Monte Aiona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Aiona
Monte Aiona Summit.jpg
La vetta del monte.
StatoItalia Italia
Regione  Liguria
Provincia  Genova
Altezza1 701 m s.l.m.
Prominenza225 m
CatenaAppennino ligure
Coordinate44°28′54.66″N 9°26′32.68″E / 44.481849°N 9.44241°E44.481849; 9.44241
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Aiona
Monte Aiona

Il monte Aiona (1.701 m s.l.m.[1]) è una montagna dell'Appennino ligure.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della montagna deriverebbe o da un termine pre-latino della lingua ligure che significa regione delle acque, o in alternativa potrebbe essere un accrescitivo della parola aia.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Vista panoramica

La montagna si trova sullo spartiacque Ligure/Padano al confine tra la valle Sturla (a sud) e la vallata dell'Aveto. A sud-est il Passo della Spingarda la separa dal Monte Nero[3] mentre a nord-ovest il crinale continua verso il Passo delle Lame. La montagna è caratterizzata da versanti poco inclinati; sul punto culminante sorge una croce metallica con nei pressi una tavola di orientamento.

Accesso alla cima[modifica | modifica wikitesto]

L'Aiona con la neve

Per il Monte Aiona transita la tappa numero 33 (Passo delle Lame - Passo della Spingarda) dell'Alta Via dei Monti Liguri.[4]

Punti di appoggio[modifica | modifica wikitesto]

Non lontano dalla cima del monte, sul versante Valle Sturla, si trova il rifugio Rifugio Monte Aiona - Pratomollo (1503 m).[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aiona m. 1701, scheda su www.escursioniliguria.it
  2. ^ CAI-TCI, Appennino Ligure e Tosco-Emiliano, pag. 150.
  3. ^ Carta in scala 1:25.000 Parco regionale Aveto, in Le guide del pettirosso, n. 7, Genova, Regione Liguria - Ufficio parchi e riserve naturali, 1994.
  4. ^ CAI - Liguria, Tappa n. 33, su cailiguria.it. URL consultato il 2 ottobre 2017.
  5. ^ Rifugio Pratomollo, su rifugiopratomollo.it, Rifugio Pratomollo Monte Aiona. URL consultato il 10 luglio 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]