Walter Huston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Walter Huston, all'anagrafe Walter Houghston, (Toronto, 5 aprile 1883Hollywood, 7 aprile 1950), è stato un attore canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in Canada, ultimo di quattro figli, da padre irlandese e da madre scozzese, fin da bambino dimostra passione per la recitazione e a soli quindici anni ottiene la prima piccola parte in teatro. A vent'anni comincia a girare gli Stati Uniti con una compagnia di repertorio e a St. Louis incontra Reah Gore, che dopo pochi mesi diventa sua moglie.

Stanco di vagabondare, si rivolge per un aiuto a John Gore, padre di lei, che gli offre un lavoro come capo tecnico a Nevada (Missouri) presso la Water & Power Company, di cui John, avventuriero che aveva tentato di introdursi con alterni risultati in diversi rami del commercio, sembra fosse divenuto proprietario dopo una leggendaria partita a poker.

Nel 1906, proprio a Nevada nasce suo figlio John, anch'egli destinato a una carriera nel cinema, ma dopo soli tre anni decide di abbandonare il lavoro e di scegliere definitivamente la strada del palcoscenico. La moglie disapprova questa scelta e la coppia decide di separarsi.

Ottenuto il divorzio, nel 1915 Walter sposa l'attrice Bayonne Whipple, con la quale monta uno spettacolo itinerante e riprende la vita errabonda nei teatri e nei saloon di provincia. All'inizio degli anni venti sua sorella Margaret, divenuta nel frattempo un celebre mezzosoprano drammatico, lo invita a New York a tentare la fortuna in uno dei teatri della città.

A quarant'anni suonati, nel 1924 riesce finalmente ad esordire a Broadway dove recita in numerosi lavori per poi diventare, con l'inizio del cinema sonoro, uno dei migliori caratteristi di Hollywood.

La prima parte di rilievo nel cinema è quella del malvagio Trampas nella prima versione de Il virginiano (The Virginian), pellicola diretta nel 1929 da Victor Fleming e interpretata da Gary Cooper. Seguono, tra gli altri film, Pioggia (Rain) (versione del 1932) con Joan Crawford come protagonista femminile, La follia della metropoli (American Madness) (1932), Il pericolo pubblico n° 1 (The Beast of the City) (1932).

Nel 1936 arriva la prima candidatura all'Oscar con Infedeltà (Dodsworth), film tratto da un lavoro teatrale che egli stesso aveva interpretato a Broadway.

Successivamente lavora in Cuori umani (Of Human Hearts) (1938) con James Stewart, Una luce che si spense (The Light That Failed) (1939) con Ronald Colman e Ida Lupino, I misteri di Shanghai (The Shanghai Gesture) (1941), L'oro del demonio (All That Money Can Buy) per il quale ottiene la seconda nomination all'Oscar 1942 come miglior attore protagonista.

Tutti questi film, pur girati immediatamente prima o durante la guerra, verranno proiettati in Italia dal 1946 in poi. Un'altra pellicola che arriverà in ritardo, ma per motivi di censura (ne vedremo solo un'edizione "purgata" nel 1949), è Il mio corpo ti scalderà (The Outlaw) (1943), un western in cui l'ennesima versione della storia del bandito Billy the Kid è condita dalla trasgressiva presenza femminile di Jane Russell.

L'Oscar, ma come miglior attore non protagonista, arriva quasi a fine carriera, nel 1949 per l'interpretazione dell'anziano avventuriero Howard nel film Il tesoro della Sierra Madre, diretto l'anno prima da suo figlio John e interpretato al fianco di Humphrey Bogart.

Walter Huston muore per un aneurisma dell'aorta addominale nella sua villa di Beverly Hills, mentre con il figlio John Huston, l'attore Spencer Tracy ed altri amici stava festeggiando il suo compleanno.[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Nomination agli Oscar[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto a Hollywood l'attore Walter Huston in Archivio La Stampa, http://www.lastampa.it. URL consultato il 15 mag 2012.


Predecessore Oscar al miglior attore non protagonista Successore
Edmund Gwenn
per Il miracolo della 34ª strada
1949
per Il tesoro della Sierra Madre
Dean Jagger
per Cielo di fuoco

Controllo di autorità VIAF: 54349709 LCCN: n85151615