Lawrence Summers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lawrence Summers
Lawrence Summers Treasury portrait.jpg

8° Direttore del Consiglio Economico Nazionale
Durata mandato 20 gennaio 2009 - 31 dicembre 2010
Predecessore Keith Hennessey
Successore Gene Sperling

Rettore della Harvard University
Durata mandato 1º luglio 2001 - 30 giugno 2006
Predecessore Neil Rudenstine
Successore Derek Bok

71° Segretario al Tesoro degli Stati Uniti
Durata mandato 2 luglio 1999 - 20 gennaio 2001
Predecessore Robert Rubin
Successore Paul O'Neill

Dati generali
Partito politico Democratico
Firma Firma di Lawrence Summers

Lawrence Henry "Larry" Summers (New Haven, 30 novembre 1954) è un politico, economista e accademico statunitense, direttore del Consiglio Economico Nazionale dal 2009 al 2010.

Vincitore della John Bates Clark Medal nel 1993 per i suoi studi macroeconomici, è stato Segretario al Tesoro degli Stati Uniti per l'ultimo anno e mezzo della presidenza Clinton e rettore dell'Università di Harvard dal 2001 al 2006. Summers è nipote dei celebri economisti Paul Samuelson e Kenneth Arrow.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli anni della gioventù[modifica | modifica sorgente]

Nato da una famiglia ebrea a New Haven, nel Connecticut, il 30 novembre 1954, Summers è figlio di due economisti, entrambi professori presso l'Università della Pennsylvania e nipote di due premi Nobel per l'economia: Paul Samuelson (fratello di Robert Summers, suo padre, il quale, seguendo l'esempio di un fratello maggiore, ha cambiato il suo cognome, Samuelson, in Summers) e Kenneth Arrow (fratello di sua madre Anita Summers).[1] Ha trascorso gran parte della sua infanzia a Penn Valley, in Pennsylvania, un suburbio di Philadelphia, dove frequentò lo Harriton High School.

All'età di 16 anni entrò al Massachusetts Institute of Technology, ove inizialmente intendeva studiare fisica, ma passò poi agli studi economici (ottenendo il Bachelor of Science nel 1975. Frequentò Harvard, e vi conseguì il dottorato nel 1982, sotto la supervisione di Martin Feldstein.[2]

Carriera accademica[modifica | modifica sorgente]

Come ricercatore, Summer si è interessato a diverse aree di studio, tra le quali finanza pubblica, economia del lavoro (nella quale si è distinto per la teoria sull'isteresi, elaborata con Olivier Blanchard, nell'ambito della nuova macroeconomia keynesiana), economia finanziaria e macroeconomia. Per i suoi studi ha ricevuto la John Bates Clark Medal nel 1993 dall'American Economic Association.[3] Il database IDEAS del gruppo RePEc lo annovera tra i migliori 20 economisti al mondo.[4]. Nel 1987 ha vinto l'Alan T. Waterman Award, assegnato dalla National Science Foundation.[5]

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Summers lasciò Harvard nel 1991 e divenne Chief Economist della Banca Mondiale (1991 - 1993), e in seguito occupò diverse posizioni presso il Dipartimento del Tesoro negli anni dell'amministrazione Clinton.[2]

Dal 1999 al 2001 è stato Segretario al Tesoro. In questa posizione ha sostituito Robert Rubin. Secondo il sito del dipartimento del Tesoro, durante la sua permanenza in carica si è verificato il più lungo periodo di crescita sostenuta nella storia del Paese.[6] Dopo l'esperienza come Segretario al Tesoro, è tornato a Harvard, per divenire Presidente (titolo assegnato al rettore) dell'Università. È rimasto in carica fino al 2006, anno in cui si è dimesso dopo forti polemiche riguardanti la sua gestione, culminate in una mozione di sfiducia, e dopo un aspro dibattito scaturito da alcune sue affermazioni riguardanti le minori capacità innate delle donne in certi campi particolari come l'ingegneria.[7]

Nel 2009 il Presidente Obama lo ha nominato Direttore del National Economic Council. Nel settembre 2010 la Casa Bianca ha annunciato che Summers abbandonerà l'incarico alla fine dell'anno per tornare ad Harvard.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Ha avuto due mogli: Victoria Perry,[8] dalla quale ha avuto tre figli, tra cui due gemelle, ed Elisa New, sposata nel dicembre 2005.[9]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Peter T. Kilborn, The Economist Behind the Candidates in New York Times, 5 giugno 1988. URL consultato il 13 agosto 2008.
  2. ^ a b (EN) Who Is Larry Summers, businessweek.com. URL consultato il 13 agosto 2008.
  3. ^ (EN) John Bates Clark Medal, vanderbilt.edu. URL consultato il 13 agosto 2008.
  4. ^ (EN) Top 5% Authors, repec.org. URL consultato il 13 agosto 2008.
  5. ^ (EN) Alan T. Waterman Award Recipients, nsf.gov. URL consultato il 13 agosto 2008.
  6. ^ (EN) Lawrence Summers (1999 - 2001), ustreas.gov. URL consultato il 13 agosto 2008.
  7. ^ (EN) Alan Finder, Patrick D. Healy e Kate Zernike, President of Harvard Resigns, Ending Stormy 5-Year Tenure in New York Times, 22 febbraio 2006. URL consultato il 13 agosto 2008.
  8. ^ (EN) Victoria Perry to Wed L. H. Summers in New York Times, 10 giugno 1984. URL consultato il 13 agosto 2008.
  9. ^ (EN) Elisa New and Lawrence Summers in New York Times, 11 dicembre 2005. URL consultato il 13 agosto 2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 51751591 LCCN: n79047451