Aveto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aveto
Rezzoaglio-fiume Aveto.jpg
Il torrente nei pressi dell'abitato di Rezzoaglio
Stato Italia Italia
Regioni Liguria Liguria
Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Lunghezza 48,148 km[1]
Portata media 2,56[2] m³/s
Altitudine sorgente 1 245 m s.l.m.
Nasce Monte Caucaso
44°28′18.86″N 9°14′10.39″E / 44.471906°N 9.236219°E44.471906; 9.236219
Sfocia fiume Trebbia presso Marsaglia
44°41′24.49″N 9°21′59.47″E / 44.690136°N 9.366521°E44.690136; 9.366521Coordinate: 44°41′24.49″N 9°21′59.47″E / 44.690136°N 9.366521°E44.690136; 9.366521

L'Aveto (pronuncia Àveto) è un torrente dell'Italia settentrionale lungo 48 km., principale affluente di destra del Trebbia che scorre nella valle omonima in parte in Liguria (città metropolitana di Genova) e in parte in Emilia-Romagna (provincia di Piacenza).

Può essere considerato, sino al punto di confluenza con il Trebbia (come già avviene per i fiumi emiliani Taro e Ceno) una sorta di fiume gemello di quest'ultimo, in quanto ad esso assimilabile sia come estensione di bacino, portata e lunghezza dell'asta fluviale.

Il corso[modifica | modifica wikitesto]

Il fiume nasce in Liguria dal Monte Caucaso (1.245 m s.l.m.) scorrendo nel primo tratto in un'ampia gola, entrando poi nella piana di Cabanne, in località Parazzuolo, dove riceve le acque del primo subaffluente di una certa importanza: il Ventarola proveniente dal Monte Ramaceto (1.345m s.l.m.). Scorrendo impetuoso con andamento nord-est in una valle ancora quasi incontaminata (tutelata dal parco naturale regionale dell'Aveto ), il fiume precipita per un breve tratto fra scogli, marmitte e laghetti fino nella zona compresa tra Brignole, Rezzoaglio ed il ponte di Alpepiana. Qui si arricchisce dell'apporto di altri affluenti tra cui il Gramizza, suo principale tributario di destra, ed il rio di S. Stefano d'Aveto, assumendo poi direzione nord. Il fiume giunge in località Ascona, dove comincia a scorrere incassato fungendo da confine tra le regioni Liguria ed Emilia-Romagna.

Qui la Diga di Boschi sbarra il suo corso formando il bacino artificiale di Boschi. Presso la località Boschi (frazione di Ferriere) l'Aveto entra poi definitivamente in territorio emiliano (provincia di Piacenza), scorrendo in un tratto ingolato estremamente selvaggio e incassato, impoverito d'acque per alcuni km sino a Ruffinati (sempre frazione di Ferriere) dove riacquista la sua portata d'acqua. Questo suggestivo tratto del torrente è assai noto ai canoisti come Gole del Diavolo Morto e risulta uno dei tratti più stretti e arcigni dell'Appennino Ligure. Dallo scarico della centrale di Ruffinati il fiume termina il suo tratto ingolato ampliando il proprio letto ciottoloso e giungendo in breve alla confluenza con il Trebbia, che avviene nella frazione di Confiente nei pressi dell'abitato di Marsaglia nel comune di Corte Brugnatella.

Regime idrologico[modifica | modifica wikitesto]

L'Aveto è un fiume di discreta portata tanto da risultare tributario di fondamentale importanza per il fiume Trebbia. Risente come tutti i corsi d'acqua appenninici di notevolissime variazioni stagionali con piene violente e impetuose in autunno e magre assai accentuate in estate. Nel tratto piacentino il regime del fiume risente della presenza della Diga di Boschi tant'è che non sono infrequenti (anche in estate), piene improvvise dovute al rilascio di acque dal bacino artificiale, pre-annunciate tramite un sistema di sirene.

Portate medie mensili[modifica | modifica wikitesto]

Portata media mensile (in m³)
Stazione idrometrica : Cabanne (1961 - 1970)
Fonte : AA.VV., Portate (mc) AVETO (Trebbia) a Cabanne - Annali APAT, dati on-line su simn/dati/alov_portate (consultato nel marzo 2017)

Natura[modifica | modifica wikitesto]

Il torrente d'inverno

Insieme al Trebbia, l'Aveto scorre in una delle zone più incontaminate e suggestive dell'Appennino Settentrionale. La porzione alta del suo bacino è tutelata dal parco naturale regionale dell'Aveto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un tempo il torrente era anche conosciuta con il nome di Avanto[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atlante dei piani, Autorità di bacino del fiume Po. URL consultato il 31 marzo 2017.
  2. ^ AA.VV., Portate (mc) AVETO (Trebbia) a Cabanne - Annali APAT, dati on-line su simn/dati/alov_portate (consultato nel marzo 2017)
  3. ^ Il Piemonte cispadano antico, ovvero Memorie per servire alla notizia del medesimo, e all'intelligenza degli antichi scrittori, diplomi, e documenti, che lo concernono, con varie discussioni di storia, e di critica diplomatica, e con monumenti non più divulgati, pagina 241; Jacopo Durandi, stampería di Giambatista Fontana, anno 1774

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]