Sixten Jernberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sixten Jernberg
Sixten Jernberg.jpg
Sixten Jernberg a Kalix nel 1958
Dati biografici
Nome Edy Sixten Jernberg
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 177 cm
Peso 72 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Lima IF
Ritirato 1964
Palmarès
Olimpiadi 4 3 2
Mondiali 8 3 4
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Edy Sixten Jernberg (Malung-Sälen, 6 febbraio 1929Mora, 14 luglio 2012) è stato un fondista svedese. Considerato il più grande fondista della sua epoca e vincitore di quattro ori, tre argenti e due bronzi olimpici, ha a lungo detenuto il primato del maggior numero di medaglie nello sci di fondo ai Giochi olimpici[1].

È zio del saltatore con l'asta Ingemar, a sua volta atleta di alto livello[1].

È scomparso nel 2012 all'età di 83 anni[2].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nato a Lima (Malung-Sälen) e specialista delle lunghe distanze, lavorò come fabbro e taglialegna. Gareggiò dal 1952 al 1954 vincendo 134 gare su 363 disputate; nel suo periodo di maggior successo, dal 1955 al 1960, disputò 161 gare, vincendone 86. Si è aggiudicato per due volte la Vasaloppet, nel 1955 e nel 1960[1].

In carriera ha preso parte a tre edizioni dei Giochi olimpici invernali, Cortina d'Ampezzo 1956 (2° nella 15 km, 2° nella 30 km, 1° nella 50 km, 3° nella staffetta), Squaw Valley 1960 (2° nella 15 km, 1° nella 30 km, 5° nella 50 km, 4° nella staffetta) e Innsbruck 1964 (3° nella 15 km, 5° nella 30 km, 1° nella 50 km, 1° nella staffetta), e a tre dei Campionati mondiali, vincendo sei medaglie.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Sixten Jernberg in gara ai IX Giochi olimpici invernali di Innsbruck 1964

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

  • 6 medaglie, oltre a quelle conquistate in sede olimpica e valide anche ai fini iridati:

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1960 venne insignito della Medaglia Holmenkollen e nel 1965 il Comitato Olimpico Internazionale gli conferì il Trofeo Mohammed Taher[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Profilo su Sports-reference.com. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  2. ^ Sixten Jernberg har dött (sv) Sydsvenskan.se]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]