collaborare con i Depeche Mode, realizzando un remix di Behind the Wheel che verrà pubblicato come uno degli inediti nella raccolta Remixes 2: 81-11.

La sua collaborazione prosegue con Martin Gore per il progetto VCMG che porta alla pubblicazione nel mese di marzo del 2012 dell'album Ssss.[7]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Depeche Mode[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Yazoo[modifica | modifica wikitesto]

Con gli Erasure[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Erasure.

Con i VCMG[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessia Marinoni, Dai Depeche Mode agli Erasure: il synth-pop di Vince Clarke, su Stone Music, 27 gennaio 2022. URL consultato il 7 giugno 2022.
  2. ^ Giovanni Gabba, Depeche Mode, quella volta che Dave Gahan fece una splendida cover di Heroes, su R3M, 18 novembre 2020. URL consultato il 7 giugno 2022.
  3. ^ Mauro Caproni, Fad Gadget. Fra teatro e new wave, su Ondarock. URL consultato il 7 giugno 2022.
  4. ^ Richard Milner, The Real Reason Vince Clarke Left Depeche Mode, su Grunge, 14 luglio 2020. URL consultato il 7 giugno 2022.
  5. ^ Giuseppe D'Amato, Erasure Il segreto degli Innocenti, su Ondarock. URL consultato il 7 giugno 2022.
  6. ^ Giuseppe D'Amato, Alison Moyet - Yazoo. Una voce soul alla corte del pop, su Ondarock.
  7. ^ VCMG, 'Ssss': Album Preview | Billboard.com, su billboard.com. URL consultato il 5 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN11061775 · ISNI (EN0000 0001 1594 9778 · Europeana agent/base/62136 · LCCN (ENno2006089004 · GND (DE134348044 · BNE (ESXX889381 (data) · BNF (FRcb138925418 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006089004