Phyllis Thaxter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Phyllis Thaxter nel film Missione segreta (1944)

Phyllis Thaxter, nome d'arte di Phyllis St. Felix Thaxter (Portland, 20 novembre 1921Longwood, 14 agosto 2012), è stata un'attrice cinematografica e televisiva statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La carriera[modifica | modifica sorgente]

Figlia di un'attrice e di un giudice della Corte Suprema del Maine, Phyllis Thaxter iniziò a recitare a Broadway durante gli anni trenta, comparendo – fra le altre – nelle pièce, There Shall Be No Night, messa in scena da Alfred Lunt e Lynn Fontanne, coppia regina del teatro americano, e Claudia, in cui sostituì la protagonista Dorothy McGuire[1]. Nel 1944 passò al cinema, grazie a un contratto siglato con la casa produttrice MGM, che la fece debuttare nel film bellico Missione segreta (1944). Il personaggio di Ellen Lawson, sposata a un pilota (Van Johnson) che rimane invalido in battaglia, fu il primo di una serie di ruoli analoghi che l'attrice interpretò durante gli anni quaranta, in genere nella parte di moglie dolce e paziente, dalla bellezza quieta e rassicurante, o di co-protagonista femminile al fianco di divi di maggior celebrità.

Nel suo secondo film, Demone bianco (1945), interpretò subito un ruolo più complesso, quello di una ragazza la cui particolare malattia mentale la spinge a compiere azioni incompatibili con la sua personalità, fino a condurla all'omicidio. Successivamente partecipò al melodramma in costume Il mare d’erba (1947), una saga del West sulle vicissitudini di una famiglia del Nuovo Messico, in cui interpretò il ruolo della figlia di Spencer Tracy e Katherine Hepburn, e successivamente apparve nel western noir Sangue sulla luna (1948), una fosca vicenda di acerrime rivalità tra allevatori, interpretata a fianco di Robert Mitchum e Barbara Bel Geddes.

Nel 1950 la Thaxter tornò al suo ruolo tipico di moglie nel dramma Golfo del Messico (1950), diretto da Michael Curtiz e tratto dal romanzo Avere e non avere di Ernest Hemingway. L'attrice fu assai efficace nel ruolo della dimessa Lucy Morgan, il cui marito Harry (John Garfield), proprietario di un peschereccio con cui sbarca faticosamente il lunario, si lascia trascinare in un traffico clandestino di immigrati tra Stati Uniti e Messico, innamorandosi di una femme fatale (Patricia Neal). In una scena particolarmente riuscita e commovente, la Thaxter si tinge i capelli nel tentativo di somigliare alla rivale, con cui il marito ha una relazione segreta[2].

L'anno successivo l'attrice apparve in Pelle di rame (1951), biografia dell'atleta di origini indiane Jim Thorpe (Burt Lancaster), in cui interpretò la parte della moglie Margaret Miller, quindi fu partner di James Cagney nel drammatico Alcool (1951), in cui aiuta un giornalista rovinato dall'alcolismo, e di Gary Cooper nel robusto western La maschera di fango (1952), nel quale il suo consueto ruolo di moglie devota è complicato dalle vicende del marito, un maggiore unionista della guerra civile americana che si finge codardo per potersi infiltrare come spia in campo nemico e scoprire il vero traditore. Ebbe anche occasione di prodursi in un ruolo brillante nella commedia musicale Il collegio si diverte (1952), ancora una volta nel ruolo di moglie, questa volta del professore universitario John Palmer (Ronald Reagan), impegnato nella messa in scena di uno spettacolo musicale scolastico affidato al talento di Virginia Mayo.

Complici alcuni problemi di salute, la Thaxter si allontanò quasi del tutto dal cinema per passare al piccolo schermo in diversi show di intrattenimento popolari negli Stati Uniti durante gli anni cinquanta, come Lux Video Theatre (1953-1956), General Electric Theater (1954-1959) e Letter to Loretta (1955-1956). Iniziò quindi ad apparire in alcune serie di successo, quali Alfred Hitchcock presenta (1956-1960), Carovane verso il West (1959-1960), La parola alla difesa (1964), Bonanza (1969) e molte altre. Occasionalmente ritornò sul grande schermo, segnalandosi in particolare nel popolare Superman (1978), in cui interpretò con Glenn Ford la coppia di genitori adottivi di Clark Kent (Christopher Reeve). La sua ultima apparizione sul piccolo schermo risale invece al 1992 in un episodio della serie La signora in giallo.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

All'inizio degli anni quaranta, la Thaxter fu legata per un breve periodo da un intenso rapporto di amicizia con il giovane Montgomery Clift, allora talento emergente del teatro americano, ma la relazione fra i due rimase di tipo platonico[1]. Dopo essere stata scritturata dalla MGM nel 1944, l'attrice sposò nello stesso anno James T. Aubrey, futuro presidente della CBS, dal quale ebbe la figlia Skye (divenuta poi anch'essa attrice) e dal quale divorziò nel 1962. Nel medesimo anno si risposò con Gilbert Lea, ex giocatore di football americano, che morì il 4 maggio 2008.

Affetta dalla malattia di Alzheimer da circa 10 anni, la Thaxter è deceduta il 14 agosto 2012, all'età di 92 anni[3].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

  • Renata Marini in: Alcool, Missione segreta, L'altra bandiera, Il collegio si diverte, Golfo del Messico, Il mare d'erba, La maschera di fango, La vita privata di Henry Orient
  • Rina Morelli in: Grand Hotel Astoria, Sangue sulla luna
  • Rosetta Calavetta in: Non voglio perderti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Michelangelo Capua, Montgomery Clift, vincitore e vinto, Lindau, 2000, pag. 34
  2. ^ George Morris, John Garfield, Milano Libri Edizioni, 1979, pag. 128
  3. ^ Actress Phyllis Thaxter, Superman's Mom, Dies at 92 - The Hollywood Reporter

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17137875