Sri Chinmoy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sri Chinmoy negli anni '90

Chinmoy Kumar Ghose[1], comunemente noto come Sri Chinmoy[2] (Boalkhali Upazila, 27 agosto 1931New York City, 11 ottobre 2007) è stato un religioso, poeta, artista e atleta[3] indiano.

Come maestro spirituale Sri Chinmoy, rifacendosi ad alcune tradizioni hindu, ha praticato e diffuso in Occidente la meditazione, la recitazione di mantra, la preghiera e la pratica sportiva anche estrema quali vie personali per aspirare all'illuminazione, intesa come realizzazione in Dio.[4] Autore prolifico, secondo stime fatte dai suoi seguaci Sri Chinmoy avrebbe scritto circa 1.500 libri, composto 115.000 poesie e 20.000 canzoni, dipinto 200.000 quadri e dato quasi 800 concerti gratuiti finalizzati alla ricerca della pace interiore. Negli anni settanta Sri Chinmoy fu ispiratore e maestro di noti musicisti di quegli anni, fra i quali i chitarristi John McLaughlin e Carlos Santana.[5] A Sri Chinmoy si ispira l'organizzazione internazionale Sri Chinmoy Centre.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni in India (1931-1964)[modifica | modifica wikitesto]

Firma di Sri Chinmoy

Ultimo di sette figli, tutti nati a Shakpura, villaggio della regione di Boalkhali nel distretto di Chittagong del Bengala Orientale (oggi Bangladesh), Chinmoy perse il padre per malattia nel 1943 e la madre alcuni mesi più tardi. Nel 1944 il dodicenne Chinmoy entrò nell'ashram del mistico indiano Sri Aurobindo a Pondicherry, nell'India francese, in cui già si trovavano i fratelli maggiori Hriday e Chitta.[6] In questa comunità Chinmoy trascorse i successivi 20 anni immerso nella pratica spirituale e nello studio della letteratura bengalese e inglese,[7] anche lavorando nelle attività condotte dall'ashram.[8]. Chinmoy ha sostenuto di essere stato per circa otto anni il segretario personale del Segretario Generale dell'ashram, Nolini Kanta Gupta, di cui Chinmoy tradusse gli scritti dal bengalese in inglese. Nolini Kanta Gupta era uno studioso il cui operato fu ammirato dal poeta e filosofo indiano Rabindranath Tagore.[9]

In Occidente (1964–2007)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964, Chinmoy è spinto a trasferirsi in America in risposta ad un "messaggio interiore" che gli chiedeva di mettersi al servizio di quegli occidentali in cerca della realizzazione spirituale.[10] Con l'aiuto di Sam Spanier e Eric Hughes, suoi sostenitori statunitensi in contatto con l'ashram, egli emigrò a New York.[11]

Nonostante la mancanza di un'istruzione formale, Chinmoy si propose con successo per un lavoro come impiegato junior presso il consolato indiano. Sostenuto e incoraggiato dai suoi colleghi e superiori fu invitato a tenere conferenze sull'induismo. Cominciò così a tenere conferenze nelle università e in seguito anche presso le Nazioni Unite.[12]

Ci vollero tre anni perché Chinmoy ottenesse la carta verde. Un requisito era che l'ashram di Sri Aurobindo fornisse delle referenze sulla sua idoneità come insegnante. Chinmoy dichiarò che non però non era possibile chiedere tali referenze poiché aveva lasciato l'ashram senza autorizzazione. Nel 1967 il problema fu superato quando uno dei discepoli di Chinmoy lo presentò a suo fratello, assistente presso l'ufficio immigrazione di New York. Nell'estate del 1967 Chinmoy riceveva così la carta verde.[13] Negli anni, Chinmoy ha continuato a offrire lezioni nelle università di tutto il mondo, tra cui Harvard, Yale, Stanford, Oxford, Cambridge.

Sri Shinmoy con Muhammad Ali negli anni settanta. Il pugile fu affezionato estimatore del maestro.

In America, negli anni settanta, Sri Chinmoy attirava molti seguaci, tra i quali i musicisti Narada Michael Walden, Roberta Flack, Clarence Clemons, Boris Grebenshikov.[14][15], Carlos Santana e John McLaughlin, che fu suo seguace dal 1970 al 1975.[16] Il suo interesse per la filosofia orientale e la spiritualità l'avevano portato a leggere le opere di vari yogi e a scegliere Sri Chinmoy come proprio guru. Durante questo periodo il musicista formò e riformò la Mahavishnu Orchestra, dove 'Mahavishnu' è proprio il nome spirituale datogli da Sri Chinmoy. Nel 1972 John McLaughlin condusse Carlos Santana da Sri Chinmoy in uno degli incontri di preghiera settimanali presso le Nazioni Unite. Anche Santana, così, iniziò a seguire il percorso spirituale di Chinmoy. John McLaughlin registrò diversi album, tra cui Love Devotion Surrender in collaborazione con Carlos Santana, nel quale gran parte dei brani riguardano tematiche devozionali.[17]Santana pubblicò un album con il nome 'Devadip' ("Lampada di Dio"), datogli dal guru.[18] Chinmoy proponeva ai musicisti un percorso spirituale che vietava l'uso di droghe e alcol incoraggiando la musica e la poesia come espressione di gratitudine al Divino.[19] Santana e sua moglie lasciarono il percorso di Chimnoy nel 1981 e, nel 2000, Santana descrisse Sri Chinmoy come "vendicativo" rispetto alla fine della loro relazione.[20]

