951 Gaspra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaspra
(951 Gaspra)
951 Gaspra.jpg
Stella madreSole
Scoperta30 luglio 1916
ScopritoreGrigorij Nikolaevič Neujmin
ClassificazioneFascia principale
FamigliaFlora
Classe spettraleS
Designazioni
alternative
1916 Σ45, 1916 OJ, 1913 YA, 1955 MG1
Parametri orbitali
(all'epoca JD 2458600,5
27 aprile 2019)
Semiasse maggiore330576895 km
2,2097386 au
Perielio273162030 km
1,8259494 au
Afelio387991759 km
2,5935278 au
Periodo orbitale1199,8 giorni
(3,28 anni)
Inclinazione
sull'eclittica
4,10705°
Eccentricità0,1736808
Longitudine del
nodo ascendente
253,05510°
Argom. del perielio129,99144°
Anomalia media52,82431°
Par. Tisserand (TJ)3,635 (calcolato)
Ultimo perielio30 ottobre 2018
Prossimo perielio11 febbraio 2022
Dati fisici
Diametro medio12,2 km
Periodo di rotazione7,042 ore
Dati osservativi
Magnitudine app.16,8
Magnitudine ass.11,46

951 Gaspra è un asteroide della fascia principale del diametro medio di circa 12,2 km; fu scoperto nel 1916.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Comparazione delle dimensioni di 951 Gaspra e i due satelliti di Marte, Deimos e Phobos

L'asteroide presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 2,2097386 au e da un'eccentricità di 0,1736808, inclinata di 4,10705° rispetto all'eclittica.

Stanti i suoi parametri orbitali, è considerato un membro della famiglia Flora di asteroidi. Inoltre la composizione, ricca di olivina, in una proporzione tra 4:1 e 7:1 rispetto ai pirosseni, porta a classificarlo come asteroide di tipo S.

Osservazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 ottobre 1991 Gaspra venne raggiunto e osservato dalla sonda Galileo nel suo viaggio di avvicinamento a Giove. La sonda transitò a una distanza minima di 1 600 km, ottenendo l'immagine più ravvicinata a circa 5 300 km. Il transito fu comunque troppo distante perché l'asteoroide influisse per interazione gravitazionale sulla traiettoria della sonda e non fu quindi possibile ottenere informazioni sulla massa di Gaspra. Complessivamente vennero ottenute immagini che permiserò la copertura dell'80% della superificie di Gaspra: l'area non osservata è quella del polo australe. Gaspra fu il primo asteroide ad essere fotografato a distanza relativamente ravvicinata da una sonda spaziale.[1]

Denominazione[modifica | modifica wikitesto]

L'asteroide è dedicato all'omonima località balneare situata nel sud della Crimea, dove visse per parecchi anni lo scrittore russo Lev Tolstoj.[2] Inizialmente, come altri asteroidi scoperti all'osservatorio di Simeiz durante la prima guerra mondiale, non poté essere comunicato subito all'Istituto Rechen dell'Università di Heidelberg e fu quindi identifcato per alcuni anni con una sigla contenente Σ, la lettera sigma dell'alfabeto greco.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vasil Teigens, Peter Skalfist, Daniel Mikelsten, Asteroidi e comete, in La conquista dello spazio, Cambridge Stanford Books. URL consultato il 28 maggio 2020.
  2. ^ Frase di motivazione dell'attribuzione dal dizionario di Schmadel.
  3. ^ I dati di 951 Gaspra dal sito JPL.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


V · D · M
L'asteroide 4 Vesta

Precedente: 950 Ahrensa      Successivo: 952 Caia


Gruppi principali NEAFascia principaleTroianiCentauriTNO (Fascia di Kuiper) • Pianeti nani
Vedi anche Asteroidi principaliLista completaFamiglie asteroidaliClassi spettrali
Controllo di autoritàLCCN (ENsh2009000340
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare