Internazionali d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Internazionali d'Italia
Sport Tennis pictogram.svg Tennis
Categoria
Federazione ATP, WTA
Paese Italia Italia
Luogo Roma
Impianto Foro Italico
Superficie Terra rossa
Cadenza Annuale
Discipline singolare maschile e femminile, doppio maschile e femminile
Partecipanti
  • M: 56S / 28Q / 24D
  • F: 56S / 32Q / 28D
Sito Internet internazionalibnlditalia.it
Storia
Fondazione 1930
Detentore Serbia Novak Ðokovic
Detentrice Stati Uniti Serena Williams

Gli Internazionali d'Italia sono il più importante torneo tennistico italiano in campo maschile e femminile, e sono considerati da molti esperti, fan e giocatori il più importante appuntamento tennistico mondiale sulla terra rossa dopo gli Open di Francia. Fanno parte del circuito ATP World Tour Masters 1000, che raggruppa i 9 tornei più prestigiosi dopo i 4 del Grande Slam.

Insieme al già citato Roland Garros, che segue, e al torneo di Montecarlo, che precede, gli Internazionali d'Italia costituiscono il cosiddetto Slam Rosso, ovvero il trittico di tornei su terra rossa in sequenza, considerati come i più importanti al mondo su questa superficie, per tradizione. Esisteva un altro torneo Master Series su terra rossa, l'Hamburg Masters, che dal 2009 è stato sostituito dal Master Series di Madrid che è stato collocato due settimane prima dell'inizio del Roland Garros.

Fino al 2008 si sono disputati nel maggio di ogni anno, la seconda o la terza settimana, sui campi romani del Foro Italico. Dal 2009 si svolgono l'ultima settimana di aprile. Dal 2011 si disputa nella seconda settimana di maggio con la formula combined event, ovvero lo svolgimento in contemporanea nella stessa settimana del torneo maschile e femminile. Per le sue prime cinque edizioni il torneo fu disputato al Tennis Club Milano.[1] Nel 1935 il torneo maschile si disputò a Roma, mentre quello femminile rimase a Milano. Dall'anno seguente e fino al 1949 il torneo non fu disputato sempre al Foro Italico con l'eccezione dell'edizione 1961 quando fu spostato a Torino per il centenario dell'Unità d'Italia.[1] Divenne un torneo professionistico nel 1969. A partire dall'edizione del 2002 il nome ufficiale dei torneo è Internazionali BNL d'Italia.

Storia[1][modifica | modifica wikitesto]

Torneo maschile[modifica | modifica wikitesto]

Il tennista Nicola Pietrangeli, a cui è dedicato un campo del Foro Italico.

La prima edizione del torneo, disputata a Milano nel 1930, vide la vittoria del campione americano Bill Tilden che sconfisse nettamente in finale l'italiano Umberto de Morpurgo per 6-1, 6-1, 6-2. Nel 1931 a vincere è il britannico Pat Hughes che batte in finale il moschettiere Henri Cochet. L'anno successivo vede la vittoria del francese André Merlin che ha la meglio in finale su Hughes. Nel 1933 a vincere è Emanuele Sartorio che batte in finale Martin Legeay. Nel 1934 è un altro italiano a vincere: si tratta di Giovanni Palmieri che batte il connazionale Giorgio De Stefani per 6-3, 6-0, 7-5. Nel 1935 vince l'americano Wilmer Hines che spodesta Giovanni Palmieri battendolo in finale con il punteggio di 6-3, 10-8, 9-7. Dal 1936 al 1949 non viene disputato nessun torneo.