Fra altri suoi seguaci ricordiamo "Atmananda" Frederick Lenz, che raggiunse Sri Chinmoy intorno al 1972 per poi rompere nel 1981 e diventare guru per conto proprio.[21]

Sri Chinmoy ha viaggiato molto dedicando alla pace le sue numerose attività e gli eventi da lui fondati. Ha incontrato alcune tra le più prestigiose figure del mondo ed è stato spesso descritto come "ambasciatore di pace". Non ha mai addebitato alcun costo per la sua guida spirituale o per le suoi esibizioni musicali, mostrandosi sempre rispettoso nei confronti di tutte le religioni e delle figure religiose del mondo.[22] Si stima che durante la sua vita abbia attratto circa 7.000 allievi.[23]

Nel periodo di permanenza in Occidente Sri Chinmoy intrattenne amicizie con Michail Gorbačëv, Nelson Mandela e l'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu, premio Nobel per la pace nel 1984;[24][25]aprendo centri di meditazione e dando concerti in tutto il mondo, con pubblicazione di molti dei suoi discorsi.[26]

Nel 2007, anno del suo decesso, Sri Chinmoy fu nominato per il Premio Nobel per la Pace da 51 membri del Parlamento islandese,[27] un professore canadese, Amnesan Walter Dorn, e alcuni professori della repubblica Ceca.[28]

La morte di Chinmoy venne attribuita a un attacco cardiaco, sopravvenuto mentre si trovava nella sua casa ai Queens, New York, l'11 ottobre del 2007. Di lui Michail Gorbačëv ebbe a scrivere che la sua morte era «una perdita per tutto il mondo» e che «nei nostri cuori, egli rimarrà per sempre un uomo che ha dedicato tutta la sua vita per la pace».[29]

Insegnamento spirituale[modifica | modifica wikitesto]

Chinmoy ha sostenuto l'"auto-trascendenza", intesa come l'espansione della propria coscienza e il superamento dei limiti percepiti dalla mente.[30] Il suo percorso è riconosciuto come una forma contemporanea di yoga praticato sotto la guida di un maestro spirituale, dove a differenza di altre antiche tradizioni, il ritiro dal mondo non è però considerato necessario.[31]

Amore, devozione e abbandono[modifica | modifica wikitesto]

Sri Chinmoy ha insegnato che un rapido progresso spirituale possa essere realizzato con l'amore, la devozione e l'abbandono al divino[32], il "Supremo": l'amore verso il divino come offerta e espansione di sé; la devozione come un'espressione dell'amore divino sotto forma di azione, l'abbandono come fusione del sé finito con l'infinità del divino.[33] Il percorso indicato dal maestro non contempla né atti di rinuncia né pratiche ascetiche, ma è una via di mezzo in cui il "cercatore" ha la possibilità di rinunciare, o trasformare, le qualità negative che si oppongono alla sua unione col divino. Sri Chinmoy ha insegnato come la meditazione sul cuore possa condurre rapidamente la luce dell'anima verso una realtà superiore:[34]

« Siamo tutti cercatori, e il nostro obiettivo è lo stesso: ottenere la pace interiore, la luce e la gioia, diventare inseparabilmente uno con la nostra Fonte, e condurre una vita piena di autentica soddisfazione.[35] »

Chinmoy chiedeva ai suoi discepoli di adottare una dieta vegetariana, di astenersi dall'uso di sostanze stupefacenti e di alcoolici,[36] e condurre uno stile di vita improntato alla purezza sessuale e al celibato;[3][37] ai seguaci già sposati nel momento in cui entravano a far parte del suo movimento, veniva concessa l'esenzione dal celibato. La vita dei fedeli di Chinmoy prevede meditazioni bi-settimanali di gruppo in cui gli uomini indossano abiti bianchi e le donne sari colorati.[38]

Le riunioni di meditazione si svolgono situando al centro una copia in bianco e nero di una fotografia di Chinmoy scattata nel 1967, mentre egli era in ciò che ha descritto come uno stato di "coscienza trascendentale". Chinmoy si è riferito a tale fotografia chiamandola "Il ritratto trascendentale" o "La fotografia trascendentale", più spesso semplicemente come "Il trascendentale". Sri Chinmoy consigliava ai suoi discepoli di sentire – mentre meditavano sulla sua foto - che stavano entrando nella parte più alta del proprio essere, rimarcando che l'immagine non rappresenta un essere umano, ma uno stato della coscienza.[39]

