(308635) 2005 YU55

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.png
Il titolo di questa pagina non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è (308635) 2005 YU55.
(308635) 2005 YU55
2005YU55-20111107.jpg
Immagine radar dell'asteroide ripresa attraverso il Goldstone Observatory
Scoperta28 dicembre 2005
ScopritoreR. S. McMillan
ClassificazioneApollo
Classe spettraleC
Designazioni
alternative
2005 YU55
Parametri orbitali
(all'epoca K172G)
Semiasse maggiore173 098 001 km
1,1570722 UA
Perielio98 580 940 km
0,6589635 UA
Afelio247 615 063 km
1,6551809 UA
Periodo orbitale454,61 giorni
(1,24 anni)
Velocità orbitale27,862 km/s[1] (media)
Inclinazione
sull'eclittica
0,34040°
Eccentricità0,4304906
Longitudine del
nodo ascendente
35,92803°
Argom. del perielio273,57901°
Anomalia media131,92523°
Par. Tisserand (TJ)5,348 (calcolato)
MOID da Terra155523,44 km
(0,00103961 UA)
Satellitino
Dati fisici
Dimensioni~400 m
Periodo di rotazione18 h
Dati osservativi
Magnitudine ass.21,9

(308635) 2005 YU55 è un asteroide potenzialmente pericoloso del diametro di circa 400 metri.

Scoperto il 28 dicembre 2005 da Robert S. McMillan presso l'Osservatorio Steward, fra l'8 ed il 9 novembre 2011 è passato a circa 324.600 km dalla Terra.[2]

Il 7 novembre 2011 alcune immagini dell'asteroide sono state raccolte dal Deep Space Network di Goldstone (in California), quando si trovava a circa 1,38 milioni di chilometri dalla Terra.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calcolata in base ai dati noti: semiasse maggiore e periodo.
  2. ^ a b Foto e video dall'asteroide che non ci ha distrutto Archiviato il 10 novembre 2011 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


V · D · M
L'asteroide 951 Gaspra
Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare