Juha Mieto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juha Mieto

Deputato al Parlamento finlandese
Durata mandato 2007-2011

Dati generali
Partito politico Partito di Centro
Titolo di studio Scuola primaria
Professione Sportivo, giornalista
Juha Mieto
Dati biografici
Nome Juha Iisakki Mieto
Nazionalità Finlandia Finlandia
Altezza 197 cm
Peso 100 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Kurikkan Rihti
Ritirato 1984
Palmarès
Olimpiadi 1 2 2
Mondiali 1 4 3
Per maggiori dettagli vedi qui
 
Juha Iisakki Mieto

Juha Iisakki Mieto (Kurikka, 20 novembre 1949) è un politico, giornalista ed ex fondista finlandese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sciistica[modifica | modifica sorgente]

Stagioni 1972-1975[modifica | modifica sorgente]

Mieto fu il fondista finlandese di maggior successo degli anni settanta[1]. Debuttò in campo internazionale agli XI Giochi olimpici invernali di Sapporo 1972, dove fu quinto nella staffetta (in squadra con Hannu Taipale, Juhani Repo e Osmo Karjalainen, e quarto nella 15 km, con un distacco di appena 0,06 secondi da Ivar Formo, vincitore della medaglia di bronzo. Nel 1973 a Holmenkollen vinse sia la 15 km sia la 50 km; sulla distanza più breve si sarebbe in seguito ripetuto altre quattro volte (1975, 1977 e 1978)[1].

Nella stagione 1973-1974 prese parte alla prima edizione, sperimentale e non ufficiale, della Coppa del Mondo di sci di fondo e chiuse al secondo posto in classifica[1]. Ai Mondiali del 1974 conquistò la sua prima medaglia in campo internazionale, l'argento nella 30 km vinta da Thomas Magnusson, e marcò altri due quarti posti, nella 15 km e nella staffetta (con Raimo Lehtinen, Kalevi Laurila e Osmo Karjalainen).

Anche nella stagione 1974-1975 disputò la Coppa del Mondo sperimentale, arrivando terzo[1].

Stagioni 1976-1981[modifica | modifica sorgente]

Ai XII Giochi olimpici invernali di Innsbruck 1976 Mieto vinse il suo unico oro internazionale, nella staffetta composta anche da Matti Pitkänen, Pertti Teurajärvi e Arto Koivisto. Nella 30 km fu ancora una volta quarto, mentre nella 15 km si piazzò 10° e nella 50 km 34°. Al termine della stagione risulto primo nella classifica sperimentale della Coppa del Mondo di quella stagione, dopo aver vinto anche la 15 km di Lahti[1].

Nel 1977 fu nuovamente secondo nella Coppa del Mondo sperimentale[1], mentre nel 1978, ai Mondiali di Lahti, ottenne l'argento nella staffetta insieme a Esko Lähtevänoja, Pertti Teurajärvi e Matti Pitkänen.

Ai XIII Giochi olimpici invernali di Lake Placid 1980 Mieto vinse tre medaglie, due argenti (15 km e 50 km) e un bronzo (staffetta, con Harri Kirvesniemi, Pertti Teurajärvi e Matti Pitkänen). Nella 15 km il suo distacco dall'oro, Thomas Wassberg, fu di appena 0,01 secondi, il più ristretto distacco tra primo e secondo nella storia dello sci di fondo ai Giochi olimpici, e indusse la Federazione Internazionale Sci a modificare il proprio regolamento, per le successive competizioni, limitando il cronometraggio a un decimo di secondo[1]. Nella 30 km fu settimo.

Vinse nuovamente la classifica sperimentale di Coppa del Mondo nel 1979-1980[1].

Stagioni 1982-1984[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 1982, la prima in cui |si disputò ufficialmente la Coppa del Mondo, Mieto ai Mondiali di Oslo ottenne il bronzo nella staffetta (insieme a Kari Härkönen, Aki Karvonen e Harri Kirvesniemi), fu quinto nella 30 km e sesto nella 15 km.

Nella stagione successiva ottenne il primo piazzamento di rilievo ufficiale in Coppa, il 14 gennaio 1983 nella 15 km di Reit im Winkl, e il primo podio, nella 15 km di Sarajevo del 10 febbraio seguente (2°).

Nel 1984 partecipò per l'ultima volta alle Olimpiadi (XIV Giochi olimpici invernali di Sarajevo 1984), vincendo il bronzo nella staffetta (con Kari Ristanen, Harri Kirvesniemi e Aki Karvonen) e fu 4° nella 15 km, 8° nella 30 km e 10° nella 50 km. Chiuse la carriera a fine stagione, il 2 marzo successivo, con il 13º posto ottenuto nella 15 km di Lahti.

Carriera giornalistica[modifica | modifica sorgente]

Dopo il ritiro dalle competizioni, dal 1986 Mieto lavorò come giornalista[2] alla rete televisiva MTV3[senza fonte].

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Militante nelle file del Partito di Centro, fu eletto al Parlamento finlandese nel 2007 nel collegio elettorale di Vaasa[2]. Con 13.768 preferenze risultò il settimo candidato più votato in quella tornata elettorale[1]; ha terminato il suo mandato il 19 aprile 2011[2].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

  • 4 medaglie, oltre a quelle conquistate in sede olimpica e valide anche ai fini iridati:

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 18º nel 19784
  • 1 podio individuale[6], oltre a quello conquistato in sede olimpica e valido ai fini della Coppa del Mondo:
    • 1 secondo posto

Campionati finlandesi[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Mieto ottenne il riconoscimento maggiore che un atleta dello sci nordico possa ricevere, la Medaglia Holmenkollen, nel 1974.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j Scheda Sports-reference. URL consultato il 4 ottobre 2011.
  2. ^ a b c Scheda sul sito istituzionale del Parlamento finlandese. URL consultato il 4 ottobre 2011.
  3. ^ Gara valida anche ai fini dei Campionati mondiali di sci nordico 1976.
  4. ^ a b c Gara valida anche ai fini dei Campionati mondiali di sci nordico 1980.
  5. ^ Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.
  6. ^ Fino al 2000 dati parziali per le prove a squadre.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 28345899 LCCN: n79035466