Sri Chinmoy raccomandava di meditare nella quiete del primo mattino, prima di iniziare le attività quotidiane, tra le tre e le quattro, cioè nella tradizionale "ora di Dio", la brahmamuhurtha; o anche, per adattarsi allo stile di vita occidentale, alle sei del mattino. Leggere gli scritti di Sri Chinmoy, cantare le sue canzoni e eseguire servizi dedicati, sono altrettante forme di meditazione.[40] Accanto a queste attività, Sri Chinmoy sosteneva che il mantenimento della forma fisica, e in particolare la corsa, fosse un aiuto per la vita spirituale interiore oltre che per la vita attiva esteriore, incoraggiando i suoi seguaci a correre tutti i giorni.[41]

Ecumenismo[modifica | modifica wikitesto]

Sri Chinmoy conduce una meditazione durante il Parlamento delle religioni mondiali, Chicago, 1993

Parte integrante dell'insegnamento di Sri Chinmoy è il rispetto per gli altri percorsi spirituali e le altre religioni:

« La vera religione ha una qualità universale. Essa non trova difetti nelle altre religioni. [...] Il perdono, la compassione, la tolleranza, la fratellanza e il sentimento di unità sono i segni di una vera religione.[42] »

Gli sforzi di Sri Chinmoy per promuovere l'armonia interreligiosa lo hanno portato a essere invitato ad aprire i lavori del Parlamento delle religioni mondiali di Chicago, nel 1993, e successivamente quello di Barcellona nel 2004.[43] Durante la meditazione di apertura del 2004, così egi si espresse:

« Durante la mia meditazione di apertura io prego per l'unità di tutte le religioni.[44] »

Sul tema, Sri Chinmoy ha detto:

« Sono nato nella religione hindu, ma ora la mia sola religione è quella di amare Dio e di essere al servizio di Dio. L'amore di Dio abbraccia tutte le religioni: cristianesimo, induismo, ebraismo, islam e altre.[45] »

Alle Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 1970, Sri Chinmoy fu invitato dal Segretario generale dell'ONU U Thant a tenere due volte la settimana meditazioni per i delegati delle Nazioni Unite, il personale e i rappresentanti delle ONG accreditati, in qualità di direttore del gruppo di meditazione denominato "Sri Chinmoy: Meditazioni di pace alle Nazioni Unite" a New York.[46] Per Sri Chinmoy, le Nazioni Unite sono il "casa del cuore del corpo del mondo", incarnando le speranze e i sogni di tutta la famiglia mondiale.

Chinmoy ha diretto le meditazioni di pace, che hanno visto la partecipazione di molti dipendenti e diplomatici delle Nazioni Unite, per 37 anni, fino al 2007, anno della sua morte. In quell'anno, più di 700 membri della comunità internazionale e ammiratori resero il loro tributo a Chinmoy durante una celebrazione tenutasi il 30 ottobre presso la sede delle Nazioni Unite a New York. Nel corso della cerimonia, Daw Aye Aye Thant, figlia dell'ex Segretario generale U Thant, si è così espressa:

« In una lettera a Sri Chinmoy nel mese di aprile 1972, mio padre ha scritto, «Lei ha instillato nelle menti di centinaia di persone valori morali e spirituali che entrambi teniamo molto cari. Io avrò sempre a cuore la memorabile occasione dei nostri incontri presso le Nazioni Unite.»[...] Mi sento fortunata di aver conosciuto Sri Chinmoy, di essere stato alla sua presenza molte volte, e di aver conosciuto molti membri del suo gruppo.[47] »

Impegno artistico[modifica | modifica wikitesto]

Un dipinto della serie "Jharna Kala", di Sri Chinmoy. Il termine in lingua bengalese vuol dire letteralmente "fontana dell'arte", a indicare il fluire spontaneo della creatività

Pittura[modifica | modifica wikitesto]

