Lucy (missione spaziale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucy
Emblema missione
Lucy insignia.svg
Immagine del veicolo
Lucy--mission-13--v3.png
Rendering artistico di Lucy durante il flyby di un asteroide troiano di Giove
Dati della missione
OperatoreNASA · SwRI
DestinazioneTroiani di Giove
Lancio2021
Durata12 anni
Proprietà veicolo spaziale
Strumentazione
  • L'Ralph
  • L'LORRI
  • L'TES
  • Radio science investigation
Sito ufficiale
Programma Discovery
Missione precedenteMissione successiva
InSight Psyche

Lucy è una missione spaziale esplorativa della NASA diretta verso 4 asteroidi troiani di Giove, che condividono la loro orbita attorno al Sole con Giove.[1]

Il 4 gennaio 2017 venne scelta, assieme a Psyche, come tredicesima missione del Programma Discovery.[1][2]

È stata intitolata in onore dell'ominide Lucy; infatti si prevede che lo studio dei troiani rivelerà informazioni sulla formazione di un pianeta, essendo gli scarti dei materiali che si conglomerarono nella prima fase del Sistema solare, formando pianeti e altri corpi celesti.[3] L'australopiteco venne a sua volta intitolato in onore di una canzone dei Beatles, "Lucy in the Sky with Diamonds".[4]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Una mappa che indica la distribuzione degli asteroidi nel sistema solare interno e Giove

Lucy verrà lanciata nel 2021 e raggiungerà la nuvola troiana L4 (un gruppo di asteroidi 60º avanti nell'orbita gioviana) nel 2027, eseguendo sorvoli ravvicinati di 3548 Eurybates, 15094 Polymele, 11351 Leucus e 21900 Orus.[1] Dopo, Lucy tornerà vicino alla Terra dove eseguirà una fionda gravitazionale per raggiungere la nuvola troiana L5 (che orbita 60º indietro nell'orbita gioviana), dove visiterà il troiano binario 617 Patroclus e il suo satellite Menoetius. La sonda sorvolerà anche 52246 Donaldjohanson, un asteroide della fascia principale, nominato in onore dello scopritore di Lucy, nel 2015.[5]

Il carico scientifico della sonda include 3 strumenti: una fotocamera nel visibile ad alta risoluzione, uno spettrometro fotografico nel visibile e vicino infrarosso, e uno spettrometro termico nell'infrarosso.[6]

Il principal investigator è Harold F. Levison del Southwest Research Institute a Boulder, nel Colorado, assieme a Catherine Olkin del Southwest Research Institute, mentre il progetto verrà gestito dal Goddard Space Flight Center.

L'esplorazione dei troiani di Giove è uno degli obiettivi ad alta priorità sottolineati dal Planetary Science Decadal Survey. Essi vennero sempre osservati da telescopi a terra e dal Wide-field Infrared Survey Explorer come oggetti oscuri che riflettono poca luce solare.[7] Giove è a 5,2 AU, circa 5 volte la distanza tra Terra e Sole, ovvero 150 milioni di chilometri circa;[8] per questo i troiani sembrano più lontani o vicini al Sole a seconda della geometria delle loro orbite. Ce ne potrebbero essere molti anche nella cintura principale.[5]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lucy venne sviluppata come parte di una serie di proposte per le missioni successive del Programma Discovery, concluse nel febbraio 2015. Le proposte dovevano essere adatte a un lancio nel 2021, e ne vennero ricevute 28.

Il 30 settembre 2015 Lucy venne selezionata come una delle cinque missioni finaliste, di cui ciascuna avrebbe ricevuto 3 milioni di dollari per produrre studi ed analisi più profondi.[9][10][11][12] Le altre erano DAVINCI, NEOCam, Psyche e VERITAS.

Il 4 gennaio 2017 2 delle finaliste - Lucy e Psyche - vennero selezionate.

