Angelo (film 1937)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo
Angelo sfuocato.jpg
Herbert Marshall e Marlene Dietrich
Titolo originale Angel
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1937
Durata 91 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1,37 : 1
Genere drammatico, commedia
Regia Ernst Lubitsch
Soggetto Melchior Lengyel
Sceneggiatura Guy Bolton, Russell G. Medcraft, Samson Raphaelson
Produttore Ernst Lubitsch
Casa di produzione Paramount Pictures
Distribuzione (Italia) Paramount (1938)
Fotografia Charles Lang
Montaggio William Shea
Musiche Werner R. Heymann, Frederick Hollander, John Leipold
Scenografia Hans Dreier, Robert Usher
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Angelo (Angel) è un film del 1937 diretto da Ernst Lubitsch.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La protagonista, Lady Barker (Marlene Dietrich) è sposata con un ricchissimo diplomatico ma noi la incontriamo nella prima scena a Parigi quando si reca nell'abitazione di una Granduchessa (alla quale si presenta come " una vecchia amica" ) che è famosa per il suo salotto dove si possono allacciare relazioni per l'epoca peccaminose. Qui incontra un bel giovanotto americano che immediatamente si innamora di lei grazie alla sua straordinaria bellezza ed eleganza e dal quale rimane essa stessa affascinata. I due ceneranno insieme ma Lady Barker non rivelerà il suo vero nome al giovane che la chiamerà "Angelo" e si dichiarerà innamoratissimo e desideroso di rivederla. Angelo riesce a scomparire senza lasciare traccia ma, per beffardo gioco del destino, un giorno si ritroverà proprio l'ingombrante innamorato in casa, invitato dal marito che ha riconosciuto in lui un compagno di gioventù. Angelo finge di non riconoscerlo affatto anche quando hanno l'occasione di restare soli. La vicenda è resa complicata dal fatto che l'Americano aveva raccontato a Lord Barker del suo incontro a Parigi con Angelo e del suo folle amore e questo diventa argomento di conversazione con ovvio imbarazzo dei protagonisti. Il caso vuole che Lord Barker venga a sapere del precedente viaggio di sua moglie e Parigi avvenuto proprio nello stesso periodo a cui si riferisce il racconto dell'Americano e decida di recarsi nell'appartamento della Granduchessa proprio quando quest'ultimo ingenuamente rivela di avere un appuntamento con Angelo . Nonostante il marito incontri effettivamente Lady Barker nel luogo convenuto, quest'ultima nega tutto e parla di una straordinaria somiglianza con un'inesistente donna in una stanza appartata. Lord Barker, pur rendendosi conto della situazione, finge di aver incontrato Angelo rifiutandosi così di riconoscere la verità e causare uno scandalo. La coppia si allontana dall'appartamento lasciando il povero giovane alle sue pene d'amore.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema