Herbert Marshall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Herbert Marshall nel film Il prigioniero di Amsterdam (1940)

Herbert Marshall, nato Herbert Brough Falcon Marshall (Londra, 23 maggio 1890Beverly Hills, 22 gennaio 1966), è stato un attore cinematografico britannico. Durante la sua carriera interpretò una vasta ed eterogenea gamma di personaggi, dall'eroe romantico fino al più spietato e freddo degli anti-eroi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque in Inghilterra da Percy F. Marshall e da Ethel May Turnercon. Dopo essersi diplomato al St. Mary's College di Harlow, lavorò per un certo tempo come commesso in un negozio.

La guerra[modifica | modifica sorgente]

Dopo il debutto in teatro nel 1911, allo scoppio della Prima guerra mondiale si arruolò nel reggimento dei London Scottish, dove prestò servizio al fianco di altri celebri commilitoni, grandi attori britannici del calibro di Basil Rathbone, Ronald Colman e Claude Rains. Al fronte fu gravemente ferito ad una gamba durante la battaglia della Somme (1916); l'arto gli venne amputato e sostituito con una protesi in legno che Marshall tenne sempre nascosta durante tutta la sua lunga carriera di attore.

Al termine del conflitto ritornò a recitare nel circuito teatrale di Londra, dove avrebbe continuato per ben vent'anni; nel frattempo fece il suo esordio nel cinema nel 1927 nella pellicola Mumsie di Herbert Wilcox, che rimarrà l'unico film muto interpretato da Marshall.

A Hollywood[modifica | modifica sorgente]

Ormai vicino alla quarantina, Marshall si trasferì a Hollywood, dove ottenne una piccola parte nella pellicola The Letter di Jean de Limur, che avrebbe interpretato nuovamente nel remake Ombre malesi (1940), al fianco di Bette Davis, per la regia di William Wyler. Tuttavia, l'interpretazione che lo lanciò nello star system hollywoodiano fu quella nel film Omicidio! (1930), per la regia di Alfred Hitchcock. Grazie alla sua voce profonda e alle sue ottime doti di dizione, Marshall fu attivo in numerosissime pellicole durante tutti gli anni trenta, recitando al fianco di grandissime star. Nel 1931 si trasferì definitivamente a Hollywood, raggiungendo in maniera stabile l'attrice statunitense Edna Best, che aveva sposato il 26 febbraio 1928 e dalla quale divorzierà il 7 febbraio 1940.

A questo periodo appartengono le sue interpretazioni più famose e popolari, in film quali Mancia competente (1932) di Ernst Lubitsch, Venere bionda (1932) di Josef Von Sternberg, al fianco della grande Marlene Dietrich, nella parte di suo marito.

A partire dagli anni quaranta, Marshall offrì interpretazioni più drammatiche in film quali Il prigioniero di Amsterdam (1940), prima pellicola hollywoodiana di Hitchcock, in cui impersonò un inviato per conto degli Stati Uniti con la missione di sventare un complotto segreto ordito da una non precisata potenza straniera, identificabile con la Germania nazista. Dopo il citato Ombre malesi, fu nuovamente al fianco di Bette Davis in Piccole volpi (1941). Altra intensa interpretazione fu quella di Scott Chavez nel celebre western Duello al sole (1946) di King Vidor.

Nel 1947, dopo aver divorziato dalla terza moglie Lee Russell, si sposò con l'attrice Boots Mallory, al fianco della quale rimase fino alla morte di quest'ultima, avvenuta il 1 dicembre 1958.

Negli anni cinquanta le sue apparizioni sul grande schermo furono più sporadiche, contemplando però alcune importanti pellicole di genere fantascientifico prodotte e sceneggiate da Ivan Tors, fra le quali sono da annoverare Esploratori dell'infinito (1954) e Attacco alla base spaziale U.S. del regista Herbert L. Strock, girato nello stesso anno. Dalla fine degli anni '50, Marshall iniziò a comparire nei primi giochi a premio della televisione statunitense, mettendo a frutto la sua lunga esperienza di attore teatrale, e il suo successo televisivo venne coronato con la partecipazione in alcune serie tv, fra le quali 77 Sunset Strip, prodotto dalla Warner Bros, una delle prime serie poliziesche.

Nel 1960 si sposò per la quarta volta con Dee Anne Kaufmann, che rimase al suo fianco fino alla sua morte, avvenuta per un attacco di cuore, il 22 gennaio 1966.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Film e documentari su Herbert Marshall[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 34652264 LCCN: n85262634