Premio Nobel per la pace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Premio Nobel per la Pace)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Premio Nobel
Nobel prize medal.svg
Alfred Nobel
Premio: in ordine
Pace: alfabetico cronologico
Letteratura: alfabetico cronologico
Medicina: alfabetico cronologico
Fisica: alfabetico cronologico
Chimica: alfabetico cronologico
Economia: alfabetico cronologico

Il premio Nobel per il mantenimento della pace è stato previsto nel testamento di Alfred Nobel del 1895 ed è stato assegnato per la prima volta nel 1901 (come gli altri premi previsti da Nobel stesso).

La cerimonia di consegna del Nobel per la Pace si tiene ad Oslo. Il vincitore del premio viene scelto dal Comitato per il Nobel norvegese, composto da cinque persone scelte dal Parlamento norvegese[1]. L'annuncio della decisione viene effettuato a metà ottobre e la consegna del premio avviene presso il municipio di Oslo[1].

L'assegnazione del premio non si è svolta in 19 occasioni:

Vincitori del premio Nobel per la pace[modifica | modifica sorgente]

Anno Premiati Nazionalità Motivazione[2]
1901[3] Jean Henri Dunant Svizzera Svizzera Fondatore della Croce Rossa e ideatore delle Convenzioni di Ginevra per i diritti umani.
1901[3] Frédéric Passy Francia Francia Fondatore e presidente della prima società per la pace Società d'arbitraggio tra le Nazioni.
1902 Élie Ducommun
Charles Albert Gobat
Svizzera Svizzera
Svizzera Svizzera
Segretario onorario dell'Ufficio internazionale per la pace di Berna.
Segretario generale dell'Unione interparlamentare e segretario onorario dell'Ufficio internazionale per la pace.
1903 William Randal Cremer Regno Unito Regno Unito Segretario della Lega internazionale dell’arbitrato.
1904 Istituto di diritto internazionale Belgio Belgio
1905 Bertha von Suttner Austria-Ungheria Austria-Ungheria Presidente onoraria dell'Ufficio internazionale per la pace.
1906 Theodore Roosevelt Stati Uniti Stati Uniti Presidente degli Stati Uniti.
1907 Ernesto Teodoro Moneta
Louis Renault
Italia Italia
Francia Francia
Presidente dell'Unione Lombarda per la pace.
Professore di diritto internazionale alla Sorbona.
1908[3] Klas Pontus Arnoldson Svezia Svezia Fondatore dell'Associazione svedese per la pace e l'arbitrato.
1908[3] Fredrik Bajer Danimarca Danimarca Presidente onorario dell'Ufficio internazionale per la pace.
1909[3] Auguste Marie François Beernaert Belgio Belgio Membro del parlamento belga e della Corte permanente di arbitrato.
1909[3] Paul-Henri-Benjamin d'Estournelles de Constant Francia Francia Fondatore e presidente del gruppo parlamentare francese per l'arbitrato internazionale e fondatore del comitato per la difesa degli interessi nazionali e di conciliazione internazionale.
1910 Ufficio internazionale per la pace Svizzera Svizzera
1911[3] Tobias Michael Carel Asser Paesi Bassi Paesi Bassi Iniziatore delle Conferenze sul diritto privato internazionale a L'Aia.
1911[3] Alfred Hermann Fried Austria-Ungheria Austria-Ungheria Giornalista, fondatore del Die Friedenswarte.
1912 Elihu Root Stati Uniti Stati Uniti Per l'avvio di vari trattati di arbitrato.
1913 Henri La Fontaine Belgio Belgio Presidente dell'Ufficio internazionale per la pace.
1914 non è stato assegnato
1915 non è stato assegnato
1916 non è stato assegnato
1917 Comitato Internazionale della Croce Rossa Svizzera Svizzera
1918 non è stato assegnato
1919 Thomas Woodrow Wilson Stati Uniti Stati Uniti Presidente degli Stati Uniti, promotore della Lega delle Nazioni.
1920 Léon Victor Auguste Bourgeois Francia Francia Presidente del Consiglio della Lega delle Nazioni.
1921[3] Karl Hjalmar Branting Svezia Svezia Primo ministro, delegato svedese del Consiglio della Lega delle Nazioni.
1921[3] Christian Lous Lange Norvegia Norvegia Segretario generale dell'Unione interparlamentare.
1922 Fridtjof Nansen Norvegia Norvegia Delegato norvegese alla Lega delle Nazioni, inventore del Passaporto Nansen per le persone rifugiate.
1923 non è stato assegnato
1924 non è stato assegnato
1925[3] Austen Chamberlain Regno Unito Regno Unito Co-ideatore dei Trattati di Locarno.
