Infiniti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Infiniti
Stato Giappone Giappone
Fondazione 1989 a Tokio, Giappone
Sede principale Hong Kong
Gruppo Nissan
Persone chiave Toru Saito (Vice presidente)
Settore Autoveicoli
Prodotti
Slogan «A new direction»
Sito web infiniti.it

Infiniti è il marchio delle auto di lusso del produttore automobilistico giapponese Nissan Motor Co., Ltd. Le vendite di Infiniti sono iniziate ufficialmente in Nord America l’8 novembre 1989 e da allora le sue attività mondiali si sono sviluppate fino a comprendere Messico, Medio Oriente, Corea del Sud, Taiwan, Russia, Cina e Ucraina. Oggi la rete globale Infiniti comprende più di 230 concessionarie in 15 paesi.[1]

La sigla di designazione dei modelli Infiniti comprende una lettera per i coupé e le berline (due lettere per i SUV) e un numero riferito alla cilindrata del motore. L’FX50, per esempio, è un SUV dotato di motore da 5,0 litri. Una ‘x’ dopo la cilindrata delle berline Infiniti indica un modello a trazione integrale (per es.: Infiniti G37x).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il marchio Infiniti venne introdotto negli Stati Uniti quale diretta conseguenza ed in contrapposizione ai marchi presentati da Toyota con la Lexus e da Honda con la Acura per distinguere la gamma alta delle autovetture.

Infiniti Q45 del 1995

La prima proposta commerciale nel mercato delle auto di lusso fu la Q45 equipaggiata con un motore da 278 cv e che metteva a disposizione dell'utilizzatore le prime sospensioni attive offerte su un autoveicolo di serie, il tutto con una cura particolare anche degli interni, particolarmente rifiniti e lussuosi. Grazie a tutte queste ricercatezze l'auto si batteva in un mercato fino ad allora dominato dalle case tedesche Mercedes-Benz e BMW nonché dalle statunitensi Cadillac e Lincoln.

Nel 1997 venne invece rilasciato il modello QX4, versione di derivazione Nissan Pathfinder, debutto nel campo dei SUV di alta gamma fino ad allora dominato dalle specialistiche Jeep e Land Rover ed in concorrenza con i modelli appena presentati da Lexus e Mercedes.

Dopo alcuni anni a cavallo del cambio secolo in cui le difficoltà economiche della casa madre si erano riversate anche su questa società, l'intera gamma dei veicoli venne rimodellata con la presentazione delle nuove versioni dei cavalli di battaglia (ad esempio la QX4 sostituita dalla QX56), integrati con nuovi modelli tra cui una coupé. Il Presidente e Direttore Generale della Nissan Motor Co. Ltd. Carlos Ghosn, ha puntato sempre più a differenziare l'Infiniti dalla sua progenitrice Nissan e la sua politica sta dando frutti evidenti. Con le nuove uscite, specialmente delle versioni berlina, la casa si è guadagnata sul mercato nordamericano il nomignolo di BMW giapponese, oltre ad aver riguadagnato quote significative di mercato del proprio settore.

Infiniti in Europa[modifica | modifica sorgente]

Carlos Ghosn ha rivelato l’arrivo di Infiniti in Europa al Salone dell'auto di Ginevra del 2008.[2] Il lancio ufficiale è previsto per l’autunno 2008 e sarà scaglionato su un periodo di due anni, durante i quali Infiniti avvierà le sue attività in 21 paesi europei. La sede centrale di Infiniti Europe si trova a Rolle, in Svizzera.

Inizialmente saranno offerti in Europa quattro modelli, a cominciare dal rappresentativo Infiniti FX50. L’FX50 è un crossover ad alte prestazioni dotato di un nuovo motore V8 a 32 valvole di 5,0 litri da 390 cavalli che utilizza la tecnologia avanzata VVEL (azionamento e alzata variabili delle valvole) di Infiniti. È un diretto concorrente dei vari Mercedes-Benz Classe M, BMW X5, Lexus RX, Audi Q7, Porsche Cayenne e Range Rover Sport.[3]. Infiniti entrerà anche nel segmento delle berline di lusso con l’Infiniti G37 di seconda generazione, dotato di un motore V6 di 3,7 litri e destinato a sfidare i modelli BMW Serie 3, Audi A4, Mercedes-Benz Classe C e Lexus IS.

L’Infiniti G37 Coupé avrà gran parte della struttura in comune con il modello berlina, ma le linee dinamiche della carrozzeria sono state disegnate per attrarre l’interesse di un tipo di acquirente completamente diverso, che tradizionalmente si rivolge alle BMW Serie 3 Coupé, Mercedes-Benz Classe CLK, Audi A5 o Lexus SC 430. Infiniti ha anche presentato il primo crossover coupé compatto del mondo, l’Infiniti EX37 caratterizzato da interni lussuosi, posizione di guida rialzata e trazione integrale. L’EX37 è il primo veicolo prodotto nel mondo dotato dell’avanzato sistema AVM (Around View Monitor: monitor di visione circostante) che offre al conducente una visione panoramica del veicolo durante le manovre di parcheggio. Un’altra sua caratteristica esclusiva è l’ASAP (Anti-Scratch Advanced Paint: vernice avanzata antigraffio) ‘autoriparante’. L’EX è commercializzato nello stesso segmento delle auto di lusso BMW X3, Audi Q5 e Mercedes-Benz Classe GL[4]

I modelli M Saloon e QX56 non saranno subito disponibili, ma esistono piani per il lancio di un nuovissimo V6 diesel, progettato appositamente per l’Europa, entro il 2010.

Tutti gli attuali modelli Infiniti di coupé, berline e crossover sono basati sul pianale FM della Nissan.[5] Il centro del motore si trova dietro le ruote anteriori. Questa collocazione contribuisce a un maggiore equilibrio nella distribuzione dei pesi, destinato a migliorare la frenata, l’accelerazione e la maneggevolezza. L’unica eccezione è rappresentata dal grande SUV QX56 realizzato sul pianale Nissan F-Alpha; anche se – al momento – non se ne prevede l’introduzione in Europa al di fuori della Russia.

Nel 2013 diventa main sponsor del team di Formula 1 Red Bull Racing

Modelli in produzione[modifica | modifica sorgente]

Una Infiniti G35

Modelli non più in produzione[modifica | modifica sorgente]

  • G20, (1999-2002)
  • J30, (1992-1997)
  • I30, (1999-2002)
  • I35, (2002-2004)
  • M30, (1989-1994)
  • QX4, (1997-2003)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.theautochannel.com
  2. ^ www.autovideoblog.it
  3. ^ www.businessonline.it
  4. ^ www.driving.timesonline.co.uk
  5. ^ www.topspeed.com

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]