Thomas Alsgaard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Alsgaard
Dati biografici
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 190 cm
Peso 82 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Eidsvold Værk SK
Palmarès
Olimpiadi 5 1 0
Mondiali 6 2 1
Coppa del Mondo 1 trofeo
Coppa del Mondo - Lunga distanza 1 trofeo
Coppa del Mondo - Sprint 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Thomas Alsgaard (Lørenskog, 10 gennaio 1972) è un fondista norvegese.

È stato uno dei protagonisti dello sci di fondo dalla metà degli anni novanta fino al 2003, anno in cui ha smesso di gareggiare ai massimi livelli della disciplina. Fondista molto versatile, in carriera è stato in grado di vincere gare su ogni distanza, dalle sprint alle 50 chilometri, sia a tecnica libera sia a tecnica classica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Stagioni 1992-1994[modifica | modifica sorgente]

Agli inizi della carriera vinse i Mondiali juniores[non chiaro]; in seguito sarebbe divenuto il primo fondista maschio a vincere un titolo mondiale sia da junior che da senior[senza fonte]. In Coppa del Mondo ha ottenuto il primo risultato di rilievo il 9 gennaio 1993 nella 15 km a tecnica classica di Ulrichen (16°) e ha ottenuto la prima vittoria, nonché primo podio, il 18 dicembre 1994 nella staffetta di Sappada.

Colse il primo importante successo internazionale in patria, ai XVII Giochi olimpici invernali di Lillehammer 1994, con l'oro nella 30 km a tecnica libera. Grazie alla vittoria Alsgaard, che aveva da poco compiuto ventidue anni, venne salutato dalla stampa come il futuro erede dei grandi campioni norvegesi dell'epoca[senza fonte], Bjørn Dæhlie e Vegard Ulvang. A Lillehammer Alsgaard prese anche parte alla staffetta 4x10 km; fu inserito in terza frazione, mentre la quarta e ultima fu riservata all'idolo nazionale Dæhlie. L'intera Norvegia si era preparata per un trionfo nella gara più sentita[1] e anche re Olav V era presente sulle tribune[senza fonte] dello stadio Birkebeineren. Ma tutti rimasero ammutoliti quando, sul rettilineo finale, il favorito Dæhlie fu battuto in volata da Silvio Fauner, ultimo frazionista della nazionale italiana[1]. L'argento fu una cocente delusione per i norvegesi; molti criticarono la scelta di Dæhlie come ultimo frazionista perché nello sprint aveva sempre avuto difficoltà e ormai faticava a reggere la volata contro avversari più giovani di lui[senza fonte].

Stagioni 1995-2003[modifica | modifica sorgente]

Dopo quella gara, l'ultima frazione della staffetta norvegese fu stabilmente affidata ad Alsgaard e la scelta si rivelò vincente: dal 1995 al 2003, tra Mondiali e Olimpiadi, la Norvegia fu battuta un'unica volta nella volata finale, ai Mondiali di Ramsau am Dachstein nel 1999, e la vittoria andò agli austriaci padroni di casa. Secondo quanto riportato dalla stampa, Dæhlie non aveva gradito la sostituzione in staffetta dopo i Giochi di Lillehammer a favore del più giovane Alsgaard. La presunta rivalità aumentò nel tempo e arrivò al culmine[senza fonte] ai XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano 1998. Dæhlie aveva vinto la 10 km a tecnica libera, e quindi sarebbe partito in testa nella gara a inseguimento; Alsgaard invece si era piazzato quinto, ma con una gara in rimonta recuperò lo svantaggio accumulato nella prima parte di gara e vinse l'oro[2]. Nella stessa stagione conquistò sia la Coppa del Mondo generale, sia entrambe le Coppe di specialità.

Le gare a inseguimento furono sempre congeniali ad Alsgaard, che vanta due titoli olimpici (1998 e 2002) e un titolo mondiale (1999) nella specialità. Ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002 recuperò 36 secondi in 10 km al connazionale Frode Estil, con cui arrivò pari merito al fotofinish. Davanti a loro il tedesco naturalizzato spagnolo Johann Mühlegg, successivamente squalificato per doping. Dopo la conferma della squalifica, il CIO ha assegnato ai due norvegesi l'oro ex aequo[3].

Si è ritirato dalle competizioni di massimo livello alla fine della stagione 2002-2003 per dedicarsi a tempo pieno all'attività di operatore turistico già avviata da alcuni anni[senza fonte].

Stagioni 2008-2011[modifica | modifica sorgente]

Dopo alcuni anni di semi-inattività, dalla stagione 2007-2008 è tornato regolarmente alle competizioni, gareggiando in Marathon Cup e in alcune prove minori.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
18 dicembre 1994 Sappada Italia Italia 4x10 km TL
(con Egil Kristiansen, Kristen Skjeldal e Bjørn Dæhlie)
5 febbraio 1995 Falun Svezia Svezia 4x10 km TL
(con Sture Sivertsen, Terje Langli e Bjørn Dæhlie)
24 marzo 1995 Sapporo Giappone Giappone 4x10 km
(con Vegard Ulvang, Bjørn Dæhlie e Kristen Skjeldal)
8 gennaio 1998 Ramsau am Dachstein Austria Austria 15 km TC
10 gennaio 1998 Ramsau am Dachstein Austria Austria 30 km TL
11 marzo 1998 Falun Svezia Svezia 10 km TL
11 dicembre 1999 Sappada Italia Italia 10 km TL
12 gennaio 2000 Nové Město na Moravě Rep. Ceca Rep. Ceca 15 km TC
9 dicembre 2000 Santa Caterina di Valfurva Italia Italia 4x5 km
(con Frode Estil, Kristen Skjeldal e Tor-Arne Hetland)
17 dicembre 2000 Brusson Italia Italia Sprint TL
10 febbraio 2001 Otepää Estonia Estonia 10 km TC
7 marzo 2001 Oslo Norvegia Norvegia Sprint TC
9 marzo 2002 Falun Svezia Svezia 20 km PU
10 marzo 2002 Falun Svezia Svezia 4x10 km
(con Frode Estil, Anders Aukland e Kristen Skjeldal)
16 marzo 2002 Oslo Norvegia Norvegia 50 km TL
23 marzo 2002 Lillehammer Norvegia Norvegia 58 km TC MS
8 dicembre 2002 Davos Svizzera Svizzera 4x10 km
(con Anders Aukland, Tore Bjonviken e Tor-Arne Hetland)
19 gennaio 2003 Nové Město na Moravě Rep. Ceca Rep. Ceca 4x10 km
(con Anders Aukland, Frode Estil e Tore Ruud Hofstad)

Legenda:
MS = partenza in linea
PU = inseguimento
TC = tecnica classica
TL = tecnica libera

Marathon Cup[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classific generale: 12° nel 2010
  • 1 podio:
    • 1 secondo posto

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Dal 1994, quando vinse un oro e un argento ai Giochi olimpici di Lillehammer, Thomas Alsgaard ha sempre vinto almeno una medaglia ad ogni competizione internazionale (Mondiali od Olimpiadi) a cui ha partecipato. Come componente della staffetta norvegese, ha conquistato 6 ori (2 olimpici, 4 mondiali) e due argenti.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001 ricevette la Medaglia Holmenkollen, una delle massime onorificenze sportive dello sci nordico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Scheda Sports-reference sulla gara. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  2. ^ Scheda Sports-reference sulla gara. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  3. ^ Scheda Sports-reference sulla gara. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  4. ^ a b c d e f g h Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.
  5. ^ Fino al 2000 dati parziali per le prove a squadre.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 227195955