Sri Chinmoy ha iniziato a dipingere nel 1974, durante una visita a Ottawa, in Canada. Egli usava un misto di acrilici e disegni a penna. Gli uccelli nei suoi dipinti e disegni sono stati indicati come gli "uccelli dell'anima". Opere di Chinmoy sono state esposte nel Louvre a Parigi, presso gli uffici dell'UNESCO di Parigi, a Londra al Victoria and Albert Museum e presso la Mall Gallery, al Museo d'Arte Moderna di San Pietroburgo, nel John F. Kennedy International Airport di New York, e alla sede delle Nazioni Unite.[48][49][50]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Chinmoy è accreditato come autore di migliaia di brevi composizioni musicali, scritte con testi prevalentemente in bengalese e in inglese.[51] Ha pubblicato due album in Giamaica con l'etichetta Port-O-Jam, controllata dalla Studio One.[52] Nel 1976, Chinmoy pubblicò un album di ausilio alla meditazione con la Folkways Records dal titolo "Music for Meditation". Nel 1984 egli diede inizio a una serie di "concerti per la pace" gratuiti, in cui suonava strumenti differenti offrendo momenti di meditazione silenziosa tra un'esecuzione e la successiva. Durante i concerti di solito Chimnoy utilizzava 10-15 diversi strumenti, quali a esempio flauti, esraj, violoncello, dilruba e sintetizzatore. Secondo i suoi seguaci, Sri Chinmoy ha eseguito quasi 800 concerti per la pace gratuiti in luoghi importanti di tutto il mondo, tra cui la Royal Albert Hall di Londra, il Lincoln Center e la Carnegie Hall a New York, il Nippon Budokan a Tokyo, il Louvre di Parigi, e la Sydney Opera House.[53]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Sri Chinmoy ha iniziato a scrivere poesie in giovane età, in bengalese, sua lingua madre. In seguito egli apprese la metrica della lingua inglese, sicché la maggior parte delle sue poesie furono in seguito scritte in inglese. Negli anni successivi Sri Chinmoy scrisse molte brevi poesie, spesso di poche righe, brevi aforismi. In totale, si ritiene che Sri Chinmoy avrebbe scritto più di 120.000 poesie.[54] Nel 2001 Sri Chinmoy fu invitato a recitare alcune sue poesie presso le Nazioni Unite, nell'ambito di un evento delle sponsorizzato dalle Nazioni Unite per "promuovere il dialogo tra le civiltà attraverso la poesia".[55] L'11 settembre 2010, tre poesie di Sri Chinmoy sulla speranza sono state recitate dal governatore di New York David Paterson durante una cerimonia per celebrare il nono anniversario dell'11 settembre 2001. Gli scritti ispirazionali di Sri Chinmoy sono stati lodati da molti, tra cui l'arcivescovo Desmond Tutu, che ha scritto: «Queste gemme dolci di saggezza scritte dal mio caro amico Sri Chinmoy sono verità senza tempo piene di incoraggiamento, di amore e di bontà... Questi capitoli ci riempiono di indomabile speranza e di entusiasmo per la vita».[56]

Atletismo[modifica | modifica wikitesto]

Sri Chinmoy durante una manifestazione podistica, Zurigo 1980

Nello spirito di auto-trascendenza, alcuni suoi allievi hanno compiuto imprese straordinarie di resistenza. Alcuni membri del team Sri Chinmoy Marathon hanno traversato il Tunnel della Manica più di quaranta volte. Tra le altre imprese vanno incluse le corse su distanze elevate, le ultramaratone, come la Self-Transcendence 3100 Mile Race per esempio, e imprese di alpinismo e ciclismo di lunga distanza. Il discepolo di Chinmoy Ashrita Furman detiene attualmente 120 Guinness World Records ed è l'unica persona nella storia a raggiungere questo obiettivo. Ashrita ha affermato che la meditazione appresa da Sri Chinmoy lo «aiuta ad andare oltre le sue aspettative».[57]

Corsa[modifica | modifica wikitesto]

Il “Sri Chinmoy Marathon Team” è stato fondato nel 1977, il team si occupa in tutto il mondo di manifestazioni dedicate al running, al nuoto e al ciclismo, nel campo del running le sue attività vanno dalle corse per divertimento alle ultramaratone.[58] Il precursore delle ultramaratone è stata la Liberty Torch Run del 1976, una corsa a staffetta in cui 33 corridori celebrato il bicentenario degli Stati Uniti coprendo 8800 miglia in 7 settimane, attraverso oltre 50 stati.[59] Questo concetto di evento è stato ampliato nel 1987, diventando la “Sri Chinmoy Oneness-Home Peace Run” (in seguito ribattezzata “World Harmony Run”),[60] che sui tiene solitamente ogni due anni. La prima “Peace Run” è stata lanciata nell’aprile del 1987 presso il World Trade Center a New York.[15]

Nel 1985, Sri Chinmoy, con l'allora sindaco di Oxford , ha inaugurato il primo "Sri Chinmoy Peace Mile", un tracciato di un miglio in Cutteslowe Park, Oxford che dà ai jogger qualcosa rispetto al quale misurare i loro progressi.[61] Attualmente ci sono numerosi "Peace Miles" in tutto il mondo.[62]

Molti dei seguaci di Sri Chinmoy corrono quotidianamente per mantenere la propria salute e forma fisica. Sri Chinmoy stesso ha continuato a partecipare a gare fino a quando negli anni ’60 un infortunio al ginocchio danneggiato la sua capacità di correre, rivolgendo in seguito la sua attenzione al tennis e al sollevamento pesi.[63]