Carico scientifico[modifica | modifica wikitesto]

La strumentazione include:[13]

  • L'Ralph - Mappatura spettroscopica nell'infrarosso e fotografia pancromatica e nel visibile. L'Ralph è basato sullo strumento Ralph a bordo del New Horizons e verrà costruito dal Goddard Space Flight Center.
  • L'LORRI - fotocamera nel visibile ad alta risoluzione. L'LORRI è derivato dal LORRI a bordo del New Horizons e verrà costruito dall'Applied Physics Laboratory.
  • L'TES - Thermal infrared spectrometer. L'TES è simile all'OTES nella missione OSIRIS-REx e verrà costruito dall'Arizona State University.
  • La radio science investigation determinerà la massa dei troiani utilizzando l'hardware di telecomunicazioni radio della sonda misurando l'effetto Doppler.

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Gli obiettivi previsti nei flyby sono:[5][14]

  • Aprile 2025: 52246 Donaldjohanson, asteroide di tipo C da 4 km d in diametro nella fascia principale, membro della famiglia Erigone originatasi 130 milioni di anni fa;
  • Agosto 2027: 3548 Eurybates, troiano di Giove di tipo C da 64 km di diametro nel campo greco L4, il più grande membro della sola famiglia troiana a rischio collisione;
  • Settembre 2027: 15094 Polymele, troiano di tipo P da 21 km di diametro nel L4, frammento di una collisione precedente:
  • Aprile 2028: 11351 Leucus, troiano di tipo D da 34 km di diametro, lentamente rotante nel L4;
  • Ottobre 2028: 21900 Orus, troiano di tipo D da 51 km di diametro nel L4;
  • Marzo 2033: 617 Patroclus, troiano di tipo P. L'obiettivo primario, Patroclus, ha un diametro di 113 km circa, mentre il suo compagno Menoetius ha un diametro di 104 km. La coppia orbita ad una distanza di 680 km l'uno dall'altro, e risiede nel L5.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Kenneth Chang, A Metal Ball the Size of Massachusetts That NASA Wants to Explore, in The New York Times, 6 gennaio 2017. URL consultato il 5 luglio 2017.
  2. ^ (EN) Karen Northon, NASA Selects Two Missions to Explore the Early Solar System, in NASA, 4 gennaio 2017. URL consultato il 5 luglio 2017.
  3. ^ (EN) Alexandra Witze, Five Solar System sights NASA should visit, in Nature, vol. 519, nº 7543, 19 marzo 2015, pp. 274–275, DOI:10.1038/519274a. URL consultato il 5 luglio 2017.
  4. ^ Johanson, Donald C.; Wong, Kate (2010). Lucy's Legacy: The Quest for Human Origins. Crown Publishing Group. pp. 8–9. ISBN 978-0307396402.
  5. ^ a b c (EN) NASA announces five Discovery proposals selected for further study, su www.planetary.org. URL consultato il 5 luglio 2017.
  6. ^ (EN) SwRI awarded $3 million NASA contract to develop mission to Jupiter's Trojan asteroids | SwRI, su www.swri.org. URL consultato il 5 luglio 2017.
  7. ^ Catalog Page for PIA16211, su photojournal.jpl.nasa.gov. URL consultato il 5 luglio 2017.
  8. ^ (EN) Jennifer Wall: MSFC, What Is Jupiter?, in NASA, 1º giugno 2015. URL consultato il 5 luglio 2017.
  9. ^ (EN) SwRI awarded $3 million NASA contract to develop mission to Jupiter's Trojan asteroids | SwRI, su www.swri.org. URL consultato il 5 luglio 2017.
  10. ^ (EN) Karen Northon, NASA Selects Investigations for Future Key Planetary Mission, in NASA, 30 settembre 2015. URL consultato il 5 luglio 2017.
  11. ^ Stephen Clark, NASA receives proposals for new planetary science mission – Spaceflight Now, su spaceflightnow.com. URL consultato il 5 luglio 2017.
  12. ^ (EN) Selecting the Next Creative Idea for Exploring the Solar System, su www.planetary.org. URL consultato il 5 luglio 2017.
  13. ^ (EN) SwRI awarded $3 million NASA contract to develop mission to Jupiter's Trojan asteroids | SwRI, su www.swri.org. URL consultato il 5 luglio 2017.
  14. ^ Lucy flyer.pdf

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica