Ivano Brugnetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivano Brugnetti
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 62 kg
Atletica leggera Atletica leggera
Dati agonistici
Specialità Marcia
Record
10 km 38'19 (2007)
20 km 1h19'36 (2007)
50 km 3h47'54 (1999)
Società Fiamme Gialle Fiamme Gialle
Carriera
Nazionale
1999-2010 Italia Italia 27
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Mondiali 1 0 0
Giochi del Mediterraneo 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 10 agosto 2011

Ivano Brugnetti (Milano, 1º settembre 1976) è un ex atleta italiano, specializzato nella marcia.

Il 20 agosto 2004 ha vinto la medaglia d'oro nella 20 km di marcia maschile ai Giochi olimpici di Atene 2004.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel suo palmarès Brugnetti vanta anche un titolo mondiale sui 50 km di marcia, assegnatogli dopo la squalifica per doping del russo German Skurygin, il primo a tagliare il traguardo ai Mondiali di atletica leggera di Siviglia del 1999. Brugnetti era arrivato secondo, e sul podio fu premiato con la medaglia d'argento. Solo due anni dopo, ratificata la squalifica del russo, Brugnetti venne dichiarato campione del mondo per gli annali statistici.

Dopo quei mondiali, la carriera agonistica di Brugnetti fu travagliata da infortuni. Non riuscendo più ad ottenere risultati di alto livello nelle 50 km, decise di concentrarsi sulle distanze inferiori. La scelta si è rivelata vincente: ai Giochi olimpici del 2004 Brugnetti ha centrato l'oro della 20 km, e finalmente ha avuto la soddisfazione di salire sul gradino più alto del podio.

Ai Campionati del mondo di atletica leggera 2005 a Helsinki ha preso il via nella 20 km di marcia, ma si è ritirato dopo 12 km per problemi di stomaco.

Nel 2007, è secondo in Coppa Europa di marcia, a Royal Leamington Spa (Regno Unito), con 1h19'36 dietro il francese Yohann Diniz, vincitore a sorpresa sotto la pioggia.

Nel 2008 ai Giochi olimpici di Pechino si classifica 5º dietro a Valerij Borčin (Russia, 1h19'01), Jefferson Pérez (Ecuador, 1h19'15), Jared Tallent (Australia 1h19'42), dopo una gara condotta per buon tempo e viziata da due proposte di squalifica.

Allenato dal prof. Antonio La Torre, uno dei massimi esperti di marcia in Italia e nel mondo, in collaborazione con Roberto Vanzillotta maestro di La Torre, si allenava quotidianamente tra gli alberi del Parco Nord Milano e sulla pista Pino Dordoni di Sesto San Giovanni insieme al compagno di allenamento Alessandro Gandellini.

Chiude la carriera agonistica il 15 ottobre 2011 in occasione della sesta tappa del Grand Prix FIDAL di marcia allo Stadio dei Marmi di Roma.[1] Pur non prendendo parte alla gara, Brugnetti da l'addio all'agonismo con un ultimo giro di pista in compagnia del pluri-campione olimpico Robert Korzeniowski.[2]. Nel luglio del 2012 ha preso il titolo istruttore di fitwalking.[3]

Record nazionali[modifica | modifica sorgente]

Seniores[modifica | modifica sorgente]

  • Marcia 5.000 metri indoor: 18'08"86 (Italia Ancona, 17 febbraio 2007)

Progressione[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1999 Mondiali Spagna Siviglia Marcia 50 km Oro Oro 3h47'54 Record personale
2000 Giochi olimpici Australia Sydney Marcia 50 km nf
2004 Giochi olimpici Grecia Atene Marcia 20 km Oro Oro 1h19'40
2005 Mondiali Finlandia Helsinki Marcia 20 km nf
2006 Europei Svezia Göteborg Marcia 20 km 17º 1h27'42
2007 Mondiali Giappone Osaka Marcia 20 km sq
2008 Giochi olimpici Cina Pechino Marcia 20 km 1h19'51
2009 Giochi del
Mediterraneo
Italia Pescara Marcia 20 km Oro Oro 1h22'33 Record dei Campionati
Mondiali Germania Berlino Marcia 20 km nf

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica sorgente]

2007
2009

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il Grand Prix di marcia per l'addio di Brugnetti, FIDAL.it, 6 ottobre 2011. URL consultato il 9 novembre 2011.
  2. ^ Rubino-Schwazer nel giorno di Brugnetti, FIDAL.it, 16 ottobre 2011. URL consultato il 9 novembre 2011.
  3. ^ I nostri istruttori di fitwalking - Brugnetti Ivano, Fitwalking.it. URL consultato il 17 agosto 2012.
  4. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Ivano Brugnetti, Quirinale.it. URL consultato il 12 aprile 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]