Roberto Frinolli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Frinolli
Roberto Frinolli.JPG
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 65 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità 400 m ostacoli
400m ostacoli 49"14
Palmarès
Transparent.png  Europei di atletica
Oro Budapest 1966 400 m hs
Statistiche aggiornate al 14 luglio 2008

Roberto Frinolli (Roma, 13 novembre 1940) è un ex atleta italiano specializzato nei 400 m ostacoli.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato alla Garbatella, si è avvicinato all'atletica leggera iniziando a scuola a praticare i 110 m ostacoli per poi scegliere i 400 ostacoli.

Assieme a Ottavio Missoni, Armando Filiput, Salvatore Morale, Laurent Ottoz e Fabrizio Mori è stato uno dei migliori interpreti di questa disciplina in Italia, vestendo la maglia azzurra assoluta in 36 competizioni dal 1961 al 1972.

I suoi migliori risultati sono la medaglia d'oro conquistata ai campionati europei del 1966, il sesto posto ali Giochi della XVIII Olimpiade a Tokyo del 1964, l'ottavo a quelli della XIX Olimpiade a Città del Messico nel 1968. In quest'ultima occasione si qualificò alla finale con il secondo miglior tempo vincendo la sua semifinale. In finale decise di correre alla pari con il britannico David Hemery, ma nella seconda parte di gara non riuscì a tenere il ritmo del suo avversario e nemmeno a salire sul podio dei premiati.

Ha partecipato anche all'Olimpiade di Monaco del 1972. Ha vinto le Universiadi nei 400 m ostacoli nel 1963 e 1965, ed è stato campione italiano di specialità dal 1963 al 1966 e dal 1968 al 1969.

È stato primatista italiano nei 400 ostacoli con cronometraggio automatico con 49"14 ottenuto il 14 ottobre 1968 a Città del Messico. Il primato è stato superato solo 23 anni dopo, nel 1991, da Fabrizio Mori.

Ha inoltre stabilito tre volte il primato italiano nella staffetta 4x400 m

Nel 2001 è stato nominato commissario tecnico della Nazionale italiana per il settore maschile.

Diplomatosi all'ISEF, è sposato con Daniela Beneck, campionessa di nuoto. I figli Giorgio e Bruno hanno indossato più volte la maglia azzurra, Giorgio praticando la stessa specialità del padre e Bruno invece il salto in lungo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]