Roberto Tremelloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Roberto Tremelloni
Bandiera italiana
Assemblea costituente
RobertoTremelloni int.jpg
Luogo nascita Milano
Data nascita 30 ottobre 1900
Luogo morte Brunico
Data morte 8 settembre 1987
Titolo di studio Laurea in scienze economiche e commerciali
Professione docente universitario
Partito Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria
Collegio Milano
Pagina istituzionale
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Partito Partito Socialista Democratico Italiano
Legislatura I, III, IV e V
Incarichi parlamentari
  • Presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla disoccupazione dal 12 maggio 1951 al 24 giugno 1953
  • Presidente della Commissione speciale per l'esame dei provvedimenti a favore delle zone e delle popolazioni colpite dalle alluvioni dal 21 novembre 1951 al 24 giugno 1953
  • Vicepresidente della Commissione speciale per l'esame del disegno n. 2076, delle proposte di legge nn. 247, 248, 933, 1172, 1714, 1903 e della proposta di inchiesta parlamentare n. 582, concernenti la tutela della libertà di concorrenza dal 31 maggio 1960 al 21 febbraio 1962
  • Presidente della Commissione d'inchiesta sui limiti posti alla concorrenza nel campo economico dal 15 maggio 1961 al 21 febbraio 1962 e dal 26 luglio 1963 al 4 dicembre 1963
  • Presidente della V Commissione bilancio e programmazione - partecipazioni statali dal 5 febbraio 1969 al 20 gennaio 1970, dal 21 gennaio 1970 al 25 gennaio 1972 e dal 26 gennaio 1972 al 24 maggio 1972
Pagina istituzionale
Roberto Tremelloni

Ministro dell'Industria
Durata mandato 15 dicembre 1947 -
24 maggio 1948
Presidente Alcide De Gasperi
Predecessore Giuseppe Togni
Successore Ivan Matteo Lombardo

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Democratico Italiano

Roberto Tremelloni (Milano, 30 ottobre 1900Brunico, 8 settembre 1987) è stato un politico e Ministro italiano. Membro dello PSDI, è stato più volte Ministro della Difesa e delle Finanze.

La giovinezza[modifica | modifica sorgente]

Tremelloni nacque a Milano il 30 ottobre 1900 in una famiglia di modeste condizioni economiche. La sua vera aspirazione, fin dalla minore età, era quella di diventare giornalista. Iscrittosi all'Istituto di Ragioneria Carlo Cattaneo ne uscì diplomato nel 1917. La scuola frequentata non gli bastava a soddisfare i suoi interessi culturali: in quegli anni prese l'iniziativa di fondare con alcuni amici e compagni di studio un giornale studentesco, che rappresentò per lui la realizzazione di una vecchia idea che da sempre lo affascinava. Ancora studente del Cattaneo, durante le vacanze estive, svolgeva lavoretti di diversa natura pur di guadagnare qualcosa. Diplomatosi in ragioneria, s'impegnò in un'attività contabile, ma tale attività non gli piaceva per niente.

Avendo nel frattempo conosciuto alcuni giornalisti, iniziò a collaborare alla Gazzetta dello Sport e successivamente alla redazione sportiva del quotidiano di Milano La Sera, passando in seguito alla redazione della cronaca cittadina dello stesso giornale. I primi momenti di vita politica Tremelloni li trascorse nel gruppo giovanile del Partito Repubblicano a contatto con i deputati Cappa, Nenni, Rasini, Chiesa ed altri. Nei primi mesi del 1918 fu chiamato alle armi: dapprima come soldato semplice di fanteria a Genova, poi venne mandato alla Scuola militare degli allievi ufficiali di Caserta. Rientrato a Milano, venne destinato in Alto Adige a presidiare quel territorio di confine abitato da una popolazione di lingua tedesca, che il trattato di pace assegnò all'Italia dopo la vittoria. Ma la vita militare rafforzarono in lui le convinzioni antimilitariste e il suo profondo credo pacifista.

Rientrato alla vita civile, Tremelloni tornò a lavorare nella redazione de La Sera come cronista e come tale fu presente all'adunata di piazza San Sepolcro, in occasione della fondazione dei fasci di combattimento.