1925[3] Charles Gates Dawes Stati Uniti Stati Uniti Presidente della commissione alleata per la ricostruzione dopo la guerra e ideatore del Piano Dawes.
1926 Aristide Briand
Gustav Stresemann
Francia Francia
Germania Germania
Co-ideatore dei Trattati di Locarno.
Co-ideatore dei Trattati di Locarno.
1927[3] Ferdinand Buisson Francia Francia Fondatore e presidente della Lega per i diritti umani.
1927[3] Ludwig Quidde Germania Germania Professore, relatore in numerose conferenze di pace.
1928 non è stato assegnato
1929 Frank Billings Kellogg Stati Uniti Stati Uniti Co-ideatore del Patto Briand-Kellogg.
1930 Lars Olof Nathan Soederblom Svezia Svezia Leader del movimento ecumenico.
1931[3] Jane Addams Stati Uniti Stati Uniti Presidente della Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà
1931[3] Nicholas Murray Butler Stati Uniti Stati Uniti Promotore del Patto Briand-Kellogg.
1932 non è stato assegnato
1933 Norman Angell Regno Unito Regno Unito Membro del Comitato esecutivo della Lega delle Nazioni e del Consiglio nazionale per la pace.
1934 Arthur Henderson Regno Unito Regno Unito Presidente della Conferenza per il disarmo della Lega delle Nazioni.
1935 Carl von Ossietzky Germania Germania Giornalista pacifista, recluso dal 1933 per ordine della Gestapo.
1936 Carlos Saavedra Lamas Argentina Argentina Presidente della Lega delle Nazioni e mediatore nel conflitto tra Paraguay e Bolivia (Guerra del Chaco).
1937 Edgar Algernon Robert Gascoyne Cecil Regno Unito Regno Unito Fondatore e presidente della Campagna internazionale per la pace
1938 Ufficio internazionale Nansen per rifugiati Svizzera Svizzera
1939 non è stato assegnato
1940 non è stato assegnato
1941 non è stato assegnato
1942 non è stato assegnato
1943 non è stato assegnato
1944 Comitato Internazionale della Croce Rossa Svizzera Svizzera assegnato retroattivamente nel 1945
1945 Cordell Hull Stati Uniti Stati Uniti Co-fondatore principale delle Nazioni Unite.
1946[3] Emily Greene Balch Stati Uniti Stati Uniti Presidente onoraria della Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà.
1946[3] John Raleigh Mott Stati Uniti Stati Uniti Presidente del Consiglio missionario internazionale e presidente della Young Men's Christian Association (YMCA).
1947 Friends Service Council
American Friends Service Committee
Regno Unito Regno Unito
Stati Uniti Stati Uniti
a nome della "società religiosa degli amici", meglio nota come Quaccheri.
1948 non è stato assegnato avrebbe potuto essere assegnato al Mahatma Gandhi se non fosse stato assassinato.[4]
1949 John Boyd Orr Regno Unito Regno Unito Organizzatore e direttore generale della FAO, presidente del Consiglio nazionale per la pace e dell'Unione mondiale delle organizzazioni di pace.
1950 Ralph Bunche Stati Uniti Stati Uniti Mediatore in Palestina (1948)
1951 Léon Jouhaux Francia Francia Presidente del Sindacato francese CGT, vice presidente della Confederazione internazionale dei sindacati liberi e della Federazione Sindacale Mondiale, membro del Consiglio dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro, delegato all'ONU.
1952 Albert Schweitzer bandiera Germania Ovest / Francia Francia Chirurgo missionario, fondatore dell'ospedale Lambaréné in Gabon (sviluppo della filosofia di "Rispetto per la vita").
1953 George Catlett Marshall Stati Uniti Stati Uniti Ideatore del Piano Marshall
1954 Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) Nazioni Unite Nazioni Unite
1955 non è stato assegnato
1956 non è stato assegnato
1957 Lester Bowles Pearson Canada Canada Presidente della 7ª sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (introduzione delle forze di pace per risolvere la crisi di Suez).
1958 Georges Pire Belgio Belgio Capo dell'organizzazione di soccorso per i rifugiati l'Europe du Coeur au Service du Monde.
1959 Philip Noel-Baker Regno Unito Regno Unito Per la sua vita ardente spesa per la pace e la cooperazione internazionale.
1960 Albert John Lutuli Sudafrica Sudafrica Presidente dell'African National Congress.
1961 Dag Hjalmar Agne Carl Hammarskjoeld Svezia Svezia Segretario generale delle Nazioni Unite. (postumo)
1962 Linus Carl Pauling Stati Uniti Stati Uniti Chimico e pacifista, professore al Caltech, promotore della campagna contro i test nucleari.