Altri programmi fondati da Chinmoy sono il “Self-Transcendence 6 & 10 day” e la “Self-Transcendence 3100 Mile Race”, descritta dal New York Times come il "Monte Everest delle ultramaratone".[64]

Sollevamento pesi[modifica | modifica wikitesto]

Sri Chinmoy solleva 540 libbre con le braccia (circa 245 chilogrammi)

Sri Chinmoy ha iniziato il sollevamento pesi nel 1985, all'età di 54 anni. Bill Pearl , ex Mr. Universo, è stato il Maestro delle Cerimonie in molte delle dimostrazioni di forza dio Sri Chinmoy. Introducendo una di queste dimostrazioni di sollevamento pesi di Sri Chinmoy, nel 1999, Bill Pearl ha scritto: "Oggi state per vedere alcune incredibili prove di forza che io stesso - e sono stato nel settore per 55 anni - non sarei nemmeno tentato di eseguire".[65] Sri Chinmoy, ha spiegato che la sua motivazione nel praticare il sollevamento pesi era quella di ispirare gli altri, soprattutto le persone di età più avanzata.

« Se posso ispirare qualcuno in questo mondo, allora sento che la mia vita ha un significato. Con il sollevamento pesi, offro la mia forza fisica per ispirare le persone.[66] »

Nel programma creato nel 1998, noto come “sollevare il mondo con un cuore d’unità”, Sri Chinmoy sollevava le persone d’ispirazione mentre si trovavano su una piattaforma sopraelevata. Chinmoy ha descritto la sua motivazione: “li sollevo per mostrare il mio apprezzamento per i loro successi,”[67] Tra le circa 7.000 persone sollevate da Chimnoy vi sono: Nelson Mandela,[68] Desmond Tutu,[69] Muhammad Ali, Sting, Eddie Murphy, Susan Sarandon, Roberta Flack, Yoko Ono, Jeff Goldblum e Richard Gere.[14] Di questa esperienza, il rabbino Marc Gellman ha scritto su Newsweek:

« Ricordo il giorno miracoloso del 23 maggio 2001, quando Sri Chinmoy sollevò me, il mio amico padre Tom Hartman, e una piattaforma sopraelevata. Insieme, con la piattaforma, pesavamo più di 500 chili (avevo un cellulare molto pesante in tasca!).[70] »

Nel mese di aprile 2011, un film documentario sul sollevamento pesi di Sri Chinmoy dal titolo Challenging Impossibility è stato presentato al Tribeca Film Festival.[71]

Questa attività è stata sostenuta da culturisti importanti ed esperti di resistenza, come Bill Pearl, Frank Zane e Hugo Girard. Sri Chinmoy affermò anche di avere sollevato in un’occasione più di 7.000 libbre (~ 3.175 chili) con un braccio. Nel 1991, un professore di kinesiologia presso l'Università del Texas, sostenne che Chinmoy travisasse il tipo di sollevamento effettuato, dopo aver visto un video in risoluzione molto bassa, senza dettagli dell’attività di sollevamento.[72] A seguito di questo tipo di critiche, Bill Pearl si prestò per contribuire agli articoli che sarebbero stati scritti sui sollevamenti operati da Sri Chinmoy, in modo da assicurarsi che questi sollevamenti fossero descritti con la terminologia più accurata.[73]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sri Chinmoy ha ricevuto molti riconoscimenti per la sua opera umanitaria. Nel 1998 è stato insignito del premio 'Pellegrino di Pace' dal 'Centro Internazionale di Assisi per la pace tra i popoli'.[74] Nell’ottobre del 1994 ha ricevuto, insieme con la moglie di Martin Luther King, Coretta Scott King, il 'Premio Mahatma Gandhi Armonia Universale'dal ramo americano dell’istituto culturale indiano Bharatiya Vidya Bhavan.[75] Il 27 agosto 1997, la rivista internazionale 'Induism Today’ ha assegnato a Sri Chinmoy l’‘Hindu Renaissance Award',[76] onorandolo per l'insegnamento di uno yoga che combina aspetti dell'antico induismo con lo stile di vita moderno.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Chinmoy abbraccia una bambina
Sri Chinmoy tiene Jayanti Tamm nelle sue braccia nel 1970, quando la bambina aveva quattro mesi d’età; Chinmoy predisse che lei sarebbe divenuta la sua “discepola perfetta”. Jayanti sarebbe stata espulsa dal gruppo alcune volte prima del 1995 e in seguito scrisse il libro Cartwheels in a Sari: A Memoir of Growing Up Cult.