Alla ripresa nel 1950 a vincere per 2 anni consecutivi è Jaroslav Drobný che batte prima William Talbert e poi Giovanni Cucelli. Nel 1952 vince il campione australiano Frank Sedgman che batte in finale Drobný per 7-5, 6-3, 1-6, 6-4. Nel 1953 è ancora la volta di Jaroslav Drobný che batte nell'atto conclusivo l'australiano Lew Hoad per 6-2, 6-1, 6-2. L'anno successivo Budge Patty batte Enrique Morea e conquista per la prima volta gli Internazionali d'Italia. Nel 1955 nella finale tutta italiana tra Fausto Gardini e Giuseppe Merlo è il primo a trionfare approfittando del ritiro dell'avversario sul punteggio di 1-6, 6-1, 3-6, 6-6. Nel 1956 rivince ancora Lew Hoad. Nel 1957 si registra un'altra finale italiana con Nicola Pietrangeli vittorioso su Giuseppe Merlo. Pietrangeli perderà la finale l'anno successivo contro l'australiano Mervyn Rose che vince per 5-7, 8-6, 6-4, 1-6, 6-2. Nel 1959 vince Luis Ayala e l'anno successivo Barry MacKay prima del ritorno alla vittoria di Pietrangeli nel 1961. Nel 1962 trionfa Rod Laver che in quell'anno completerà anche il Grande Slam. L'anno successivo vince il connazionale Marty Mulligan che batte in finale lo jugoslavo Boro Jovanovic per 6-2, 4-6, 6-3, 8-6. Mulligan rivincerà nel 1965 e nel 1967. Nel 1968 a trionfare è l'olandese Tom Okker che in finale ha la meglio sul sudafricano Bob Hewitt. John Newcombe vincerà l'anno successivo ai danni del connazionale Tony Roche[2]. Tra il 1970[3] e il 1972[4] Jan Kodeš perde tre finali consecutive contro: Ilie Nastase, Rod Laver e Manuel Orantes. Nastase rivince nel 1973[5] battendo Orantes in finale. Nel 1974[6] Björn Borg si prende il titolo battendo Nastase per 6-3, 6-4, 6-2. Prima di rivincere nel 1978[7] a trionfare agli Internazionali sono: Raúl Ramírez, Adriano Panatta (1976[8]) e Vitas Gerulaitis (1977[9]). Gerulaitis si ripete nel 1979[10]. Nel 1980[11] vince uno specialista della terra battuta: l'argentino Guillermo Vilas. L'anno successivo[12] trionfa il connazionale José Luis Clerc che batte in finale il paraguaiano Víctor Pecci. Andrés Gómez conquista il titolo nel 1982[13] e nel 1984[14]. L'edizione del 1983[15] vede trionfare l'americano Jimmy Arias che batte in finale José Higueras per 6-2, 6-7, 6-1, 6-4. Yannick Noah ottiene il titolo di singolare nel 1985[16]. A succedergli è Ivan Lendl che vincerà anche nel 1988. Gli anni novanta sono caratterizzati dalla vittoria degli specialisti della terra battuta come: Thomas Muster, Jim Courier, Àlex Corretja, Marcelo Ríos e Gustavo Kuerten. L'unica eccezione è la vittoria nel 1994[17] da parte dello specialista delle superfici veloci, Pete Sampras, vittorioso su un altro "attaccante": Boris Becker. Nel 2000[18] vince Magnus Norman. A succedergli è Juan Carlos Ferrero e poi Andre Agassi prima del dominio degli spagnoli: nell'edizione 2003[19] vince Félix Mantilla e in quella successiva Carlos Moyá. Nel 2005[20] inizia il dominio del maiorchino Rafael Nadal: dal 2005 al 2014 perde solo nel 2008[21], 2010[22] e 2014[23] quando a vincere è sempre il serbo Novak Ðokovic. Nadal ottiene il suo primo titolo battendo in finale Guillermo Coria nel 2005[24]: la partita si concluse al tie-break del quinto set, così come la finale del 2006[25] contro il rivale Roger Federer battuto al quinto set dopo aver salvato 2 match point. Ðokovic ha vinto i suoi tre titoli battendo nel 2008 Stanislas Wawrinka, nel 2011[26] Nadal e nel 2014 sempre Nadal per 4-6, 6-3, 6-3.


Torneo femminile [1][modifica | modifica wikitesto]

Tra le donne la prima giocatrice a vincere gli Internazionali d'Italia è la spagnola Lili de Alvarez che nel 1930 batte in finale Lucia Valerio per 3-6, 8-6, 6-0 aggiudicandosi il primo titolo. La Valerio si prende la rivincita l'anno successivo quando è lei a vincere sull'americana Dorothy Andrus. Nel 1932 è la volta della francese Ida Adamoff che trionfa nel torneo grazie alla vittoria sulla Valerio per 6-4, 7-5. L'anno successivo trionfa in Italia la campionessa americana Elizabeth Ryan. Nelle ultime 2 edizioni prima dell'interruzione a vincere sono: Helen Jacobs e Hilde Krahwinkel-Sperling sempre su Lucia Valerio. Così come per gli uomini, non viene disputato alcun torneo dal 1936 al 1949.