Linus Pauling era già stato Premio Nobel nel 1954 per la chimica.

1963 Comitato Internazionale della Croce Rossa
Lega delle società della Croce Rossa
Svizzera Svizzera
Svizzera Svizzera
1964 Martin Luther King Stati Uniti Stati Uniti Capo della Southern Christian Leadership Conference, attivista per i diritti civili.
1965 Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (UNICEF) Nazioni Unite Nazioni Unite
1966 non è stato assegnato
1967 non è stato assegnato
1968 René Cassin Francia Francia Presidente della Corte europea dei diritti umani.
1969 Organizzazione Internazionale del Lavoro Svizzera Svizzera
1970 Norman Borlaug Stati Uniti Stati Uniti Scienziato agrario al International Maize and Wheat Improvement Center (CIMMYT).
1971 Willy Brandt bandiera Germania Ovest Cancelliere della Germania Ovest (promotore dell'Ostpolitik, politica di normalizzazione dei rapporti con la Germania Est e l'Europa dell'Est).
1972 non è stato assegnato
1973 Henry A. Kissinger
Lê Ðức Thọ (premio rifiutato)
Stati Uniti Stati Uniti
Vietnam Vietnam
Negoziatori degli Accordi di pace di Parigi (1973) (per la fine della guerra del Vietnam).
1974[3] Seán MacBride Francia Francia / Irlanda Irlanda Presidente dell'Ufficio internazionale per la pace e della Commissione della Namibia alle Nazioni Unite.
1974[3] Eisaku Satō Giappone Giappone Primo Ministro giapponese, fece aderire il Giappone al Trattato di non proliferazione nucleare.
1975 Andrej Dmitrievič Sacharov URSS URSS Fisico nucleare sovietico, promotore di campagne per i diritti umani.
1976 Betty Williams
Mairead Corrigan
Regno Unito Regno Unito
Regno Unito Regno Unito
Fondatrici del movimento Northern Ireland Peace Movement (poi rinominato in Community of Peace People).
1977 Amnesty International Regno Unito Regno Unito Campagna contro la tortura.
1978 Mohamed Anwar El Sadat
Menachem Begin
Egitto Egitto
Israele Israele
Negoziatori degli accordi di pace tra Egitto e Israele.
1979 Madre Teresa di Calcutta Albania Albania Fondatrice delle Missionarie della carità, per la sua vita dedita alle vittime della povertà.
1980 Adolfo Pérez Esquivel Argentina Argentina Difensore dei diritti umani.
1981 Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) Nazioni Unite Nazioni Unite
1982 Alva Myrdal
Alfonso García Robles
Svezia Svezia
Messico Messico
Delegati all'Assemblea generale delle Nazioni Unite sul disarmo.
1983 Lech Wałęsa Polonia Polonia Fondatore di Solidarność e attivista per i diritti umani.
1984 Desmond Mpilo Tutu Sudafrica Sudafrica Arcivescovo sudafricano, attivista anti-apartheid.
1985 International Physicians for the Prevention of Nuclear War Stati Uniti Stati Uniti Campagne informative per creare la consapevolezza delle conseguenze catastrofiche della guerra atomica.
1986 Elie Wiesel Romania Romania / Stati Uniti Stati Uniti Presidente della commissione presidenziale sull'olocausto (autore del romanzo La notte).
1987 Óscar Arias Sánchez Costa Rica Costa Rica "per il suo lavoro per la pace in America centrale, che ha portato all'accordo firmato in Guatemala, il 7 agosto di quest'anno"
1988 Forze di peace-keeping delle Nazioni Unite Nazioni Unite Nazioni Unite Partecipazione a numerosi conflitti dal 1956.
1989 Tenzin Gyatso (14º Dalai Lama) Tibet Tibet Contrarietà all'uso della violenza nella lotta del suo popolo per la liberazione del Tibet.
1990 Michail Sergeevič Gorbačëv URSS URSS "per il suo ruolo di primo piano nel processo di pace che oggi caratterizza parti importanti della comunità internazionale"
1991 Aung San Suu Kyi Birmania Birmania "per la sua lotta non violenta per la democrazia e i diritti umani"
1992 Rigoberta Menchú Tum Guatemala Guatemala "in riconoscimento del suo lavoro per la giustizia sociale e la riconciliazione etno-culturale basata sul rispetto per i diritti dei popoli indigeni"
1993 Nelson Mandela
Frederik Willem de Klerk
Sudafrica Sudafrica
Sudafrica Sudafrica
"per il loro lavoro per la risoluzione pacifica del regime di apartheid, e per aver gettato le basi per un nuovo Sudafrica democratico"
