Henry Maitland Wilson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Henry Maitland Wilson
Henry Maitland Wilson
Henry Maitland Wilson
5 settembre 1881 - 31 dicembre 1964
Soprannome Jumbo
Nato a Londra
Morto a Chilton, Buckinghamshire
Dati militari
Paese servito Regno Unito Regno Unito
Forza armata British Army
Grado Feldmaresciallo
Guerre Seconda guerra boera
Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Campagne Campagna di Siria (1941)
Campagna del Dodecaneso
Battaglie Battaglia della Somme
Battaglia di Passchendaele
Operazione Compass

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Henry Maitland Wilson (Londra, 5 settembre 1881Chilton, 31 dicembre 1964) è stato un generale britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Wilson era figlio del capitano Arthur Maitland Wilson, e di sua moglie, Harriet Kingscote, discendente di Richard Howe, I conte Howe. Il luogotenente Henry Fuller Maitland Wilson (1859–1941), che comandò il XII Corpo d'armata durante la prima guerra mondiale, era suo zio. Wilson venne educato al College di Eton e dopo aver frequentato la Royal Military Academy di Sandhurst ottenne di essere ammesso nella Rifle Brigade come sottotenente nel marzo del 1900,[1] e prestò servizio in Sudafrica nella Seconda guerra boera, ottenendo la Queen's South Africa Medal e la King's South Africa Medal entrambe con due barrette.

Promosso capitano nel 1908 prestò servizio in Irlanda e nel 1911 divenne aiutante all'OTC di Oxford.[2] Nell'ottobre del 1914 venne nominato Brigadiere Maggiore della 48ª Brigata della 16ª Divisione irlandese, con la quale venne inviato in Francia nel dicembre del 1915. Le sue capacità come ufficiale dello staff gli permisero di entrare nella 41ª Divisione con la quale partecipò alla battaglia della Somme per poi passare nel XIX Corpo col quale prese parte alla battaglia di Passchendaele. Nell'ottobre del 1917 venne assegnato alla Divisione Nuova Zelanda. Per i suoi servizi di guerra ottenne il Distinguished Service Order nel 1917 e venne menzionato tre volte nei dispacci.

Al termine del primo conflitto mondiale frequentò i corsi dello staff presso lo Staff College di Camberley, per poi tornare al proprio reggimento. Egli trascorse dunque tre anni come capo della seconda divisione dello staff sotto il generale Philip Chetwode che lo aiutò a sviluppare la propria carriera professionale. Successivamente egli ottenne il comando del primo battaglione del suo reggimento e fu per tre anni sulla frontiera nord-occidentale.

Ritornato a Camberley nel 1930, visse per un periodo a paga dimezzata, venendo però poi coinvolto nel processo di motorizzazione della fanteria e delle forze armate, guidando il concetto di battaglione a motori.

La campagna d'Egitto (1939–1941)[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 1939, Wilson venne nominato General Officer Commanding (GOC) delle truppe britanniche in Egitto, oltre ad essere responsabile della direzione delle truppe in Abissinia e nel Golfo Persico. Egli pose il proprio quartier generale ne Il Cairo ed ottenne buoni negoziati con il governo egiziano e col quartier generale estivo ad Alessandria. Il trattato siglato nel 1936 consentì all'esercito egiziano di combattere al comando di quello inglese come forza supplementare e contribuendo alla formazione della 7ª Divisione armata. Egli concentrò le proprie forze difensive a Mersa Matruh a 100 miglia dal confine con la Libia.

All'inizio dell'agosto del 1936, il generale Archibald Wavell venne nominato Comandante in Capo al Middle East Command, ed inviò dei rinforzi a Wilson: inizialmente la 4ª Divisione di fanteria indiana e poi anche la 6ª Divisione australiana.[3] Col prosieguo degli scontri a Mersa Matruh, Richard O'Connor ed il suo staff presso la 7ª Divisione di fanteria in Palestina si mossero in Egitto per rinforzare le file di Wilson. Quando la 6ª Divisione di fanteria venne disattivata nel novembre di quell'anno, Wilson divenne responsabile delle truppe a Mersa Matruh e dal giugno del 1940 ridisegnò le Western Desert Force.

Quando scoppiò la seconda guerra mondiale, Egitto e Italia inaspettatamente dichiararono la loro neutralità al conflitto. Nel frattempo, però, la Germania stava conducendo in Egitto una pesante propaganda radiofonica nel tentativo di sollevare gli egiziani contro gli inglesi e pertanto Wilson divenne responsabile nell'assicurarsi che le buone relazioni tra il governo locale e l'esercito britannico continuassero. Per provare le buone intenzioni del Regno Unito nei confronti degli egiziani egli diresse personalmente la costruzione di alcune strade.