Sri Chinmoy è stato criticato da alcuni ex seguaci. Il musicista Carlos Santana , come seguace, ha detto in merito a Sri Chinmoy "Senza un guru io servo solo la mia vanità, ma con lui posso essere al vostro servizio e tutti. Io sono le corde, ma lui è il musicista. Guru s’è laureato all’Harvard della coscienza e siede ai piedi di Dio".[77] Successivamente alla rottura con Chinmoy, Santana dichiarò alla rivista Rolling Stone che il guru era "vendicativo" e aveva "detto a tutti i miei amici di non chiamarmi mai più, perché stavo per annegare in un mare buio di ignoranza per averlo lasciato". Più tardi, Santana ha commentato: "È stata una buona esperienza di apprendimento".[77]

Jayanti Tamm è nata da genitori che facevano parte dell’organizzazione di Chinmoy. Il suo racconto della vita come una discepola di Chinmoy “Cartwheels in un Sari: A Memoir of Growing Up Cult” è stato pubblicato nel 2009.[78] Tamm ha affermato che Chinmoy avrebbe predetto che lei sarebbe diventata la sua discepola perfetta. Il libro descrive la sua vita nel cerchio più ristretto intorno al guru e i suoi sforzi per liberarsi dalla sua influenza. Prima della pubblicazione del libro le era stato chiesto di lasciare il gruppo.[79]

Accuse contro Chinmoy sono state pubblicate nel libro The Joy of Sects.[80] Chinmoy ha respinto tali accuse, affermando che aveva rispettato il celibato per tutta la sua vita e che le accuse di cattiva condotta sessuale mossegli erano false e diffamatorie.[81]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Sri Chinmoy ha scritto numerose opere su una vasta gamma di argomenti spirituali. Queste comprendono racconti, saggi, opere teatrali, poesie e autointerviste. Il suo primo libro è stato pubblicato nel 1970. Tra i libri pubblicati in lingua italiana:

  • Canti dell'anima, J.G. Guzzi, Edizioni Madal Bal, Milano 1985.
  • Compassione, The Golden Shore, Milano 2007.
  • Everest-Aspiration. L'eterno respiro, Edizioni Madal Bal, Milano 1992.
  • Il cuore e i sogni di un bambino. Educare con la saggezza spirituale. Una guida per genitori e bambini, The Golden Shore, Milano 2008, ISBN 978-8888783123.
  • Il maestro e il discepolo, The Golden Shore, Milano 2014.
  • Kundalini. Il potere della madre divina, The Golden Shore, Milano 2008, ISBN 978-8888783116.
  • La meditazione del cuore, a cura di P. Giovetti, Edizioni Mediterranee, Roma 1987, ISBN 978-8827206041.
  • L'arte del Silenzio, The Golden Shore, Milano 1993, ISBN 88-86737-00-9.
  • Perdono, The Golden Shore, Milano 2008, ISBN 978-8888783048.
  • Siddharta diviene il Buddha, The Golden Shore, Milano 2008, ISBN 978-8888783093.
  • Yoga e vita spirituale, The Golden Shore, Milano 2008, ISBN 978-8888783024.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo documenti legali sottoscritti nel novembre del 2006, il suo nome era Chinmoy Kumar Ghose detto Sri Chinmoy. Sri Chinmoy è il nome col quale ha insegnato, pubblicato, composto e si è esibito sin circa dal 1972 (cfr. le copertine dei lavori citati in seguito). Precedentemente era conosciuto come Chinmoy Kumar Ghose (per es. “Many at U.N.” New York Times 8 novembre 1971: 42). Ha firmato la maggior parte dei suoi dipinti e disegni come C.K.G. (“C.K.G.” Jharna-Kala Magazine 1.1 (aprile–giugno 1977: 1).
  2. ^ Sri (o anche Shri) è la traslitterazione di un termine della lingua sanscrita usato come titolo di rispetto e venerazione.
  3. ^ a b Hinduism Today Dicembre 1997, pp.34-35, Sri Chinmoy clinches 1997 "Hindu Renaissance Award", hinduismtoday.com (visitato il 13 novembre 2014).
  4. ^
    (EN)

    « And who is God? God is the highest illumined part in us. God is nothing and nobody else. »

    (IT)

    « E chi è Dio? Dio non è che la parte più illuminata in noi. Dio non è nient'altro e nessun altro. »