1994 Yasser Arafat
Shimon Peres
Yitzhak Rabin
Palestina Palestina
Israele Israele
Israele Israele
"per i loro sforzi per creare la pace in Medio Oriente"
1995 Joseph Rotblat
Pugwash Conferences on Science and World Affairs
Polonia Polonia / Regno Unito Regno Unito
Canada Canada
"per i loro sforzi per ridurre il ruolo delle armi nucleari nella politica internazionale e, nel lungo periodo, per eliminare tali armi"
1996 Carlos Filipe Ximenes Belo
José Ramos Horta
Timor Est Timor Est
Timor Est Timor Est
"per il loro lavoro verso una soluzione giusta e pacifica del conflitto nel Timor Est"
1997 Campagna Internazionale per il Bando delle Mine Antiuomo (ICBL)
Jody Williams
Stati Uniti Stati Uniti
Stati Uniti Stati Uniti
"per il loro lavoro per il bando e l'eliminazione delle mine antiuomo"
1998 John Hume
David Trimble
Regno Unito Regno Unito
Regno Unito Regno Unito
"per i loro sforzi volti a trovare una soluzione pacifica al conflitto in Irlanda del Nord"
1999 Medici Senza Frontiere
ritirato da James Orbinski
Svizzera Svizzera "in riconoscimento del lavoro umanitario pioneristico dell'organizzazione in diversi continenti"
2000 Kim Dae-Jung Corea del Sud Corea del Sud "per il suo lavoro per la democrazia e i diritti umani in Corea del Sud e in Asia orientale, in generale, e per la pace e la riconciliazione con la Corea del Nord, in particolare"
2001 Organizzazione delle Nazioni Unite
Kofi Annan
Nazioni Unite Nazioni Unite
Ghana Ghana
"per il loro lavoro per un mondo meglio organizzato e più pacifico"
2002 James Earl (Jimmy) Carter Stati Uniti Stati Uniti "per l'impegno instancabile decennale per trovare soluzioni pacifiche ai conflitti internazionali, per far avanzare la democrazia e i diritti umani, e per promuovere lo sviluppo economico e sociale"
2003 Shirin Ebadi Iran Iran "per il suo impegno per la democrazia e i diritti umani. Si è concentrata soprattutto nella lotta per i diritti delle donne dei bambini e delle bambine"
2004 Wangari Maathai Kenya Kenya "per il suo contributo allo sviluppo sostenibile, alla democrazia e alla pace"
2005 Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica
Muhammad al-Barade'i (محمد البرادعي)
Nazioni Unite Nazioni Unite
Egitto Egitto
"per i loro sforzi per impedire che l'energia nucleare venga usata per scopi militari e per assicurare che l'energia nucleare per scopi pacifici sia utilizzata nel modo più sicuro possibile"
2006 Muhammad Yunus
Grameen Bank
Bangladesh Bangladesh
Bangladesh Bangladesh
"per i loro sforzi per creare lo sviluppo economico e sociale dal basso"
2007 IPCC (Comitato intergovernativo sul mutamento climatico)
Albert Arnold (Al) Gore
Nazioni Unite Nazioni Unite
Stati Uniti Stati Uniti
"per i loro sforzi per costruire e diffondere una maggiore conoscenza sui cambiamenti climatici causati dall'uomo, e per aver gettato le basi per le misure necessarie per contrastare tali cambiamenti"
2008 Martti Ahtisaari Finlandia Finlandia "per i suoi importanti sforzi, in diversi continenti e per più di tre decenni, per risolvere i conflitti internazionali"
2009 Barack Obama Stati Uniti Stati Uniti "per i suoi straordinari sforzi per rafforzare la diplomazia internazionale e cooperazione tra i popoli"
2010 Liu Xiaobo Cina Cina "per la sua lunga e non violenta lotta per i diritti umani in Cina"
2011 Ellen Johnson Sirleaf
Leymah Gbowee
Tawakkul Karman
Liberia Liberia
Liberia Liberia
Yemen Yemen
"per la loro lotta non violenta per la sicurezza delle donne e per i diritti di partecipazione delle donne in un processo di pace"
2012 Unione europea
ritirato da Herman Van Rompuy, José Manuel Barroso e Martin Schulz
Unione europea Unione europea "per oltre sei decenni ha contribuito all'avanzamento della pace e della riconciliazione della democrazia e dei diritti umani in Europa"
2013 Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ritirato da Ahmet Uzumcu - "per i suoi ampi sforzi per eliminare le armi chimiche"

