1991 VG

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1991 VG
Scoperta6 novembre 1991
ScopritoreSteward Observatory
ClassificazioneAsteroide Apollo
NEO
Designazioni
alternative
MPC 28316
Parametri orbitali
(all'epoca JD 2457200,5[1])
Semiasse maggiore1,0269632 UA
Perielio0,97648 UA
Afelio1,0774 UA
Periodo orbitale380,12874 giorni
(1,04 anni)
Inclinazione orbitale1,445420°
Eccentricità0,04913
Longitudine del
nodo ascendente
73,9785
Argom. del perielio24,515237°
Anomalia media207,1982°
Ultimo perielio5 dicembre 1991
Prossimo perielioluglio 2017
MOID da Terra619634 km
Dati fisici
Dimensioni5–12 m
Dati osservativi
Magnitudine ass.28,5

1991 VG è un oggetto Near-Earth scoperto dall'astronomo statunitense James Scotti il 6 novembre 1991.

Orbita[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 novembre 1991, Scotti scoprì un oggetto flebile che fu identificato con il codice 1991 VG[2]. Si tratta di un oggetto dall'orbita eliocentrica, molto simile all'orbita terrestre[3]. Si sarebbe avvicinato alla Terra appena un mese dopo la sua scoperta, il 5 dicembre 1991[1]. Dato che l'orbita è così vicina a quella terrestre, la vita media di un tale oggetto è relativamente breve, visto che in un tempo relativamente limitato potrebbe impattare il nostro pianeta oppure la sua orbita potrebbe essere perturbata e di conseguenza essere allontanato. La somiglianza con l'orbita terrestre è anche difficile da spiegare (tra le diverse ipotesi è stata suggerita la conseguenza di un impatto lunare recente oppure perturbazioni non gravitazionali come l'effetto Yarkovsky[4]). Più recentemente, è stato identificato il primo asteroide troiano della Terra, 2010 TK7, e quindi tali oggetti potrebbero essere all'origine di 1991 VG.

La prossimità dell'orbita di 1991 VG rende ipotizzabile un impatto col nostro pianeta; è stato calcolato che tali possibilità siano di 4,6 su 100.000 per la data più probabile del 2101[3].

L'oggetto è stato riosservato nel 2017 [5], e la sua orbita atipica è stata spiegata come una fase di transizione tra una passata e una futura orbita a ferro di cavallo [6].

Una possibile origine artificiale[modifica | modifica wikitesto]

L'incertezza sull'origine di 1991 VG, combinata con la rapida variazione della sua luminosità durante il passaggio ravvicinato del dicembre 1991, hanno fatto anche ipotizzare ad alcuni studiosi che l'asteroide possa avere origine artificiale. L'oggetto potrebbe essere uno stadio di un razzo vettore Saturn IB lanciato nel 1973 o 1974, data nella quale 1991 VG ebbe il suo precedente passaggio ravvicinato con la Terra. L'australiano Duncan Steel, professore presso l'Università di Adelaide e studioso di comete e meteoriti, ha invece suggerito che l'oggetto possa essere di origine extraterrestre, per esempio una sonda aliena in osservazione della Terra[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b JPL Small-Body Database Browser: (1991 VG), su ssd.jpl.nasa.gov, 27 giugno 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  2. ^ SeeSat-L Jul-96 : Re: What is 1991 VG?, su www.satobs.org. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  3. ^ a b 1991 VG Impact Risk, su neo.jpl.nasa.gov. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  4. ^ a b D. Steele, SETA and 1991 VG, in The Observatory, vol. 115, 1995, pp. 78–83, Bibcode:1995Obs...115...78S. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  5. ^ (EN) MPEC 2017-L02 : 1991 VG
  6. ^ (EN) Dynamical evolution of near-Earth asteroid 1991 VG

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

V · D · M
L'asteroide 4 Vesta
Pianeti nani CererePlutoidi: Plutone ( ) · Haumea ( ) · Makemake ( ) · Eris ( )
Raggruppamenti asteroidali VulcanoidiNEA (Apollo · Aten · Amor) • Fascia principale • Planetosecanti (Mercurio · Venere · Terra · Marte · Giove · Saturno · Urano · Nettuno) • Troiani (della Terra · di Marte · di Giove · di Nettuno) • CentauriTNO (Fascia di KuiperPlutini · Cubewani · Twotini – · Disco diffuso) • Gruppi e famiglie (Famiglie collisionali)
Classi spettrali Tholen: B · F · G · C · S · X · M · E · P · A · D · T · Q · R · V SMASS: C · B · S · A · Q · R · K · L · X · T · D · Ld · O · V
Altro Asteroidi principaliLista completaSatelliti asteroidaliAsteroidi binariFamiglie asteroidali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare