Olivina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il color olivina, vedi Verde oliva.
Olivina
Peridot2.jpg
Classificazione Strunz VIII/A.04-00
Formula chimica (Mg,Fe)2SiO4
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino Trimetrico
Sistema cristallino rombico
Classe di simmetria rombica bipiramidale
Parametri di cella a 4,78, b 10,25, c 6,3
Gruppo puntuale 2/m 2/m 2/m
Gruppo spaziale Pbnm
Proprietà fisiche
Densità 3,27 - 4,20 g/cm³
Durezza (Mohs) 6,5 - 7
Sfaldatura distinta in due direzioni a 90° tra di loro
Frattura concoide
Colore da giallo a verde (oliva), bruno
Lucentezza vitrea
Opacità da trasparente a traslucida
Striscio  
Diffusione comune
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

L'olivina, è un minerale silicatico che, insieme ai granati, fa parte dei nesosilicati, caratterizzati da tetraedri isolati di SiO4.
I tetraedri sono collegati attraverso atomi di magnesio o ferro con coordinazione. Il termine olivina comprende una serie isomorfa che va dalla forsterite (estremo magnesifero) alla fayalite (estremo ferrifero). Tali termini estremi sono praticamente inesistenti in natura. Poiché è un termine intermedio di una serie, non è considerato una specie valida dall'IMA ma va considerato come nome della serie.

Le olivine possono contenere calcio e manganese in sostituzione di ferro e magnesio. Il termine manganesifero è rappresentato dalla tefroite.

Campioni trasparenti di olivina vengono tagliati e lavorati con ottimi risultati.

L'abito cristallino è prismatico e tozzo, tale che qualunque sezione presenta un contorno più o meno esagonale.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

Le olivine sono costituenti fondamentali di molte rocce, soprattutto di quelle magmatiche ultramafiche e mafiche (povere di silice), sia intrusive che effusive, come le duniti (più del 90% di olivina), le peridotiti ed alcuni basalti. Le olivine rappresentano il primo minerale a cristallizzare da un fuso del mantello terrestre.

L'olivina può essere anche un prodotto del metamorfismo di contatto di medio e alto grado[1] prevalentemente su rocce metamorfiche ultrabasiche (serpentinite) e, meno diffusamente, su rocce sedimentarie come dolomie, calcari dolomitici, rocce carbonatiche ricche in ferro. L'olivina metamorfica è rappresentata, di conseguenza, prevalentemente da termini puri particolarmente ricchi in Mg e Fe come forsterite (per reazione tra serpentino e diopside; per reazione anidra tra quarzo e dolomia o calcare dolomitico) e fayalite (per reazione tra quarzo e siderite). Per metamorfismo di contatto in condizioni idrate su dolomie, si origina, invece - per reazione con l'anfibolo - la tremolite. L'olivina è rinvenibile anche in vari gruppi di meteoriti condritiche e nel vulcano Vesuvio. È instabile in presenza di quarzo, con il quale tende a reagire per formare l'enstatite, un silicato appartenente alla classe dei pirosseni. La reazione tra olivina e silice è:

Mg2SiO4 + SiO2 --> Mg2Si2O6 (enstatite, ortopirosseno)

L'olivina, in presenza di acqua, si altera rapidamente per gli agenti atmosferici in iddingsite, una miscela di vari minerali dell'argilla ed ossidi di ferro.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica sorgente]

Si presenta in masse granulari di cristalli tozzi, dall'abito prismatico, con un colore variabile dal verde oliva al giallastro, bruno per alterazione. Quando il colore è verde limpido e la pietra appare trasparente è detto crisòlito.

Alcuni impieghi[modifica | modifica sorgente]

Le olivine fondono a temperature molto elevate e vengono quindi usate come costituenti di materiali refrattari ed abrasivi, in apparecchi elettronici ad alta frequenza, per la costruzione di pellicole sottili, ceramiche, leghe e collanti per alte temperature. Esiste una varietà di olivina magnesiaca classificata come pietra semi-preziosa e nota come "peridoto", impiegata in gioielleria. La sabbia di olivina, opportunamente miscelata con silicati e catalizzatori, è ottima in fonderia proprio per la sua refrattarietà e stabilità alle alte temperature.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ W.A. Deer, R. A. Howie, J. Zussman, Introduzione ai minerali che costituiscono le rocce, pp 11-12, Zanichelli Bologna 1994.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • W.A. Deer, R. A. Howie, J. Zussman, Introduzione ai minerali che costituiscono le rocce, Zanichelli Bologna 1994 - ISBN 88-08-09882-6.
  • Walter Schumann. Guida alle gemme del mondo, Zanichelli.
  • John Sinkankas. Gemstone & Mineral Data Book, Winchester Press.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia