Smenkhara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Smenkhkhara)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Smenkhara è stato un faraone della XVIII dinastia egizia.

Liste Reali[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Flavio anni di regno Sesto Africano anni di regno Eusebio di Cesarea anni di regno
Achencheres (?) 12/15 Acherres (?) 12/15 Achencherses (2) 12/15


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La carenza di dati storici dovuta alla distruzione sistematica di tutti i monumenti che concluse il periodo di Amarna rende estremamente difficile ricostruire la sequenza degli immediati successori di Akhenaton.
Smenkhkhara era, probabilmente, figlio di Amenhotep III e di una moglie secondaria, Sitamon e quindi fratellastro di Akhenaton.
Salì al trono per matrimonio avendo sposato Merit-Aton, figlia di Akhenaton e di Nefertiti, che potrebbe aver regnato prima di lui.
Si ritiene che il corpo rinvenuto nella tomba KV55 della Valle dei Re appartenga a questo sovrano e che vi sarebbe stato trasferito dalle tombe di Akhetaton (l'attuale Tell el-Amarna) al momento dell'abbandono della nuova capitale da parte di Tutankhamon, teoria però smentita poiché recentemente è stato attestato che il corpo della KV55, appartiene ad Akhenaton, padre di Tutankhamon. Il regno di Smenkhkhara non dovrebbe essere durato più di tre anni.
La confusione nella conoscenza di questo periodo non è certo aiutata dagli epitomatori di Manetone che riportano un Achencheres II, posizionandolo dopo il sovrano che viene associato con Tutankhamon, con un regno di 12/15 anni

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
Srxtail.jpg

G16
nbty (nebti) Le due Signore

G8
ḥr nbw Horo d'oro

M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 S34 L1 Z2
Hiero Ca2.svg
ˁnḫ ḫprw rˁ Ankhkheprura Vivente è la manifestazione di Ra
G39 N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
N5
O34
U22 D28 D45 L1
Z2
Hiero Ca2.svg
smnḫ k3 rˁ ḏsr ḫprw Smenkhkaradjeserkhepru Potente è l'anima di Ra

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Arborio Mella, L'Egitto dei faraoni, Milano, Mursia, 1976 ISBN 88-425-3328-9
  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Bologna, Bompiani, 2003 ISBN 88-452-5531-X
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, Torino, Einaudi, 1997 ISBN 88-06-13913-4
  • Alfred Heuss et al., I Propilei. I, Verona, Mondadori, 1980
  • Università di Cambridge, Storia Antica, II,1. Il Medio Oriente e l'area Egea 1800-1380 a.C., Milano, Il Saggiatore, 1975

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Akhenaton 13351333 a.C. Tutankhamon