Classifica per paese[modifica | modifica sorgente]

Nazione Numero di premi
Stati Uniti Stati Uniti 22
Regno Unito Regno Unito 13
Svizzera Svizzera 11
Francia Francia 9
Nazioni Unite Nazioni Unite 7
Germania Germania 6
Svezia Svezia 5
Belgio Belgio 4
Egitto Egitto 3
Polonia Polonia 3
Sudafrica Sudafrica 3
Argentina Argentina 2
Austria Austria / Austria-Ungheria Austria-Ungheria 2
Bangladesh Bangladesh 2
Canada Canada 2
Israele Israele 2
Liberia Liberia 2
Norvegia Norvegia 2
Russia Russia / URSS URSS 2
Timor Est Timor Est 2
Albania Albania 1
Birmania Birmania 1
Cina Cina 1
Corea del Sud Corea del Sud 1
Costa Rica Costa Rica 1
Danimarca Danimarca 1
Finlandia Finlandia 1
Giappone Giappone 1
Ghana Ghana 1
Guatemala Guatemala 1
Iran Iran 1
Italia Italia 1
Kenya Kenya 1
Messico Messico 1
Paesi Bassi Paesi Bassi 1
Romania Romania 1
Tibet Tibet 1
Unione europea Unione europea 1
Vietnam Vietnam 1
Yemen Yemen 1
Zimbabwe Zimbabwe 1

Politici o Capi di Stato premiati[modifica | modifica sorgente]

Diversi sono stati gli uomini politici di primo piano ad essere premiati, non sempre senza provocare polemiche. Alcuni erano capi di stato, altri lo erano stati in passato o lo sarebbero diventati successivamente alla premiazione.

Organizzazioni premiate[modifica | modifica sorgente]

Oltre che persone sono state premiate anche organizzazioni, soprattutto la Croce Rossa (Jean Henri Dunant fu il primo ad ottenere il premio, nel 1901) e le Nazioni Unite nelle loro diverse sottorganizzazioni:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Il Premio Nobel per la Pace, Ambasciata di Norvegia. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  2. ^ Fino al 1987 non c'erano delle motivazioni ufficiali, ma veniva indicato l'incarico o ruolo assunto.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Anno con motivazioni multiple
  4. ^ Mahatma Gandhi, il premiato mancante

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Premi Nobel Portale Premi Nobel: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Premi Nobel