    (Sri Chimnoy, The Master and the Disciple: Insights into the Guru-disciple Relationship; citato in Our Path, srichinmoy.org)
  5. ^ Corey Kilgannon, Sri Chinmoy, Athletic Spiritual Leader, Dies at 76, New York Times (visitato il 13 novembre 2014).
  6. ^ Dua 2005, pp. 18, 22; Chinmoy 1998, p. 58.
  7. ^ Sri Chinmoy, My Brother Chitta, pp. 60, 65.
  8. ^ Sri Chinmoy, Answers, part 23, p. 28; Sri Chinmoy, How Nolini-da, 2004, pp. 6-7.
  9. ^ Sri Chinmoy, Answers, part 23, p. 28.
  10. ^ Sri Chinmoy, Answers, part 23, p. 48.
  11. ^ Sri Chinmoy, Answers, part 23, p. 28.
  12. ^ Sri Chinmoy, Answers, part 23, pp. 40-50.
  13. ^ Getting a Green card; in Sri Chinmoy, My Consulate Years, Agni Press / Aum Publications, Jamaica, NY, 1996, pp. 132-133.
  14. ^ a b Corey Kilgannon, They're Not Heavy; They're His People; 72-Year-Old Sri Chinmoy Offers An Uplift Beyond the Spiritual, New York Times, 1º luglio 2004. URL consultato il 31 maggio 2011.
  15. ^ a b Robert McG. Thomas Jr., SCOUTING; One More Time: A Torch Relay, New York Times, 22 aprile 1987. URL consultato il 31 maggio 2011.
  16. ^ Stump, p. 92.
  17. ^ Stump, pp. 56-90.
  18. ^ Norman Weinstein, Carlos Santana: A Biography, Greenwood, California, 2009, pp.51.
  19. ^ Norman Weinstein, Carlos Santana: A Biography, Greenwood, California, 2009, pp.49-62.
  20. ^ Chris Heath, The Epic Life of Carlos Santana, Rolling Stone, marzo 2000.
  21. ^ Frederick Lenz, aka Zen Master Rama, ex-cult.org.
  22. ^ Gail M. Harley, Hindu and Sikh faiths in America, Facts on File, New York 2003, p. 90.
  23. ^ Keith Greenberg, "Sri You Later,", The Village Voice, 6 novembre 2007, ultimo accesso il 26 novembre 2014.
  24. ^ Kononenko, Igor & Irena Roglic, Teachers of Wisdom, RoseDog Books, Pittsburgh, 2010, p. 358.
  25. ^ David Ellis, Spiritual Aid Is Easier to Obtain, TIME Magazine, 29 luglio 1991. URL consultato il 25 novembre 2014..
  26. ^ Sri Chinmoy, Answers, part 23, p. 50.
  27. ^ Sri Chinmoy Nominated to Receive the Nobel Peace Prize 51 Icelandic MPs sign a nomination to the Nobel Committee, highbeam.com, ultimo accesso il 25 novembre 2014.
  28. ^ CCNMatthews Newswire Sri Chinmoy nominated for the Nobel Prize 2007 by Canadian Professor, highbeam.com, ultimo accesso il 25 novembre 2014.
  29. ^ Corey Kilgannon, Sri Chinmoy, Athletic Spiritual Leader, Dies at 76, New York Times, 13 ottobre 2007. URL consultato il 25 novembre 2014.
  30. ^ Sri Chinmoy, Limitation, university lecture in The Oneness of the Eastern Heart and the Western Mind, part 1, Agni, 2003.
  31. ^ Yoga, in The Columbia Encyclopedia, Columbia University Press, 6° edizione, 2009.
  32. ^ Love, devotion and surrender.
  33. ^ Sri Chinmoy, Love, Devotion and Surrender; Love and Serve, university lectures in The Oneness of the Eastern Heart and the Western Mind, Part 1, Agni, 2003.
  34. ^ Sri Chinmoy, The Divine Hero: Winning in the Battlefield of Life, 2002, pp. 6-7, pp. 34-35.
  35. ^ We are all seekers, and our goal is the same: to achieve inner peace, light and joy, to become inseparably one with our Source, and to lead lives full of true satisfaction: Sri Chinmoy, The Wings of Joy, 1997, p. 13.
  36. ^ Ottawa Citizen, An 868-kilometre 'Spiritual Journey', canada.com, 23 maggio 2006.
  37. ^ Peace Institute Honors Chinmoy, hinduismtoday.com, febbraio 1994. URL consultato il 3 dicembre 2014.
  38. ^ Sri Chinmoy Writes, People Weekly, 1976: 50; Knox (ed.), Religion and Public Policy, Religion Counts, 2002, p. 30.
  39. ^ Sri Chinmoy, Meditation: Man-Perfection in God-Satisfaction, pp. 222-224.,
  40. ^ Sri Chinmoy, Meditation: Man-Perfection in God-Satisfaction, pp. 145-163.
  41. ^ Sri Chinmoy, The Outer Running and the Inner Running, 1986, pp. 140-153.
  42. ^ Sri Chinmoy, World-Destruction: Never, Impossible!, part 1, Agni Press.
  43. ^ Sri Chinmoy Opens the Parliament of World’s Religions, yogachicago.com, ottobre 2004.
  44. ^ Sri Chinmoy, I Bow To the Soul of the Parliament of Religions, Barcelona 2004, p. 5, Agni Press, New York 2005.
