Gunde Svan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gunde Svan
Gunde Svan.jpg
Gunde Svan nel 1994
Dati biografici
Nome Gunde Anders Svan
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 188 cm
Peso 81 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Dala-Järna IK
Ritirato 1991
Palmarès
Olimpiadi 4 1 1
Mondiali 7 3 1
Coppa del Mondo 5 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
Automobilismo Automobilismo
Dati agonistici
Specialità Rallycross
Palmarès
Europei 0 0 1
Campionati svedesi 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Gunde Anders Svan (Vansbro, 12 gennaio 1962) è un ex fondista e pilota automobilistico svedese. Con quattro titoli olimpici, sette iridati e cinque coppe di cristallo divenne, negli anni ottanta, il più titolato atleta nella storia dello sci di fondo[1][2]. È anche allenatore, dirigente sportivo e conduttore televisivo.

È marito di Marie Johansson, a sua volta fondista di alto livello[2].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sciistica[modifica | modifica sorgente]

Svan debuttò in campo internazionale ai Mondiali del 1982, a Oslo, chiudendo 13º la 15 km a tecnica libera. In Coppa del Mondo esordì nella stagione inaugurale della manifestazione (1982), ottenne il primo risultato di rilievo il 18 dicembre 1982 nella 15 km di Davos (5°), il primo podio il 12 marzo 1983 nella 50 km di Oslo (3°) e la prima vittoria il 19 marzo successivo nella 15 km di Anchorage. Oltre ad aver vinto la coppa di cristallo nel 1984, nel 1985, nel 1986, nel 1988 e nel 1989 si classificò secondo nel 1983 e nel 1990 e terzo nel 1987.

In carriera prese parte a due edizioni dei Giochi olimpici invernali, Sarajevo 1984 (1° nella 15 km, 3° nella 30 km, 2° nella 50 km, 1° nella staffetta) e Calgary 1988 (13° nella 15 km, 10° nella 30 km, 1° nella 50 km, 1° nella staffetta), e a cinque dei Campionati mondiali, vincendo undici medaglie.

Carriera automobilistica[modifica | modifica sorgente]

Come pilota di rallycross ha ottenuto un oro nel campionato svedese e un bronzo nel campionato europeo[senza fonte].

Altre attività[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi ritirato dalla carriera agonistica ha lavorato come conduttore di alcuni programmi televisivi, come Fångarna på fortet, Gladiatorerna, Ingenting är omöjligt e Bingolotto[senza fonte].

Tra il 2008 e il 2009 è stato allenatore della nazionale svedese[3]. Attualmente[quando?] è attivo come membro del direttivo della Federazione Internazionale Sci[senza fonte].

Bilancio della carriera[modifica | modifica sorgente]

Dalla prime competizionii giovani fino al ritiro nel 1991 Svan ha disputato 615 gare, vincendone 372[2]. Durante la sua carriera agonistica Svan, soprannominato "il cigno" per lo stile elegante, la tecnica superba e l'assonanza tra il suo cognome e la parola inglese swan ("cigno", appunto), era celebre per la sua dedizione e l'attenzione ai dettagli. Ad esempio usò una lega più leggera per la punta dei suoi bastoncini da sci, che gli fece risparmiare quattro grammi[senza fonte].

Una delle ragioni per cui si dedicò ad un altro sport fu che alcuni lo consideravano un talento naturale per lo sci, mentre lui ha sempre sostenuto che fosse solo questione di volontà e dedizione. Ha applicato gli stessi metodi in altre imprese oltre lo sci, e si costruì persino un suo misuratore di reazione per allenarsi nelle partenze[senza fonte].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Sci di fondo[modifica | modifica sorgente]

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]
Data Luogo Paese Disciplina
19 marzo 1983 Anchorage Stati Uniti Stati Uniti 15 km
27 marzo 1983 Labrador City Canada Canada 30 km
16 dicembre 1983 Ramsau am Dachstein Austria Austria 30 km
25 febbraio 1984 Falun Svezia Svezia 30 km
17 marzo 1984 Fairbanks Svezia Svezia 15 km
16 febbraio 1985 Vitoša Bulgaria Bulgaria 15 km
23 febbraio 1985 Syktyvkar URSS URSS 15 km
9 marzo 1985 Falun Svezia Svezia 30 km
8 dicembre 1985 Labrador City Canada Canada 15 km TC
14 dicembre 1985 Bibawik Stati Uniti Stati Uniti 30 km TL
11 gennaio 1986 La Bresse Francia Francia 15 km TC
14 febbraio 1986 Oberstdorf bandiera Germania Ovest 50 km TL
14 marzo 1986 Oslo Norvegia Norvegia 50 km TC
10 dicembre 1986 Ramsau am Dachstein Austria Austria 15 km TL
13 dicembre 1986 Cogne Italia Italia 15 km TL
19 dicembre 1987 Davos Svizzera Svizzera 15 km TC
14 dicembre 1988 Bohinj bandiera Jugoslavia 30 km TL
17 dicembre 1988 Val di Sole Italia Italia 15 km PU
13 gennaio 1989 Nové Město na Moravě Cecoslovacchia Cecoslovacchia 15 km TL
15 gennaio 1989 Nové Město na Moravě Cecoslovacchia Cecoslovacchia 30 km TC
13 gennaio 1990 Mosca URSS URSS 30 km TL
21 febbraio 1990 Val di Fiemme Italia Italia 30 km TC
17 marzo 1990 Vang Norvegia Norvegia 50 km TL

Legenda:
PU = inseguimento
TC = tecnica classica
TL = tecnica libera

Campionati svedesi[modifica | modifica sorgente]

Automobilismo[modifica | modifica sorgente]

Europei[modifica | modifica sorgente]

Campionati svedesi[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1984 ricevette la Medaglia d'oro dello Svenska Dagbladet, il premio assegnato dal quotidiano Svenska Dagbladet al miglior sportivo svedese dell'anno. Nel 1985 ricevette anche la Medaglia Holmenkollen, una delle massime onorificenze sportive dello sci.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il primato sarebbe poi passato, negli anni novanta, al norvegese Bjørn Dæhlie
  2. ^ a b c d Profilo su Sports-reference.com. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  3. ^ (SV) Lars Johansson, Gunde Svan: Därför slutade jag med landslaget in Expressen, 15 gennaio 2010. URL consultato il 31 dicembre 2011.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.
  5. ^ Fino al 2000 dati parziali per le prove a squadre.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39359728