In quel periodo fondò con alcuni amici una cooperativa per la gestione di una libreria e collaborò alla fondazione dell'ente Fiera di Milano, di cui diresse il giornale. Nel frattempo s'iscrisse all'Università Bocconi e sostenne qualche esame di profitto. Nei primi anni del dopoguerra Tremelloni passò dal giornalismo pubblicistico a quello professionale. Infatti dopo esserne stato collaboratore, divenne redattore ed inviato speciale del quotidiano La Sera. Nell'ottobre 1922 si iscrisse al Partito Socialista Unitario (P.S.U.) cioè al partito costituito da Turati, Treves, Prampolini, D'Aragona L'ingresso ufficiale di Tremelloni nel PSU avvenne dunque poche settimane prima della marcia su Roma e dell'avvento del fascismo al potere. Precedentemente alla soppressione delle libertà democratiche, coi provvedimenti adottati dal Governo Mussolini, alla fine del ‘26 Tremelloni entrava nell'ufficio studi della Confederazione generale del Lavoro e nello stesso tempo era chiamato a dirigere Battaglie sindacali, la rivista dell'organizzazione, fino alla sua soppressione.

Seconda guerra mondiale e primo dopoguerra[modifica | modifica sorgente]

Nel 1930 riuscì ad ottenere la libera docenza in Economia politica all'Università di Ginevra. Numerosi articoli economici e monografie, scritte nel periodo dal 1927 al 1944, documentano l'attività di studio e di ricerca che erano alla base, da un lato, del titolo acquisito e, dall'altro, la conseguenza del suo impegno di studioso. Infatti Tremelloni, allontanatosi dalla politica attiva come molti altri antifascisti, si dedicò prevalentemente agli studi economici.

Negli anni del conflitto bellico, precisamente dal 1941 al 1945, Tremelloni continuò a dedicarsi agli studi e, in particolare, alla programmazione di un volume di storia economica italiana dal 1861 in poi.

Negli ultimi tempi che precedettero la Liberazione, Tremelloni tornò a pensare alla possibilità di ricominciare l'attività giornalistica, la sua vera e grande passione che lo accompagnerà per tutta la vita. In particolare, pensò a creare un quotidiano tipo Financial Times interamente dedicato a notizie, idee e commenti di politica economica, e ad un settimanale tipo The Economist, senza peraltro trascurare l'altra grande passione, la politica.

I progetti giornalistici culminarono qualche tempo dopo nella collaborazione alla nascita del giornale economico Il Sole 24 Ore ed al periodico Mondo Economico. Il 25 aprile 1945, giorno della Liberazione, ritornò finalmente a Milano e assunse la carica di Commissiario del Ministero della Produzione Industriale per l'Alta Italia. Nel luglio 1945 Tremelloni veniva nominato vicepresidente del Consiglio Industriale per l'Alta Italia (C.I.A.I.) sino al 1946. Conclusasi all'inizio del 1946 l'esperienza dei governi nati dalla Resistenza, Tremelloni riuscì ad emergere diventando uno dei maggiori protagonisti della nostra ricostruzione economica: fu chiamato ad occupare delicati ruoli di governo fin dalla seconda parte degli anni quaranta. Al primo Congresso nazionale del Partito socialista italiano nel dopoguerra, tenutosi a Firenze nell'aprile 1946, partecipò all'elaborazione con altri esperti del programma economico del PSI. Nel 1946, fu eletto dapprima consigliere comunale a Milano e in seguito fece parte dell'Assemblea costituente.

Tremelloni condivideva con Saragat le linee politiche strategiche che mantenne per tutta la sua militanza nel Partito ed individuava come punto di riferimento costante l'esperienza del socialismo democratico dei paesi europei, anche a livello di governo, rappresentati in genere dai partiti socialdemocratici e dal Labour Party inglese. Il suo maestro restò sempre Filippo Turati, il principale esponente della tradizione riformista del socialismo democratico in Italia. Nel luglio 1946 assunse anche l'incarico di sottosegretario di Stato per l'Industria e Commercio e primo collaboratore del ministro Rodolfo Morandi, nel secondo Gabinetto De Gasperi, durante il quale condusse la difficile opera di rilancio dell'industria italiana. Nella prima legislatura repubblicana, Tremelloni venne eletto deputato nelle liste socialdemocratiche a Milano con 9818 voti di preferenza e, dopo il 18 aprile 1948 con la conferma del governo di centro guidato da De Gasperi, fu nominato ministro delegato alla presidenza del Comitato Interministeriale per la Ricostruzione (CIR).

