Space Launch System

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Space Launch System
Lancio di un SLS Block I Crew
Lancio di un SLS Block I Crew
Informazioni
Funzione vettore
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Dimensioni
Altezza 315 ft - 385 ft
Diametro 8,4 m (corpo centrale)
Massa Variabile
Stadi 2 (più 2 booster laterali)
Capacità
Carico utile verso LEO 70 - 155 Tonnellate
Cronologia dei lanci
Stato In fase di costruzione
Basi di lancio Kennedy Space Center LC-39
Volo inaugurale 2018 (previsto)
Stadi
Solid Rocket Boosters
Propulsori 1 solid
Spinta 12,5 MN ciascuno, al decollo s.l.m.
Impulso specifico 269 s
Tempo di accesione 124 s
Propellente solido (69,6% perclorato d'ammonio, 16% alluminio, 12,04% legante polimerico, 1,96% legante epossidico, 0,4% ossido di ferro)
Primo Stadio (Block I, IB e II) - Core Stage
Propulsori 4 RS-25 (Block I & IB) - 5 RS-25 (Block II)
Spinta 7440 kN
Impulso specifico 363 secondi (3.56 km / s) (livello del mare), 452 secondi (4.43 km / s) (vuoto)
Tempo di accesione {{{accensione}}}
Propellente LH 2 / LOX
Secondo Stadio (Block I) - ICPS
Propulsori 1 RL10B-2
Spinta 110,1 kN
Impulso specifico 462 secondi (4,53 km / s)
Tempo di accesione {{{accensione}}}
Propellente LH 2 / LOX
Secondo Stadio (Block IB, II) - Exploration Upper Stage
Propulsori 4 RL10
Spinta 440 kN
Impulso specifico {{{impulso}}}
Tempo di accesione {{{accensione}}}
Propellente LH 2 / LOX

Lo Space Launch System (SLS) è un vettore pesante da lancio spaziale derivato dallo Space Shuttle, progettato dalla NASA in seguito alla cancellazione del programma Constellation per sostituire lo Space Shuttle. L'atto di approvazione del 2010 del Congresso degli Stati Uniti d'America prevede la trasformazione dei missili Ares I ed Ares V in un singolo vettore impiegabile per equipaggi umani e merci. Sono previste 3 versioni, Block I, IB e II.

Progetto e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Le varie versioni del lanciatore

Lo Space Launch System sarà un vettore spaziale pesante derivato dallo Space Shuttle. La capacità di lancio sarà variabile a seconda della versione;

  • Block I Crew - 70 tonnellate
  • Block IB Crew & Cargo - 105 tonnellate
  • Block II Crew & Cargo - 155 tonnellate

Primo Stadio

Si prevede l'utilizzo degli RS-25 dello Space Shuttle (4 per il Block I e IB e 5 per il Block II), di 2 Solid Rocket Booster laterali a 5-segmenti e una versione più grande del serbatoio esterno dello Shuttle.[1] In questo modo i tempi di sviluppo sarebbero molto inferiori rispetto al vettore pesante Ares V.

Secondo Stadio

Il secondo stadio varia a seconda della versione del razzo;

  • Block I: Una versione modificata del DCSS del Delta IV, l'Interim Cryogenic Propulsion Stage (ICPS) con un motore RL-10B-2, grazie al quale l'Orion MPCV potrà raggiungere la Luna e tornare sulla Terra (EM-1).
  • Block IB: Exploration Upper Stage (EUS), con 4 motori RL-10.
  • Block II: non prima del 2030, utilizzerà un Block IB EUS potenziato con booster aggiuntivi che innalzeranno la capacità di lancio in LEO fino a 155 tonnellate, più di ogni altro vettore progettato in passato.

All'inizio si prevedeva l'uso del Earth Departure Stage dell'Ares V come stadio superiore per tutti i lanci, ma poi è stato abbandonato a favore del RL-10.

Possibile stadio Mars Transfer Vehicle "Copernicus", con 2 navette Orion MPCV attraccate sulla sinistra

Stadio interplanetario

È in fase di studio nel Marshall Space Flight Center uno stadio superiore capace di raggiungere destinazioni oltre l'orbita bassa terrestre e la Luna, prendendo in considerazione l'impiego di razzi a motori termonucleari (NTR). Nei test a terra gli NTR hanno dimostrato di essere almeno 2 volte più efficienti rispetto ai razzi a motori chimici più avanzati, consentendo tempo di trasferimento più veloce e una maggiore capacità di carico. Un volo di andata e ritorno fatto con un NTR sarebbe lungo 3-4 mesi, rispetto agli 8-9 mesi dei motori chimici. Per questo motivo l'equipaggio sarebbe esposto per meno tempo a raggi cosmici, molto pericolosi e difficili da schermare.

Missioni pianificate[modifica | modifica wikitesto]

La navetta Orion MPCV durante EM-2 (riproduzione artistica)

La prima missione del programma sarà SLS-1/EM-1 pianificata entro novembre 2018[2]. Porterà la navicella Orion MPCV senza equipaggio fino all'orbita lunare e ritorno. Il processo di costruzione è iniziato a novembre 2014 con la sezione centrale del modulo core[3]. Il vettore per questo volo sarà il Block I Crew. Sarà il primo e l'ultimo lancio di questa versione prima che venga rimpiazzata dal più potente Block IB.

Rendering di Orion MPCV collegato allo stadio ICPS in LEO

La seconda missione del programma sarà SLS-2/EM-2, pianificata per il 2021. Porterà una navicella Orion MPCV con equipaggio di 4 persone verso un asteroide catturato in orbita lunare, preferibilmente 2000 SG344. La missione durerà tra i 10 e i 14 giorni. Il vettore utilizzato sarà un singolo Block IB Crew.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stephen Clark, NASA to set exploration architecture this summer in spaceflightnow.com, 31 marzo 2011. URL consultato il 26 maggio 2011.
  2. ^ NASA Completes Key Review of World’s Most Powerful Rocket in Support of Journey to Mars
  3. ^ http://www.nasa.gov/sls/14-171.html#.VIFirTGG_Tp

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Astronautica