Andrea Benvenuti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore sammarinese, vedi Andrea Benvenuti (calciatore).
Andrea Benvenuti
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 72 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità 800 metri piani
Record
800 m 1'43"92 (1992)
1 000 m 2'15"76 (1992)
Società Flag of None.svg Libertas Bussolengo
Fiamme Azzurre
Flag of None.svg Paf Verona
Carriera
Nazionale
1992-1996 Italia Italia 11
Palmarès
Europei 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Andrea Benvenuti (Negrar, 13 dicembre 1969) è un ex atleta italiano, specializzato negli 800 metri piani, disciplina di cui è stato campione europeo ad Helsinki 1994.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'atleta di Affi, seppur nato a Negrar, si mette in luce sin da giovane nelle campestri e nelle gare di cross del triveneto dove partecipa con la società sportiva della Cassa di Risparmio di Verona sotto l'occhio vigile del padre Giancarlo Benvenuti. Il potenziale è presto notato ed il passaggio verso le gare su pista lo porta a Bussolengo dove viene allenato dal 1985 (fino al termine della carriera) da Gianni Ghidini, che fu già allenatore dal 1977 al 1984 di Gelindo Bordin e poi allenatore del campione olimpico di Pechino sugli 800 m. Wilfred Bungei.

Subito campione italiano nella categoria cadetti sui 600 metri, la carriera di Andrea Benvenuti è luminosa, sia pure costellata da molti infortuni che ne hanno limitato il palmarès.

Cresciuto nella società Libertas Maria Pia di Bussolengo, passa alla fine degli anni ottanta alle Fiamme Azzurre.

I successi ed i risultati più prestigiosi avvengono nel 1992 e nel 1994. Nel 1992 vince quattro gare del Grand Prix IAAF, compreso il Golden Gala[1], finale del Grand Prix, ed ottiene le proprie migliori prestazioni cronometriche di sempre sugli 800 metri nel Principato di Monaco (1'43"92) e sui 1000 metri a Nuoro con il tempo di 2'15"75, che è ancora la migliore prestazione italiana sulla distanza.

Alle Olimpiadi di Barcellona conquista un prestigiosissimo quinto posto[2], terminando primo europeo nella finale degli 800 m.[3] col tempo di 1'45"23. Nel corso della stessa stagione è selezionato in rappresentanza della squadra europea per la Coppa del mondo: conclude la gara al terzo posto dietro al britannico David Sharpe e all'africano William Tanui.

Nel 1993 a causa di un grave infortunio in batteria Benvenuti manca il grande risultato ai mondiali di Stoccarda e pertanto cerca la rivincita negli europei di Helsinki del 1994. La preparazione alla gara continentale è meticolosa e passa per i secondi posti ottenuti al Golden Gala e al meeting di Montecarlo a dodici giorni dalla finale europea, battuto di pochi centesimi solo dal numero uno mondiale, il keniano Wilson Kipketer.

Ai Campionati Europei di Helsinki[4] Benvenuti si impone nel finale di una gara tattica, terminando col tempo di 1'46"12 che gli vale l'oro europeo davanti al norvegese Vebjørn Rodal ed allo spagnolo Tomás de Teresa.

Dopo aver saltato completamente per infortunio la stagione 1995, nel 1996 raggiunge la semifinale ai giochi olimpici di Atlanta. La finale olimpica è vinta dal norvegese Vebjørn Rodal, l'atleta che Benvenuti aveva battuto due anni prima ad Helsinki.

Negli anni successivi Benvenuti non riesce più a tornare ai precedenti livelli di eccellenza.

Attualmente è sposato e lavora come fisioterapista a San Marino[5] dove collabora con le Federazioni Sammarinesi di Pallavolo, Atletica Leggera, Basket e Judo ed è stato fisioterapista di Carolina Kostner.

Record personali[modifica | modifica wikitesto]

  • 400 m: 47"32 (Trento 1992)
  • 800 m: 1'43"92 (Monaco 1992)
  • 1000 m: 2'15"76 (Nuoro 1992) attuale migliore prestazione italiana
  • 1500 m: 3'41"60 (Roma 1992)
  • 3000 m: 8'20"11 (Palermo 1996)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riferimento alla vittoria di Benvenuti sul sito del Golden Gala
  2. ^ Intervista al Corriere della Sera il 6 agosto 1992
  3. ^ Atletica leggera ai Giochi della XXV Olimpiade - 800 metri piani maschili
  4. ^ Momenti di gloria dell'atletica italiana: Benvenuti a Helsinki '94
  5. ^ Benvenuti da campione a fisioterapista

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]