Tremelloni ministro[modifica | modifica sorgente]

Tra il giugno 1952 e il giugno 1953 Tremelloni si impegnò nell'Inchiesta parlamentare sulla disoccupazione, da lui presieduta e personalmente diretta, che si affiancò all'Inchiesta sulla miseria in Italia. Il fondamentale rapporto (18 volumi) da lui curato, venne definito da Einaudi come "una delle cose migliori" compiute dal Parlamento italiano nella prima legislatura, ed entrò in tutte le biblioteche universitarie del mondo. Nel 1954, benché non rieletto deputato alle elezioni del 7 giugno dell'anno precedente, venne nominato ministro delle Finanze nel primo governo Scelba. Quando poi nel luglio 1955 si formò un nuovo governo presieduto da Segni, le pressioni di numerosi ambienti economici affinché Tremelloni non venisse riconfermato ministro delle Finanze ebbero successo; infatti fu sostituito da Giulio Andreotti che assicurò un'applicazione moderata dei provvedimenti fiscali approvati in precedenza. Fu tra i fondatori del CIRIEC (Centro Italiano di Ricerche e di Informazione sull'Economia delle Imprese Pubbliche e di Pubblico Interesse) il 21 febbraio 1956 a Milano dove si costituì la sezione italiana.

Tremelloni ricoprì la carica di presidente di questo centro studi, il primo del suo genere in Italia, ininterrottamente dall'anno di fondazione fino al 1978. Gli studi condotti in oltre un ventennio si riferivano oltre al settore delle imprese pubbliche e alle varie modalità di presenza dello Stato nell'economia, anche alla struttura e all'operatività delle società cooperative, senza peraltro trascurare le attività svolte da organismi senza fine di lucro. Sezioni nazionali del CIRIEC esistono oggi oltre che in Italia in altri 15 Stati sparsi nel mondo. La maggioranza centrista, prima, e quella di centro-sinistra, poi, al consiglio comunale di Milano, lo nominò, a partire dall'ottobre del 1951, Presidente dell'Azienda Elettrica Municipale di Milano.

Durante il primo piano quadriennale 1952-55, l'AEM realizzò in Valtellina la nuova centrale idroelettrica di Premadio, la diga di Cancano e una nuova linea di trasporto dell'energia elettrica lunga 175 km.

Nel secondo quadriennio 1956-59, l'AEM realizzò l'impianto di Grosio sempre in Valtellina e costruì un nuovo elettrodotto da 220.000 Volt da Grosio a Milano. Il terzo quadriennio 1960-63 vide la costruzione della centrale termoelettrica di Cassano d'Adda. Tremelloni dal 1951 divenne professore incaricato di economia ed organizzazione aziendale presso il Politecnico di Milano.

Il 27 giugno 1962 si dimise dalla presidenza dell'AEM e tornò dopo sette anni al governo come ministro del Tesoro del IV gabinetto Fanfani. Alle elezioni dell'aprile 1963 fu rieletto deputato nella circoscrizione Milano-Pavia con 10.976 voti di preferenza, e Tremelloni divenne ministro delle Finanze del I e del II governo Moro. Con il III governo Moro, Tremelloni ricoprì la carica di primo ministro socialista della Difesa nella storia d'Italia. Rimase notoria, poi, la sua azione correttrice nei confronti dell'ex SIFAR (nella bufera, con Tremelloni ministro della Difesa, per le vicende riguardanti il cosiddetto "Colpo di Stato" organizzato dal generale De Lorenzo, nel luglio 1964, durante la crisi del Governo Moro-Nenni, con la connivenza – si disse- del Presidente della Repubblica, Antonio Segni), trasformato poi in SID, per riportarlo rigorosamente nell'ambito dei suoi confini istituzionali. Nell'ultimo scorcio della V Legislatura fu dapprima membro della Commissione Finanza e Tesoro e successivamente presidente dalla Commissione Bilancio e Programmazione della Camera dei deputati (1969).

Morì a Brunico (BZ) l'8 settembre 1987.

Predecessore Ministro dell'Industria della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Giuseppe Togni 15 dicembre 1947 - 24 maggio 1948 Ivan Matteo Lombardo
Predecessore Ministro della Difesa della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Giulio Andreotti 1966 - 1968 Luigi Gui

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]