Elisabetta di Danimarca (1485-1555)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisabetta di Danimarca
Regno di Danimarca e Norvegia
Casato degli Oldenburg
Royal Arms of King Frederick IV of Denmark and Norway.svg

Cristiano I
Giovanni
Figli
Cristiano II
Federico I
Cristiano III
Federico II
Cristiano IV
Federico III
Cristiano V
Federico IV
Cristiano VI
Figli
Federico V
Cristiano VII
Federico VI
Cristiano VIII
Figli
Federico VII
Modifica

Elisabetta di Danimarca (Nyborg, 24 giugno 1485Colonia, 10 giugno 1555) è stata una principessa danese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Giovanni di Danimarca, re di Danimarca, Norvegia e Svezia, e di Cristina di Sassonia.

Venne data in moglie al Principe Elettore Gioacchino I di Brandeburgo che sposò a Stendal il 10 aprile 1502[1].

Dal matrimonio nacquero cinque figli[2]:

Elisabetta fu una fervente sostenitrice del Protestantesimo: nel 1523 assistette ad un sermone di Martin Lutero divenendone seguace e nel 1527 coronò la sua convinzione religiosa ricevendo pubblicamente la comunione secondo il rito protestante. A questo gesto, che poteva provocare un sanguinoso conflitto tra il Brandeburgo e il Vaticano, suo marito Gioacchino, rimasto cattolico, replicò chiedendo la riunione nel 1528 di un concilio clericale che lo consigliasse sul da farsi: l'opinione della chiesa fu di imprigionare l'eretica moglie, passibile anche di ripudio e condanna a morte.

Elisabetta però non aspettò che venisse eseguita la condanna e scappò pressò la corte di suo zio Giovanni, Principe Elettore di Sassonia. Da lì ricevette il supporto di tutte le monarchie pratostanti, compreso quello dello stesso Lutero.

Impossibilitata a professare liberamente la propria fede religiosa se fosse tornata nel Brandeburgo, la principessa prese residenza vicino Wittenberg senza poter rivedere i figli, a cui il padre aveva vietato ogni contatto con la madre.

Elisabetta rimase vedova l'11 luglio 1535 e ricevette l'invito dei figli a fare ritorno. Questi però cambiarono idea quando la loro madre chiese che le terre appartenenti alla sua dote fossero dichiarate protestanti.

Il ritorno in Brandeburgo avvenne dieci anni dopo nel 1545.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oldenburg 2
  2. ^ Hohenzollern 2

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principessa di Brandeburgo Successore
Margherita di Turingia 1502-1535 Maddalena di Sassonia