Dopo questa lunga sosta nel 1950 trionfa Annelies Ullstein-Bossi che batte in finale la britannica Joan Curry per 6-4, 6-4. La campionessa americana Doris Hart conquista il trofeo nelle edizioni del 1951 e del 1953. Nel 1954 a Roma trionfa Maureen Connolly, la sfortunata campionessa americana che completerà il Grande Slam ma che si ritirerà a causa di una caduta da cavallo a 20 anni. La britannica Patricia Ward si prende il titolo del 1955 a scapito di Erika Vollmer. L'anno successivo è l'anno dell'afro-americana Althea Gibson che sconfigge in finale Zsuzsa Körmöczy per 6-3, 7-5. A succedere all'americana è la britannica Shirley Bloomer. La brasiliana Maria Bueno ottiene la sua prima vittoria nel 1958 battendo nell'atto conclusivo Lorraine Coghlan per 3-6, 6-3, 6-3. La Bueno rivincerà il titolo anche nell'edizione 1961. Dal 1961 al 1963 si ha il dominio di Margaret Smith che vince per tre volte consecutive il torneo sconfiggendo in finale 2 volte Lesley Turner e nell'altra la Bueno. Questa si riprenderà il trofeo per l'ultima volta del 1965. L'anno successivo a vincere è Ann Haydon-Jones che sconfigge in finale la sudafricana Annette Van Zyl per 8-6, 6-1. Lesley Turner si prende la sua rivincita dopo le 2 sconfitte in finale e si aggiudica le edizioni del 1967 e 1968. Il 1969 è l'anno della statunitense Julie Heldman che sconfigge in finale Kerry Melville. La Heldman perde l'anno successivo contro Billie Jean King alla sua prima affermazione agli Internazionali. Nel 1971 a vincere è la britannica Virginia Wade che nell'atto conclusivo ha la meglio su Helga Niessen-Masthoff. Nel 1973 arriva in finale la statunitense Chris Evert che viene battuta dall'australiana Evonne Goolagong. La Evert si prenderà la sua rivincita l'anno successivo vincendo contro la cecoslovacca Martina Navrátilová e ottenendo il titolo di singolare per 5 volte (1974, 1975, 1980, 1981[27], 1982[28]) stabilendo un record. Nel 1987[29] vince sulla terra battuta degli Internazionali la campionessa tedesca Steffi Graf. Nel 1988[30] comincia il dominio di Gabriela Sabatini che conquista 4 titoli fino al 1992[31] perdendo solo quello del 1990[32] conquistato da Monica Seles. Alla Sabatini succede la spagnola Conchita Martínez che ottiene 4 vittorie consecutive dal 1993[33] al 1996[34] stabilendo un altro record. Nel 1997[35] la Martinez perde in finale e consegna il trofeo a Mary Pierce. L'anno successivo[36] è la giovane svizzera Martina Hingis a trionfare nel singolare femminile. Monica Seles, diventa ormai cittadina americana, ritorna a vincere l'anno successivo[37]. Negli anni 2000, a differenza degli uomini, a vincere sono giocatrici specialiste delle superfici veloci come: Serena Williams, la francese Amélie Mauresmo (2 volte), prima delle 2 vittorie di Jelena Jankovic (2007[38], 2008[39]) e Dinara Safina (2009[40]), specialiste della terra battuta. Nel 2010[41] vince la spagnola María José Martínez Sánchez che batte in finale la serba Jelena Jankovic per 7-6(6), 7-5 dopo aver eliminato entrambe le sorelle Williams giocando un tennis atipico fatto di molte palle smorzate e di serve and volley. Nell'edizione del 2011[42] ha conquistato il titolo Marija Šarapova, dopo aver eliminato Viktoryja Azaranka nei quarti di finale (4-6, 3-0 prima del ritiro della bielorussa), Caroline Wozniacki nelle semifinali (con il punteggio di 7-5, 6-3) e Samantha Stosur in finale, con il punteggio di 6-2, 6-4. La Sharapova è riuscita a difendere il titolo superando nella finale 2012[43] la cinese Li Na.

Record[modifica | modifica wikitesto]

Maschile[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di vittorie: Rafael Nadal, con 7 (2005, 2006, 2007, 2009, 2010, 2012, 2013)
  • Vittorie consecutive: Rafael Nadal, con 3 (2005, 2006, 2007)

Femminile[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di vittorie: Chris Evert con 5 (1974, 1975, 1980, 1981, 1982)
  • Vittorie consecutive: Conchita Martínez con 4 (1993, 1994, 1995, 1996)

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d internazionalibnlditalia.com, Internazionali d'Italia - La storia. URL consultato il 17 maggio 2014.
  2. ^ Internazionali BNL d'Italia 1969 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  3. ^ Internazionali BNL d'Italia 1970 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  4. ^ Internazionali BNL d'Italia 1972 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  5. ^ Internazionali BNL d'Italia 1973 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  6. ^ Internazionali BNL d'Italia 1974 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  7. ^ Internazionali BNL d'Italia 1978 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  8. ^ Internazionali BNL d'Italia 1976 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  9. ^ Internazionali BNL d'Italia 1977 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  10. ^ Internazionali BNL d'Italia 1979 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  11. ^ Internazionali BNL d'Italia 1980 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  12. ^ Internazionali BNL d'Italia 1981 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  13. ^ Internazionali BNL d'Italia 1982 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  14. ^ Internazionali BNL d'Italia 1984 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  15. ^ Internazionali BNL d'Italia 1983 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  16. ^ Internazionali BNL d'Italia 1985 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  17. ^ Internazionali BNL d'Italia 1994 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  18. ^ Internazionali BNL d'Italia 2000 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  19. ^ Internazionali BNL d'Italia 2003 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  20. ^ Internazionali BNL d'Italia 2005 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  21. ^ Internazionali BNL d'Italia 2008 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  22. ^ Internazionali BNL d'Italia 2010 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  23. ^ Internazionali BNL d'Italia 2014 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  24. ^ Internazionali BNL d'Italia 2005 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  25. ^ Internazionali BNL d'Italia 2006 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  26. ^ Internazionali BNL d'Italia 2011 in http://www.atpworldtour.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  27. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1981 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  28. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1982 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  29. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1987 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  30. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1988 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  31. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1992 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  32. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1990 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  33. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1993 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  34. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1996 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  35. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1997 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  36. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1998 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  37. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 1999 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  38. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 2007 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  39. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 2008 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  40. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 2009 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  41. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 2010 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  42. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 2011 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  43. ^ Previous Winners Internazionali BNL d'Italia 2012 in wtatennis.com. URL consultato il 29 agosto 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]