  45. ^ Sri Chinmoy, Aspiration-Body, Illumination-Soul, part 1, Agni Press, 1993.
  46. ^ The Spiritual History of the United Nations.
  47. ^ «You have indeed instilled in the minds of hundreds of people here the moral and spiritual values which both of us cherish very dearly. I shall always cherish the memorable occasion of our meetings at the United Nations.» Citato in Celebration of the Life of Sri Chinmoy, srichinmoybio.co.uk, 30 ottobre 2007.
  48. ^ Kate Barker, Out Of The Chaos Of Difference, Harmony, Newsweek, 30 agosto 2008. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  49. ^ Alexandra Shaw, 70,000 Soul-Bird-Flights by Sri Chinmoy, US- Magazine Manhattan Arts, settembre-ottobre 1993, S.25.
  50. ^ Ari L. Goldman, RELIGION NOTES - Messengers of Peace, New York Times, 9 aprile 1994. URL consultato il 16 dicembre 2014.
  51. ^ Dua 2005, p. 68. Dua afferma che al 5 maggio 2005, Chinmoy aveva composto 18.897 canzoni devozionali, di cui 12.000 in bengalese – la sua lingua madre - 6.684 in inglese, 180 in sanscrito e 33 in francese.
  52. ^ MY PILOT SUPREME Sri Chinmoy at the Downbeat Special web site [1]
  53. ^ Dua 2005, p. 66.
  54. ^ The Prose and Poetry of Sri Chinmoy, srichinmoycentre.org.
  55. ^ Rattapallax Press organized Dialogue Among Civilizations Through Poetry in 2001, rattapallax.com.
  56. ^ Sri Chinmoy, foreword by Archbishop Desmond Tutu, The Jewels of Happiness: Inspiration and Wisdom to Guide Your Life-Journey 2010, Watkins Publishing, ISBN 1906787972.
  57. ^ Jilian Mincer, The Ultimate Guinness Record Is the Record for Records, Wall Street Journal, 18 novembre 2010. URL consultato il 26 novembre 2014.
  58. ^ Bennett, Ultrarunning April 1987: 23–25.
  59. ^ Aspiring India.org "Biography of Sri Chinmoy - Part 3"
  60. ^ Greene, "Runners Span Globe" Salisbury Post 2005.
  61. ^ Oxford Peace Mile, Student of Peace, 30 May 1987.
  62. ^ See, for example: Sri Chinmoy peace mile, Auckland City Council. URL consultato il 21 agosto 2008.
  63. ^ Fiona Hamilton, Sri Chinmoy (obituary) (Londra), TimesOnline, 14 ottobre 2007. URL consultato il 21 agosto 2008.
  64. ^ New York Times
  65. ^ Pearl, Bill Beyond The Universe: The Bill Pearl Story 2003, p192
  66. ^ New Zealand Fitness, February/March 2006 issue (No.77)
  67. ^ Lifting up the World at Sri Chinmoy.org
  68. ^ Video of Mandela and Chinmoy
  69. ^ [2] Video of Desmond Tutu and Sri Chinmoy] published Sri Chinmoy TV
  70. ^ Mark Gellman, Are Miracles Real, Newsweek, 30 ottobre 2007. URL consultato il 28 maggio 2011.
  71. ^ Corey Kilgannon, A Monument to Strength as a Path to Enlightenment, New York Times accessdate=2011-05-28, 25 aprile 2011.
  72. ^ Galloway, Paul. “Gonzo Guru,” in Chicago Tribune, September 20, 1991.
  73. ^ Pearl, Bill. Beyond the Universe: Bill Pearl 2003, p192
  74. ^ Peace Pilgrim Award. URL consultato il 22 maggio 2011.
  75. ^ Highlights of Some of the Past Events, Bharatiya Vidya Bhavan. URL consultato il 30 maggio 2011.
  76. ^ Hindu of the Year, Hinduism Today, dicembre 1997. URL consultato il 30 maggio 2011.
  77. ^ a b Heath, Chris. 'The Epic Life of Carlos Santana', Rolling Stone, March 2000, p.11
  78. ^ Brendan Brosh, Child of Chinmoy ministry blasts 'cult' in new book in Daily News (New York), 24 aprile 2009.
  79. ^ Cartwheels in a Sari: A Memoir of Growing Up Cult
  80. ^ Peter Occhiogrosso, The Joy of Sects 1994, p.67
  81. ^ WIPO Domain Name Decision, WIPO, 22 maggio 2003. URL consultato il 23 agosto 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sri Chinmoy, Answers, Agni press, 2000.
  • Sri Chinmoy, Meditation: Man-Perfection in God-Satisfaction, Agni press, 1989.
  • Sri Chinmoy, My Brother Chitta, Agni press, 1998.
  • Shyam Dua (a cura di), The Luminous Life of Sri Chinmoy: an authorised biography edited by Shyam Dua, Tiny Tot Publications, 2005.
  • Paul Stump, Go Ahead John: The Music of John McLaughlin, SAF, London 2000.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]