Il 10 giugno 1940 Benito Mussolini dichiarò l'entrata in guerra dell'Italia ed immediatamente le forze di Wilson invasero la Libia. Ad ogni modo la loro avanzata venne avversata quando il 17 giugno la Francia dovette cedere il passaggio della Tunisia il che facilitò agli italiani l'ingresso di rinforzi in Africa settentrionale. Le forze italiane avanzarono in Egitto nel 1940 occupando la città di Sidi Barrani dal momento che le forze di Wilson si trovavano in inferiorità numerica (31.000 uomini gli inglesi, 80.000 gli italiani, 120 carrarmati inglesi contro 275 italiani, 120 cannoni inglesi contro 250 italiani). Per risolvere la situazione egli decise col suo staff di interrompere l'avanzata nemica attaccando in più punti concentrati. Dopo una conferenza col segretario del ministero della guerra Eden nell'ottobre di quell'anno, Wilson lanciò l'Operazione Compass il 7 dicembre 1940. La strategia ebbe successo e in breve tempo gli italiani vennero ricacciati dai confini egiziani.

Wilson, assicurati i confini egiziani, avanzò in Libia e per il successo dell'operazione ottenne l'Ordine del Bagno.

Dopo la presa di Tobruk, Wilson venne richiamato a Il Cairo dove gli venne offerta la carica di Governatore Militare della Cirenaica che accettò. Il 22 febbraio 1941 incontrò Wavell, Eden e Dill che stavano cercando un comandante per i rinforzi in Grecia.

Mentre l'Operazione Compass continuò con molti successi nel 1941 con la completa sconfitta delle armate italiane in Nordafrica, Wilson che aveva molta confidenza col segretario di stato per la guerra Anthony Eden, e con Churchill stesso, egli ebbe molta fama.

Grecia (aprile 1941)[modifica | modifica wikitesto]

Wilson venne nominato capo della spedizione del Commonwealth con due divisioni di fanteria ed una brigata armata in Grecia per rompere la resistenza italiana nelle isole dell'Egeo e per contrastare la successiva invasione della Germania nell'aprile del 1941. Dopo diverse insurrezioni, ad ogni modo, Wilson venne costretto ad una ritirata strategica a Creta.

Siria, Iraq e Palestina (1941–1943)[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 1941, al suo ritorno dalla Grecia, Wilson venne nominato a capo delle forze inglesi in Palestina e Transgiordania conducendo la campagna di Siria che venne condotta soprattutto da forze australiane, inglesi, indiane e francesi contro il governo di Vichy. Wilson ottenne l'Ordine dell'Impero Britannico nel marzo di quell'anno e venne promosso al rango di generale nel maggio successivo. Nell'ottobre del 1941 ottenne il comando della IX armata in Siria ed in Palestina e divenne aiutante di campo generale del re.[4]

Data la sua fama di buon soldato e ottimo comandante, Churchill aveva deciso inizialmente di nominare Wilson al posto del generale Claude Auchinleck come comandante del teatro del Medio Oriente nell'agosto del 1942. Successivamente Wilson venne invece nominato comandante del nuovo "Comando Persia-Iraq" che includeva la X armata guidata dal generale Edward Quinan.

Wilson con Churchill e Eisenhower in Italia, 25 dicembre 1943.

Medio Oriente (1943)[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio del 1943, dopo la vittoria di Montgomery nella seconda battaglia di El-Alamein e l'espulsione delle forze dell'Asse dalla Libia, Wilson venne nominato Comandante in Capo nel Medio Oriente. Wilson ricevette quindi l'ordine nel settembre del 1943, dopo l'insuccesso della campagna del Dodecaneso, di occupare le piccole isole greche di Kos, Leros e Samo. Le forze inglesi ebbero grandi perdite a causa degli attacchi aerei dei tedeschi e l'azione venne pesantemente criticata in madrepatria.

Supreme Allied Commander Mediterranean (1944)[modifica | modifica wikitesto]

Wilson succedette al generale Dwight D. Eisenhower come Comandante Supremo delle Forze Alleate nel teatro del Mediterraneo l'8 gennaio 1944. Come tale esercitò il controllo strategico sulla campagna d'Italia, e consigliò fortemente l'invasione della Germania attraverso il Danubio; questo non avvenne poiché le armate in Italia erano troppo indebolite per poter supportare altri teatri di guerra.

