Daniel Miller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Daniel Miller (Londra, 14 febbraio 1951) è un produttore discografico britannico, fondatore dell'etichetta discografica indipendente Mute Records[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1968 ed 1971 studia alla Guildford School of Art. Dagli anni '70 inizia ad interessarsi in maniera approfondita al rock e alla musica sperimentale. Lavora come DJ in Svizzera per un breve periodo prima di tornare in Inghilterra. Nel 1978 ha fondato l'etichetta discografica Mute Records per pubblicare un suo brano (T.V.O.D.) realizzato con Robert Rental sotto lo pseudonimo The Normal[1]. Tra le prime band prodotte dall'etichetta vi sono Fad Gadget, Boyd Rice, Cabaret Voltaire e Depeche Mode. Successivamente l'etichetta si concentra su artisti di musica elettronica o rock come Nick Cave, Goldfrapp, Moby, Erasure, Wire e altri. Nel 2002 la Mute è stata acquistata dalla EMI, con Miller che ha mantenuto la direzione artistica della sua label. Nel 2010 la Mute è diventata indipendente e dal 2012 è parte del gruppo BMG Rights Management.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Federico Giglielmi, Eddy Cilia, Le guide pratiche di RUMORE - New wave, Apache edizioni, 1995.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Giglielmi, Eddy Cilia, Le guide pratiche di RUMORE - New wave, Apache edizioni, 1995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN266983627 · LCCN: (ENno2012120374 · GND: (DE135070678 · BNF: (FRcb142069976 (data)