Municipio di Oslo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Municipio di Oslo
Oslo rådhus (by alexao).jpg
Ubicazione
Stato Norvegia Norvegia
Località Oslo
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1931-1950
Inaugurazione 1950
Uso civile
Realizzazione
Architetto Arnstein Arneberg, Magnus Poulsson
Proprietario Comune di Oslo
 

Il municipio di Oslo (in norvegese Oslo rådhus) è la sede del comune di Oslo. Nell'edificio lavorano 450 persone, tra politici e dipendenti del comune. Nel complesso viene svolta la cerimonia della consegna del Premio Nobel per la pace.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La cerimonia per la consegna del Premio Nobel per la pace[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Premio Nobel per la pace.

La cerimonia per la consegna di tale premio viene svolta il giorno 10 dicembre di ogni anno. Dal 1990, questo evento è ospitato nella hall principale del municipio. Per l'occasione viene montato un podio e la sala viene opportunamente arricchita con addobbi. Nella platea siedono le più alte cariche dello Stato, tra cui la famiglia reale norvegese, rappresentanti del parlamento e del governo e il corpo diplomatico accreditato presso lo Stato.[2]

Il municipio e l'arte[modifica | modifica sorgente]

Nel municipio sono conservate opere d'arte di artisti norvegesi della prima metà del XX secolo, raffiguranti la cultura e la storia del Paese.[3] L'edificio è un'espressione dello stile funzionalista.

Inoltre, all'ultimo piano della torre posta a ovest, vi sono tre atelier che vengono concessi in uso gratuito per uno o due anni ad artisti.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) www.radhusets-forvaltningstjeneste.oslo.kommune.no
  2. ^ www.radhusets-forvaltningstjeneste.oslo.kommune.no
  3. ^ (EN) www.visitoslo.com
  4. ^ www.radhusets-forvaltningstjeneste.oslo.kommune.no

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (NO) Grønvold, Ulf and Sørensen, Rådhuset i Oslo – Nasjonens storstue – Aschehoug, Oslo, Gunnar, 2000.
  • (NO) Schøning, Trond L.: Det norske hus (PDF), hovedoppgave i kunsthistorie, UiB, 2001.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]