Wilson con il luogotenente generale Sir Oliver Leese, 30 aprile 1944

Missione a Washington (1945–1947)[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 1944, dopo la morte del feldmaresciallo John Dill, Maitland Wilson venne promosso feldmaresciallo[5] ed inviato a Washington come responsabile della missione militare britannica e mantenne questo posto sino al gennaio del 1945. Al comando del teatro del Mediterraneo venne sostituito dal generale Harold Alexander. Wilson continuò nel proprio servizio sino al 1947 con soddisfazione da parte di Regno Unito e Stati Uniti. Il presidente Truman lo decorò con la Distinguished Service Medal nel novembre del 1945.

Il dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 1946 egli venne nominato Aiutante di Campo di re Giorgio VI e venne creato Barone Wilson di Libia e di Stowlangtoft nella Contea di Suffolk[6]. Dal 1955 al 1960 fu Conestabile della Torre di Londra. Wilson aveva sposato Hester Wykeham nel 1914 ed ebbe un figlio e una figlia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Bagno
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Impero Britannico (classe militare) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Impero Britannico (classe militare)
Compagno del Distinguished Service Order - nastrino per uniforme ordinaria Compagno del Distinguished Service Order
1914-15 Star - nastrino per uniforme ordinaria 1914-15 Star
British War Medal - nastrino per uniforme ordinaria British War Medal
Medaglia interalleata della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia interalleata della vittoria
Africa Star - nastrino per uniforme ordinaria Africa Star
Italy Star - nastrino per uniforme ordinaria Italy Star
War Medal 1939-1945 - nastrino per uniforme ordinaria War Medal 1939-1945

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ No.27172, p.1632 in London Gazette, 9 marzo 1900. URL consultato il 26 marzo 2011.
  2. ^ No.28544, p.7707 in London Gazette, 24 ottobre 1911. URL consultato il 26 marzo 2011.
  3. ^ Mead (2007), p. 489
  4. ^ No.36544, p.6981 in London Gazette, 5 dicembre 1941. URL consultato il 26 marzo 2011.
  5. ^ No.36861, p.5936 in London Gazette, 19 dicembre 1944. URL consultato il 26 marzo 2011.
  6. ^ No.37498, p.1339 in London Gazette, 12 marzo 1946. URL consultato il 26 marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Heathcote, T.A. (1999). The British Field Marshals 1736-1997. Pen & Sword Books Ltd. ISBN 0-85052-696-5
  • The Memoirs of General Grivas, by George Grivas, edited by Charles Foley. Longmans. London. 1964.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Comandante generale dell'Egitto Successore BritishArmyFlag2.svg
Titolo inesistente giugno 1939-febbraio 1941 Richard O'Connor
Predecessore Governatore Militare della Cirenaica Successore BritishArmyFlag2.svg
Titolo inesistente febbraio 1941 Philip Neame
Predecessore Comandante generale della spedizione in Grecia Successore BritishArmyFlag2.svg
Titolo inesistente aprile 1941 Titolo soppresso
Predecessore Comandante generale di Palestina e Transgiordania Successore BritishArmyFlag2.svg
Philip Neame 7 maggio - 19 ottobre 1941 Titolo soppresso
Predecessore Comandante generale della IX armata Successore BritishArmyFlag2.svg
Titolo inesistente 20 ottobre 1941 - 14 settembre 1942 William George Holmes
Predecessore Comandante in Capo al comando di Persia e Iraq Successore BritishArmyFlag2.svg
Titolo inesistente 15 settembre 1942 - 18 febbraio 1943 Henry Pownall
Predecessore Comandante in Capo al comando del Medioriente Successore BritishArmyFlag2.svg
Harold Alexander febbraio 1943 - gennaio 1944 Bernard Paget
Predecessore Comandante Supremo degli Alleati nel Teatro del Mediterraneo Successore BritishArmyFlag2.svg
Dwight David Eisenhower febbraio 1943 - gennaio 1944 Harold Alexander
Predecessore Capo della missione britannica a Washington DC Successore BritishArmyFlag2.svg
John Dill dicembre 1944 - 1947 Titolo soppresso
Predecessore Conestabile della Torre di Londra Successore Tower of London White Tower.jpg
Alan Brooke, I visconte Alanbrooke 1955-1960 Harold Alexander, I conte Alexander di Tunisi
Predecessore Barone Wilson Successore Flag of the United Kingdom.svg
Titolo inesistente 1946-1964 Patrick Maitland Wilson

Controllo di autorità VIAF: 39455914