3548 Eurybates

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eurybates
(3548 Eurybates)
Stella madreSole
Scoperta19 settembre 1973
ScopritoriCornelis Johannes van Houten, Ingrid van Houten-Groeneveld, Tom Gehrels
ClassificazioneTroiano di Giove
Designazioni
alternative
1973 SO, 1954 CB, 1957 JX, 1978 EE5, 1985 TZ
Parametri orbitali
(all'epoca JD 2458000,5
4 settembre 2017)
Semiasse maggiore776626289 km
5,1913522 au
Perielio707743732 km
4,7309073 au
Afelio845508846 km
5,6517971 au
Periodo orbitale4320,35 giorni
(11,83 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
8,05947°
Eccentricità0,0886946
Longitudine del
nodo ascendente
43,54400°
Argom. del perielio27,91768°
Anomalia media220,53669°
Par. Tisserand (TJ)2,972 (calcolato)
Ultimo perielio4 giugno 2010
Prossimo perielio2 aprile 2022
Dati fisici
Diametro medio72,14 km
Albedo0,0538
Dati osservativi
Magnitudine ass.9,6

3548 Eurybates è un asteroide troiano di Giove del campo greco del diametro medio di circa 72,14 km. Scoperto nel 1973, presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 5,1913522 au e da un'eccentricità di 0,0886946, inclinata di 8,05947° rispetto all'eclittica. L'asteroide è dedicato a Euribate, messaggero acheo.

L'asteroide ha un satellite scoperto il 12 settembre 2018[1], il satellite è stato denominato Queta (3548 Eurybates I Queta) in onore di Norma Enriqueta “Queta” Basilio Sotelo, prima donna ad accendere il braciere olimpico[2].

Euribate, insieme al proprio satellite Queta sarà una delle tappe esplorative della missione esplorativa spaziale Lucy, finalizzata allo studio di alcuni asteroidi troiani di Giove.[3]

Missione Lucy[modifica | modifica wikitesto]

L'asteroide è uno degli otto che la missione spaziale Lucy partita nel 2021[4] sorvolerà per studiarne la geologia di superficie, albedo, la forma, la distribuzione spaziale dei crateri ed altri parametri, oltre alla composizione dei materiali di superficie e la composizione del sottosuolo. 3548 Eurybates sarà il secondo della serie ad essere raggiunto nell'agosto 2027.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) MPEC 2020-A113, su minorplanetcenter.org.
  2. ^ (EN) MPEC 2020-T164, su minorplanetcenter.net.
  3. ^ Filmato audio INAF, Alla scoperta di Queta, il satellite di Euribate, su YouTube, 5 maggio 2021.
  4. ^ Diretta verso otto asteroidi, Lucy è in volo, su media.inaf.it, 17 ottobre 2021.
  5. ^ (EN) Lucy: Mission Targets, su lucy.swri.edu. URL consultato il 18 ottobre 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare